Le illustrazioni di Vincent Mahé e l’arte di raccontare senza parole

Le illustrazioni di Vincent Mahé e l’arte di raccontare senza parole

Buddy · 6 mesi fa · Art, Art

Prima di essere un illustratore Vincent Mahé è un osservatore. Uno di quelli capaci di vedere cose che alla maggior parte delle persone sfuggono. E poi di catturare quei dettagli e con sensibilità e sintesi immediata riuscire a tradurli in micro storie universali e delicate, discrete, languide, così intense eppure così candide.

In Smoke, il film del 1995 diretto da Wayne Wang, scritto e co-diretto da Paul Auster, il protagonista Auggie Wren ogni mattina, alle otto in punto, piazza il cavalletto e la macchina davanti alla sua tabaccheria a New York e scatta una foto all’angolo fra la Terza Strada e la Settima Avenue. Un approccio romantico e curioso che mi ricorda immediatamente il lavoro di Mahé.

È per questo che non vado in vacanza – dice – , devo stare qui ogni mattina, alla stessa ora, ogni mattina nello stesso posto alla stessa ora. È il mio progetto. Quello che puoi chiamare il lavoro della mia vita. E’ la documentazione del mio angolo

Il posto è lo stesso, ma ogni foto è diversa dall’altra. Così come nelle illustrazioni di Vincent Mahé, i luoghi sono quelli delle città che viviamo, che vediamo tutti i giorni, ma le storie che ospitano sono sempre diverse.

Ci sono le mattine col sole e quelle con le nuvole, c’è la luce estiva e quella autunnale. Ci sono i giorni feriali e quelli festivi. C’è la gente con cappotto e stivali e gente in calzoncini e maglietta. Qualche volta la gente è la stessa, qualche volta è diversa. E talvolta la gente diversa diventa la stessa mentre quella di prima scompare. La terra gira intorno al sole e ogni giorno la luce del sole colpisce la terra con un’inclinazione diversa.

Prendetevi il tempo che serve. Non capirete mai se non provate a rallentare.

Le illustrazioni di Vincent Mahé e l’arte di raccontare senza parole
Art
Le illustrazioni di Vincent Mahé e l’arte di raccontare senza parole
Le illustrazioni di Vincent Mahé e l’arte di raccontare senza parole
1 · 15
2 · 15
3 · 15
4 · 15
5 · 15
6 · 15
7 · 15
8 · 15
9 · 15
10 · 15
11 · 15
12 · 15
13 · 15
14 · 15
15 · 15
Lo “sguardo intimo” di Carola Blondelli

Lo “sguardo intimo” di Carola Blondelli

Tommaso Berra · 4 ore fa · Art

la fotografia non è mai un calcolo esatto per Carola Blondelli, ma è analisi e accettazione dell’imprevisto. La storia dell’artista con il linguaggio fotografico è iniziata proprio così, come una scoperta inaspettata, diventata fin dall’inizio indispensabile grazie agli incontri e ai rapporti con le persone, che proprio grazie all’obiettivo diventavano sempre più chiari, completi e profondi.
Le connessioni e l’entusiasmo per passioni comuni hanno fatto in modo che si creasse sinergia, che ha portato alla nascita di nuovi progetti.

È quindi indispensabile per me che l’osservatore non accolga la visione dell’immagine unicamente come esteticamente bella, ma che sia in grado di riceverne la parte emotiva.” Dice Carola Blondelli descrivendo il suo lavoro.
La fotografa ricerca proprio questo con i suoi scatti, ovvero un momento di stop in cui guardare nella direzione opposta rispetto a quella dello sguardo, ovvero dentro di sé, in un processo che richiede più coraggio ma in grado di mettere alla prova la sensibilità di chi guarda. Attraverso il corpo della donna, soggetto ricorrente degli scatti, Blondelli riesce a esprimere un messaggio di intimità e delicatezza, lasciando spazio a chi guarda di cogliere l’autenticità e il realismo della scena.

È possibile sostenere la pubblicazione di un volume dedicato al lavoro della fotografa Carola Blondelli attraverso la raccolta fondi lanciata da SelfSelf, clicca qui per scoprire come aiutare a realizzare questo progetto fotografico.

Carola Blondelli | Collater.al
Carola Blondelli | Collater.al
Carola Blondelli | Collater.al
Carola Blondelli | Collater.al
Carola Blondelli | Collater.al
Carola Blondelli | Collater.al
Carola Blondelli | Collater.al
Carola Blondelli | Collater.al
Lo “sguardo intimo” di Carola Blondelli
Art
Lo “sguardo intimo” di Carola Blondelli
Lo “sguardo intimo” di Carola Blondelli
1 · 8
2 · 8
3 · 8
4 · 8
5 · 8
6 · 8
7 · 8
8 · 8
Le statue classiche al cubo di Adam Parker Smith

Le statue classiche al cubo di Adam Parker Smith

Tommaso Berra · 4 giorni fa · Art

Appaiono come uno scherzo le opere di Adam Parker Smith, un nuovo capitolo di quel gioco che ha da secoli spinto gli artisti a dissacrare i simboli della tradizione pittorica e scultorea.
L’artista americano realizza le sue opere utilizzando differenti materiali e adottando metodi diversi in base allo scopo, da solo o coinvolgendo altri nelle creazioni, i soggetti delle sue opere sono spesso estratti dalle sue paure, desideri, ossessioni, cotte e gelosie.

Uno dei lavori più interessanti tra quelli firmati da Adam Parker Smith è appunto la serie nella quale l’artista “chiude” in 1 metro cubo di marmo di Carrara alcune delle statue più famose della storia dell’arte. Il senso è quello di vedere il meglio dell’arte classica rottamato come una vecchia macchina, ridotta a nient’altro che un rifiuto, senza maestosità, altezza e eleganza tipica di queste opere.

