Tutti i capi della collezione PE19 Fred Perry x Miles Kane

Tutti i capi della collezione PE19 Fred Perry x Miles Kane

Giulia Pacciardi · 8 mesi fa · Style

Giunta alla terza stagione, la collezione Fred Perry x Miles Kane, l’eclettico cantante e chitarrista inglese fondatore dei The Little Flames, dei The Rascals e dei The Last Shadow Puppets, ora dedito alla sua carriera da solista, continua a essere la sintesi perfetta tra un’estetica rilassata e uno stile audace.

Una collezione che rispecchia la capacità di Fred Perry di saper influenzare generazioni di ribelli, musicisti, artisti e star dello sport, dando vita a dei capi capaci di diventare vere e proprie divise per gli amanti delle subculture.
Miles interpreta numerosi pezzi classici del brand ispirandosi ai suoi outfit da backstage, investendoli dell’allure anni ’70 fatto di tessuti lucenti e trame lussuose.
In collezione l’iconica polo “Fred Perry Shirt” interamente rivisitata, una camicia in stile bowling in tessuto floreale di Liberty Fabrics London, un bomber a due tasche nero, la tuta da ginnastica in tessuto tricot caratterizzato da dettagli oro e molto altro ancora.

Scoprite di più nella gallery che trovate qui sotto!

Tutti i capi della collezione PE19 Fred Perry x Miles Kane
Style
Tutti i capi della collezione PE19 Fred Perry x Miles Kane
Tutti i capi della collezione PE19 Fred Perry x Miles Kane
1 · 12
2 · 12
3 · 12
4 · 12
5 · 12
6 · 12
7 · 12
8 · 12
9 · 12
10 · 12
11 · 12
12 · 12
Scopri 8 Moncler Palm Angels, la collezione curata da Francesco Ragazzi

Scopri 8 Moncler Palm Angels, la collezione curata da Francesco Ragazzi

Giulia Guido · 8 mesi fa · Style

Esattamente un anno fa partiva il progetto Moncler Genius per il quale diversi creativi sono stati chiamati a interpretare personalmente il brand e, basandosi sulla loro visione, creare una collezione. 

Questo giugno è la volta di Francesco Ragazzi che, per il brand nato a Grenoble, ha realizzato 8 Moncler Palm Angels, da oggi, giovedì 6 giungo, disponibile nelle boutique Moncler e online. 

8 MONCLER PALM ANGELS francesco ragazzi | Collater.al

Francesco nasce a Milano e, dopo aver studiato a New York, nel 2011 dà inizio al progetto Palm Angels dal quale, qualche anno dopo nasce sia l’omonimo libro che racchiude fotografie che immortalano la realtà della skate culture di Los Angeles, sia una collezione d’abbigliamento, sempre incentrata sull’universo delle subculture. 

Per Moncler, Ragazzi ha reinterpretato in maniera unica e personale la filosofia del brand, dando vita a una collezione urbana che, a volte, fa un’occhiolino al punk e che entra in netto contrasto con l’ambiente della galleria d’arte, pulito e immacolato. Questa tendenza prende concretamente forma grazie alla scelta di materiali, come il nylon laminato che dona un effetto metallico al classico piumino Moncler. Allo stesso tempo vediamo anche un ampio utilizzo delle borchie a punta, di zip che diventano veri e propri accessori estetici, e una palette di colori brillanti che segue l’energia creativa dello stesso Ragazzi. 

Scoprite tutti i capi di cui si compone 8 Moncler Palm Angels nella nostra gallery.

