La lettera aperta di Dries Van Noten al mondo della moda

La lettera aperta di Dries Van Noten al mondo della moda

Andrea Tuzio · 2 settimane fa · Style

Sulla scia di Giorgio Armani, i più importanti brand di moda stanno provando a dare il loro contributo nel riscrivere le regole della fashion industry così fortemente colpita dalla crisi, di cui ancora non si conosce il reale impatto, dovuta alla pandemia di COVID-19 che sta colpendo tantissimi settori. 
Un gruppo di aziende del settore, addetti ai lavori e retailers hanno firmato una lettera aperta al mondo della moda che prova a tracciare una sorta di nuovo vademecum sul quale costruire un diverso approccio ormai necessario.

Secondo quanto riportato da The Business of Fashion, Dries Van Noten, Marine Serre, Mattias Magnusson e Craig Green sono tra i sostenitori dell’iniziativa che prevederebbe un drastico aumento della sostenibilità, una nuova e diversa schedulazione del calendario della moda e un ripensamento della stagionalità e degli sconti. A questo appello si sono uniti anche Thom Browne, Jil Sander e Burberry oltre ad aziende che si occupano di retail come Antonioli e Selfridges.

I cofirmatari della lettera chiedono che le collezioni Fall/Winter restino nei negozi da fine agosto fino a gennaio mentre quelle Spring/Summer da febbraio a luglio e che la scontistica e i saldi vengano applicati esclusivamente alla fine delle stagioni. Allo stesso tempo si impegnano, e chiedono a tutti di fare lo stesso, a rendere più sostenibile la produzione e il sistema di presentazione delle collezioni con show-room digitali e una riorganizzazione totale del calendario delle sfilate.

Una cosa che colpisce non poco è che, tra le firme che hanno sottoscritto la lettera, mancano le grandi corporazioni del mondo fashion come Kering (Gucci, Balenciaga, Saint Laurent e Bottega Veneta) e LVMH (Louis Vuitton, Christian Dior, Celine e Givenchy) e le catene del fast fashion come H&M, Zara e Primark.

“Non sono così ingenuo da credere che avremo un impatto su come Zara e Primark lavoreranno, non siamo solo concorrenti, siamo anche colleghi”.

Queste le parole che Van Noten ha rilasciato a BoF e che rappresentano una mano tesa, un desiderio di comunione di intenti che, in questo momento, farebbe di certo la differenza.

La lettera aperta di Dries Van Noten al mondo della moda
Style
La lettera aperta di Dries Van Noten al mondo della moda
La lettera aperta di Dries Van Noten al mondo della moda
1 · 7
2 · 7
3 · 7
4 · 7
5 · 7
6 · 7
7 · 7
La collabo tra Billie Eilish e Takashi Murakami x UNIQLO UT

La collabo tra Billie Eilish e Takashi Murakami x UNIQLO UT

Andrea Tuzio · 2 settimane fa · Style

Billie Eilish e Takashi Murakami torneranno a collaborare dopo che l’artista giapponese ha diretto il video di “you should see me a crown”, pezzo estratto dall’album d’esordio della cantante californiana “WHEN WE ALL FALL ASLEEP, WHERE DO WE GO?” che ha debuttato con un doppio disco di platino nel marzo del 2019 ed è stato il disco più venduto dell’anno.

Questa volta però la musica non c’entra, i due artisti hanno combinato la loro creatività e la loro sensibilità collaborando con il brand giapponese UNIQLO

Il progetto è stato presentato con un video teaser che vede una statua in stile animato della Eilish con indosso una T-shirt che rivela una stampa con la scritta “Billie Eilish” caratterizzata dal classico motivo floreale kaikai kiki di Murakami. 

La collaborazione UNIQLO Billie Eilish x Murakami UT verrà rilasciata a fine maggio ma per adesso non ci sono notizie ulteriori, che dovrebbero essere rese note la prossima settimana.

La collabo tra Billie Eilish e Takashi Murakami x UNIQLO UT
Style
La collabo tra Billie Eilish e Takashi Murakami x UNIQLO UT
La collabo tra Billie Eilish e Takashi Murakami x UNIQLO UT
1 · 2
2 · 2
Nike ha organizzato un concorso a scopo benefico

Nike ha organizzato un concorso a scopo benefico

Andrea Tuzio · 2 settimane fa · Style

L’impegno di Nike in questo momento difficile non è mancato.
L’azienda fondata da Phil Knight e Bill Bowerman ha donato 15 milioni di dollari a svariate associazioni dell’Oregon per fronteggiare l’emergenza sanitaria dovuta alla pandemia di COVID-19, che sta mettendo in ginocchio in modo molto serio anche gli Stati Uniti, e ha utilizzato la tecnologia per produrre maschere per gli operatori sanitari

Stavolta la notizia coinvolge davvero tutti, il CEO di Nike John Donahoe, che ha sostituito ufficialmente Mark Parker nel gennaio del 2020, ha organizzato un concorso che mette in palio un regalo davvero eccezionale per la persona che risulterà essere la più fortunata, dopo aver fatto un piccolo gesto di solidarietà.

