Cartographies, il viaggio giornaliero del fotografo Louis De Belle

avatar
18 maggio 2017

Cartographies è un progetto fotografico di Louis De Belle che esplora il viaggio quotidiano di ignari pendolari newyorkesi.

Louis De Belle è un fotografo nato a Milano con base a Berlino che, con il progetto Cartographies, ha voluto esplorare il viaggio quotidiano che ognuno di noi compie durante un’intera giornata.

Riducendo al minimo i dati visivi, soffermandosi quindi solo su dettagli generalmente ignorati, è riuscito a raccontare tramite piccoli segni la vita dei pendolari newyorkesi.

Pieghe, macchie di sudore e di sporcizia diventano narratori involontari di città sature, dove a mancare sono soprattutto spazio e tempo, dove movimenti impazienti e irritanti sono padroni di eventi e situazioni.

Piccole tracce sugli abiti di sconosciuti che possono raccontare la routine diventando, come dice De Belle, mappe dei viaggi giornalieri di pendolari esausti.

Cartographies, il viaggio giornaliero del fotografo Louis De Belle | Collater.al 1

Cartographies, il viaggio giornaliero del fotografo Louis De Belle | Collater.al

Cartographies, il viaggio giornaliero del fotografo Louis De Belle | Collater.al

Cartographies, il viaggio giornaliero del fotografo Louis De Belle | Collater.al

Cartographies, il viaggio giornaliero del fotografo Louis De Belle | Collater.al

Cartographies, il viaggio giornaliero del fotografo Louis De Belle | Collater.al

Cartographies, il viaggio giornaliero del fotografo Louis De Belle | Collater.al

Cartographies, il viaggio giornaliero del fotografo Louis De Belle | Collater.al

Cartographies, il viaggio giornaliero del fotografo Louis De Belle | Collater.al

Cartographies, il viaggio giornaliero del fotografo Louis De Belle | Collater.al

Cartographies, il viaggio giornaliero del fotografo Louis De Belle | Collater.al

Cartographies, il viaggio giornaliero del fotografo Louis De Belle | Collater.al

Newsletter

Keep up to date!
Receive the latest news about art, music, design, creativity and street culture.
Share