8 MONCLER PALM ANGELS francesco ragazzi | Collater.al
8 MONCLER PALM ANGELS francesco ragazzi | Collater.al
8 MONCLER PALM ANGELS francesco ragazzi | Collater.al
8 MONCLER PALM ANGELS francesco ragazzi | Collater.al
8 MONCLER PALM ANGELS francesco ragazzi | Collater.al
8 MONCLER PALM ANGELS francesco ragazzi | Collater.al
8 MONCLER PALM ANGELS francesco ragazzi | Collater.al
8 MONCLER PALM ANGELS francesco ragazzi | Collater.al
8 MONCLER PALM ANGELS francesco ragazzi | Collater.al
8 MONCLER PALM ANGELS francesco ragazzi | Collater.al
8 MONCLER PALM ANGELS francesco ragazzi | Collater.al
8 MONCLER PALM ANGELS francesco ragazzi | Collater.al
8 MONCLER PALM ANGELS francesco ragazzi | Collater.al
8 MONCLER PALM ANGELS francesco ragazzi | Collater.al
8 MONCLER PALM ANGELS francesco ragazzi | Collater.al
8 MONCLER PALM ANGELS francesco ragazzi | Collater.al
8 MONCLER PALM ANGELS francesco ragazzi | Collater.al
8 MONCLER PALM ANGELS francesco ragazzi | Collater.al
8 MONCLER PALM ANGELS francesco ragazzi | Collater.al
Scopri 8 Moncler Palm Angels, la collezione curata da Francesco Ragazzi
Style
Scopri 8 Moncler Palm Angels, la collezione curata da Francesco Ragazzi
Scopri 8 Moncler Palm Angels, la collezione curata da Francesco Ragazzi
1 · 32
2 · 32
3 · 32
4 · 32
5 · 32
6 · 32
7 · 32
8 · 32
9 · 32
10 · 32
11 · 32
12 · 32
13 · 32
14 · 32
15 · 32
16 · 32
17 · 32
18 · 32
19 · 32
20 · 32
21 · 32
22 · 32
23 · 32
24 · 32
25 · 32
26 · 32
27 · 32
28 · 32
29 · 32
30 · 32
31 · 32
32 · 32
Federer vs Nadal, i due tennisti brillano nel video di ATP

Federer vs Nadal, i due tennisti brillano nel video di ATP

Giulia Guido · 8 mesi fa · Art, Style

Quando una delle due semifinali del Roland Garros vede Federer contro Nadal tutto il resto non conta più, non importano i nomi dei due tennisti che giocheranno l’altra semifinale, forse non importa neanche chi, alla fine, alzerà la coppa al cielo. 

Quello tra lo svizzero e lo spagnolo è uno scambio che dura da 15 anni e che continua ad affascinarci. Non serve essere un grande appassionato per capire che Federer vs Nadal è sempre un evento epocale e che per rispetto, un po’ per loro, un po’ per questo sport, un po’ per la storia, bisogna stare attaccati al televisore dall’inizio alla fine, dal riscaldamento a quando gli spalti si svuotano.

Era il 2004, quando Roger e Rafa si scontrarono. Dopo quel primo match ce ne sono stati altri 37 (su cui Nadal domina con 23 vittorie) e tra poche ore disputeranno il 39°. 

Alcuni danno per favorito lo spagnolo, altri sono convinti che il Re non deluderà neanche questa volta. 

Fatto sta che i due, sempre uno contro l’altro, hanno riscritto la storia del tennis moderno e, proprio per questo, ATP, l’Association of Tennis Professionals ha racchiuso in un video i loro momenti migliori, quelli che tutti ricordano, le loro vittorie e le loro sconfitte, i colpi impossibili, che guardandoli ci viene ancora da esultare. 

“If you can’t be excited about this one, you’re watching the wrong sport.”

federer vs nadal atp | Collater.al
federer vs nadal atp | Collater.al
federer vs nadal atp | Collater.al
federer vs nadal atp | Collater.al
Federer vs Nadal, i due tennisti brillano nel video di ATP
Art
Federer vs Nadal, i due tennisti brillano nel video di ATP
Federer vs Nadal, i due tennisti brillano nel video di ATP
1 · 5
2 · 5
3 · 5
4 · 5
5 · 5
Pride Month 2019, le capsule collection a favore della comunità LGBTQ+

Pride Month 2019, le capsule collection a favore della comunità LGBTQ+

Giulia Pacciardi · 8 mesi fa · Style

A dare vita all’iconico simbolo del Pride, la bandiera arcobaleno che colora intere giornate di manifestazioni in giro per il mondo, fu l’artista e attivista americano Gilbert Baker in occasione del gay pride di San Francisco del 25 giugno 1978.
A commissionargliela fu il politico Harvey Milk, militante del movimento di liberazione omosessuale, e il risultato fu una bandiera a 8 colori, oggi diventati 6, in cui ognuno ha il suo significato (rosa sesso, rosso vita, arancione salute, giallo luce del sole, verde natura, turchese arte, indaco armonia, violetto spiritualità.)

