Art Architangram, l’ultimo progetto di Federico Babina
Artarchitectureillustration

Architangram, l’ultimo progetto di Federico Babina

-
Federica Cimorelli
Architangram | Collater.al

Il tangram è un antico gioco cinese, un rompicapo ottenuto dalla scomposizione di un quadrato in sette parti diverse. Chi ci gioca deve provare a combinare tutte le figure contemporaneamente e tentare di ottenere un’immagine unica. Il suo funzionamento è molto facile perché gli accostamenti sono pressoché infiniti, ma mescolarli nel modo giusto è anche molto complicato. 
L’architetto e graphic designer italiano Federico Babina, di cui vi abbiamo parlato più volte qui su Collater.al, ha provato a immaginarne una nuova versione ancora più articolata. Si intitola Architangram ed è un puzzle di 23 pezzi nato per realizzare infinite creazioni architettoniche. 

Architangram non ha regole né obiettivi, ma vuole solo essere un divertente esercizio di immaginazione. È un progetto che utilizza il gioco per comprendere i problemi di modulazione dello spazio e che prende in prestito la logica e l’invenzione per riscoprire le regole compositive. Le forme presenti nella sua struttura rappresentano in un certo senso l’alfabeto degli architetti e unite tutte insieme possono generare progetti unici. 

Il gioco può essere facilmente ricreato a casa propria semplicemente suddividendo un quadrato di carta o cartoncino secondo le indicazioni di Babina. Le combinazioni sono moltissime, ma per chi non ha molta creatività l’artista ha pensato di dare anche qualche ispirazione. Il progetto è infatti accompagnato da una serie di illustrazioni che mostrano le possibilità che offre il gioco: imitare le invenzioni dei più grandi architetti della storia, da Le Corbusier a Walter Gropius, da Renzo Piano ad Alvaro Siza.

Guarda qui il video realizzato con il supporto di Elisabet Raspall e dai un’occhiata alle illustrazioni dell’artista.

Artarchitectureillustration
Scritto da Federica Cimorelli
x
Ascolta su