Chloë Sevigny è la skateboard icon che ci meritiamo

Chloë Sevigny è la skateboard icon che ci meritiamo

Anna Frattini · 2 settimane fa · Style

Nel 1999 Chloë Sevigny è Lana Tisdel in Boys Don’t Cry, un film iconico firmato da Kimberly Pierce. Ma il mito legato all’attrice nasce su Tumblr, uno dei social più in voga del decennio scorso. Il suo viso è uno dei più riconoscibili fra gli appassionati di pop culture anche grazie all’apparizione in Kids nel 1995. Ma ancora, in Will & Grace o – più recentemente – in American Horror Story e Bones and All. Insomma, il fascino di Chloë Sevigny resiste al passare del tempo. Oggi esce la sua nuova collab con Fucking Awesome aprendo un nuovo spiraglio per il womenswear nel mondo dello skateboard. In definitiva, Chloë Sevigny è la style icon che ci meritiamo. Da oggi anche per lo streetwear.

Come nasce la collaborazione skateboard con Fucking Awesome

La storia di questa collab inizia negli anni Duemila quando la foto sull’annuario delle scuole medie di Chloë Sevigny diventa virale mostrando una ragazza giovanissima che portava capelli cortissimi e un chocker. Tanto da attirare le attenzioni di Fucking Awesome già nel 2014, quando il brand di skateboard personalizza una quantità limitata di tavole con sopra la foto, ormai diventata famosissima. Il tutto su uno sfondo bubble pink. Ora, quasi 10 anni dopo, nasce una collaborazione che mette insieme minigonne plissettate e suggestioni skater con un tocco di stile preppy. Un mix irresistibile che riflette molto della personalità di Chloë Sevigny, senza però esagerare.

Chloë Sevigny

Sevigny ha già disegnato collezioni insieme a brand di questo tipo, a partire da Supreme e arrivando a Opening Ceremony. Non per niente, le tavole di Fucking Awesome in vendita su Ebay nel 2014 sono diventati oggetti di culto e vengono rilanciate insieme alla collezione in collaborazione con l’attrice.

Chloë Sevigny

Non la solita collab

La collezione verrà lanciata oggi sul sito di Fucking Awesome dando spazio non solo al womenswear ma anche a chiunque abbia voglia di indossare questi pezzi dal sapore preppy e un pò Tumblr. Ma questa collab sembra essere diversa da tutte quelle che vediamo in giro, fa parte di una storia ancora più curiosa nata dalla serie limitata di tavole da skateboard che ora tornano e che, ne siamo sicuri, andranno sold-out in poche ore.

Chloë Sevigny
Chloë Sevigny è la skateboard icon che ci meritiamo
Style
Chloë Sevigny è la skateboard icon che ci meritiamo
Chloë Sevigny è la skateboard icon che ci meritiamo
1 · 7
2 · 7
3 · 7
4 · 7
5 · 7
6 · 7
7 · 7
Gucci parla ANCORA al mondo dell’arte

Gucci parla ANCORA al mondo dell’arte

Giorgia Massari · 1 giorno fa · Art

Nel pieno della Milano Fashion Week, stiamo tutti aspettando il debutto di Sabato de Sarno come nuovo Direttore Creativo di Gucci. La casa di moda milanese continua il suo impegno con l’arte sfoderando un nuovo progetto: Gucci Prospettive. L’intenzione di proseguire il lavoro fatto per l’arte emergente da Alessandro Michele, viene portato avanti anche da De Sarno che sceglie il quartiere di Brera come luogo della sfilata, lasciando da parte il solito Gucci Hub. Nello specifico, la passerella verrà posizionata lungo le vie che circondano l’Accademia di Belle Arti, un’istituzione coinvolta anche nel progetto artistico in mostra in questi giorni. Insieme a De Sarno, infatti, l’Accademia ha selezionato quattro ex allievi oggi artisti emergenti di grande talento per esporre le loro opere in via Fiori Chiari 5. Ma scopriamo meglio di cosa si tratta.

Il progetto di De Sarno per Gucci Prospettive prevede la pubblicazione di una serie di volumi, ognuno dei quali accompagnerà ogni nuova collezione della maison, stimolando il dialogo tra la moda e l’arte. Il primo numero, dal titolo Milano Ancora, è stato presentato per la prima volta il 19 settembre, durante l’opening della mostra di via Fiori Chiari e contiene, tra le altre, le fotografie delle opere dei giovani artisti in mostra: Cristiano RizzoMartino SantoriNoura Tafeche e Valerio Eliogabalo Torrisi. La pubblicazione, curata da Stefano Collicelli Cagol, direttore del Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato, viene definita da De Sarno stesso come “una lettera d’amore a Milano“. Tra un’opera d’arte e l’altra, il numero racconta la storia artistico-culturale di Milano, sottolineando lo stretto legame che unisce Gucci verso la sua città. I giovani artisti scelti sono stati chiamati a raccontare la Milano della bellezza e della sensualità, andando oltre i racconti tradizionali e ricercando piuttosto nuovi livelli interpretativi.