Donahoe offre la possibilità di vincere una visita guidata personalizzata all’headquarter di Nike in Oregon, un tour dietro le quinte dell’iconico campus, compreso il nuovo LeBron James Building (la futura sede del team di innovazione avanzata di Nike), un one-o-one con lo stesso CEO, l’opportunità di progettare un proprio paio di sneaker, lavorando assieme al team di designer dell’azienda di Beaverton e come se non bastasse, portarsi a casa uno o più prodotti Nike dal valore complessivo non superiore ai $1000.

Per poter vincere questa sorta di lotteria, vi basta cliccare qui e fare la vostra offerta, da un minimo di $10 a un massimo di $100, la differenza aumenta le possibilità di essere estratti e vivere questa incredibile esperienza. 
Tutto il ricavato verrà devoluto alle associazioni Feeding America, Meals On Wheels, World Central Kitchen e No Kid Hungry per aiutare chi in questo momento, negli Stati Uniti, sta soffrendo la fame a causa della pandemia.

La scadenza per poter partecipare è fissata per il 3 giugno e il vincitore sarà reso noto subito dopo. In bocca al lupo!

Nike ha organizzato un concorso a scopo benefico
Style
Nike ha organizzato un concorso a scopo benefico
Nike ha organizzato un concorso a scopo benefico
1 · 5
2 · 5
3 · 5
4 · 5
5 · 5
La libertà dell’illustratrice Miranda Makaroff x Desigual

La libertà dell’illustratrice Miranda Makaroff x Desigual

Giulia Pacciardi · 2 settimane fa · Style

In questa primavera atipica fatta di colori e profumi vissuti da una finestra, la collezione “Eva Nuda” dell’illustratrice spagnola Miranda Makaroff x Desigual è una boccata di aria fresca, gioia e divertimento.

Ispirata alla storia di Eva, che Miranda vede come la prima donna libera, capace di scegliere per se stessa e di sapere guardare al suo piacere, la capsule collection è caratterizzata da colori brillanti, illustrazioni che rimandano all’universo sessuale e da tagli anni ’70.
Le stampe, vere protagoniste di tutti i capi, raccontano l’amore tramite la rappresentazione di donne che si intrecciano con la natura, che scoprono il piacere libero, la possibilità di esprimersi e muoversi in modo selvaggio e felice.

La capsule, interamente realizzata in tessuti ecosostenibili come il cotone biologico e il tessuto EcoVero, è stata ideata dall’artista durante una vacanza Ibiza in cui il contatto con la natura, vissuto senza confini, le ha regalato la voglia di mandare un messaggio ben preciso, “siamo liberi” e, oggi più che mai, conosciamo il valore di questa affermazione.

La libertà dell’illustratrice Miranda Makaroff x Desigual
Style
La libertà dell’illustratrice Miranda Makaroff x Desigual
La libertà dell’illustratrice Miranda Makaroff x Desigual
1 · 7
2 · 7
3 · 7
4 · 7
5 · 7
6 · 7
7 · 7
La T-shirt Cactus Jack di Travis Scott e LeBron James

La T-shirt Cactus Jack di Travis Scott e LeBron James

Andrea Tuzio · 2 settimane fa · Style

A causa della chiusura delle scuole negli Stati Uniti dovuta all’emergenza sanitaria, circa 3 milioni di liceali non hanno potuto festeggiare il diploma con la vera e classica cerimonia della consegna, consuetudine che ricopre un ruolo importantissimo nella cultura americana.

Proprio per questo LeBron James, che da anni si spende in campagne di sensibilizzazione e investe molti soldi per l’istruzione dei meno fortunati, ha voluto organizzare e produrre una cerimonia di diploma virtuale, “GraduateTogheter2020”, in cui il numero 23 dei Los Angeles Lakers ha raccolto le testimonianze e le fotografie di tutti quei ragazzi che si sarebbero dovuti diplomare quest’anno e ne ha fatto lo sfondo di uno studio televisivo virtuale nel quale ha tenuto un discorso rivolto a tutti i ragazzi e alle loro famiglie. Durante la cerimonia sono intervenuti anche 2 premi Nobel per la pace, Barack Obama e Malala Yousafzai.

Per l’occasione LeBron James e Travis Scott hanno realizzato in collaborazione una T-shirt Cactus Jack il cui ricavato sarà devoluto interamente ad associazioni benefiche. 

La maglietta, in azzurro e con disegni realizzati a mano che raffigurano i loghi delle associazioni e un gruppo di ragazzi che si tengono per mano, è diventata subito la T-shirt “ufficiale” della classe dei diplomati del 2020.

LeBron donerà la sua parte del ricavato alla LeBron James Family Foundation, che pone l’educazione e l’istruzione al centro della crescita dei ragazzi bisognosi della città di Akron in Ohio, città natale del tre volte campione NBA. Travis Scott, invece, devolverà i guadagni alla Feeding Texas che sostiene i banchi alimentari locali e le famiglie bisognose.

La T-shirt Cactus Jack c/o 2020 è disponibile online sul webstore del sito di Travis Scott.

La T-shirt Cactus Jack di Travis Scott e LeBron James
Style
La T-shirt Cactus Jack di Travis Scott e LeBron James
La T-shirt Cactus Jack di Travis Scott e LeBron James
1 · 3
2 · 3
3 · 3