LEGO Technic Bugatti Chiron, un’auto costruita con i mattoncini del LEGO

LEGO Technic Bugatti Chiron, un’auto costruita con i mattoncini del LEGO

Giulia Guido · 1 anno fa · Art, Style

È da poco terminato il Gran Premio di Monza che ha visto salire sul primo gradino del podio Lewis Hamilton. Mentre l’autodromo viene svuotato si continua a parlare della LEGO Technic Bugatti Chiron.

La famosa azienda produttrice di mattoncini colorati, in collaborazione con Bugatti, questa volta si è spinta oltre ogni confine, ricreando in scala 1:1 il modello Bugatti Chiron Technic interamente costruita con i pezzi del LEGO e funzionante, in grado di raggiungere una velocità tra i 20 e i 30km/h.

Per sviluppare e costruire il progetto ci sono volute 13.000 ore di lavoro e più di un milione di pezzi di 339 diverse tipologie, tutte ovviamente ad incastro.

“Lego e Bugatti sono due brand che rappresentano dei simboli e che condividono i valori del design, dell’eccellenza e dell’innovazione. Con la nuova Lego Technic Bugatti Chiron miriamo a ispirare non solo i costruttori, ma anche gli ingegneri del domani”

Se non avete avuto modo di vederla a Monza non preoccupatevi, l’auto sarà esposta dal 6 al 9 settembre in piazza Gae Aulenti a Milano.

Un post condiviso da LEGO (@lego) in data:


LEGO Technic Bugatti Chiron interamente costruita con i mattoncini del LEGO | Collater.al LEGO Technic Bugatti Chiron interamente costruita con i mattoncini del LEGO | Collater.al LEGO Technic Bugatti Chiron interamente costruita con i mattoncini del LEGO | Collater.al LEGO Technic Bugatti Chiron interamente costruita con i mattoncini del LEGO | Collater.al LEGO Technic Bugatti Chiron interamente costruita con i mattoncini del LEGO | Collater.al LEGO Technic Bugatti Chiron interamente costruita con i mattoncini del LEGO | Collater.al LEGO Technic Bugatti Chiron interamente costruita con i mattoncini del LEGO | Collater.al LEGO Technic Bugatti Chiron interamente costruita con i mattoncini del LEGO | Collater.al LEGO Technic Bugatti Chiron interamente costruita con i mattoncini del LEGO | Collater.al

LEGO Technic Bugatti Chiron, un’auto costruita con i mattoncini del LEGO
Art
LEGO Technic Bugatti Chiron, un’auto costruita con i mattoncini del LEGO
LEGO Technic Bugatti Chiron, un’auto costruita con i mattoncini del LEGO
1 · 9
2 · 9
3 · 9
4 · 9
5 · 9
6 · 9
7 · 9
8 · 9
9 · 9
Le illustrazioni sotto la pioggia di Lara Paulussen

Le illustrazioni sotto la pioggia di Lara Paulussen

Claudia Fuggetti · 1 anno fa · Art

La Germania, si sa, non è esattamente un posto soleggiato. Lara Paulussen viene da Düsseldorf e fa l’illustratrice dedicandosi ai giorni cupi e piovosi che contraddistinguono la sua terra d’origine. Le nuvole grigie invadono lo sfondo delle sue creazioni diventando però una presenza quasi confortante e rassicurante, una sorta di certezza a cui aggrapparsi nei momenti di difficoltà.

La grande capacità di Lara sembra essere quella di riprodurre la natura ed interpretarla a seconda della propria emotività, in questo modo anche gli elementi più malinconici come i temporali e il freddo diventano quasi motivo di gioia e relax. Le sue illustrazioni sono state pubblicate su diversi magazine come Rolling Stone e The Weekender ed incluse in vari libri.

Visita il suo sito web se vuoi saperne di più, lo trovi qui.

 

 

 

Le illustrazioni sotto la pioggia di Lara Paulussen | Collater.al Le illustrazioni sotto la pioggia di Lara Paulussen | Collater.al 1 Le illustrazioni sotto la pioggia di Lara Paulussen | Collater.al 3 Le illustrazioni sotto la pioggia di Lara Paulussen | Collater.al 4 Le illustrazioni sotto la pioggia di Lara Paulussen | Collater.al 9 Le illustrazioni sotto la pioggia di Lara Paulussen | Collater.al 4 Le illustrazioni sotto la pioggia di Lara Paulussen | Collater.al 5 Le illustrazioni sotto la pioggia di Lara Paulussen | Collater.al 8 Le illustrazioni sotto la pioggia di Lara Paulussen | Collater.al 6

Le illustrazioni sotto la pioggia di Lara Paulussen
Art
Le illustrazioni sotto la pioggia di Lara Paulussen
Le illustrazioni sotto la pioggia di Lara Paulussen
1 · 9
2 · 9
3 · 9
4 · 9
5 · 9
6 · 9
7 · 9
8 · 9
9 · 9
Le sculture destabilizzanti e fluorescenti di Dan Lam

Le sculture destabilizzanti e fluorescenti di Dan Lam

Claudia Fuggetti · 1 anno fa · Art

L e sculture di Dan Lam,a prima vista, sembrano degli slime ricoperti da aculei fluorescenti, così disturbanti da risultare affascinanti. Poiché i suoi primi lavori sono stati definiti “troppo carini”, l’artista ha deciso di accettare la sfida e proporre al suo pubblico qualcosa di strano e meno conforme a ciò che per gli standard estetici attuali è collegabile alla definizione di “bello”. Il concetto di armonia estetica e di bellezza ha sempre fatto parte del linguaggio artistico, la contemporaneità, insieme a pochi artisti di epoca moderna, si è spinta oltre cercando di percorrere nuove strade e di superare i propri limiti.

