Andy Freeberg – Guardians

Andy Freeberg – Guardians

Elena Fortunati · 9 anni fa · Photography

Quando entriamo in un museo o in una galleria, tutto attira la nostra attenzione. Dagli estintori ai quadri appesi. Quella sensazione di entrare in luogo sacro, ci inebria. E se non ci è concesso scattar foto alle opere d’arte, ai saloni maestosi, alle decorazioni, ci infervoriamo. Perchè tutto ci sembra degno di uno scatto.

Andy Freeberg - Guardians

Andy Freeberg, in Russia, ha pensato che la cosa più affascinate da fotografare nei musei fossero le guardie. Dopo aver visitato l’Hermitage Museum a San Pietroburgo, ha notato che erano anziane, senza uniformi, sedute sulle loro sedie posizionate in punti strategici delle sale. E pian piano che il suo progetto prendeva forma, era impossibile non notare che quelle guardie, vicine alle loro opere da proteggere, stavano prendendo le forme di quei soggetti dipinti accanto a loro.

Un po’ come camaleonti, tutte quelle donne ne assumevano la posa, l’acconciatura, il colore dei vestiti. Si mimetizzavano con la loro sala. Durante la lavorazione, grazie all’aiuto di interpreti, Andy ha avuto il piacere di conoscere queste donne, scoprendo che alcune delle loro storie si potevano scorgere da quei dettagli immortalati.

Una donna nella Galleria Statale Tretyakov a Mosca ha detto che spesso ci ritorna nel suo giorno libero per sedersi di fronte a un dipinto che le ricorda la sua casa d’infanzia. Un’altra guardia viaggia tre ore ogni giorno per lavorare, dal momento che a casa si sarebbe semplicemente seduta sulla veranda a lamentarsi delle sue malattie, come fanno le vecchie donne. Preferiva essere al museo e  osservare le persone, circondata dalla storia del suo paese.

Perchè custodire un’opera infondo è un’arte.

Andy Freeberg - Guardians Andy Freeberg - Guardians
Andy Freeberg - Guardians
Andy Freeberg - Guardians
Andy Freeberg - Guardians
Andy Freeberg - Guardians
Andy Freeberg - Guardians
Andy Freeberg - Guardians
Andy Freeberg - Guardians
Andy Freeberg - Guardians
Andy Freeberg - Guardians
Andy Freeberg - Guardians

Andy Freeberg – Guardians
Photography
Andy Freeberg – Guardians
Andy Freeberg – Guardians
1 · 13
2 · 13
3 · 13
4 · 13
5 · 13
6 · 13
7 · 13
8 · 13
9 · 13
10 · 13
11 · 13
12 · 13
13 · 13
La Cina ospiterà la sua prima mostra dedicata alla street art

La Cina ospiterà la sua prima mostra dedicata alla street art

Tommaso Berra · 2 giorni fa · Art

Si discute molto sull’istituzionalizzazione della street art e sulle scelte etiche di galleristi e istituzioni quando scelgono di presentare opere che appartengono a un’espressione artistica nata nelle strade e che secondo i più nostalgici non dovrebbe spostarsi da quei contesti.
In alcuni casi questa conversazione pone davanti a falsi problemi, che riguardano la natura delle opere e le intenzioni degli stessi artisti, che hanno saputo adattare il proprio ruolo, e già a partire dagli anni ’70 portando questo fenomeno controculturale nei circuiti tradizionali dell’arte.
Ci sono nazioni in cui la street art non è mai entrata nelle gallerie nel modo in cui altri grandi musei del mondo hanno fatto, per esempio la Cina, che da poco ha annunciato che ospiterà la sua prima storica mostra retrospettiva dedicata alla street art e ai graffiti, in occasione di Art Basel Hong Kong.

