Koda Townhouse: la casa in costante evoluzione

Koda Townhouse: la casa in costante evoluzione

Collater.al Contributors · 6 mesi fa · Design

È situata in una tranquilla strada di periferia nella provincia di Aichi, la Koda Townhouse. Il progetto è dello studio dell’architetto giapponese Naoya Kitamura. È una casa minimalista a pianta aperta, ideata per una famiglia composta da 4 persone – compresa di due adulti e due bambini.

Dall’esterno sembra tutt’altro che accogliente, simile ad un prefabbricato, in ferro ondulato bianco che non si lega in nessun modo all’ambiente circostante. Appena si varca la soglia d’ingresso però, si inizia a respirare un ambiente familiare e accogliente. La casa è interamente fatta in legno chiaro con finiture metalliche, è un grande open-space, molto luminoso e le aree sono delimitate da una serie di pilastri in legno.

La planimetria è stata studiata in modo tale che possa cambiare a seconda delle esigenze della famiglia, anche nell’eventualità che la famiglia si allarghi. Si estende su due livelli distinti. Il secondo inizia a soli 1.5 mt di altezza, creando degli spazi, piattaforme e angoli  da utilizzare per un momento di relax o per dormire.

Testo di Elisa Scotti

Koda Townhouse: la casa in costante evoluzione
Design
Koda Townhouse: la casa in costante evoluzione
Koda Townhouse: la casa in costante evoluzione
1 · 12
2 · 12
3 · 12
4 · 12
5 · 12
6 · 12
7 · 12
8 · 12
9 · 12
10 · 12
11 · 12
12 · 12
CYPRAEA: l’energia delle Mauritius attraverso i mobili

CYPRAEA: l’energia delle Mauritius attraverso i mobili

Collater.al Contributors · 6 mesi fa · Design

Una delle aziende che ha attirato di più l’attenzione durante la Milano Design Week è stata una di furniture design delle Mauritius che si chiama CYPRAEA. Il suo core è riflettere a pieno l’energia del paese, fondendo natura e design in modo da risultare perfettamente in armonia con un tocco di tropicalità. L’obbiettivo è quello di diventare il primo Mauritian ambassador del Luxury Design.

CYPRAEA è stata fondata nel 1974 – è la più anziana azienda di produzione di mobili del paese – ma nel 2016 è stata fatta un’operazione di rebranding ed ha assunto il nome di Mavenci (Maven che significa esperti di legno e “Chi” che significa energia in cinese).

Cedric Lincoln ha cambiato nome due anni dopo aver preso le redini dell’azienda; ha iniziato a pensare di esportare a livello internazionale l’anima del paese. Per farlo aveva bisogno di un designer che avesse una visione ampia e aperta e che offrisse qualcosa di fresco. Così, con il designer italiano Francesco Maria Messina, nel 2018, danno vita a CYPRAEA (nome di una conchiglia marina) che esporta e introduce il meglio dell’estetica delle Mauritius nel resto del mondo.

Lo scopo è anche quello di concentrarsi sulla sostenibilità e mostrare come la sensibilità architettonica del designer sia l’anima dell’attuale collezione di furniture. I pezzi delle collezione sono un mix di oggetti eterei, fini, semplici, ma super curati e dettagliati. Diamogli un’occhiata insieme.

Testo di Elisa Scotti

CYPRAEA: l’energia delle Mauritius attraverso i mobili
Design
CYPRAEA: l’energia delle Mauritius attraverso i mobili
CYPRAEA: l’energia delle Mauritius attraverso i mobili
1 · 15
2 · 15
3 · 15
4 · 15
5 · 15
6 · 15
7 · 15
8 · 15
9 · 15
10 · 15
11 · 15
12 · 15
13 · 15
14 · 15
15 · 15
Standard Dose la prima esperienza wellness a base di CBD

Standard Dose la prima esperienza wellness a base di CBD

Collater.al Contributors · 6 mesi fa · Design

Standard Dose è impegnata nella ricerca del benessere attraverso i benefici naturali del CBD. Ha fissato la bandierina, aprendo uno spazio a tre piani, nell’iconico quartiere NoMad di New York. Lo scopo è quello di far conoscere pratiche diverse che mirano al benessere ed una profonda comprensione del proprio corpo attraverso un relax al naturale.

Tra i servizi disponibili c’è anche un tea bar che serve tisane e miscele personalizzate per la disintossicazione, la prevenzione e la guarigione. Le pareti sono bianche e tutte le furniture sono in legno e marmo – legno per la base, marmo per il top. Oltre a una selezione curata di prodotti a base di piante e CBD di altissima qualità, Standard Dose offre quotidianamente corsi di yoga e meditazione, laboratori didattici e servizi termali, con la possibilità di prenotare sessioni private e guidate.