Oggi il lavoro di Gilbert Baker è forse il simbolo più riconosciuto della comunità LGBTQ+ mondiale e brand come Nike, adidas, Converse, Reebok, Ralph Lauren, Calvin Klein, Diesel, American Apparel, Balenciaga e Kipling si ispirano ai suoi colori per continuare a dare il loro sostegno a tutti gli individui, indipendentemente dalla loro identità di genere.

NIKE

Il colosso statunitense presenta il pack “BETRUE” 2019, una collezione di capi d’abbigliamento sportivi, accessori e, ovviamente, sneakers caratterizzati dai colori della bandiera.
Fra le sneaker troviamo le Air Max 720, le Air Tailwind 79, le Air Max 90, le Zoom Pegasus Turbo e le ciabatte Benassi JDI.
Ma non solo, Nike fornisce sostegno finanziario a 20 organizzazioni LGBTQ+, tra cui la GLBT Historical Society, l’Hetrick-Martin Institute, la National Gay Basketball Association e la You Can Play.

Converse

Converse sceglie, ancora una volta, i Glitter ma questa volta li colora di orgoglio. Le Chuck Taylor All Star sono un mix di scintillio e arcobaleni, ma è la linguetta ad accogliere l’elemento fondamentale della collezione, le date 1969-2019, ossia i 50 anni che segnano l’anniversario dai Moti di Stonewall, considerati un punto di svolta per i diritti della comunità LGBTQ+.

adidas

adidas lancia invece la capsule collection Love Unites, anch’essa una collezione di capi d’abbigliamento sportivi, accessori e sneakers tra cui annoveriamo le Continental 80, le Ozweego, le Nizza, le UltraBOOST 19, le Temper Run e le Adilette.

Reebok

Per il suo “Pride Pack” Reebok chiama in causa le Classic Leather, le Club C e le Freestyle Hi e tutte e 3 vengono investite dall’onda arcobaleno.

Ralph Lauren

Ralph Lauren colora il suo Polo Pony, l’iconico cavallino, ma non si ferma qui e decide di destinare il 50% dei ricavati alla Stonewall Community Foundation.

Calvin Klein

Anche Calvin Klein gioca con le vivaci cromie del Pride, ma oltre alla capsule collection Calvin Klein Pride, che comprende abbigliamento, accessori e underwear, lancia anche la campagna Nothing But Pride in #MYCALVINS.
I protagonisti? Indya Moore, Adrian Sotiris, Liam Daniels e Rozanne Verduin.

Diesel

Anche Diesel, come Ralph Lauren, trasforma il suo logo nel primo sostenitore del pride nella sua capsule collection 2019. Parte dei proventi andranno alla Stonewall Inn Gives Back Initiative.

American Apparel

Una capsule collection che comprende 3 item, di cui una già diventata famosa in passato.
La “Gay O.K.” t-shirt torna infatti protagonista di questa campagna insieme alla “They O.K., All Pronouns Welcome” e alla “Still here, Still queer”.

Balenciaga

Anche Demna Gvasalia, creative director di Balenciaga, si unisce alla lotta per i diritti della comunità LGBTQ+ e lancia la sua Ville XS rainbow-striped bag.

Kipling

Anche Kipling, il brand fondato ad Anversa nel 1987, si unisce alle celebrazioni e lancia la sua collezione Pride, parte della più grande New Classics, ossia una rivisitazione dei modelli di archivio del brand.
Inoltre la VF Corporation, azienda madre di Kipling, per il terzo anno consecutivo è stata riconosciuta come miglior ambiente lavorativo per tutti i membri delle comunità LGBTQI+.
Un arcobaleno reale che ha raggiunto il punteggio massimo nell’indice 2019 della Corporate Equality, indetto da Human Rights Campaign, la più grande fondazione LGBT degli Stati Uniti.