Il titolo della mostra è “City as Studio”, rappresentativo di quel meccanismo che ha stravolto la concezione dell’artista e la valutazione di questo tipo di arte da parte delle gallerie. Un processo iniziato da artisti come Jean-Michel Basquiat e Keith Haring, entrambi presenti alla mostra.
Le oltre 100 opere, realizzate da 30 artisti, verranno presentate alla K11 Art Foundation e sono state selezionate dal curatore Jeffrey Deitch, personaggio che grazie alle oltre 50 mostre curate in tutto il mondo ha contribuito a far si che la street art venga accettata nei programmi di importanti musei mondiali.
“City as Studio” entra nei percorsi del genere trasmettendo ai visitatori l’ampiezza di stili e aree geografiche attraverso il quale si sono mosse le diverse generazioni. Da New York a San Francisco, fino al Brasile, Tokyo e Parigi, la mostra sarà prima di tutto una riflessione storica sulla graffiti art, grazie al talento di nomi come Fab 5 Freddy , FUTURA, Barry McGee , Mister Cartoon , KAWS e AIKO.

Street Art | Collater.al
La Cina ospiterà la sua prima mostra dedicata alla street art
Art
La Cina ospiterà la sua prima mostra dedicata alla street art
La Cina ospiterà la sua prima mostra dedicata alla street art
1 · 3
2 · 3
3 · 3
“Dark art with bright colors”: la Crypto Art di Other World

“Dark art with bright colors”: la Crypto Art di Other World

Tommaso Berra · 1 giorno fa · Art

Il paesaggio dei crypto artist è popolatissimo, il nome che segnaliamo oggi è quello di Other World, artista che da Los Angeles riesce a definire un mondo che, per usare le sue parole, si potrebbe definire “psichedelico e surreale“.
Il surrealismo delle sue composizione è nella scelta dei soggetti e delle scene di gruppo, prese dalla lunga tradizione della pittura e degli affreschi rinascimentali e romantici, in cui soggetti storici e religiosi formano grandi composizioni dinamiche e ricche di pathos. La psichedelia è legata più allo stile con il quale Other World sceglie di citare questi riferimenti, facendo ricorso a colori evidenziatore del tutto slegati dai paesaggi di sfondo.

Il risultato che si crea è quello di un forte contrasto sia stilistico che tematico, oltre che una cupezza che è data spesso da alcuni dettagli inseriti dall’artista come il fuoco distruttore, i cieli bui e i volti del personaggi, neri con un sorriso spaventoso da Venom.
Per utilizzare ancora una volta le parole di Other World, si tratta di “un’arte oscura ma con colori brillanti“, in cui si uniscono una tecnica peculiare – combinazione di collage e illustrazioni per un’opera digitale – e un citazionismo alto che crea originalità nel panorama della Crypto Art.
La citazione aiuta l’artista a non dover spiegare troppo, a non enfatizzare la componente didascalica delle opere, lasciando il compito al contesto, allo sfondo e a gesti che grazie alla storia dell’arte sono diventati familiari. Il gioco e il colore sono la quota di libertà di interpretazione, che l’artista invita a prendersi, prima della storia e prima di simboli ritenuti spesso intoccabili.

Other World | Collater.al
Other World | Collater.al
Other World | Collater.al
Other World | Collater.al
Other World | Collater.al
“Dark art with bright colors”: la Crypto Art di Other World
Art
“Dark art with bright colors”: la Crypto Art di Other World
“Dark art with bright colors”: la Crypto Art di Other World
1 · 7
2 · 7
3 · 7
4 · 7
5 · 7
6 · 7
7 · 7
Gli ironici e sentimentali self-help book di Johan Deckmann

Gli ironici e sentimentali self-help book di Johan Deckmann

Collater.al Contributors · 3 giorni fa · Art

Ricominciare significa fare liste e liste di buoni propositi e nuove regole che poi, inevitabilmente, finiscono nel dimenticatoio dopo poche settimane.
Pensiamo ed ignoriamo piccole guide che, in realtà, potrebbero salvarci la vita, soprattutto quella emotiva.
Ma, se pur in maniera molto ironica, a ricordarci che questo ci porta ad avere cattivissime idee, amori mediocri, paure e grande difficoltà ad esprimere i nostri sentimenti, c’è Johan Deckmann.

