Design Beach Hotel, una suite minimale e brutalista sulla spiaggia
Designarchitectureinterior design

Beach Hotel, una suite minimale e brutalista sulla spiaggia

-
Giulia Guido

L’architetto Alexey Gulesha, dello studio Sivak+Partners, ha trascorso gli ultimi mesi a pensare e progettare la prima stanza di possibile hotel per la città di Odessa, il Beach Hotel

Alexey si è discostata dalla tradizionale idea di hotel sulla spiaggia e ha iniziato a progettare la prima suite ponendo particolare attenzione sui materiali e optando, alla fine per il vetro abbinato a del cemento e a una parete di roccia che conferiscono allo spazio un aspetto che ricorda quello delle caverne. La stanza a pianta semicircolare si affaccia totalmente sulla spiaggia e al suo interno sono stati inseriti solo oggetti e mobili strettamente necessari. 

Essendo, l’hotel, fornito di diversi ristornati, la cucina è praticamente inesistente e, per lo stesso motivo, anche la sala da pranzo, l’unico spazio dedicato a brevi e veloci snack è un angolo con un piccolo tavolo. Il secondo e ultimo tavolo che troviamo è una minuscola scrivania che sembra incastrata in una parete di roccia. Il Beach Hotel è stato concepito come un luogo in cui isolarsi e allontanarsi dalla vita di tutti i giorni e dagli impegni lavorativi, proprio per questo motivo gli spazi dedicati al lavoro sono ridotti al minimo, da usare solo in caso di urgenza. 

Gran parte della suite è dedicata al bagno con pareti in vetro dotate di una tecnologia che le opacizza nel momento in cui viene occupato, a una zona relax con divano e poltrone e alla zona notte. Inoltre, fiore all’occhiello della stanza del Beach Hotel è a vasca da bagno posizionata in mezzo alla camera e che, costruita con lo stesso materiale del pavimento, sembra fuoriuscire naturalmente da esso. 

Nella speranza che Alexey Gulesha continui il suo progetto scopriamo qui sotto la prima stanza. 

Designarchitectureinterior design
Scritto da Giulia Guido
x
Ascolta su