Le donne accartocciate di Jillian Evelyn

Le donne accartocciate di Jillian Evelyn

Giulia Pacciardi · 2 anni fa · Art

Jillian Evelyn è un’artista con base a Los Angeles i cui dipinti sono un mix di sensazioni, sentimenti e storie del passato.
Tutto nei suoi quadri appartiene alle sue memorie e alle sue esperienze, in particolare una storia d’amore finita male e la modalità con cui usa il colore.

I suoi protagonisti più ricorrenti sono i corpi femminili nudi, accartocciati, piegati, spinti verso il basso da una forza invisibile che rappresenta le pressioni della società e le aspettative opprimenti che ci controllano.
Nei suoi quadri c’è una forte sensazione di claustrofobia che costringe i corpi a non utilizzare lo spazio, a rimanere feriti in un piccolo angolo, sensazione che viene leggermente mitigata solo dai toni forti e accesi che creano il contrasto.

I lavori di Jillian combattono spesso contro la censura che, più interessata al nudo che al significato, le blocca spesso i contenuti della sua pagina considerati Not Safe For Work.

Le donne accartocciate di Jillian Evelyn
Art
Le donne accartocciate di Jillian Evelyn
Le donne accartocciate di Jillian Evelyn
1 · 18
2 · 18
3 · 18
4 · 18
5 · 18
6 · 18
7 · 18
8 · 18
9 · 18
10 · 18
11 · 18
12 · 18
13 · 18
14 · 18
15 · 18
16 · 18
17 · 18
18 · 18
È uscito il teaser di Loro l’ultimo film di Paolo Sorrentino

È uscito il teaser di Loro l’ultimo film di Paolo Sorrentino

Andrea Jean Varraud · 2 anni fa · Art

Recentemente è uscito il teaser trailer di Loro, il nuovo film di Sorrentino che parlerà nientemeno che dei Berlusconi. Ovviamente sono passate poche ore prima che il regista diventasse bersaglio di molte polemiche, tra le quali una possibile querela. Chiaramente è ancora presto per farsi un’opinione, persino, per lo staff legale del premier. Certo, sicuramente l’idea non è delle più originali (ricordiamo il Caimano di Nanni Moretti) ma che ci piaccia o no, Berlusconi è ormai un personaggio pop italiano e non solo, e pare quasi inevitabile dedicargli più di una pellicola. Per adesso sappiamo molto poco, abbiamo solo qualche immagine condita da qualche parola.

“Cosa ti aspettavi, di poter essere l’uomo più ricco del paese, di fare il premier e che anche tutti ti amassero alla follia?”

Ciò che sappiamo con assoluta certezza è che ad interpretare l’ex premier sarà Toni Servillo, che già l’abbiamo visto recitare nei panni di Andreotti,  sempre sotto la direzione del regista italiano ne Il Divo, film che si aggiudicò il gran premio della giuria a Cannes.

Visivamente, anche dalle poche immagini che abbiamo, è lampante che Loro è una creatura di Sorrentino, ma soprattutto si percepisce facilmente la mano di Bigazzi alla fotografia, che ha accompagnato il regista in quasi tutti i suoi più grandi successi, definendone l’estetica sorrentiniana nota al mondo interno.

Con tutta probabilità il film verrà  presentato al festival di Cannes che si terrà i primi di Maggio e con un po’ di speranza potremo gustarcelo poco dopo.

 

È uscito il teaser di Loro l’ultimo film di Paolo Sorrentino
Art
È uscito il teaser di Loro l’ultimo film di Paolo Sorrentino
È uscito il teaser di Loro l’ultimo film di Paolo Sorrentino
1 · 1
Short video for Breakfast – Ecco il trailer di La nostra storia, il corto animato sulle migrazioni

Short video for Breakfast – Ecco il trailer di La nostra storia, il corto animato sulle migrazioni

Giulia Pacciardi · 2 anni fa · Art

“La scelta di partire sembrava l’unica strada per sopravvivere”, racconta la voce narrante di La nostra storia, un corto animato scritto e diretto da Lorenzo Latrofa sul delicato tema delle migrazioni.

Una storia come tante, di quelle che sentiamo spesso.

