Best of 2019 – Installation

Best of 2019 – Installation

Giulia Guido · 9 mesi fa · Art

Da quelle realizzate con i neon a quelle che prendono di mira i monumenti delle città, quelle che si scagliano contro il cambiamento climatico arrivando a quelle che giocano con la natura. Quest’anno le installazioni hanno invaso i musei, le strade e gli spazi pubblici, rivediamo le migliori!

Contact, l’installazione che porta il mare in una stanza 

Il collettivo giapponese 目【】, composto da Haruka Kojin, dal regista Kenji Minamigawa e dal direttore di produzione Hirofumi Masui, è riuscito a chiudere in una stanza del Mori Art Museum un pezzo di mare.
Sembra proprio che con le sue increspature, l’onda si scagli contro le pareti e torni verso lo spettatore.

L’Arc de Triomphe impacchettato di Christo, in arrivo nel 2020

Qualche mese fa Christo, il famoso duo composto da Christo Javachev e Jeanne-Claude Denat de Guillebon, ha svelato la prossima opera in arrivo a settembre 2020 a Parigi. Gli artisti, infatti, impacchetteranno niente meno che l’Arc de Triomphe. Noi non vediamo l’ora!

Megaliths in the Bath House Ruins, l’installazione di teamLab

Nella nostra personale classifica non poteva mancare un’installazione firmata da teamLab. L’opera in questione si intitola Megaliths in the Bath House Ruins e prevede degli enormi blocchi simili a megaliti fuoriuscire dal pavimento e occupare quasi tutto lo spazio di un luogo abbandonato. La particolarità è che su ogni megalite sono proiettati interi cicli di vita dei fiori, da quando sbocciano a quando perdono i petali e muoiono.

Edoardo Tresoldi presenta Gharfa

Passiamo ora a uno degli artisti italiani che ammiriamo in particolar modo. Quest’anno Edoardo Tresoldi ha presentato Studio Studio Studio, una nuova realtà interdisciplinare. La prima opera nata da questo contesto è stata Gharfa, realizzata grazie alla collaborazione con Alberonero, Max Magaldi e Matteo Foschi. Si tratta di un padiglione esperienzale, un’installazione da visitare e da scoprire fino al suo cuore.

Alex Chinneck e le sue cerniere arrivano a Milano

Tra le installazione che hanno animato Milano durante la Design Week quella che ha fatto più scalpore è stata quella di Alex Chinneck, che ha portato nella città meneghina le sue famose cerniere giganti con cui spoglia le facciate dei palazzi.

Teetertotter Wall, il confine Usa-Messico abbattuto da delle altalene rosa

Il Teetertotter Wall è una di quelle installazioni di cui ci piace parlare, perché mostra come attraverso l’arte si possano unire culture e abbattere muri. L’opera è un’altalena che spunta per metà in Messico e per metà negli Stati Uniti e che riesce a unire due paesi e due culture.

FOREST – The Unending Attraction of Nature, l’installazione che trasforma uno stadio in una foresta

Partendo dall’idea che molto presto diverse specie di piante e di alberi diventeranno qualcosa di raro da vedere e che probabilmente l’unico modo per goderne la bellezza sarà racchiuderle tutte in parchi appositi, l’artista Klaus Littman, con l’aiuto dell’architetto Enzo Enea, ha progettato e realizzato FOREST – The Unending Attraction of Nature, un’installazione all’interno dello stadio Wörthersee di Klagenfurt, in Austria, che celebra la natura in tutto il suo splendore. 

Londra e la casa che galleggia nel Tamigi 

A Londra, lo scorso ottobre, è apparsa nel bel mezzo del Tamigi una tipica casa inglese in miniatura che galleggia nei pressi del Tower Bridge.
Questa rappresenta un’attivazione proposta da Extinction Rebellion contro i cambiamenti climatici e l’attenzione verso l’innalzamento del livello del mare. 

Pronti per andare sulla Luna? Museum of the Moon arriva a Milano

Prende il nome di Museum of the Moon, l’istallazione progettata e realizzata da Luke Jerram che consiste in una riproduzione in scala 1:500.00 della Luna. Quest’anno ne abbiamo parlato perché è arrivata anche a Milano, illuminando per due settimane la piscina Cozzi.

