Le emoji reali di Matthieu Lavanchy

Le emoji reali di Matthieu Lavanchy

Giulia Ficicchia · 2 anni fa · Photography

Le emoji fanno parte di quella categoria di cose che mettono d’accordo tutti, più o meno. Sono carine, simpatiche, utili quando non si ha voglia di essere prolissi e ovviamente colorate.

Il fotografo svizzero, Matthieu Lavanchy è stato ingaggiato dal food magazine The Gourmand, per dare vita alla copertina del loro decimo numero: su sfondi monocolore dai toni accesi, melanzane, banane e altri cibi che non solo spesso mangiamo, ma digitiamo sulla nostra tastiera, diventano soggetti di meravigliosi scatti, che dimostrano tutta la passione dell’autore nei confronti della fotografia still-life.

Fame?

Le emoji reali di Matthieu Lavanchy | Collater.al 4

Le emoji reali di Matthieu Lavanchy | Collater.al 7

Le emoji reali di Matthieu Lavanchy | Collater.al 5

Le emoji reali di Matthieu Lavanchy | Collater.al 6

Le emoji reali di Matthieu Lavanchy
Photography
Le emoji reali di Matthieu Lavanchy
Le emoji reali di Matthieu Lavanchy
1 · 6
2 · 6
3 · 6
4 · 6
5 · 6
6 · 6
Andreas Levers e la città vista di notte

Andreas Levers e la città vista di notte

Giulia Guido · 4 giorni fa · Photography

Mentre tutti fotografano lui lavora, mentre tutti dormono lui fotografa. Sto parlando di Andreas Levers, fotografo con sede a Potsdam che trascorre le notti tra le strade della città cercando di immortalare il loro lato più misterioso e cupo. Non è la prima volta che parliamo della sua serie At Night, ma dopo tre anni siamo stati molto contenti di scoprire che Andreas non si sia stancato di questo magico soggetto e che abbia continuato a scattare. 

Le notti che più attirano il fotografo sono quelle buie, fredde, in cui la nebbia si abbassa e copre gli ultimi piani dei grattacieli e permette di vedere solo ciò che ci sta veramente vicino. Il resto rimane un mistero, amplificato dalle luci bianche dei lampioni e dei neon, incapaci di trapassare la foschia. 

Ma mentre la luce, per forza di cose, non riesce a svelarci cosa c’è oltre il visibile, la nostra mente ha già intrapreso un viaggio fantastico: anche noi come Andreas Levers camminiamo nell’oscurità, cercando di non farci vedere, come se stessimo seguendo qualcuno, o come se qualcuno ci stesse seguendo. 

La calma, la consapevolezza di essere soli, gli unici svegli ci avvolge e ci accompagna ancora una volta in scenari che non perdono mai il loro fascino. 

Noi speriamo che At Night non finisca mai, che come noi non vediamo l’ora di vedere la prossima foto, Andreas Levers non veda l’ora di scendere per strada, quando la città si addormenta e la magia diventa realtà. 

Scopri i nuovi scatti della serie fotografica At Night qui sotto e per rimanere sempre aggiornato sui lavori di Andreas Levers vai sul suo sito e seguilo su Instagram

Andreas Levers e la città vista di notte
Photography
Andreas Levers e la città vista di notte
Andreas Levers e la città vista di notte
1 · 15
2 · 15
3 · 15
4 · 15
5 · 15
6 · 15
7 · 15
8 · 15
9 · 15
10 · 15
11 · 15
12 · 15
13 · 15
14 · 15
15 · 15
Cinematography – Grand Budapest Hotel

Cinematography – Grand Budapest Hotel

Giordana Bonanno · 3 giorni fa · Photography

Venerdì è arrivato, di nuovo, e anche questo fine settimana avremo del tempo da dedicare al nostro hobby preferito: guardare un film. Se siete a corto di idee non preoccupatevi, non perderete tempo neanche questa volta perché abbiamo già scelto Grand Budapest Hotel, film che più o meno tutti abbiamo visto una volta nella vita, ma riguardarlo una seconda è sempre meglio.

È sicuramente il film più intricato e interessante di Wes Anderson e molto probabilmente anche il capolavoro estetico e narrativo del regista. Ha ottenuto ben nove nomination agli Oscar del 2015, trionfando nelle categorie “Miglior costumi”, “Migliore scenografia”, “Miglior trucco” e “Migliore colonna sonora”; ai Globe, invece, il film si aggiudicò la vittoria come “Miglior film commedia o musicale”.

(Ancora indecisi se guardarlo o meno?)

La storia è sicuramente bizzarra come i personaggi che ne fanno parte, talvolta anche così intricata che sembra impossibile uscirne, eppure niente è impossibile dentro quel misterioso Hotel in cui tutto è sospeso in un mondo surreale.