“L’emigrazione è un territorio comune che ci ha visto tutti protagonisti. Le storie degli emigranti di oggi sono le storie del nostro passato.”

La nostra storia, di cui design e direzione artistica sono di Massimiliano di Lauro, e l’animazione di Giovanni Braggio, ripercorre le storie di due viaggi diversi e lo fa affidandone una alle immagini ed una alle parole.
Le prime raccontano un viaggio dei giorni nostri, dall’Africa all’Italia, la voce narrante racconta invece quello di un uomo costretto a scappare subito dopo la Seconda Guerra Mondiale.

Due storie identiche, ambientate in due periodi diversi i cui protagonisti, per quanto si possa dire, sono esattamente gli stessi.

Short video for Breakfast – Ecco il trailer di La nostra storia, il corto animato sulle migrazioni
Art
Short video for Breakfast – Ecco il trailer di La nostra storia, il corto animato sulle migrazioni
Short video for Breakfast – Ecco il trailer di La nostra storia, il corto animato sulle migrazioni
1 · 2
2 · 2
Rainbow Roads, le strade arcobaleno di Daniel Mercadante

Rainbow Roads, le strade arcobaleno di Daniel Mercadante

Giulia Ficicchia · 2 anni fa · Art

Daniel e Katina sono i The Mercadantes, una coppia di creativi a dir poco speciale di cui vi avevamo già raccontato le proprie meraviglie qui e qui.

Recentemente la componente maschile della coppia ha deciso di dare vita ad un piccolo progetto fotografico ancora in divenire, Rainbow Roads: nelle foto di Daniel, scie luminose dai colori arcobaleno diventano strade impossibili da non notare nel bel mezzo di luoghi naturali immersi nell’oscurità della notte.

Difficile dire dove ci potrebbero portare, più facile ammettere che la tentazione di scoprirlo è tanta.

Rainbow Roads, le strade arcobaleno di Daniel Mercadante
Art
Rainbow Roads, le strade arcobaleno di Daniel Mercadante
Rainbow Roads, le strade arcobaleno di Daniel Mercadante
1 · 11
2 · 11
3 · 11
4 · 11
5 · 11
6 · 11
7 · 11
8 · 11
9 · 11
10 · 11
11 · 11
Free Zehra, il nuovo murales di Banksy contro la censura turca

Free Zehra, il nuovo murales di Banksy contro la censura turca

Giulia Pacciardi · 2 anni fa · Art

Dopo aver espresso la sua opinione su argomenti come la Brexit o la questione israelopalestinese, Banksy torna a New York con Free Zehra, e lo fa all’angolo tra Houston Street e Bowery, strada famosa per essere già stata meta di artisti come JR e Keith Haring.

La nuova opera, nata dalla collaborazione con lo street artist Borf, è lunga ben 21 metri ed affronta, ancora una volta, un tema molto caldo, la censura turca.
I due artisti, infatti, dedicano il murales all’artista e giornalista Zehra Dogan, in carcere da Marzo 2016, dove dovrà rimanere ancora per due anni, per aver ritratto la bandiera turca sulle macerie della città distrutta di Nusaybin.

Un post condiviso da zehra doğan (@jinhazehradogan) in data:

Un murales di immediata comprensione che rappresenta i giorni che l’artista ha già passato in carcere e che, nonostante imprigionata dietro delle sbarre, tiene stretta in mano la sua matita.

“I really feel for her. I’ve painted things much more worthy of a custodial sentence,”
 ha dichiarato Banksy al New York Times.

Free Zehra, il nuovo murales di Banksy contro la censura turca | Collater.al 4 Free Zehra, il nuovo murales di Banksy contro la censura turca | Collater.al 3 Free Zehra, il nuovo murales di Banksy contro la censura turca | Collater.al 1 Free Zehra, il nuovo murales di Banksy contro la censura turca | Collater.al 2

Free Zehra, il nuovo murales di Banksy contro la censura turca
Art
Free Zehra, il nuovo murales di Banksy contro la censura turca
Free Zehra, il nuovo murales di Banksy contro la censura turca
1 · 4
2 · 4
3 · 4
4 · 4