Fintan Magee, murales spettacolari ed iperrealistici

Fintan Magee, murales spettacolari ed iperrealistici

Claudia Fuggetti · 11 mesi fa · Art

L’artista Fintan Magee è nato in Australia nel 1985 a Lismore ed oggi è considerato uno degli street artist più talentuosi al mondo. Cresciuto a Brisbane, era già famosissimo nella scena street ancor prima di aver conseguito la laurea in belle arti. La sua storia è quella del classico bambino prodigio, che però a differenza di molti altri, è stato fortemente sostenuto dalla sua famiglia che ha sempre incoraggiato la sua inclinazione artistica.

Oltre all’innegabile abilità di Fintan nel saper rendere con grande credibilità e realismo ogni immagine, lui stesso ha definito il focus dei suoi lavori così:

Il mio compito è esplorare la perdita, la memoria e mostrare come nell’ambiente si può creare una nuova realtà alla quale siamo abituati. Amo dipingere per strada, perché l’arte si integra con la quotidianità stimolando la gente ad avere un parere su questa”.

L’arte di strada diventa il mezzo più potente per veicolare messaggi, per staccare la spina dalla realtà e soprattutto, per riflettere: all’artista interessano infatti temi ed argomenti d’attualità, potenziati dal suo stile figurativo che ha la caratteristica di essere concepito su larga scala.

Segui Fintan Magee su Instagram qui e non perderti la nostra gallery.

Fintan Magee, murales spettacolari ed iperrealistici | Collater.al
Fintan Magee, murales spettacolari ed iperrealistici | Collater.al
Fintan Magee, murales spettacolari ed iperrealistici | Collater.al
Fintan Magee, murales spettacolari ed iperrealistici | Collater.al
Fintan Magee, murales spettacolari ed iperrealistici | Collater.al
Fintan Magee, murales spettacolari ed iperrealistici | Collater.al
Fintan Magee, murales spettacolari ed iperrealistici
Art
Fintan Magee, murales spettacolari ed iperrealistici
Fintan Magee, murales spettacolari ed iperrealistici
1 · 12
2 · 12
3 · 12
4 · 12
5 · 12
6 · 12
7 · 12
8 · 12
9 · 12
10 · 12
11 · 12
12 · 12
Netflix: gli imperdibili di luglio 2019

Netflix: gli imperdibili di luglio 2019

Giulia Guido · 11 mesi fa · Art

Luglio sta per iniziare e ci sembra doveroso dare un’occhiata alle serie tv e ai film che Netflix ha da offrirci e che guarderemo durante l’estate.

The Last Czars: due anni fa si era iniziato a parlare di una serie che raccontasse le vicende della famiglia reale russa, poi, dopo una serie di indiscrezioni, il silenzio, solo poche settimane fa è arrivata la conferma di Netflix. The Last Czars sarà una docu-serie che in 6 episodi ripercorrerà gli eventi che portarono all’abdicazione dello Zar Nicola II, padre della famosa Anastasia, e alla successiva rivoluzione di febbraio, nel 1918. 

Le aspettative per questa docu-serie sono molto alte, visto anche il successo di un’altro show incentrato sulla storia di una famiglia reale, The Crown

The Last Czars sarà disponibile dal 3 luglio

Stranger Things 3: questa è forse la serie tv originale Netflix più attesa dell’anno. In questa terza stagione i protagonisti stanno crescendo e affrontando l’adolescenza, stanno consolidando la loro amicizia e attraversando i primi innamoramenti. Nonostante l’estate e la spensieratezza, a Hawkins il male non finisce, ma cambia. Così Undici e i suoi amici saranno costretti a combattere contro nuove e terrificanti minacce. 

