I profondi scatti di Isabella Sommati

I profondi scatti di Isabella Sommati

Giulia Guido · 1 anno fa · Photography

Prendete un bel respiro, vi servirà per immergervi nel mondo di Isabella Sommati

Classe 1966, Isabella è nata a Livorno e dopo gli studio si è trasferita a Milano, dove tutt’oggi vive e lavora come Art Director. Attirata da sempre dal mondo della fotografia e dopo averlo studiato da vicino grazie alla sua professione, qualche hanno fa ha deciso di dedicare il suo tempo libero all’arte della macchina fotografica. 

Sono nati così scatti d’impatto e, col tempo, Isabella ha messo a punto uno stile adatto ai suoi soggetti preferiti, come l’acqua e le donne. 

Una selezione di scatti si Isabella Sommati sarà esposta per Ph.ocus -About Photography nella sezione “Please, Take Care”.

Incuriositi, noi di Collater.al le abbiamo fatto qualche domanda, non perderti la nostra intervista qui sotto! 

UnderwaterWorld

Com’è avvenuto il primo approccio con la fotografia? 

Sono un Art Director con esperienza nel mondo della fotografia. Per lavoro ho editato moltissime foto, dai fotocolor al digitale. È stata inevitabile la voglia di approfondire, senza ovviamente sovrappormi ai professionisti. 
I primi progetti fotografici erano acerbi, molto intimistici, ma non li rinnego, è stato un percorso necessario per poter successivamente fotografare consapevolmente il micro mondo che mi circonda.

Spesso al centro delle tue fotografie c’è una figura femminile. Cos’è per te la femminilità e quali aspetti di essa vuoi raccontare con i tuoi scatti?

Considero la femminilità un’identità.

La Melagrana

La donna è sensualità, fragile, volubile. È creativa, innovativa, combattiva. Vorrei che attraverso i miei scatti si percepisse questa moltitudine di colori che è la nostra forza, dal nero abissale al bianco solare, una meravigliosa cromia le cui più sottili sfumature noi stesse le scopriamo giorno per giorno.

Un altro elemento ricorrente è l’acqua. Che ruolo ha nel tuo lavoro e cosa rappresenta? 

L’acqua è la mia memoria. Sono nata in una città di mare. 
Il mare è stato il compagno delle mie passeggiate e il custode del mio rientrare da scuola in Inverno. Mi emoziona la sua immensità, la stabilità dell’orizzonte, il rumore delle maree, che avanzano e si ritirano come in uno spartito di Satie.

Abitando a Milano ho poi conosciuto le piscine, l’estate in città, un’acqua un po’ amara, ma pur sempre un’evasione nel fine settimana. 
L’acqua svolge la funzione di cura: pulisce, lenisce oppure diventa una via di fuga. In acqua non esistono pensieri ma solo sogni.

UnderwaterWorld

Da dove prendi l’ispirazione per i tuoi progetti personali? Ci sono fotografi e/o artisti che segui? 

Alcuni progetti sono stati costruiti con un’idea precisa, come ad esempio “Alveare”, un reportage che racconta una squadra di calcio femminile iscritta al campionati CSI di Milano. Altri osservandomi intorno come “Mare Nero”, ci sono progetti che si arricchiscono negli anni di altri scatti (“Acqua”). A volte casualmente, riguardando piccoli video estivi, da cui estrapolo frame che rielaboro. 

Lavorando principalmente in bianco e nero, cerco ispirazione nella fotografia di Ackerman o di Aue Sobol, nella poesia visiva di Botman. Mendieta e Woodman mi hanno aiutato a conoscermi sia come donna che come artista.

ACQUA # Ogni Giorno Io Rinasco

Raccontaci uno scatto al quale sei particolarmente legata. 

Ogni foto è parte di me. Ma credo che lo scatto a cui sono particolarmente legata è “Acqua # Ogni Giorno Io Rinasco”. Questa fotografia racconta la mia rinascita dopo un periodo di vuoto, di assenza. Qui c’è tutta la mia poetica: donna e acqua, sogno e realtà, debolezza e forza di rinascere.

