Art Le emozioni scartate di Inside Out 2
Artanimation

Le emozioni scartate di Inside Out 2

La charachter desiger di Inside Out 2 (ma anche del primo film) ha condiviso alcuni schizzi delle emozioni che non sono state incluse nel sequel
-
Anna Frattini

L’hype per Inside Out 2 – prima dell’uscita nei cinema – era ai massimi storici. Anche se non sembra, sono passati nove anni dall’uscita di Inside Out, uno dei film di animazione a marchio Pixar più amati dai bambini (ma anche de moltissimi adulti). Riley è una bambina che affronta le gioie e i dolori della crescita, e il film di animazione mostra quello che succede dentro di lei, accompagnandoci in un viaggio affascinante. Le emozioni di Riley tornano quindi a raccontare passo passo la pubertà della protagonista con qualche aggiunta. Le new entry – ad accompagnare Gioia, Tristezza, Rabbia, Paura e Disgusto – sono Ansia, Invidia, Noia, Imbarazzo e Nostalgia. A queste, grazie al profilo della character designer di Pixar Crystal Kung, abbiamo scoperto che ce ne sarebbero dovute essere altre come Guilt (Colpa), Suspicion (Sospetto) e Awe (Soggezione). La designer, infatti, ha condiviso alcuni schizzi che ritraggono queste emozioni – lasciate indietro nella realizzazione del sequel di Inside Out – sul suo profilo Instagram.

Gli schizzi di Guilt in due casi ritraggono un pesante zaino sulle spalle di un personaggio rotondeggiate viola e delle fattezze ovoidali. Suspicion, invece, aveva ben sei alternative pronte per l’utilizzo. La nostra preferita è certamente la numero tre, un personaggio con molti occhi e un caschetto. Awe, invece, sembra l’emozione meno sviluppata delle tre – ma non meno in grado di stupirci. In questo caso gli schizzi ritraggono un cute chubby baby, un positive surfing dude o un young Keanu Reeves come ispirazione.

Crystal Kung, prima di mostrare gli schizzi delle emozioni lasciate indietro, ha anche realizzato un post raccontando il dietro le quinte di Nostalgia, uno dei personaggi più interessanti del nuovo film di animazione, che alla fine è arrivata sul grande schermo con occhiali rosa e una capigliatura soffice e canuta. Il risultato finale in sala, ci ha comunque stupiti e soddisfatti anche dopo aver visto gli schizzi di Kung. Insomma, speriamo solo di non dover aspettare altri nove anni per sapere quali altre emozioni compariranno nel possibile Inside Out 3.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Crystal Kung (@crystaleatsyourbrain)

Artanimation
Scritto da Anna Frattini
x
Ascolta su