Alvaro Naddeo: acquerelli di un mondo distopico

avatar
21 Maggio 2019

Alvaro Naddeo, illustratore brasiliano, realizza acquerelli che immaginano come sarà il mondo post-capitalistico in un futuro distopico.

Cosa succederà quando il consumismo sfrenato delle società capitalistiche avrà distrutto totalmente la Terra?

L’artista brasiliano Alvaro Naddeo ha cercato di rappresentarlo attraverso i suoi acquerelli che si fanno portavoce di un’immaginario fortemente distopico, che ricorda molto l’estetica delle favelas. I marchi e i loghi del passato diventano parte di una narrazione che predilige il linguaggio pop, contraddistinto da un mood decadente.

La città diventa una sorta di grande discarica a cielo aperto, dove merce arrugginita, furgoni in disuso, costituiscono parte di un’immensa baraccopoli: è un mondo governato dagli oggetti e non dall’essere umano.

Per realizzare queste illustrazioni, Alvaro compone il suo disegno a mano, per poi digitalizzare il tutto con Photoshop. Inoltre, l’artista ha dichiarato di tratte ispirazione da vecchie riviste:

“Penso agli adesivi e ai manifesti che avevo nella mia stanza da adolescente o al gruppo di marchi che mi piacevano in un certo periodo. Faccio ricerche anche su vecchie riviste e guardo gli annunci pubblicitari che condividono un’epoca specifica. È un esercizio molto divertente e nostalgico”.

Dopo aver fatto esperienza nel campo della grafica pubblicitaria, Alvaro ha pensato di rappresentare la “dualità” di tali immagini. Se il lavoro di questo artista ti ha interessato, visita il suo profilo Instagram qui.

Alvaro Naddeo: acquerelli di un mondo distopico | Collater.al
Alvaro Naddeo: acquerelli di un mondo distopico | Collater.al
Alvaro Naddeo: acquerelli di un mondo distopico | Collater.al
Alvaro Naddeo: acquerelli di un mondo distopico | Collater.al

Newsletter

Keep up to date!
Receive the latest news about art, music, design, creativity and street culture.
Share