Robert Montgomery, brevi poesie fatte di neon

Chiudiamo con Robert Montgomery, uno di quegli artisti che si serve della potenza della parola per produrre arte concettuale, scrivendo brevi poesie su enormi cartelloni composti da scritte al neon. Tramite la sua pratica artistico-concettuale, l’artista arriva a sviluppare l’opera su vari livelli: quello del messaggio, quello del linguaggio e quello dell’armonia con il contesto circostante.

Best of 2019 – Installation
Art
Best of 2019 – Installation
Best of 2019 – Installation
1 · 19
2 · 19
3 · 19
4 · 19
5 · 19
6 · 19
7 · 19
8 · 19
9 · 19
10 · 19
11 · 19
12 · 19
13 · 19
14 · 19
15 · 19
16 · 19
17 · 19
18 · 19
19 · 19
Cinematography – Ultras

Cinematography – Ultras

Giordana Bonanno · 1 giorno fa · Photography

Napoli e il suo amore per il calcio sono i due pilastri su cui Ultras regge il racconto. È il lungometraggio d’esordio del regista Francesco Lettieri, autore dei videoclip del misterioso cantante Liberato, le cui musiche stavolta accompagnano il film disponibile sulla piattaforma Netflix.

Non è solo un film sulla tifoseria napoletana, è un sentimento, un’ideale che accomuna un gruppo di persone, Spiega Lettieri: “Siamo partiti per raccontare un mondo in cui il calcio era lo sfondo, mentre il cuore era la tribù, la fede. Il tifo è cambiato molto dagli anni Ottanta, quando veniva chiamato “movimento ultrà”, era più folkloritstico e colorato, ora è più cupo e violento. Il movimento ultras è stato combattuto e represso, oggi vive un momento di grande crisi, gli scontri sono più rari, quest’anno è stato un anno scioperi”.

Il tifo è una sostituzione identitaria, concetto che vale quasi per tutti nella nostra società calciofila, e la storia di Angelo, giovane ragazzo protagonista della storia, ne mostra il lato estremizzato.

Gli scenari che appaiono nel film sono gli stessi del fotografo Martin Andersen, che con con grande ironia ritrae il mondo dei fan del Tottenham Hotspur, dichiarando “volevo avvicinarmi alle persone che stavo fotografando. Una cosa è essere un tifoso di calcio, un’altra è far parte dei diversi gruppi di persone che stai fotografando.” Si susseguono scene epiche, volti britannici fortemente espressivi, si può quasi sentire l’adrenalina del sentimento che unisce i tifosi, esplosiva ed inarrestabile. Martin ha iniziato con una telecamera in mano, catturando l’atmosfera che si respira per strada e nei pub durante le partite.

Genere: Dramma
Regista: Francesco Lettieri
Direttore della fotografia: Gianluca Palma
Scrittori: Peppe Fiore, Francesco Lettieri
Cast: Aniello Arena, Ciro Nacca, Antonia Truppo

Cinematography – Ultras
Photography
Cinematography – Ultras
Cinematography – Ultras
1 · 8
2 · 8
3 · 8
4 · 8
5 · 8
6 · 8
7 · 8
8 · 8
InstHunt Special Edition – Summer

InstHunt Special Edition – Summer

Giordana Bonanno · 1 giorno fa · Photography

InstHunt Special Edition è la nuova raccolta fotografica delle vostre migliori foto, ideata per la prima volta seguendo un tema. Ogni mese avrà un titolo dedicato e sarete voi a darle vita attraverso i vostri scatti. 

Il tema di questo mese era “Estate”, la stagione appena finita che ha ripreso vita ancora per un pò attraverso i vostri ricordi fotografici. Scopri qui sotto le foto migliori e non perderti i prossimi appuntamenti!

View this post on Instagram

gentedimare

A post shared by Alessia Sardiello (@la.sardi) on

View this post on Instagram

🏖👩‍👦🚜

A post shared by 최원민 WonMin Choi (@wonmin.9) on

View this post on Instagram

Intrecciarsi

A post shared by Francesco Ormando (@francescoormando) on

View this post on Instagram

Bea @divainfame

A post shared by Beatrice Santangelo (@___beauty_hunter___) on

Restate connessi e continuate a seguire la nostra pagina Instagram @collateral.photo per scoprire il tema del prossimo numero InstHunt Special Edition. 

