L’arte pubblica di CHEAP Street Poster Art a Roma

L’arte pubblica di CHEAP Street Poster Art a Roma

Giulia Guido · 10 mesi fa · Art

Pochi giorni fa è iniziato a Roma la 16ª edizione di Short Theatre, il festival internazionale dedicato alla creazione contemporanea e alle performing Arts. Diversi luoghi della capitale si trasformeranno e faranno da sfondo a iniziative, installazioni e performance dal vivo: dal Teatro Argentina al Teatro India, dal Teatro del Lido di Ostia a La Pelanda – Mattatoio di Roma e molti altri spazi urbani. 
L’edizione di quest’anno prende il titolo di The Voice This Time e vede tra i protagonisti CHEAP Street Poster Art, collettivo bolognese nato nel 2013 dall’idea di 6 donne come festival di poster art ed evolutosi negli anni in un progetto più grande. 

CHEAP ha inaugurato il 6 settembre a la Pelanda Reclaim Your Future, un’installazione composta da diverse bandiere realizzate da diversi artisti. In occasione della loro partecipazione a Short Theatre abbiamo avuto la fortuna di fare qualche domanda al collettivo e farci raccontare la loro opera. Leggete l’intervista qui sotto e seguite CHEAP e Short Theatre su Instagram. 

Ciao, vi seguiamo da tanto tempo e abbiamo già parlato di CHEAP Street Poster Art su Collater.al, però spiegateci voi come è nato questo progetto e quali sono i vostri background.

CHEAP nasce dall’intesa creativa di 6 donne. Nel 2012, eravamo interessate a lavorare sul paesaggio urbano e a farlo indagando il paste up, l’attacchinaggio di poster e tutte le modalità di stare in strada utilizzando la carta come strumento: un modo di attraversare lo spazio pubblico che per noi era la definizione dell’effimero, di una serie di gesti anti monumentali, un’idea del contemporaneo che ha molto a che fare con la temporaneità – la public art non si misura solo in centimetri, ma anche in secondi.
Dal 2013 al 2017, per 5 edizioni, CHEAP ha lavorato con la carta, ha flirtato con l’effimero, ha sollecitato narrazioni contemporanee sul paesaggio urbano, ha contribuito al discorso sullo spazio pubblico. E lo ha fatto con il format del festival: ogni maggio e per dieci giorni, accoglievamo 5 guest artist internazionali invitati a realizzare interventi site specific, in quartieri diversi della città. 

Allo stesso tempo, installavamo un migliaio di poster arrivati in risposta alla call for artist nelle bacheche delle strade del centro; a queste azioni si aggiungevano block party in strada e una serie di eventi all’interno di in una rete di luoghi dati all’indipendenza.

CHEAP Street Poster Art

Nel gennaio del 2018 è stata annunciata la fine di questa esperienza. Abbiamo mantenuto la call for artist annuale, un segmento ereditato dal festival che per noi rimaneva importante perché aperto e partecipativo. Abbiamo modificato la modalità in cui interveniamo in strada: non ci annunciamo, non ci diamo scadenze, lavoriamo in maniera più progettuale e mirata, con la sensazione di essere sfuggite al tritacarne del festival e alle sue dinamiche non esattamente virtuose. Oggi siamo un laboratorio permanente, esprimiamo una visione più complessa, stiamo nello spazio pubblico con una consapevolezza diversa: la nostra azione è diventata più affilata.

In cosa consiste l’istallazione presentata a Short Theatre 2021?

L’installazione per Short Theatre riprende il concept di un’installazione già realizzata a Bologna, nel gennaio del 2020 durante la settimana di ArteFiera e Art City: avevamo aperto per 4 giorni uno spazio privato vuoto da anni, uno dei tanti presenti nel centro della città, un centro storico ormai carsico, dove gli spazi inutilizzati si moltiplicano a dispetto di un mercato immobiliare sempre in crescita e slegato dal piano del reale.

Per l’occasione avevamo ricoperto l’ambiente di coperte termiche, spesso il primo supporto che d’emergenza che le persone migranti ricevono dalle imbarcazioni di soccorso presenti nel Mediterraneo che ONG, associazioni e liber* cittadin* organizzano e finanziano per cercare di salvarci da questa follia dei respingimenti: le coperte sono un oggetto che è entrato nel nostro ipertesto visivo come simbolo di alcune forme di accoglienza, di solidarietà e di cura nei confronti di chi attraversa il mare e arriva sulle coste italiane, ai margini dell’Europa.