L’inizio di De Sarno con la maison è senz’altro particolarmente intenso. Il suo amore viscerale e intimo con la città viene dichiarato anche attraverso l’uso della parola “Ancora” che rimanda a una sfera intima e sensuale. Siamo curiosi di vedere come Sabato De Sarno proseguirà il suo impegno di mantenere vivo il legame di Gucci con mondo dell’arte e quali strade prenderà questa nuova avventura per la maison.

Gucci parla ANCORA al mondo dell’arte
Art
Gucci parla ANCORA al mondo dell’arte
Gucci parla ANCORA al mondo dell’arte
1 · 10
2 · 10
3 · 10
4 · 10
5 · 10
6 · 10
7 · 10
8 · 10
9 · 10
10 · 10
Il duo street PichiAvo arriva a Milano

Il duo street PichiAvo arriva a Milano

Collater.al Contributors · 2 giorni fa · Art

Alla Galleria Wunderkammern di Milano arriva la mostra Diaspasis del duo di street artist PichiAvo, in apertura oggi 20 settembre fino al 21 ottobre. I due artisti valenciani sono noti per lo stile che fonde graffiti e arte classica. Curata da Giuseppe Pizzuto, la mostra rappresenta l’evoluzione dell’arte di PichiAvo. Insieme all’esplorazione estetica, il duo si concentra su un’indagine che guarda al potenziale dei materiali pur abbracciando un uso esplosivo dei colori. ‘Diaspasis’, una parola greca che significa ‘separazione’ e descrive la tecnica che i due hanno iniziato ad esplorare due anni fa. I PichiAvo dipingono con vernice spray, acrilici e olio su pannelli di cartongesso, che poi spezzano in frammenti multipli. La mostra presenterà oltre trenta opere, tra schizzi su carta e dipinti su cartongesso. Tutti con bordi irregolari realizzati quasi fossero sculture, spesso incorniciando soggetti dettagliati visti e fotografati in tutto il mondo. Li abbiamo incontrati per scoprire qualcosa di più.

PichiAvo, Cincinnati – USA (2022), Credits PichiAvo Studio

«Ogni opera è progettata per poter stare da sola o, in alcuni casi, far parte di un dittico o di un trittico», ci spiegano i due giovani artisti. Se da un lato traggono ispirazione da manufatti archeologici, spesso frammentari e dispersi in diversi musei nonostante appartengano allo stesso nucleo, dall’altro invitano anche i visitatori a giocare a un puzzle, ricostruendo storie e connessioni tra i soggetti all’interno dello spazio espositivo. Questi soggetti parlano della cultura mediterranea a cui apparteniamo e che il mito aiuta a trasmettere, in tutto il mondo, oltrepassando differenze linguistiche e religiose. Il mito ci unisce come esseri umani. «Di base, con il nostro lavoro invitiamo le persone a connettersi con il mondo del graffiti  e con quello della cultura classica, che è quello che noi siamo. Sempre con il nostro lavoro cerchiamo di rappresentare la nostra essenza. Sono dieci anni che abbiamo scoperto questo modo di esprimerci dove ci connettiamo col nostro passato e invitiamo la gente a collegarsi con il passato, che vive e che convive con loro ogni giorno.»

PichiAvo, Parvis de la Defense, Paris – France (2022), Credits Julie Montel

Il corpus di opere è stato anche concepito dagli artisti per regalare ai visitatori e ai collezionisti l’illusione di ammirare frammenti di interventi che PichiAvo crea di solito negli spazi urbani; il cartongesso riproduce gli effetti dei materiali e dei colori con cui gli artisti si scontrano frequentemente nella loro produzione all’aperto. In merito alla mostra in galleria, i PichiAvo ci hanno spiegato ciò che significa per loro: «Per noi come artisti, lavorare con una galleria di Milano è perfetto per la nostra connessione con lo stile greco-romano, si unisce e si nutre del nostro lavoro. Siamo sicuri che avere questa connessione con l’Italia possa funzionare molto bene. Lavorare in una galleria, abituati a lavorare in strada e in uno studio, fa in modo di arrivare a un pubblico che altrimenti non potremmo raggiungere ed è un’opportunità di presentare il nostro lavoro in maniera diversa.»

Chi sono PichiAvo?

PichiAvo è un duo composto da Juan Antonio (Pichi, 1977) e Álvaro (Avo, 1985). I due street artist si sono incontrati nel 2007 a Valencia e da allora hanno abbandonato le loro ricerche artistiche individuali a favore di una produzione unica caratterizzata da un approccio innovativo e dalla fusione equilibrata tra arte classica ed arte urbana. Riconosciuti per la loro capacità di unire pittura e scultura in contesti urbani. Il duo PichiAvo lavora anche in studio, esplorando una vasta gamma di materiali e tecniche pittoriche. La loro arte da’ vita a una mitologia urbana che unisce persone provenienti da diversi contesti sociali, tutte accomunate da un immaginario culturale classico comune e da un profondo legame umano.

