Delicatezza e vulnerabilità negli scatti di Luce Lapadula

Buddy · 6 mesi fa

Guardando le fotografie di Luce Lapadula, @LuceLapadula, viene in mente la luce di settembre. Le sue immagini sono capaci di dipingere quel chiarore timido e caldo in grado di avvolgere ogni cosa e prepararci al primo brivido di freddo. E poi tutto sembra permeato da nostalgia, il ricordo di un luogo che non abbiamo vissuto, di una persona con cui non possiamo stare insieme.

Ha questo dono Luce: sa catturare la fragilità dei suoi soggetti, li spoglia di ogni maschera. E fa lo stesso anche con le immagini di paesaggi, scollandoli dalla realtà e portandoli in una dimensione di sogno.

Abbiamo avuto la fortuna di sentirla e farci raccontare il suo amore per la fotografia e l’arte. Buona lettura.

Delicatezza e vulnerabilità nella fotografia di Luce Lapadula | Collater.al

Come hai scoperto la fotografia? 

La fotografia ha sempre avuto un posto speciale per me, non c’è un evento o un momento specifico che mi ha portato a scoprirla. Fin da bambina ho sempre amato l’arte e ho iniziato a disegnare i ritratti della mia famiglia e dei miei amici con pastello, acquerello e inchiostro. Alle elementari e poi alle medie mi venne stato assegnato un compito: disegnare con l’inchiostro una serie di castelli della mia regione natale, la Basilicata, e se non ricordo male sono stati poi trasformati in adorabili libri.

La mia passione per l’arte visiva è cresciuta ancora di più durante le gite scolastiche. In effetti, compravo sempre le ultime, e all’epoca, le migliori fotocamere usa e getta per catturare i fantastici scenari storici e paesaggi mozzafiato. Solo poco tempo dopo ricevetti in regalo da mia madre la mia prima Kodak, una fotocamera con cui ho potuto sperimentare le nuove prospettive della fotografia e della videografia. Crescendo la mia passione è diventata ancora più viva con il fatto che miravo continuamente a migliorare la mia attrezzatura, e si è poi intensificata con il mio trasferimento a Londra.

La mia prima DSLR, una Canon 400d – un semplice regalo, ha davvero rafforzato la mia fiducia e la mia creatività in modi diversi. Mentre ero a Londra, ho anche iniziato a lavorare in gallerie d’arte che mi hanno continuamente ispirato e motivato a proseguire il mio percorso nella fotografia.

Avanti veloce di alcuni anni fino al 2017, anno in cui decido di fare della fotografia la mia principale impresa artistica. Ora, è lì che canalizzo tutto il mio tempo e la mia energia.

Cosa ti piace raccontare attraverso la fotografia?

Con i miei ritratti mi piace molto raccontare storie e trasmettere intimità attraverso semplici gesti tra il soggetto e ciò che io stessa sento in quel preciso momento. La delicatezza e la forza attraverso la vulnerabilità sono le anime delle mie immagini, poiché queste sono qualità che possediamo nel profondo… Non c’è forza senza vulnerabilità, e viceversa.

Quando si tratta di paesaggi invece, mi piace rivelare ciò che vedo intorno a me e ciò che vedo interiormente, le immagini vengono dell’unione tra i miei sogni e la mia realtà. I risultati sono scenari caldi e sognanti con la percezione dell’infinito.

Sono fedele ai toni, allo stile e all’estetica del mio lavoro, sia che realizzi ritratti o paesaggi.

Cosa è la femminilità per te?

Descrivo la femminilità come quelle caratteristiche gentili e aggraziate degli esseri umani.

Mi piace pensare che questa qualità, così come lo intendiamo, sia associata esclusivamente al genere femminile, perché l’estetica della donna è stata naturalmente ritenuta delicata. Ma la femminilità non si applica a, o include solo, le donne, ma tutti i sessi.

Le tue immagini riescono a raccontare con naturalezza momenti di reale intimità. Come riesci a catturarla?

Mi piace catturare momenti reali della vita quotidiana e creare scene da sogno che si proiettano dal mio mondo interiore; anzi, questo è ciò su cui mi concentrerò nei miei futuri progetti personali.

Catturare momenti di vera intimità mi viene naturale, i soggetti che scelgo sono ideali per raccontare le storie o i messaggi che voglio ritrarre attraverso le mie immagini. Le location hanno un impatto significativo sui soggetti nell’ottica di metterli a loro agio durante le riprese. Ogni location porterà la propria atmosfera al risultato finale del progetto.

Per lo più userò una casa tranquilla o uno spazio tranquillo nelle profondità di madre natura, dove l’intimità sarà perfettamente rappresentata.

Delicatezza e vulnerabilità nella fotografia di Luce Lapadula | Collater.al

Quali artisti hanno influenzato la tua ricerca?

Lavorare come agente di fine art, occuparmi di tutti i tipi di arte, ha avuto un’influenza ricca e diversificata sulla mia creatività. Direi che il Rinascimento è il luogo da cui traggo gran parte della mia ispirazione. Anche molti artisti contemporanei mi ispirano, come Marta Bevacqua, Cvatik e Alessio Albi, solo per citarne alcuni. In alternativa, i miei paesaggi sono motivati interamente dalla natura e dall’influenza del mio partner, che è anche un fotografo.

A cosa stai lavorando in questo momento? 

Sto lavorando per elevare il livello della mia fotografia di ritratto, per portarla al livello successivo. Poiché sento che il mio stile è rappresentativo di me stessa, adesso mi sento pronta ad andare avanti dopo anni di sperimentazione, con fiducia verso la mia visione e verso le storie che voglio raccontare. Incanalerò questa conoscenza in un progetto particolare che spero di mostrare più avanti.

Delicatezza e vulnerabilità nella fotografia di Luce Lapadula | Collater.al
Delicatezza e vulnerabilità nella fotografia di Luce Lapadula | Collater.al
Delicatezza e vulnerabilità nella fotografia di Luce Lapadula | Collater.al
Delicatezza e vulnerabilità nella fotografia di Luce Lapadula | Collater.al
Delicatezza e vulnerabilità nella fotografia di Luce Lapadula | Collater.al
Delicatezza e vulnerabilità nella fotografia di Luce Lapadula | Collater.al
Delicatezza e vulnerabilità negli scatti di Luce Lapadula
Photography
Delicatezza e vulnerabilità negli scatti di Luce Lapadula
Delicatezza e vulnerabilità negli scatti di Luce Lapadula
1 · 17
2 · 17
3 · 17
4 · 17
5 · 17
6 · 17
7 · 17
8 · 17
9 · 17
10 · 17
11 · 17
12 · 17
13 · 17
14 · 17
15 · 17
16 · 17
17 · 17