Lo spazio così allestito era diventato una scatola dorata, riverberante e luminosa, la cui superficie era ambigua, attraente e respingente allo stesso tempo, unheimlich. All’interno di questo set straniante, avevamo installato delle bandiere realizzate per l’occasione da alcune decine di artist*, a cui era stato chiesto come suggestione curatoriale di tentare di cortocircuitare le strutture di senso della bandiera, un supporto a cui solitamente è affidata una narrazione fatta di confini, identità nazionali e visioni post coloniali: le bandiere installate ci proponevano come corpi, come ponti, mai come muri, nello spazio fisico del temporary che già replicava un’immaginario di attraversamenti di frontiere, forse anche di frontiere come proiezioni, quindi di proiezioni da decostruire.

CHEAP Street Poster Art

Oggi riprendiamo questa conversazione iniziata a Gennaio del 2020, una dialogo reso intermittente dalla pestilenza che abbiamo vissuto subito dopo: portiamo a Roma per Short Theatre lo stesso concept, con un set adattato al contesto che ci ospita e ci viene chiesto di infestare.

Cambiano le bandiere che questa volta sono state selezionate tra i lavori di alcun* artist* che hanno partecipato alla call for artists annuale organizzata da CHEAP, un invito che rivolgiamo da anni a artist* visiv* internazionali alla realizzazione di poster che selezioniamo e affiggiamo nelle strade di Bologna: i poster, per l’occasione adattati a bandiere, sono di Angie Russo, Bbraio, Carol, Giorgia Lancellotti, Infinite, La Catrina, Laura Berdusco, Noe Gamma, Pamela Rotondi, Pride Off, Rita Colosimo, Valeria Quadri.

Possiamo definire RECLAIM YOUR FUTURE uno spazio di condivisione? L’arte ha bisogno di più esperienze di aggregazione?

Non sapremmo dire se all’arte va chiesto di fare aggregazione. Noi ci relazioniamo con il mezzo artistico anche per aprire dialoghi, data la specificità del nostro contesto di intervento: lavoriamo nello spazio pubblico, uno spazio in cui la cittadinanza è espressa, proiettata, performata; uno spazio che è vuoto se manca chi lo attraversa e lo abita, la condivisione è la conditio sine qua non del nostro agire.

È forse l’arte pubblica come quella di CHEAP una delle ultime forme di attivismo?

CHEAP agisce anche dell’attivismo. Nel nostro comune sentire, l’arte (contemporanea o meno) può anche questo: mettere in discussione lo status quo, esprimere conflitto, condividere visioni.

La nostra pratica ha in sé anche una dimensione politica: CHEAP agisce una riappropriazione dello spazio pubblico e lo fa infestando i muri di poster, ridefinendo nuovi linguaggi visivi contemporanei, generando inaspettati dialoghi con chi attraversa e abita l’ambiente urbano.

Nel nostro progetto scorrono energie femministe, desideri decoloniali e strategie contro egemoniche: dove la città oppone barriere sulla base del genere della classe e della razza, CHEAP pratica un conflitto simbolico facendo dell’arte pubblica (anche) un luogo di lotta.

CHEAP Street Poster Art
CHEAP Street Poster Art
CHEAP Street Poster Art

PH: Claudia Pajewksi

L’arte pubblica di CHEAP Street Poster Art a Roma
Art
L’arte pubblica di CHEAP Street Poster Art a Roma
L’arte pubblica di CHEAP Street Poster Art a Roma
1 · 10
2 · 10
3 · 10
4 · 10
5 · 10
6 · 10
7 · 10
8 · 10
9 · 10
10 · 10
Lo “sguardo intimo” di Carola Blondelli

Lo “sguardo intimo” di Carola Blondelli

Tommaso Berra · 5 ore fa · Art

la fotografia non è mai un calcolo esatto per Carola Blondelli, ma è analisi e accettazione dell’imprevisto. La storia dell’artista con il linguaggio fotografico è iniziata proprio così, come una scoperta inaspettata, diventata fin dall’inizio indispensabile grazie agli incontri e ai rapporti con le persone, che proprio grazie all’obiettivo diventavano sempre più chiari, completi e profondi.
Le connessioni e l’entusiasmo per passioni comuni hanno fatto in modo che si creasse sinergia, che ha portato alla nascita di nuovi progetti.