In effetti l’arte non deve per forza essere qualcosa di bello e piacevole, ma deve esprimere anche i lati più oscuri e profondi del genere umano, basti pensare alla tragedia greca o ad artisti tormentati quali Goya e Munch. E quindi che importa se queste sculture sono dei mutanti informi e psichedelici? In fin dei conti non c’è nulla che la mente umana non possa generare.

Per scoprire tutte le sue opere puoi guardare sul suo sito web.

Le sculture destabilizzanti e fluorescenti di Dan Lam | Collater.al Le sculture destabilizzanti e fluorescenti di Dan Lam | Collater.al 11 Le sculture destabilizzanti e fluorescenti di Dan Lam | Collater.al 1 Le sculture destabilizzanti e fluorescenti di Dan Lam | Collater.al 5 Le sculture destabilizzanti e fluorescenti di Dan Lam | Collater.al 9 Le sculture destabilizzanti e fluorescenti di Dan Lam | Collater.al 4 Le sculture destabilizzanti e fluorescenti di Dan Lam | Collater.al 7 Le sculture destabilizzanti e fluorescenti di Dan Lam | Collater.al 10

Le sculture destabilizzanti e fluorescenti di Dan Lam
Art
Le sculture destabilizzanti e fluorescenti di Dan Lam
Le sculture destabilizzanti e fluorescenti di Dan Lam
1 · 8
2 · 8
3 · 8
4 · 8
5 · 8
6 · 8
7 · 8
8 · 8
Is it you? I volti nascosti dei ritratti di Fabio La Fauci

Is it you? I volti nascosti dei ritratti di Fabio La Fauci

Giulia Guido · 1 anno fa · Art

Guardando l’ultima serie di ritratti di Fabio La Fauci è impossibile non riflettere su quanto siamo attirati da quel che non conosciamo, ciò che non sappiamo, che non ci è dato vedere. In Is It You? l’artista italiano trapiantato a Berlino copre i volti di ogni ritratto con uno spesso strato di pasta per modellare di ceramica mista ad acrilico.

Da queste opere risulta evidente la passione di Fabio per correnti artistiche come il surrealismo, l’espressionismo, l’astrattismo e il minimalismo che si sposano alla perfezione con la sua idea. In un mondo saturo di immagini, in cui la nostra curiosità viene sempre saziata oltre misura, le sue figure col volto coperto lasciano nello spettatore uno spaventoso senso di disorientamento. Questa sensazione è ancor più straziante proprio perché ad essere nascosto è il volto.

Non conosceremo mai le espressioni delle persone ritratte, non le vedremo mai negli occhi.

Is it you | Collater.al Is it you | Collater.al Is it you | Collater.al Is it you | Collater.al Is it you | Collater.al Is it you | Collater.al Is it you | Collater.al Is it you | Collater.al Is it you | Collater.al Is it you | Collater.al Is it you | Collater.al Is it you | Collater.al

 

Is it you? I volti nascosti dei ritratti di Fabio La Fauci
Art
Is it you? I volti nascosti dei ritratti di Fabio La Fauci
Is it you? I volti nascosti dei ritratti di Fabio La Fauci
1 · 12
2 · 12
3 · 12
4 · 12
5 · 12
6 · 12
7 · 12
8 · 12
9 · 12
10 · 12
11 · 12
12 · 12
Nike sceglie Colin Kaepernick e sfida Trump e la NFL

Nike sceglie Colin Kaepernick e sfida Trump e la NFL

Giulia Pacciardi · 1 anno fa · Art

Believe in something. Even if it means sacrificing everything.
Questo lo slogan che campeggia sul ritratto in bianco e nero di uno degli sportivi più controversi degli ultimi anni.
Si tratta dell’ex quarterback della NFL Colin Kaepernick, scelto da Nike come volto per la campagna per il 30ennale dello slogan “Just Do it”.
Un messaggio semplice che, se recitato dall’ex prodigio della National Football League, diventa molto più potente ma, soprattutto, realtà.

Kaepernick, infatti, non è noto solo per la sua carriera sportiva che, fra le tante, gli ha regalato anche un’apparizione al Super Bowl XLVII del 2012, ma anche per il suo impegno sociale e politico.
Iconico è diventato il suo gesto del 2016 quando, durante ogni inno nazionale, si inginocchiava in segno di protesta contro la violenza nei confronti delle persone di colore negli Stati Uniti.
Gesto che, se da un lato ha provocato molte reazioni positive quali il dialogo e l’emulazione di altri compagni, dall’altro gli ha rovinato la carriera sportiva e lo ha reso nemico di Donald Trump e dei proprietari della NFL con cui ora è in causa.

Chiuso il contratto con i San Francisco 49ers, infatti, nessuna delle 32 squadre della League ha dimostrato interesse nella sua persona, costringendolo ad uno stop forzato che va avanti da due anni.
Una scelta non leggera quella di Nike che, nonostante sia riuscito a trovare il volto più influente ed adeguato per veicolare una compagna di questo peso, è sponsor tecnico di tutte le franchigie NFL.

Al momento non sono state registrate grandi reazioni se non quelle dei politici più conservatori, come il governatore Mike Huckabee che ha voluto dire la sua sul futuro del brand: “Penso che ora si focalizzerà sulla produzione di ginocchiere per la NFL”.

Un post condiviso da colin kaepernick (@kaepernick7) in data:

Nike sceglie Colin Kaepernick e sfida Trump e la NFL
Art
Nike sceglie Colin Kaepernick e sfida Trump e la NFL
Nike sceglie Colin Kaepernick e sfida Trump e la NFL
1 · 1