I profondi scatti di Isabella Sommati
Photography
I profondi scatti di Isabella Sommati
I profondi scatti di Isabella Sommati
1 · 11
2 · 11
3 · 11
4 · 11
5 · 11
6 · 11
7 · 11
8 · 11
9 · 11
10 · 11
11 · 11
Sunnei Objects II, tra convivialità e pleasure

Sunnei Objects II, tra convivialità e pleasure

Andrea Tuzio · 4 giorni fa · Design

Nella serata di ieri è stata presentata Sunnei Objects II, la collezione di oggetti di uso quotidiano del brand fondato da Loris Messina e Simone Rizzo nel 2014, naturalmente reinterpretati secondo quelli che sono i codici estetici tipici di Sunnei.
Un’esplorazione colorata, giocosa e piccante nel mondo del design da parte del marchio milanese, che continua questo suo viaggio nella quotidianità che va oltre l’abbigliamento coinvolgendo l’artigianato italiano.

Sunnei ha realizzato una capsule variegata, contraddistinta dal pattern a strisce, composta da: un set di bicchieri in vetro di Murano e uno di piatti e ciotole in argilla smaltata dipinta a mano, una coperta in lana e uno zerbino. Con il vetro di Murano il brand ha realizzato anche dei pleasure toy che, grazie alla loro raffinatezza, diventano suppellettili di alto profilo. La collezione include anche una Almost Swiss Ball, realizzata in denim dal product designer romano ma ormai Milano based Matteo De Clercqqui potete leggere una nostra intervista di un po’ di tempo fa a Matteo e ai suoi collaboratori a proposito del progetto Bounce Chair – e due sgabelli Champ realizzati in collaborazione con Matter Made, azienda americana specializzata in illuminazione oggetti e mobili di design.
A completare l’offerta troviamo anche il vinile della colonna sonora dello show di Sunnei della FW21 arricchito da tre tracce bonus.

Tutta la collezione Sunnei Objects II è disponibile sul sito di Sunnei – dove grazie alla realtà aumentata è possibile vedere come gli oggetti della capsule si inseriscono nel proprio spazio abitativo – presso il flagship store del brand e in alcuni retailer selezionati. 

Sunnei Objects II, tra convivialità e pleasure
Design
Sunnei Objects II, tra convivialità e pleasure
Sunnei Objects II, tra convivialità e pleasure
1 · 7
2 · 7
3 · 7
4 · 7
5 · 7
6 · 7
7 · 7
Winter House, la casa di design per il Metaverso

Winter House, la casa di design per il Metaverso

Giulia Guido · 3 giorni fa · Design

Il giovane artista digitale Andrés Reisinger continua a stupire. Dopo essere stato inserito da Forbes nella classifica dei 30 artisti under 30 più influenti e dopo aver realizzato un’intera collezione di sedie per il Metaverso chiamata “Impossible Furniture”, ora ha presentato la Winter House, la prima casa di design progettata per il Metaverso

Winter House nasce dalla passione di Andrés Reisinger per l’arte digitale e il mondo virtuale, ma anche dalla collaborazione con Alba de la Fuente, giovane architetto spagnola che ha curato i rendering fino all’ultimo dettaglio, tanto da riuscire a ingannare l’occhio umano e farci pensare che da qualche parte nel mondo questa casa esista davvero. 

Il progetto si caratterizza per delle linee pulite e geometriche. La Winter House ha una struttura che ricorda quella delle palafitte: il corpo centrale e a pianta quadrata è sollevato dal terreno grazie alla presenza di piloni cavi in cemento armato che fungono da ingresso.
La pesantezza di materiali come il cemento armato e l’acciaio è alleggerita da enormi finestre che vanno dal pavimento al soffitto e creano un dialogo con la natura. 

Winter House

Firma inconfondibile dei due designer è la scelta di utilizzare diverse sfumature di rosa, sia per elementi strutturali sia per l’arredamento, colore che dona un’atmosfera onirica e quasi surreale. 

Chiunque abbia una vita nel Metaverso potrà comprare la Winter House, posizionarla sul proprio terreno di proprietà e, poi, aprire le sue porte ad amici e visitatori. 

