Art If I Died, la mostra al St. Regis di Roma
Artexhibition

If I Died, la mostra al St. Regis di Roma

-
Giulia Guido

La hall del St. Regis di Roma cambia aspetto fino al 26 aprile grazie a If I Died, la mostra promossa da Galleria Continua e curata dal duo di artisti cinese formato di Sole Yuan & Peng Yu che attraverso tre installazioni differenti affronta temi legati alla società, alla comunicazione e all’informazione. 

La prima di queste, che è anche la prima ad accogliere gli spettatori, si chiama I Didn’t Notice What I’m Doing ed è formata da un rinoceronte e un triceratopo realizzati in fibra di vetro. Data la loro somiglianza, i due animali sono sempre stati associati riferendosi al primo come l’evoluzione del secondo, ma, in effetti, non esiste nessun legame tra i due esemplari. Quest’opera vuole far riflettere su come, sempre più spesso, si trattano argomenti senza avere delle solide basi scientifiche su cui fare fondamento, finendo per veicolare delle informazioni sbagliate. 

La seconda opera in mostra è If I Died, una scultura che ritrae la madre di Peng Yu posta in mezzo a decine e decine di animali. Si tratta della rappresentazione di come la donna si è immaginata la vita dopo la morte.

L’ultima installazione, e forse anche quella più d’impatto, si chiama Teenager Teenager ed è composta da una serie di figure vestite di tutto punto, sedute su comodi divani in pelle che hanno degli enormi massi sulle teste che non gli permettono di vedere intorno a loro. Quest’ultima opera invita lo spettatore a riflettere sui limiti che ci sono tra le persone e come questi impediscano molte volte la comunicazione. 

Da sempre, e anche con If I Died, Sole Yuan & Peng Yu presentano la loro personale visione del mondo, fatta di contrasti e paradossi, e per questo attendibile e veritiera. 

Artexhibition
Scritto da Giulia Guido
x
Ascolta su