PichiAvo, Grañen – Spain (2021), Credits PichiAvo Studio

Il murale realizzato per il North West Walls Festival in Belgio nel 2015 ha segnato l’inizio della loro carriera internazionale. Oggi PichiAvo vanta mostre in gallerie e presso il CCCC Centre del Carme Cultura Contemporània di Valencia. Sono stati coinvolti anche in prestigiosi progetti aziendali, come la collaborazione con Bulgari a Roma nel 2018. Ma non solo, hanno anche realizzato una scultura monumentale alta 26 metri per il festival delle Fallas a Valencia nel 2019. I murales di PichiAvo si trovano in tutto il mondo, in oltre 20 paesi.

PichiAvo, Diaspasis series (2023), Spray, acrylic and oil paint on drywall, 122 x 115 cm, Unique piece – detail, Credits PichiAvo Studio
Il duo street PichiAvo arriva a Milano
Art
Il duo street PichiAvo arriva a Milano
Il duo street PichiAvo arriva a Milano
1 · 6
2 · 6
3 · 6
4 · 6
5 · 6
6 · 6
La bellezza del desiderio in Yulia Zinshtein

La bellezza del desiderio in Yulia Zinshtein

Collater.al Contributors · 3 giorni fa · Art

L’immaginario artistico di Yulia Zinshtein conserva una vena nostalgica percepibile fin da un primo sguardo. Tra scene di un amore passato, attimi di attesa davanti a un telefono e momenti di sorellanza, l’artista e fotografa di origini ucraine – con base a New York – esplora temi come la bellezza del desiderio e le connessioni umane. Il suo linguaggio è semplice e giocoso. Il tratto infantile sottolinea la sfera effimera che racchiude le esperienze della vita. I suoi dipinti sono ricchi di colori vibranti e dettagli intricati che trascinano gli spettatori in un mondo di contemplazione e introspezione.

La storia di Yulia Zinshtein influenza inevitabilmente la sua ricerca. Nasce nel 1990 a Philadelphia da genitori ucraini, all’età di soli 10 anni la famiglia lasciò l’America per trasferirsi a Mosca. Questa rilocazione fondamentale segnò l’inizio di un complesso percorso di scoperta di sé e di espressione artistica. Crescere come “la russa a Philadelphia” e “l’americana a Mosca” ha lasciato un segno indelebile sulla sua identità. Invece di sentirsi un’outsider, Zinshtein ha abbracciato la sua posizione unica, utilizzandola come una fonte di ispirazione per la sua arte.

Zinshtein ha trovato conforto e connessione attraverso la sua arte. È diventata un modo per lei di forgiare un senso di appartenenza nei suoi contesti sempre mutevoli. Le sue creazioni sono una testimonianza del desiderio umano di stabilire radici e creare qualcosa di permanente in un mondo in cui tutto sembra effimero. Attraverso il suo lavoro, intreccia una narrazione di desiderio, un’emozione universale che risuona con persone di ogni estrazione.

Courtesy Yulia Zinshtein

La bellezza del desiderio in Yulia Zinshtein
Art
La bellezza del desiderio in Yulia Zinshtein
La bellezza del desiderio in Yulia Zinshtein
1 · 9
2 · 9
3 · 9
4 · 9
5 · 9
6 · 9
7 · 9
8 · 9
9 · 9
I collage sconcertanti di Abraxas

I collage sconcertanti di Abraxas

Giulia Guido · 5 giorni fa · Art

Ci avvolgono sconvolgendoci, a volte dando quasi fastidio allo sguardo, eppure non riusciamo a smetterli di guardarli. Sono i collage di Abraxas, nome d’arte di Davide Fossati.

Abraxas ha iniziato sperimentando con la pittura, il disegno e la scrittura e da poco più di un anno si è specializzato nella realizzazione di collage dal forte impatto visivo che giocano sulla moltiplicazione di dettagli del corpo umano, come gli occhi o le unghie, ma a volte si fa ispirare anche dal mondo animale. 

Replicando e sovrapponendo il dettaglio scelto, Abraxas compone delle immagini sature: non esistono spazi vuoti, come se l’artista volesse riempire il nostro sguardo senza darci una via di fuga e, in effetti, è proprio ciò che succede quando guardiamo i suoi lavori. 

Alcuni suoi collage ci spiazzano, vorremmo girare lo sguardo per non venire inghiottiti da decine di bocche aperte o da altrettanti corpi nudi che si fondono l’uno con l’altro, ma scopriamo di non esserne in grado. Addirittura avviciniamo l’immagine ai nostri occhi. 

Noi abbiamo selezionato solo alcuni dei lavori di Abraxas ma per scoprirne di più visitate il suo profilo Instagram

Leggi anche: Le sculture di Qimmy Shimmy attirano e repellono al tempo stesso

Abraxas
Abraxas
Abraxas
Abraxas
I collage sconcertanti di Abraxas
Art
I collage sconcertanti di Abraxas
I collage sconcertanti di Abraxas
1 · 8
2 · 8
3 · 8
4 · 8
5 · 8
6 · 8
7 · 8
8 · 8
Altri articoli che consigliamo