Winter House
Winter House
Winter House
Winter House, la casa di design per il Metaverso
Design
Winter House, la casa di design per il Metaverso
Winter House, la casa di design per il Metaverso
1 · 10
2 · 10
3 · 10
4 · 10
5 · 10
6 · 10
7 · 10
8 · 10
9 · 10
10 · 10
Questa pasta si può mangiare

Questa pasta si può mangiare

Collater.al Contributors · 1 settimana fa · Design

Che soddisfazione portare la fiaccola della migliore cucina al mondo, tenuta viva da grandi falsi storici (il nostro caffè non è il migliore al mondo) e da sacrosante verità, come le materie prime e la pasta più buone che si possono assaggiare. Con la pasta gli italiani hanno ancora un rapporto ultra conservatore, non sono ammessi svaghi, variazioni sul tema o barocchismi non richiesti, serve quella precisa ricetta, pena una lezione a suon di matterello infarinato per mano di una massaia emiliana.
Nel resto del mondo gli chef si sentono forse più alleggeriti nell’osare con la pasta, motivo del successo su Instagram e TikTok del “Pasta designerDavid Rivillo. Sono 40 mila i follower che seguono su Instagram gli esperimenti con la pasta dello chef, il quale ricrea formati tradizionali come i tortellini o le farfalle decorati attraverso texture geometriche di colore.

La passione per la pasta decorata è nata nel 2019 e da allora David Rivillo non ha mai smesso di sperimentare con i migliori ingredienti e combinazioni. Le sue fettuccine, tagliatelle e ravioli sono tutti fatti a mano, tirate con strumenti tradizionali e pensate non solo a scopo decorativo ma per resistere alla cottura.
I fogli di pasta fresca sembrano foulard di Emilio Pucci o tessuti di Missoni e Coogi. Guardando i bordi neri che separano le diverse tonalità sembra invece di rivedere il cloisonnisme delle vetrate delle grandi cattedrali. Quella di Rivillo è una sperimentazione giocosa con uno dei cibi più amati ad ogni latitudine, perché un piatto (forse) è buono anche se è bello da vedere, basta non dirlo alla massaia con il matterello.

Questa pasta si può mangiare
Design
Questa pasta si può mangiare
Questa pasta si può mangiare
1 · 20
2 · 20
3 · 20
4 · 20
5 · 20
6 · 20
7 · 20
8 · 20
9 · 20
10 · 20
11 · 20
12 · 20
13 · 20
14 · 20
15 · 20
16 · 20
17 · 20
18 · 20
19 · 20
20 · 20
La collezione di mobili firmata LEGO

La collezione di mobili firmata LEGO

Giulia Guido · 1 settimana fa · Design

Quando il falegname danese Ole Kirk Christiansen cominciò a produrre giocattoli in legno non avrebbe mai pensato che la sua idea sarebbe diventata una delle aziende più redditizie al mondo e, a detta di un recente studio della Scuola superiore di economia di Mosca, uno degli investimenti più sicuri. 
Nel 1934 Ole Kirk Christiansen scelse la parola LEGO come nome per i suoi giocattoli modulari e ora l’azienda danese ha deciso di tornare alla origini rinnovando la collaborazione con Room Copenhagen, azienda di product design. 

É da anni che LEGO e Room Copenhagen collaborano facendo uscire collezioni di prodotti in plastica riciclata. Questa volta però hanno deciso di fare un passo indietro, presentando un’intera linea di complementi d’arredo realizzati in legno

La collezione si compone di cassetti per la scrivania in due dimensioni diverse, di mensole, di cornici e di appendiabiti da attaccare al muro. Ogni pezzo è realizzato in legno di quercia rossa certificata, disponibile in sfumature diverse e progettato in scala rispettando le proporzioni dei mattoncini originali. 

Quella di LEGO e Room Copenhagen è sicuramente una collezione perfetta per gli amanti delle celebri costruzioni, ma grazie a un design minimale e una pulizia delle forme è capace di far innamorare anche i più scettici. 

LEGO
La collezione di mobili firmata LEGO
Design
La collezione di mobili firmata LEGO
La collezione di mobili firmata LEGO
1 · 10
2 · 10
3 · 10
4 · 10
5 · 10
6 · 10
7 · 10
8 · 10
9 · 10
10 · 10
Altri articoli che consigliamo