È quindi indispensabile per me che l’osservatore non accolga la visione dell’immagine unicamente come esteticamente bella, ma che sia in grado di riceverne la parte emotiva.” Dice Carola Blondelli descrivendo il suo lavoro.
La fotografa ricerca proprio questo con i suoi scatti, ovvero un momento di stop in cui guardare nella direzione opposta rispetto a quella dello sguardo, ovvero dentro di sé, in un processo che richiede più coraggio ma in grado di mettere alla prova la sensibilità di chi guarda. Attraverso il corpo della donna, soggetto ricorrente degli scatti, Blondelli riesce a esprimere un messaggio di intimità e delicatezza, lasciando spazio a chi guarda di cogliere l’autenticità e il realismo della scena.

È possibile sostenere la pubblicazione di un volume dedicato al lavoro della fotografa Carola Blondelli attraverso la raccolta fondi lanciata da SelfSelf, clicca qui per scoprire come aiutare a realizzare questo progetto fotografico.

Carola Blondelli | Collater.al
Carola Blondelli | Collater.al
Carola Blondelli | Collater.al
Carola Blondelli | Collater.al
Carola Blondelli | Collater.al
Carola Blondelli | Collater.al
Carola Blondelli | Collater.al
Carola Blondelli | Collater.al
Lo “sguardo intimo” di Carola Blondelli
Art
Lo “sguardo intimo” di Carola Blondelli
Lo “sguardo intimo” di Carola Blondelli
1 · 8
2 · 8
3 · 8
4 · 8
5 · 8
6 · 8
7 · 8
8 · 8
Le statue classiche al cubo di Adam Parker Smith

Le statue classiche al cubo di Adam Parker Smith

Tommaso Berra · 4 giorni fa · Art

Appaiono come uno scherzo le opere di Adam Parker Smith, un nuovo capitolo di quel gioco che ha da secoli spinto gli artisti a dissacrare i simboli della tradizione pittorica e scultorea.
L’artista americano realizza le sue opere utilizzando differenti materiali e adottando metodi diversi in base allo scopo, da solo o coinvolgendo altri nelle creazioni, i soggetti delle sue opere sono spesso estratti dalle sue paure, desideri, ossessioni, cotte e gelosie.

Uno dei lavori più interessanti tra quelli firmati da Adam Parker Smith è appunto la serie nella quale l’artista “chiude” in 1 metro cubo di marmo di Carrara alcune delle statue più famose della storia dell’arte. Il senso è quello di vedere il meglio dell’arte classica rottamato come una vecchia macchina, ridotta a nient’altro che un rifiuto, senza maestosità, altezza e eleganza tipica di queste opere.

La tecnica con cui è riuscito a replicare esattamente i dettagli delle statue elleniche e barocche è il risultato di un lavoro in cui ha partecipato anche il team di ricerca digitale di musei come gli Uffizi. I programmi di modellazione 3D hanno aiutato infatti l’artista a ridurre le opere senza alternarne le proporzioni.
Per le sue sculture Smith ha coinvolto poi intagliatori e robot, stravolgendo non solo nel concetto il significato di opera d’arte come prodotto dell’ingegno dell’uomo.
Tra le opere più famose della storia dell’arte Smith ha scelto tra le altre l’ Apollo del Belvedere , Cupido Trionfante , David del Bernini e Augusto di Prima Porta, per un omaggio che ha sostanza e umorismo stilistico.

Le statue classiche al cubo di Adam Parker Smith
Art
Le statue classiche al cubo di Adam Parker Smith
Le statue classiche al cubo di Adam Parker Smith
1 · 9
2 · 9
3 · 9
4 · 9
5 · 9
6 · 9
7 · 9
8 · 9
9 · 9
Questo o quello, intervista ad Icy and Sot

Questo o quello, intervista ad Icy and Sot

Tommaso Berra · 6 giorni fa · Art

Tra gli ospiti più attesi di Cvtà Street Fest, il festival di street art andato in scena dal 23 al 26 giugno a Civitacampomarano (CB), c’era senza dubbio la coppia di artisti iraniani Icy and Sot.
Il duo è composto dai fratelli Saman Oskouei (1985) e Sasan Oskouei (1991), conosciuti per le loro opere che intervengono sul paesaggio urbano attivando riflessioni sulla condizione umana. I diritti umani, la detenzione, la condizione delle donne e dei migranti, capitalismo e cambiamento climatico, questi alcuni dei temi espressi attraverso installazioni e stencil.