Wes, insieme al direttore della fotografia Robert Yeoman, costruisce ogni singola scena tenendo conto dei dettagli più impercettibili al fine di produrre immagini perfette anche in pausa e qui le scelte cromatiche sono il suo forte, tutti i film hanno infatti una palette di riferimento così da conquistare memorabilità tra i ricordi di chiunque li abbia già visti.

I colori giocano un ruolo importante dal momento che determinano due tipologie di scene: per quelle armoniche e tranquille prevale la selezione di colori tenui e pastello, mentre quelle incalzanti e stranianti appaiono sotto forti accostamenti cromatici. Inutile dire che la fotografia rappresenta l’elemento chiave nella realizzazione cinematografica e inutile anche dire che in questo Wes è il maestro.

Non c’è dubbio: il suo immaginario estetico ed artistico è unico, ma c’è chi, lasciandosi ispirare, ha costruito il proprio lavoro fotografico su una scelta cromatica e un’inquadratura ai limiti della precisione. È il caso di Teresa Freitas, giovane fotografa portoghese che attraverso i suoi scatti ci mostra scene comuni con un’attenzione meticolosa per gli elementi che le costruiscono, proponendo qualcosa che forse abbiamo già visto ma mai attraverso questa prospettiva.

Lo sapevi che: per le riprese esterne dell’hotel Wes utilizzò un modello in scala di 3 metri d’altezza, fatto interamente a mano, perché se questo fosse stato realizzato al computer, nell’idea del regista, sarebbe apparso al pubblico troppo sfalsato rispetto alla realtà.

Film: Comedy
Director: Wes Anderson
Writers: Stefan Zweig (inspired by the writings of), Wes Anderson (screenplay)
Stars: Ralph Fiennes, F. Murray Abraham, Mathieu Amalric

Cinematography – Grand Budapest Hotel
Photography
Cinematography – Grand Budapest Hotel
Cinematography – Grand Budapest Hotel
1 · 15
2 · 15
3 · 15
4 · 15
5 · 15
6 · 15
7 · 15
8 · 15
9 · 15
10 · 15
11 · 15
12 · 15
13 · 15
14 · 15
15 · 15
Londra in lockdown, le foto di Jan Enkelmann

Londra in lockdown, le foto di Jan Enkelmann

Emanuele D'Angelo · 3 giorni fa · Photography

Quando pensiamo a Londra, pensiamo a una città dai ritmi caotici, frenetica e instancabile, come ogni capitale moderna che si rispetti. A causa della pandemia però tutto si è fermato di colpo, improvvisamente.
Il primo ministro Boris Johnson, seguendo le orme dei suoi illustri colleghi in tutto il mondo ha congelato, ha bloccato l’intera città almeno fino a giugno, in attesa che la curva di contagio decresca.

Il fotografo inglese Jan Enkelmann ha deciso di documentare l’assordante silenzio della sua città, mai visto prima d’ora.
Così il 23 marzo, la sera in cui è stato annunciato il lockdown, il fotografo è salito in sella alla sua bici per ammirare Londra deserta, mai vista così in 20 anni della sua vita. Qualche settimana dopo, ha portato con sé la sua macchina fotografica e ha deciso di immortalare tutto.

Come molti altri mi sono sentito obbligato a documentare la mancanza di persone in luoghi solitamente affollati. Ma guardando il set di immagini che ho realizzato nelle ultime settimane, sento che questo progetto ha preso vita. Forse queste foto non riguardano tanto la mancanza di presenza umana quanto piuttosto la quiete di una città che si lascia respirare per rivelare una bellezza che spesso passa inosservata.

Londra in lockdown, le foto di Jan Enkelmann
Photography
Londra in lockdown, le foto di Jan Enkelmann
Londra in lockdown, le foto di Jan Enkelmann
1 · 10
2 · 10
3 · 10
4 · 10
5 · 10
6 · 10
7 · 10
8 · 10
9 · 10
10 · 10
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram

InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram

Giulia Guido · 3 giorni fa · Photography

Ogni giorno, sul nostro profilo Instagram, vi chiediamo di condividere con noi le vostre immagini e fotografie più belle. 
Per la raccolta InstHunt di questa settimana abbiamo selezionato le vostre 10 migliori proposte: @davidecannavo, @carla_sutera_sardo, @eyepyre, @m_streetphoto, @kei_scampa, @_hartemis, @matteotriola, @userid019, @wonmin.9, @erikaconlaci.

Tagga @collateral.photo per essere selezionato e pubblicato nel prossimo numero di InstHunt.

View this post on Instagram

Broken nature Model: @mai_stanca

A post shared by Kei Scampa (@kei_scampa) on

View this post on Instagram

💦

A post shared by 최원민 WonMin Choi (@wonmin.9) on

InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
Photography
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
1 · 2
2 · 2
Altri articoli che consigliamo