Be creative Be part of @collater.al

InstHunt Special Edition – Summer
Photography
InstHunt Special Edition – Summer
InstHunt Special Edition – Summer
1 · 1
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram

InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram

Giulia Guido · 1 settimana fa · Photography

Ogni giorno, sul nostro profilo Instagram, vi chiediamo di condividere con noi le vostre immagini e fotografie più belle. 
Per la raccolta InstHunt di questa settimana abbiamo selezionato le vostre 10 migliori proposte: @francescoormando, @misterdrinkwine_portraits, @_slightlyoutoffocus_, @holybipolar, @bred_lee_cooper, @erre62, @doart, @giorgia_congia, @antonio.clementza.ph, @carla_sutera_sardo.

Tagga @collateral.photo per essere selezionato e pubblicato nel prossimo numero di InstHunt.

View this post on Instagram

The white fox and her lover

A post shared by Francesco Ormando (@francescoormando) on

View this post on Instagram

Через рік буде краще. ⠀ Ці слова для мене не про те, що "зараз якось не так", а про те, що зараз ітак дуже добре, але за рік буде ще краще. ⠀ Я буду якісніше робити свою роботу, виконувати більше обов'язків. ⠀ Знатиму більше, вмітиму краще. ⠀ Я точно знаю, що через рік мені не буде соромно за свої слова та за свій результат, який я показую сьогодні, я не стану архівувати знімки, які вже не буду вважати "гідними" чи "достатньо якісними". Не стану стирати написані слова, які Насті-2021 будуть здаватись недолугими і дитячими ⠀ Я приймаю той факт, що сьогодні моя версія мене і мої роботи поступаються тим, які ми побачимо за рік. ⠀ Я навіть сподіваюся на це❤️ ⠀ Як же буде приємно за п'ять років репостнули в сторі якісь свої знімки з 2020го, згадати, якою я була, чим горіла, і що з того виходило ☺️ ⠀ У мене навіть з'явилась думка надрукувати власний зін фоторобіт 2019-2020 для своєї полиці з вибраними знімками року, які мені наймиліше, щоби спостерігати за своїм ростом ⠀ Така от рефлексія вилазить у вересні. ⠀ А що ви? Уже малювали собі картинку себе влітку 2021? Які ви там? 🧡🧡🧡 На фото у студії @skylight.studio прекрасна й тендітна @evavinni 🧡🧡 ⠀ #photographerkiev #photoshoot #фотографкиев #съемка #портрет #portrait #negromagazine #negromag #ourmag #magazine35mm #pulsefilm #taintedmag #rebelmag #apricotmagazine #insomniamag #realismag #magicofselfportraiture #melonmag #Toxickidsmag #photomoodmag #indieframe #headspacemag #adegomagazine #hypnomag #glogmag

A post shared by Фотограф Киев (@bred_lee_cooper) on

InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
Photography
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
1 · 1
“Bodies, landscapes and desire”, la fotografia di Emma Hartvig

“Bodies, landscapes and desire”, la fotografia di Emma Hartvig

Giulia Guido · 2 settimane fa · Photography

Un corpo non è solamente un corpo, è una forma perfetta, è una scultura in grado di muoversi e mutare e questo la fotografa svedese Emma Hartvig lo sa bene. Nei suoi lavori l’elemento umano non manca mai, ma ciò che la differenzia da molti altri colleghi è il suo approccio al soggetto. I corpi nudi sono trattati come vere opere d’arte, catturati in posizioni che permettono di apprezzarne le forme e le linee, come se fossero dei paesaggi. 

Questi ultimi rappresentano un altro soggetto ricorrente nella fotografia di Emma Hartvig, l’elemento naturale è spesso affiancato da quello umano, come nella serie fotografica “Bodies, landscapes and desire”.

Emma Hartvig ci propone una serie di scatti delicati e intimi che riescono a creare una relazione tra i luoghi, dalle foreste alle scogliere concentrandosi sulle forme degli alberi, delle rocce, del paesaggio, e i corpi. 

Si tratta di scatti tranquilli, in cui domina la quiete e nei quali ci immergiamo silenziosamente. 

Per scoprire gli altri lavori di Emma Hartvig visita il suo sito e il suo profilo Instagram

“Bodies, landscapes and desire”, la fotografia di Emma Hartvig
Photography
“Bodies, landscapes and desire”, la fotografia di Emma Hartvig
“Bodies, landscapes and desire”, la fotografia di Emma Hartvig
1 · 13
2 · 13
3 · 13
4 · 13
5 · 13
6 · 13
7 · 13
8 · 13
9 · 13
10 · 13
11 · 13
12 · 13
13 · 13