Getting Up, il docu di Nike e Collater.al sugli anni ‘90

Giulia Pacciardi · 8 mesi fa
Presentato da

Il 2020 è l’anno in cui le Air Max 90, uno dei modelli più iconici e simbolici dell’azienda fondata da Phil Knight e Bill Bowerman, compiono 30 anni.

Per questa occasione, oltre a festeggiare con il lancio della nuova silhouette Nike Air Max 90 CS, caratterizzata dalla colorway Triple Sail e da due placchette su cui sono incisi gli anni 1990 e 2020, Nike ha lanciato con Collater.al Studio e la casa di produzione londinese Loft Films, il documentario “Getting Up, a 90s graffiti story from Milano to Barcelona”.

Il documentario “director’s cut”, che sarà presentato giovedì 19 dicembre a Barcellona con la collaborazione di lamono y DORA AGENCY e alla presenza della street artist Musa71, racconta la storia e la carriera di due artisti che sono cresciuti e si sono affermati negli anni ’90, il graffiti artist e calligrafo milanese Luca Barcellona e la street artist spagnola Maria Musa71 Cano.

Entrambi hanno iniziato il loro percorso artistico più di 30 anni fa, compiendo un percorso che li ha portati, anno dopo anno, a diventare precursori e massimi esponenti del loro mondo di riferimento, delle icone che sopravvivono al passare del tempo e fonti di ispirazione per gli artisti di domani.

Due personalità che abbiamo scelto per raccontare un’altra storia di successo, quella delle Air Max 90 che, dopo un inizio travagliato, si sono affermate come pezzi immancabili di una collezione che si rispetti.

Di “Getting Up, a 90s graffiti story from Milano to Barcelona”, che presto potrete trovare su Collater.al, sono state anche creare due short version per Nike SNEAKRS.

Uno interamente dedicato a Luca Barcellona, pensato per l’app italiana, e uno dedicato a Musa71 per l’app spagnola.

Entrambi i mini doc sono visibili da sabato 14 dicembre e li potete trovare qui e qui.

Mentre aspettate l’uscita dell’intero documentario, invece, vi invitiamo a guardare il trailer per immergervi in due storie diverse che hanno come comune denominatore quello di essere infinite.

Luca Barcellona

Il suo percorso inizia negli anni ’90 nella Milano underground della musica rap e dei graffiti.
Con la sua crew Lords of Vetra, i cui lavori hanno ispirato numerosi street artist e writers delle generazioni successive, ha fatto suoi quegli anni di grande fermento che gli hanno permesso di trovare una dimensione artistica poi evolutasi con lui.
Dai treni e i muri, fino allo studio dove oggi passa intere giornate a praticare l’arte della calligrafia, Luca cerca in ogni modo di lasciare il segno, come hanno fatto le Air Max 90, che lui stesso ricorda come simbolo di appartenenza a un gruppo: averle era una vera e propria questione di principio.
L’artista ci ha fatto entrare nel suo studio, pieno dei suoi strumenti di lavoro ma anche di vinili, libri e opere, e ci ha mostrato i punti nevralgici della città di Milano in cui si è formato, dove ha mosso i primi passi e dove ha deciso che sarebbe diventato un’icona del suo tempo e di quelli successivi.

Musa 71

Il suo percorso inizia negli anni ‘90, quando Barcellona, dal punto di vista dell’arte di strada, era un mix di influenze newyorkesi e berlinesi, rivisitate dagli artisti locali tramite l’utilizzo del colore, usato in proporzioni maggiori.
Seguendo le tendenze che arrivavano dalla capitale e dall’Europa, Barcellona era sia più aperta all’arte dei graffiti, sia più vicina alle tendenze legate al mondo dello streetwear. È in questo periodo, infatti, che Musa vede per la prima volta le Air Max 90 indossate. In effetti, in quegli anni era molto difficile riuscire ad averne un paio, sopratutto per il prezzo troppo elevato.

In questo clima di grande sperimentazione e libertà di espressione, Musa si afferma come una delle poche donne ad imbracciare la bomboletta per creare, per la maggior parte, opere legate alle lettere la cui caratteristica principale è il complesso utilizzo del colore.

L’artista ci ha fatto entrare nel suo studio, pieno dei suoi strumenti di lavoro ma anche di ricordi, opere e fotografie, e ci ha mostrato i punti nevralgici della città di Barcellona in cui si è formata, dove ha mosso i primi passi e dove ha deciso che sarebbe diventata un’icona del suo tempo e di quelli successivi.


Credits

Talent
Luca Barcellona & Maria Musa71 Cano
Foto
Elisa Scotti
Produzione
Collater.al e Loft Films
Getting Up, il docu di Nike e Collater.al sugli anni ‘90
Art
Getting Up, il docu di Nike e Collater.al sugli anni ‘90
Getting Up, il docu di Nike e Collater.al sugli anni ‘90
1 · 46
2 · 46
3 · 46
4 · 46
5 · 46
6 · 46
7 · 46
8 · 46
9 · 46
10 · 46
11 · 46
12 · 46
13 · 46
14 · 46
15 · 46
16 · 46
17 · 46
18 · 46
19 · 46
20 · 46
21 · 46
22 · 46
23 · 46
24 · 46
25 · 46
26 · 46
27 · 46
28 · 46
29 · 46
30 · 46
31 · 46
32 · 46
33 · 46
34 · 46
35 · 46
36 · 46
37 · 46
38 · 46
39 · 46
40 · 46
41 · 46
42 · 46
43 · 46
44 · 46
45 · 46
46 · 46