Visto che ci siete, date un occhio alla bellissima campagna di Ikea e all’iniziativa di Netlfix dello scorso anno.

Pride Month 2019, le capsule collection a favore della comunità LGBTQ+
Style
Pride Month 2019, le capsule collection a favore della comunità LGBTQ+
Pride Month 2019, le capsule collection a favore della comunità LGBTQ+
1 · 19
2 · 19
3 · 19
4 · 19
5 · 19
6 · 19
7 · 19
8 · 19
9 · 19
10 · 19
11 · 19
12 · 19
13 · 19
14 · 19
15 · 19
16 · 19
17 · 19
18 · 19
19 · 19
Jordan Brand collabora per la prima volta con un brand europeo, Patta

Jordan Brand collabora per la prima volta con un brand europeo, Patta

Collater.al Contributors · 7 mesi fa · Style

I pattern super colorati di Patta sono stati parte integrante per molti anni della label Nike e finalmente – così ci viene da dire – collaborano per la prima volta con Jordan “Jumpman” brand che, a sua volta, firma la prima collaborazione con un brand europeo.

Quest’anno verrà celebrato anche il 15esimo compleanno del marchio olandese che segna, insieme al colosso mondiale, i “three point” scegliendo l’iconica silhouette delle Air Jordan VII – che uscirà in due colorazioni – e realizzando anche un capsule collection, dai toni marrone e celeste, che fanno riferimento allo stile hip-hop di fine anni ’80 e che comprende una tracksuit, shorts, t-shirt e un boonie hat. I capi presentano un co-branding sul petto e lungo le manica della tracksuit.

Jordan Brand collabora per la prima volta con un brand europeo, Patta | Collater.al

I prodotti su cui abbiamo lavorato provengono direttamente da una breve clip Jordan di Barcellona 1992 che è diventata super famosa. Si tratta di un segmento in cui Michael passa davanti a un enorme cartellone pubblicitario di se stesso dove ha le scarpe, e quell’immagine è stata impressa per sempre nella mia memoria…era un’epoca d’oro per l’hip-hop. È stato un periodo importante per me, molti album a cui sono affezionato sono usciti tra il ’92 e il ’96. Esteticamente quegli anni avevano un rapporto così forte, colorato e connesso all’empowerment nero. La VII ha anche un riferimento all’Africa” dice Guillaume – uno dei co-fondatori – originario del Suriname cresciuto a Hertogenbosch vicino ad Amsterdam. La silhouette della scarpa fece, infatti, il suo debutto nel 1992, segnando un punto di trasformazione nella gioventù maschile che era soprattutto legato al basket e al lifestyle.

La prima colorway della sneaker – Shimmer/Mahogany Mink/Velvet Brown/Tough Red – è stata rilasciata il 23 aprile esclusivamente nel flagship di Amsterdam, mentre per la capsule c’è stato un flash drop il 18 maggio, ma se volete ancora averla a tutti i costi, non temete, dal 15 giugno tutti gli item saranno disponibili su SNKRS, sul sito ufficiale di Patta e presso selezionati retailers. In aggiunta ci sarà la seconda colorazione della scarpa che potrebbe essere: Icicle/Sequoia/River Rock/Light Crimson.

Sarà forse in occasione di questo bel traguardo che Edson Sabajo e Guillaume ‘Gee’ Schmidt hanno deciso di aprire un altro store, questa volta a Milano, nella capitale della moda italiana, a ridosso dell’uscita ufficiale della collaborazione. Cosa li avrà spinti a fare questa scelta? Forse per celebrare il loro compleanno? Restate connessi con noi per scoprirlo.

Testo di Elisa Scotti.

Jordan Brand collabora per la prima volta con un brand europeo, Patta
Style
Jordan Brand collabora per la prima volta con un brand europeo, Patta
Jordan Brand collabora per la prima volta con un brand europeo, Patta
1 · 13
2 · 13
3 · 13
4 · 13
5 · 13
6 · 13
7 · 13
8 · 13
9 · 13
10 · 13
11 · 13
12 · 13
13 · 13