La tecnica con cui è riuscito a replicare esattamente i dettagli delle statue elleniche e barocche è il risultato di un lavoro in cui ha partecipato anche il team di ricerca digitale di musei come gli Uffizi. I programmi di modellazione 3D hanno aiutato infatti l’artista a ridurre le opere senza alternarne le proporzioni.
Per le sue sculture Smith ha coinvolto poi intagliatori e robot, stravolgendo non solo nel concetto il significato di opera d’arte come prodotto dell’ingegno dell’uomo.
Tra le opere più famose della storia dell’arte Smith ha scelto tra le altre l’ Apollo del Belvedere , Cupido Trionfante , David del Bernini e Augusto di Prima Porta, per un omaggio che ha sostanza e umorismo stilistico.

Le statue classiche al cubo di Adam Parker Smith
Art
Le statue classiche al cubo di Adam Parker Smith
Le statue classiche al cubo di Adam Parker Smith
1 · 9
2 · 9
3 · 9
4 · 9
5 · 9
6 · 9
7 · 9
8 · 9
9 · 9
Questo o quello, intervista ad Icy and Sot

Questo o quello, intervista ad Icy and Sot

Tommaso Berra · 6 giorni fa · Art

Tra gli ospiti più attesi di Cvtà Street Fest, il festival di street art andato in scena dal 23 al 26 giugno a Civitacampomarano (CB), c’era senza dubbio la coppia di artisti iraniani Icy and Sot.
Il duo è composto dai fratelli Saman Oskouei (1985) e Sasan Oskouei (1991), conosciuti per le loro opere che intervengono sul paesaggio urbano attivando riflessioni sulla condizione umana. I diritti umani, la detenzione, la condizione delle donne e dei migranti, capitalismo e cambiamento climatico, questi alcuni dei temi espressi attraverso installazioni e stencil.

Noi cerchiamo di riflettere i nostri tempi e le nostre esperienze. Per lo più in scultoreo e installativo. Ci piace utilizzare materiali/oggetti diversi, così come opere site specific. Non siamo bravi a descrivere il nostro lavoro, pensiamo che gli spettatori facciano un lavoro migliore perché ognuno può sentire o trarre qualcosa di diverso dall’opera.

Icy and Sot | Collater.al

In un mondo che deve prendere decisioni forti per risolvere questi problemi, Collater.al ha chiesto a Icy and Sot di schierarsi in quello che è utopicamente un mondo in cui sembra sempre ci siano solo due elementi in contrasto tra i quali scegliere. Anche le opere degli artisti sono segni nel paesaggio che in qualche modo definiscono pieni e vuoti, aria e materia, porzioni specifiche di spazio.

QUESTO O QUELLO

  • Mezzogiorno o mezzanotte?
    Mezzanotte
  • Biennale di Venezia o Musei Vaticani?
    Biennale di Venezia
  • Coca Cola o Pepsi?
    Nessuna delle due
  • Easy Rider o Fast and Furious?
    Easy Rider
  • Batman o Spiderman?
    Nessuna delle due
  • Invasione Zombie o invasione aliena?
    Invasione aliena
  • Chiamata o messaggio?
    Chiamata
  • Nostalgia o immaginazione?
    Entrambe
  • Essere mangiati da una tigre o da uno squalo?
    Tigre
  • Urlare o sussurrare?
    Urlare
  • Volare o saper leggere nella mente?
    Volare
  • Pieno o vuoto?
    Pieno
  • NY o LA?
    NY!!
  • 00s o 10s?
    00s
  • Gen Z o Millennials?
    Millennials
  • Instagram o TikTok?
    Instagram
  • Apple o Samsung?
    Apple
  • Bates Motel o Overlook Hotel?
    Bates motel
  • Ferro o pietra?
    Ferro
  • Mozart o Metallica?
    Mozart
Questo o quello, intervista ad Icy and Sot
Art
Questo o quello, intervista ad Icy and Sot
Questo o quello, intervista ad Icy and Sot
1 · 7
2 · 7
3 · 7
4 · 7
5 · 7
6 · 7
7 · 7
Come è andata l’inaugurazione di “Displacement” a Roma?

Come è andata l’inaugurazione di “Displacement” a Roma?

Tommaso Berra · 1 settimana fa · Art

Il 16 giugno negli spazi della galleria Contemporary Cluster a Roma è stata presentata la mostra “Displacement“, il progetto espositivo curato da Giacomo Guidi in collaborazione con Ginnika.
Il tema trattato nella mostra è quello del Post Vandalismo, una corrente che permette di definire un nuovo paesaggio artistico urbano, non per forza legato ai writer ma anche a espressioni più astratte e intangibili.
Nell’inaugurazione è emersa subito la sperimentazione tra i media e la cooperazione tra espressioni artistiche lontane che trovano un contatto diretto all’interno dello spazio espositivo, all’interno del quale i visitatori hanno potuto assistere all’evoluzione di un nuovo processo creativo.

Contemporary Cluster | Collater.al
Contemporary Cluster | Collater.al
Contemporary Cluster | Collater.al
Contemporary Cluster | Collater.al
Contemporary Cluster | Collater.al
Contemporary Cluster | Collater.al
Contemporary Cluster | Collater.al
Contemporary Cluster | Collater.al
Contemporary Cluster | Collater.al
Contemporary Cluster | Collater.al
Come è andata l’inaugurazione di “Displacement” a Roma?
Art
Come è andata l’inaugurazione di “Displacement” a Roma?
Come è andata l’inaugurazione di “Displacement” a Roma?
1 · 11
2 · 11
3 · 11
4 · 11
5 · 11
6 · 11
7 · 11
8 · 11
9 · 11
10 · 11
11 · 11