Gli spazi sono interamente dipinti in rosa tenue, alcune pareti sono piastrellate – le piastrelle sono quadrate, di piccole dimensioni anch’esse rosa e traslucide. Gli spazi sono ampi e ariosi, ai lati dei quali troviamo degli incavi nel muro che fungono da basamenti per l’esposizione dei prodotti in vendita. Un bancone di marmo maestoso riempie la sala principale, dando il tocco finale ad un’estetica fine, elegante e rilassata – quello che serve per un concept di servizio come questo. Grandi archi dividono le stanze prive di porte. Le forniture in stile moderno sono bianche, dalle sedie ai lavandini, ai vasi – presenti infatti una grande quantità di piante intorno a tutti gli spazi.

Standard Dose la prima esperienza wellness a base di CBD | Collater.al 4

Il percorso rilassante si arricchisce ulteriormente con l’installazione di un lucernario terapeutico CoeLux – azienda italiana leader nel settore dell’illuminazione – che riproduce visivamente il comportamento dell’atmosfera terrestre. È stato dimostrato che supporta i processi di ristoro mentale, riduce lo stress, aumenta il senso di comfort e benessere emotivo e migliora le funzioni cognitive. Particolarità di questa sala sono i grandi cuscini posizionati a terra a mo di seduta. Non resta che andare a provare tutti questi splendidi servizi.

Testo di Elisa Scotti

Standard Dose la prima esperienza wellness a base di CBD
Design
Standard Dose la prima esperienza wellness a base di CBD
Standard Dose la prima esperienza wellness a base di CBD
1 · 7
2 · 7
3 · 7
4 · 7
5 · 7
6 · 7
7 · 7
Takasaki Masaharu, l’archiettura che dialoga col cosmo

Takasaki Masaharu, l’archiettura che dialoga col cosmo

Claudia Fuggetti · 6 mesi fa · Design

Takasaki Masaharu, classe 1953, è uno degli architetti più interessanti e originali che lavorano oggi a Tokyo, noto soprattutto per il suo estro nella realizzazione di architetture cosmiche.

È curioso notare che nonostante l’artista crei strutture molto interessanti da oltre vent’anni, egli non sia molto conosciuto al di fuori del Giappone. Bisogna aggiungere comunque che recentemente l’Istituto Giapponese degli Architetti lo ha premiato come più importante giovane architetto del paese.

I progetti di Takasaki combinano l’organico e il mitologico. Egli descrive la sua architettura come un “essere ambientale” che collega l’umanità con il cosmo. Queste filosofie si manifestano nell’uso di elementi a forma di uovo, luce diffusa per creare interni mistici, colonne e piani inclinati.

L’osservatorio di Kagoshima, nel sud-est del Giappone, venne edificato nel 1995 e doveva essere un importante sito di osservazione astrale. I piccoli edifici rossi ai piedi della struttura ospitano diversi laboratori e sono stati originariamente progettati per i ricercatori.

Purtroppo l’opera in questione non ottenne mai il riconoscimento sperato e dovuto ed oggi viene assiduamente presa d’assalto dai turisti, che la reputano una costruzione estremamente originale ed unica nel suo genere.

Dai un’occhiata al profilo Instagram di Takasaki Masaharu qui e al libro Takasaki Masaharu: An Architecture of Cosmology.

Takasaki Masaharu, l'archiettura che dialoga col cosmo | Collater.al
Takasaki Masaharu, l'archiettura che dialoga col cosmo | Collater.al
Takasaki Masaharu, l'archiettura che viene dal cosmo | Collater.al
Takasaki Masaharu, l'archiettura che dialoga col cosmo | Collater.al
Takasaki Masaharu, l’archiettura che dialoga col cosmo
Design
Takasaki Masaharu, l’archiettura che dialoga col cosmo
Takasaki Masaharu, l’archiettura che dialoga col cosmo
1 · 6
2 · 6
3 · 6
4 · 6
5 · 6
6 · 6
L’arte del passato si fonde con la musica indie nel profilo Quadri Indie

L’arte del passato si fonde con la musica indie nel profilo Quadri Indie

Giulia Guido · 6 mesi fa · Design

Di tanto in tanto mi piace proporvi alcuni profili Instagram che trovo e scopro durante le immense ore che passo a scrollare la mia Home. Quello di cui voglio voglio parlarvi oggi si chiama Quadri Indie e riprende una tendenza già vista sui social, ma con qualcosa in più. 

L’idea, come si può leggere nella bio del profilo, è quella di essere “l’anello di congiunzione tra il mondo dell’indie e quello dell’arte”. Di sicuro vi starete chiedendo cosa troverete nella gallery: un’infinita carrellata di quadri, da Picasso a Van Gogh, ma anche di opere d’arte come Amore e Psiche di Canova e tanto altro, tutte accompagnate da brevi frasi. La particolarità di queste ultime è che sono tutti versi di note canzoni di cantanti inide, da Carl Brave a Frah Quintale, che si adattano alla perfezione al soggetto. 

Quadri Indie riuscirà di sicuro a strapparvi una risata e forse a farvi apprezzare di più la musica indie. 

L’arte del passato si fonde con la musica indie nel profilo Quadri Indie
Design
L’arte del passato si fonde con la musica indie nel profilo Quadri Indie
L’arte del passato si fonde con la musica indie nel profilo Quadri Indie
1 · 2
2 · 2