Tutti gli 8 episodi di Stranger Things 3 saranno disponibili a partire dal 4 luglio

La Casa di Carta – parte 3: La serie tv spagnola è, con Stranger Things, il prodotto di punta della piattaforma streaming. Proprio per questo motivo non poteva finire con un semplice viscere tutti felici, contenti e milionari. In fondo, se hai appena fatto una rapina da un miliardo di euro non puoi pensare di farla franca molto facilmente. 

Per ora sappiamo che Rio verrà catturato dalla polizia e, per salvarlo, la banda del Professore si riunirà. Ci saranno volti nuovi, ma ritroveremo anche qualche vecchio amico. 

La Casa di Carta parte 3 conterà 8 episodi che saranno disponibili dal 19 luglio

Orange is the New Black: Con luglio 2019 si chiude una delle prime produzioni Netflix che negli anni ha fatto incetta sia di consensi che di premi. La sesta stagione si era chiusa con Piper che usciva dal carcere di massima sicurezza, quindi nella prossima la vedremo affrontare il ritorno alla vita mentre, ovviamente, all’interno della prigione la quotidianità va avanti senza di lei. Ci aspettiamo che tutte le vicende, sia la sua che quella di Alex, di Taystee e Cindy e delle altre ragazze si chiudano al meglio, o almeno come vorremmo.

La stagione finale di Orange is the New Black uscirà il 26 luglio

Kengan Ashura: Se non siete ancora convinti e i vostri gusti non sono così mainstream, per la fine del mese Netflix ha in serbo una vera chicca. La serie anime è ispirata alla serie di fumetti pubblicata in Giappone in 27 volumi. Il protagonista è Tokita Ouma, soprannominato Ashura, e durante gli episodi seguiamo le sue avventure e le imprese contro temibili avversari. 

Se non siete mai stati amanti del genere, probabilmente Kengan Ashura riuscirà a farvi cambiare idea. La prima stagione sarà disponibile dal 31 luglio

Netflix: gli imperdibili di luglio 2019
Art
Netflix: gli imperdibili di luglio 2019
Netflix: gli imperdibili di luglio 2019
1 · 2
2 · 2
Gli Architects of Air progettano strutture che giocano con l’aria e con la luce

Gli Architects of Air progettano strutture che giocano con l’aria e con la luce

Collater.al Contributors · 11 mesi fa · Art

Il suo nome è Daedalum – il nome viene da Dedalo, l’uomo che costruì il labirinto di Minosse nel mito greco – ed è composto da 19 cupole a forma di uovo interconnesse e realizzate in materiale traslucido. La struttura è stata installata al Royal Albert Dock, a Londra, dal 21 al 23 giugno, in occasione del Greenwich + Docklands International Festival. Il labirinto degli “Architetti dell’Aria” – Alan Parkinson e Meko – è costruito con una varietà di materiali traslucidi di diversi colori per creare un gioco tra pieni di luce e vuoti di buio davvero sensazionale.

“Progetto le strutture per creare un incontro particolare con il fenomeno della luce, progetto un’architettura per incoraggiare il senso di meraviglia”

Ogni opera è connessa all’altra, in quella precedente viene lasciato un indizio legato a quella successiva, come in questo caso. Alan Parkinson ha una predilezione per l’architettura islamica e ai solidi geometrici.

I visitatori si tolgono le scarpe e si affacciano alla struttura tramite una camera d’aria. Lungo 47 metri e largo 31 metri, si apre con due strutture più grandi rispetto a quelle successive, poi si arriva a una serie di cupole e gallerie di varie dimensioni ma più piccole. The Tree appare come una pila di bolle che si intersecano sopra le teste dei visitatori.

La cupola principale è sormontata da un disegno di 600 pezzi di tessuto. Progettato per creare giochi di colori all’interno di essere mentre il sole si sposta durante la giornata. C’è una forte ispirazione al Pantheon di Roma e al disegno degli angeli di Gustave Doré nel paradiso di Dante.