Noi cerchiamo di riflettere i nostri tempi e le nostre esperienze. Per lo più in scultoreo e installativo. Ci piace utilizzare materiali/oggetti diversi, così come opere site specific. Non siamo bravi a descrivere il nostro lavoro, pensiamo che gli spettatori facciano un lavoro migliore perché ognuno può sentire o trarre qualcosa di diverso dall’opera.

Icy and Sot | Collater.al

In un mondo che deve prendere decisioni forti per risolvere questi problemi, Collater.al ha chiesto a Icy and Sot di schierarsi in quello che è utopicamente un mondo in cui sembra sempre ci siano solo due elementi in contrasto tra i quali scegliere. Anche le opere degli artisti sono segni nel paesaggio che in qualche modo definiscono pieni e vuoti, aria e materia, porzioni specifiche di spazio.

QUESTO O QUELLO

  • Mezzogiorno o mezzanotte?
    Mezzanotte
  • Biennale di Venezia o Musei Vaticani?
    Biennale di Venezia
  • Coca Cola o Pepsi?
    Nessuna delle due
  • Easy Rider o Fast and Furious?
    Easy Rider
  • Batman o Spiderman?
    Nessuna delle due
  • Invasione Zombie o invasione aliena?
    Invasione aliena
  • Chiamata o messaggio?
    Chiamata
  • Nostalgia o immaginazione?
    Entrambe
  • Essere mangiati da una tigre o da uno squalo?
    Tigre
  • Urlare o sussurrare?
    Urlare
  • Volare o saper leggere nella mente?
    Volare
  • Pieno o vuoto?
    Pieno
  • NY o LA?
    NY!!
  • 00s o 10s?
    00s
  • Gen Z o Millennials?
    Millennials
  • Instagram o TikTok?
    Instagram
  • Apple o Samsung?
    Apple
  • Bates Motel o Overlook Hotel?
    Bates motel
  • Ferro o pietra?
    Ferro
  • Mozart o Metallica?
    Mozart
Questo o quello, intervista ad Icy and Sot
Art
Questo o quello, intervista ad Icy and Sot
Questo o quello, intervista ad Icy and Sot
1 · 7
2 · 7
3 · 7
4 · 7
5 · 7
6 · 7
7 · 7
Come è andata l’inaugurazione di “Displacement” a Roma?

Come è andata l’inaugurazione di “Displacement” a Roma?

Tommaso Berra · 1 settimana fa · Art

Il 16 giugno negli spazi della galleria Contemporary Cluster a Roma è stata presentata la mostra “Displacement“, il progetto espositivo curato da Giacomo Guidi in collaborazione con Ginnika.
Il tema trattato nella mostra è quello del Post Vandalismo, una corrente che permette di definire un nuovo paesaggio artistico urbano, non per forza legato ai writer ma anche a espressioni più astratte e intangibili.
Nell’inaugurazione è emersa subito la sperimentazione tra i media e la cooperazione tra espressioni artistiche lontane che trovano un contatto diretto all’interno dello spazio espositivo, all’interno del quale i visitatori hanno potuto assistere all’evoluzione di un nuovo processo creativo.

Contemporary Cluster | Collater.al
Contemporary Cluster | Collater.al
Contemporary Cluster | Collater.al
Contemporary Cluster | Collater.al
Contemporary Cluster | Collater.al
Contemporary Cluster | Collater.al
Contemporary Cluster | Collater.al
Contemporary Cluster | Collater.al
Contemporary Cluster | Collater.al
Contemporary Cluster | Collater.al
Come è andata l’inaugurazione di “Displacement” a Roma?
Art
Come è andata l’inaugurazione di “Displacement” a Roma?
Come è andata l’inaugurazione di “Displacement” a Roma?
1 · 11
2 · 11
3 · 11
4 · 11
5 · 11
6 · 11
7 · 11
8 · 11
9 · 11
10 · 11
11 · 11