Alexis Christodoulou inizia per gioco e arriva al design 3D

avatar
5 Settembre 2019

Con una precedente carriera da copywriter, Alexis Christodoulou si avvicina al mondo del design e del 3D da autodidatta. Il risultato è affascinante.

L’artista sudafricano Alexis Christodoulou mette insieme mondi fantasiosi al limite dell’impossibile, trasformando in 3D immagini di spazi architettonici progettati per evadere dalla realtà. Il progetto nasce in collaborazione con ECCO Leather e IGNANT e si chiama “Neo Nude” per il lancio dei loro ultimi prodotti in pelle.

Il lavoro di Alexis è riconducibile ad un nuovo movimento nell’arte 3D, che mira a proiettare lo spettatore in un mondo in linea con i progressivi movimenti del design, piuttosto che in un mondo basato sulla fantasia, la fantascienza o la finta realtà tipica dei videogiochi. È un movimento che sta cambiando rapidamente. L’evoluzione dell’arte 3D è influenzata dai progressi della tecnologia ma soprattutto dai cambiamenti dei social media.

Attraverso un percorso molto tortuoso, Alexis è arrivato dov’è ora, passando dalla carriera di copywriter a quella del 3D. È infatti in quel periodo che si avvicina al mondo della modellazione e del design. Ha iniziato con dei tutorial su YouTube, forum e community online, ad usare SketchUp. Per quasi un anno ha pubblicato immagini su Instagram, ma solo per allenarsi e fare pratica. Ed è così che le sue immagini d’interni, con vari elementi in movimento, dall’acqua increspata a oggetti girevoli, hanno preso vita e sono diventate sempre più popolari.

Crea spazi sterili dalla presenza umana, un surrealismo che celebra la luce e la calma in un mondo dove il tempo non esiste, ma le immagini sono in costante movimento ed evoluzione e hanno lo scopo di donare calma a chi le guarda e chi se ne appassiona.

Nella serie “Neo Nude” è ben visibile il passaggio del tempo che è misurato visivamente dai cambiamenti di materiale, nei pezzi in pelle presenti in ogni immagine. Le influenze atmosferiche – acqua, sabbia, sole e tempo – trasformano il colore e la sensazione che si ha della pelle. Questi cambiamenti si inseriscono in uno sfondo architettonico di pareti ondulate con palette di colori delicate e pastello.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da ECCO Leather (@eccoleather) in data:

Testo di Elisa Scotti

Newsletter

Keep up to date!
Receive the latest news about art, music, design, creativity and street culture.
Share