Artista, psicologo praticante e autore con base a Copenhagen si ispira ai self-help book tipici degli anni ’70 per affrontare tematiche molto comuni.
Deckmann, infatti, parte dalla sua conoscenza teorica sulla mente dell’uomo e, tramite l’utilizzo della parole, ne analizza comportamenti e pensieri.

“I like the idea of distilling words to compress information, feelings or fantasies into an essence, a truth. The right words can be like good medicine.”

I suoi artwork, che dal 2015 hanno fatto il giro del mondo, sono stati esposti in più gallerie riscuotendo tantissimo successo.

Qui trovate alcuni dei suoi lavori ma vale la pena vederli tutti e li trovate qui e qui.

Gli ironici self-help book di Johan Deckmann | Collater.al 1 Gli ironici self-help book di Johan Deckmann | Collater.al 17 Gli ironici self-help book di Johan Deckmann | Collater.al 9 Gli ironici self-help book di Johan Deckmann | Collater.al 12 Gli ironici self-help book di Johan Deckmann | Collater.al 18 Gli ironici self-help book di Johan Deckmann | Collater.al 13 Gli ironici self-help book di Johan Deckmann | Collater.al 16 li ironici self-help book di Johan Deckmann | Collater.al 21 li ironici self-help book di Johan Deckmann | Collater.al 20 li ironici self-help book di Johan Deckmann | Collater.al 19 Gli ironici self-help book di Johan Deckmann | Collater.al 2 Gli ironici self-help book di Johan Deckmann | Collater.al 3 Gli ironici self-help book di Johan Deckmann | Collater.al 4 Gli ironici self-help book di Johan Deckmann | Collater.al 5 Gli ironici self-help book di Johan Deckmann | Collater.al 6 Gli ironici self-help book di Johan Deckmann | Collater.al 7 Gli ironici self-help book di Johan Deckmann | Collater.al 10 Gli ironici self-help book di Johan Deckmann | Collater.al 8 Gli ironici self-help book di Johan Deckmann | Collater.al 15 Gli ironici self-help book di Johan Deckmann | Collater.al 14 Gli ironici self-help book di Johan Deckmann | Collater.al 11

Gli ironici e sentimentali self-help book di Johan Deckmann
Art
Gli ironici e sentimentali self-help book di Johan Deckmann
Gli ironici e sentimentali self-help book di Johan Deckmann
1 · 21
2 · 21
3 · 21
4 · 21
5 · 21
6 · 21
7 · 21
8 · 21
9 · 21
10 · 21
11 · 21
12 · 21
13 · 21
14 · 21
15 · 21
16 · 21
17 · 21
18 · 21
19 · 21
20 · 21
21 · 21
Il mondo a collage del musicista-artista Cato

Il mondo a collage del musicista-artista Cato

Tommaso Berra · 4 giorni fa · Art

Il mondo di dell’artista Cato è pieno di energia e vibrazioni, artistiche e musicali. Queste caratteristiche ritornano in modo evidente nelle opere che l’artista realizza con collage, acrilici e areografo. Il suo essere musicista non ritorna solo nella scelta dei soggetti, che spesso sono suonatori che rimandano a melodie jazz, ma anche nell’energia che sembra sempre accompagnare le azioni delle sue opere. Difficile immaginare momenti di stallo o calma, il racconto descritto è frutto di un’intenzione di raccontare una vita veloce e viva, che mette in contatto le persone e i paesaggi. Questo movimento è chiaro nei progetti video di Cato, ma ritorna anche nella sovrapposizione di ritratti e tagliati in modo netto senza rispettare necessariamente proporzioni e armonia dei corpi.

Non si fa fatica a capire le situazioni, e le storie che stanno vivendo i personaggi rappresentati, la capacità di Cato è proprio quella di saper creare con poco una narrazione affascinante che introduce l’osservatore dentro al mondo personale dell’autore.

Cato | Collater.al
Cato | Collater.al
Cato | Collater.al
Cato | Collater.al
Cato | Collater.al
Il mondo a collage del musicista-artista Cato
Art
Il mondo a collage del musicista-artista Cato
Il mondo a collage del musicista-artista Cato
1 · 5
2 · 5
3 · 5
4 · 5
5 · 5