Dômes Charlevoix, un rifugio ecologico tra gli alberi

avatar
4 dicembre 2018

Dômes Charlevoix è un nuovo tipo di resort che offre la possibilità di godersi uno splendido soggiorno a stretto contatto con la natura.

Dômes Charlevoix è un nuovo concept di sistemazione turistica che consente di vivere un’esperienza di benessere a contatto con la natura. Il lussuoso eco-resort progettato da Bourgeois Lechasseur Architects si estende sulle montagne di Petite-Rivière-Saint-François nel Quebec e si affaccia sul fiume San Lorenzo. Da lontano è possibile ammirare tre cupole bianche, che in parte sembrano ricordare la forma di un igloo: questi edifici sono stati progettati per essere a basso impatto ambientale.

La realizzazione dei rifugi è avvenuta fuori sede, solo successivamente i prefabbricati sono stati adattati in perfetta armonia all’ambiente circostante. Il comfort è assicurato dal particolare rivestimento in PVC, dalle stufe a legna e dal pavimento riscaldato; in questo modo i turisti potranno godersi una rilassante vacanza, nonostante le rigide temperature del Canada. Nel dettaglio, le strutture sono composte da un posto letto, un bagno e una cucina, mentre al piano di sopra troviamo uno spazio loft e una seconda camera da letto matrimoniale ed infine, per concludere, all’esterno ci si può rilassare facendo un bagno nella vasca idromassaggio, mentre si ammira il panorama.

Trovi tutte le info sul sito di Dômes Charlevoix e di Bourgeois Lechasseur Architects.

Dômes Charlevoix, un rifugio ecologico tra gli alberi | Collater.al Dômes Charlevoix, un rifugio ecologico tra gli alberi | Collater.al Dômes Charlevoix, un rifugio ecologico tra gli alberi | Collater.alDômes Charlevoix, un rifugio ecologico tra gli alberi | Collater.al   Dômes Charlevoix, un rifugio ecologico tra gli alberi | Collater.alDômes Charlevoix, un rifugio ecologico tra gli alberi | Collater.al Dômes Charlevoix, un rifugio ecologico tra gli alberi | Collater.al

Newsletter

Keep up to date!
Receive the latest news about art, music, design, creativity and street culture.
Share