Alan Parkinson ritiene che la costruzione di strutture gonfiabili temporanee gli permetta di esplorare ciò che l’architettura vuole essere, pur dovendo affrontare questioni pratiche che i progetti puramente teorici non hanno, per questo numerosi progettisti di tutto il mondo stanno esplorando il potenziale dell’architettura gonfiabile.

Testo di Elisa Scotti

Gli Architects of Air progettano strutture che giocano con l’aria e con la luce
Art
Gli Architects of Air progettano strutture che giocano con l’aria e con la luce
Gli Architects of Air progettano strutture che giocano con l’aria e con la luce
1 · 8
2 · 8
3 · 8
4 · 8
5 · 8
6 · 8
7 · 8
8 · 8
Tatuaggi per architetti

Tatuaggi per architetti

Collater.al Contributors · 11 mesi fa · Art

Si chiama Lukas Feireiss, è un curatore tedesco e nel 2015 insieme al tatuatore spagnolo Javier Rodriguez si è inventato “Tattoo For Architects”.
Dopo molti anni di “tatuaggio = tabù” nel mondo dell’architettura è arrivata aria fresca.
In sostanza sono una serie di eventi con postazioni per tatuarsi disegni di architettura, un vasto campionario con frasi divertenti come “All you need is dynamyte”, i volti dei grandissimi come Le Corbusier, oppure oggetti di Design come il tavolo del Superstudio Group. Nel 2018 hanno anche partecipato alla Biennale di Architettura di Venezia, disseminando in giro per la città le postazioni. 

Il tutto seguendo il principio dello storico architetto e critico Gottfried Semper, che diceva che l’architettura deve essere la nostra terza pelle. Ecco alcune immagini della Biennale 2018, sperando che per la prossima edizione del 2020 tornino ad organizzare l’evento. Una svolta anche nel mondo dell’architettura, che invita a non prendersi mai troppo sul serio!

Testo di: Bianca Felicori

Tatuaggi per architetti
Art
Tatuaggi per architetti
Tatuaggi per architetti
1 · 22
2 · 22
3 · 22
4 · 22
5 · 22
6 · 22
7 · 22
8 · 22
9 · 22
10 · 22
11 · 22
12 · 22
13 · 22
14 · 22
15 · 22
16 · 22
17 · 22
18 · 22
19 · 22
20 · 22
21 · 22
22 · 22
Kuralay Meirbekova, l’artista dei disegni a linea continua

Kuralay Meirbekova, l’artista dei disegni a linea continua

Collater.al Contributors · 11 mesi fa · Art

Kuralay Meirbekova è una giovane artista contemporanea, nota principalmente per i suoi disegni a linea continua. Nata e cresciuta in Kazakhstan si trasferisce in seguito a Liverpool dove consegue una laurea in architettura e coltiva un interesse particolare per l’interior design. Nonostante questo non perde la passione per il disegno e la pittura, elementi fondamentali che tuttora le sono da aiuto nella definizione ed esplorazione della sua natura artistica più profonda. 

Il focus del suo interesse per la pittura sono le persone e la costante ricerca di un linguaggio visivo distintivo che sia marchio per la sua arte e trasmetta la sua idea di realtà. Negli ultimi quattro anni Kuralay ha sviluppato la tecnica che più l’ha resa riconoscibile, linea nera continua su foglio bianco, approccio che si è diffuso in maniera naturale anche su altri media, come l’animazione video, installazioni di fili metallici e arte tessile.

A Maggio ha presentato la sua seconda mostra a Helsinki, ma siamo certi che sentiremo presto parlare ancora di lei.

Qui una selezione delle sue creazioni.


Kuralay Meirbekova, l’artista dei disegni a linea continua
Art
Kuralay Meirbekova, l’artista dei disegni a linea continua
Kuralay Meirbekova, l’artista dei disegni a linea continua
1 · 11
2 · 11
3 · 11
4 · 11
5 · 11
6 · 11
7 · 11
8 · 11
9 · 11
10 · 11
11 · 11