Everlasting, Annabel Oosteweeghel trasforma un bungalow disabitato in una storia anni sessanta

avatar
17 Ottobre 2017

La fotografa Annabel Oosteweeghel, per il suo ultimo progetto Everlasting, immagina la storia di un'anziana coppia ambientata in un bungalow anni sessanta.

Un giorno, quasi per caso, la fotografa olandese Annabel Oosteweeghel, appena trasferita da Amsterdam nella piccola località di Noordwijk, fa una meravigliosa scoperta: un bungalow disabitato arredato in pieno stile anni sessanta.

Nasce così Everlasting , un racconto visivo in cui la giovane fotografa immagina la vita di un’anziana coppia ferma nel tempo.

Per i due anziani protagonisti il tempo sembra scorrere lento e silenzioso in quel magico luogo definito dall’artista come come il set cinematografico perfetto, mettendo così in scena una narrazione fatta di immagini che mantengono l’autenticità dei colori e lo stile retrò di quell’epoca.

Everlasting, Annabel Oosteweeghel trasforma un bungalow disabitato in una storia anni ’60 | Collater.al 1 Everlasting, Annabel Oosteweeghel trasforma un bungalow disabitato in una storia anni ’60 | Collater.al 2 Everlasting, Annabel Oosteweeghel trasforma un bungalow disabitato in una storia anni ’60 | Collater.al 3 Everlasting, Annabel Oosteweeghel trasforma un bungalow disabitato in una storia anni ’60 | Collater.al 4 Everlasting, Annabel Oosteweeghel trasforma un bungalow disabitato in una storia anni ’60 | Collater.al 5 Everlasting, Annabel Oosteweeghel trasforma un bungalow disabitato in una storia anni ’60 | Collater.al 6 Everlasting, Annabel Oosteweeghel trasforma un bungalow disabitato in una storia anni ’60 | Collater.al 7 Everlasting, Annabel Oosteweeghel trasforma un bungalow disabitato in una storia anni ’60 | Collater.al 8 Everlasting, Annabel Oosteweeghel trasforma un bungalow disabitato in una storia anni ’60 | Collater.al 9 Everlasting, Annabel Oosteweeghel trasforma un bungalow disabitato in una storia anni ’60 | Collater.al 10

Newsletter

Keep up to date!
Receive the latest news about art, music, design, creativity and street culture.
Share