Photography L’avanguardia è il contesto culturale – Intervista a Duy Nguyen
Photographyphotography

L’avanguardia è il contesto culturale – Intervista a Duy Nguyen

-
Tommaso Berra
Duy Nguyen | Collater.al

Il primo dei cinque fotografi selezionati da Collater.al Magazine tra quelli presenti al Liquida PhotoFestival dal 5 al 29 maggio a Torino è Duy Nguyen. In una breve intervista, il fotografo parla del suo stile, del rapporto con il suo passato e con i soggetti che posano davanti alla sua macchina fotografica.

1. Sei uno dei fotografi selezionati per la mostra Liquida, parlaci del progetto che esporrai a Torino.

Il mio progetto per Liquida Photofestival ha il titolo provvisorio Phantom Lineage. Si basa sulla mia vita ed esplora l’idea che non tutti hanno il privilegio di accedere al proprio archivio. La mia eredità culturale non è scritta e ci sono pochissime fotografie della mia famiglia. Tutto vive solo nella memoria ma i ricordi cambiano nel tempo, quello che ricordo potrebbe non essere la verità. In questo progetto esploro soggettivamente i sentimenti, i ricordi e le esperienze della mia infanzia come immigrato e straniero. In pratica, sto collegando il passato con gli occhi del presente attraverso le immagini, video e installazioni digitali. Se verrete al Liquida Photofestival, vedrete alcuni lavori molto sperimentali che ho creato e che non vedo l’ora di mostrare.

2. Le tue foto sembrano essere influenzate dal design grafico, dai collage e dal cinema, come descriveresti il tuo stile fotografico?

Ho studiato Art Direction e Graphic Design e ho cercato di separare la mia fotografia dal mio lavoro di designer per molto tempo. La fotografia era il mio sfogo artistico, ora che sono maturato sto finalmente imparando a combinare le mie competenze per creare un lavoro unico. Penso che il mio stile fotografico si stia evolvendo insieme a me, ma nel presente, si trova da qualche parte nello spazio che si confonde tra la fotografia analogica e l’arte digitale. Per quanto riguarda l’ispirazione cinematografica, mi piace molto come il buon cinema spesso ti faccia sentire come se fossi parte della scena. Cerco di portare questo nella mia fotografia.

3. Con l’evoluzione dell’arte sempre più verso scenari digitali, secondo te che ruolo avrà la fotografia in futuro?

Possiamo solo ipotizzare, o indovinare, dato che gli scenari digitali, le NFT e l’arte digitale sono ancora nella loro fase iniziale. Ci vorrà un po’ di tempo prima che diventino abbastanza diffuse da essere comprese da tutti.
In passato, i pittori rappresentavano la realtà meglio che potevano, fino a quando la fotografia fu inventata e prese il posto delle arti pittoriche, fino a quando ci si è spostati verso il concetto e l’astrazione. Mi chiedo cosa farà l’arte digitale alla fotografia, ma credo di non avere una buona risposta perché questo argomento è qualcosa che sto attualmente esplorando io stesso.

4. I soggetti delle tue fotografie spesso guardano l’obiettivo, che rapporto cerchi con loro?

Penso che le mie fotografie siano spesso un riflesso di me stesso più che un riflesso dei soggetti. Forse cerco me stesso nel soggetto. Potrebbe essere una persona, un oggetto o una situazione. Lo considero quasi come una performance in cui cerco di trovare qualcosa con cui posso relazionarmi, e poi guidare quell’emozione e quel momento fino a quando non viene scattata una fotografia. Con le persone, di solito è più facile trovarlo attraverso gli occhi quando mi guardano.

Duy Nguyen | Collater.al

5. Secondo lei, quando una fotografia può essere definita d’avanguardia?

Penso che sia difficile guardare una singola fotografia e giudicare se è all’avanguardia o no. Invece, probabilmente guarderei alla pratica del fotografo e vedrei se sta sfidando o criticando l’estetica e le idee della fotografia nel presente. Un altro aspetto interessante è anche il contesto culturale. Per esempio, qualcosa che potrebbe essere visto come avanguardia in una comunità può essere percepito diversamente in un altro paese. Con i miei lavori recenti che si muovono tra fotografia analogica, collage e performance, ho scoperto che alcune istituzioni lo trovano troppo sperimentale per essere chiamato fotografia, mentre altre lo trovano stimolante.

Photographyphotography
Scritto da Tommaso Berra
x
Ascolta su