Levenslicht, il monumento in memoria delle vittime dell’olocausto

Levenslicht, il monumento in memoria delle vittime dell’olocausto

Giulia Guido · 8 mesi fa · Art

104 mila pietre luminescenti per ricordare 104 mila vittime. È questa l’idea alla base di Levenslicht, l’ultima installazione progettata e realizzata dallo studio Roosegaarde, un vero e proprio monumento in ricordo delle vittime dell’olocausto in Olanda. 

Reso visibile al pubblico solo pochi giorni fa ad Rotterdam, la presentazione di Levenslicht cade proprio nell’anno del 75° anniversario della fine della Seconda Guerra Mondiale e con essa della liberazione del campo di concentramento di Auschwitz, simbolo dell’olocausto, dell’antisemitismo e della privazione della libertà. 

In Olanda furono, appunto, 104 mila le persone, tra ebrei, rom e siiti, ad essere deportate e ad aver perso la vita in un campo di concentramento e per rendere omaggio a ciascuna di loro i creativi dello studio Roosegaarde hanno pensato a un’opera composta da altrettante pietre realizzate in laboratorio con pigmenti fluorescenti che si illuminano grazie alla luce ultravioletta. Ogni pochi secondi, quindi, le pietre irradiano una forte luce blu, per poi spegnere pochi attimi dopo, continuando così all’infinito, sia di giorno che di notte. 

La scelta di usare delle pietre deriva dalla tradizione ebraica di porre sulla toma dei defunti una pietra e non i classici fiori. 

Levenslicht rimarrà a Rotterdam fino al 22 gennaio, per poi essere spostata in 170 comuni dei Paesi Bassi. 

levenslicht roosegaarde | Collater.al
levenslicht roosegaarde | Collater.al
levenslicht roosegaarde | Collater.al
Levenslicht, il monumento in memoria delle vittime dell’olocausto
Art
Levenslicht, il monumento in memoria delle vittime dell’olocausto
Levenslicht, il monumento in memoria delle vittime dell’olocausto
1 · 8
2 · 8
3 · 8
4 · 8
5 · 8
6 · 8
7 · 8
8 · 8
Cinematography – Ultras

Cinematography – Ultras

Giordana Bonanno · 1 giorno fa · Photography

Napoli e il suo amore per il calcio sono i due pilastri su cui Ultras regge il racconto. È il lungometraggio d’esordio del regista Francesco Lettieri, autore dei videoclip del misterioso cantante Liberato, le cui musiche stavolta accompagnano il film disponibile sulla piattaforma Netflix.

Non è solo un film sulla tifoseria napoletana, è un sentimento, un’ideale che accomuna un gruppo di persone, Spiega Lettieri: “Siamo partiti per raccontare un mondo in cui il calcio era lo sfondo, mentre il cuore era la tribù, la fede. Il tifo è cambiato molto dagli anni Ottanta, quando veniva chiamato “movimento ultrà”, era più folkloritstico e colorato, ora è più cupo e violento. Il movimento ultras è stato combattuto e represso, oggi vive un momento di grande crisi, gli scontri sono più rari, quest’anno è stato un anno scioperi”.

Il tifo è una sostituzione identitaria, concetto che vale quasi per tutti nella nostra società calciofila, e la storia di Angelo, giovane ragazzo protagonista della storia, ne mostra il lato estremizzato.

Gli scenari che appaiono nel film sono gli stessi del fotografo Martin Andersen, che con con grande ironia ritrae il mondo dei fan del Tottenham Hotspur, dichiarando “volevo avvicinarmi alle persone che stavo fotografando. Una cosa è essere un tifoso di calcio, un’altra è far parte dei diversi gruppi di persone che stai fotografando.” Si susseguono scene epiche, volti britannici fortemente espressivi, si può quasi sentire l’adrenalina del sentimento che unisce i tifosi, esplosiva ed inarrestabile. Martin ha iniziato con una telecamera in mano, catturando l’atmosfera che si respira per strada e nei pub durante le partite.

Genere: Dramma
Regista: Francesco Lettieri
Direttore della fotografia: Gianluca Palma
Scrittori: Peppe Fiore, Francesco Lettieri
Cast: Aniello Arena, Ciro Nacca, Antonia Truppo

Cinematography – Ultras
Photography
Cinematography – Ultras
Cinematography – Ultras
1 · 8
2 · 8
3 · 8
4 · 8
5 · 8
6 · 8
7 · 8
8 · 8
InstHunt Special Edition – Summer

InstHunt Special Edition – Summer

Giordana Bonanno · 1 giorno fa · Photography

InstHunt Special Edition è la nuova raccolta fotografica delle vostre migliori foto, ideata per la prima volta seguendo un tema. Ogni mese avrà un titolo dedicato e sarete voi a darle vita attraverso i vostri scatti. 

Il tema di questo mese era “Estate”, la stagione appena finita che ha ripreso vita ancora per un pò attraverso i vostri ricordi fotografici. Scopri qui sotto le foto migliori e non perderti i prossimi appuntamenti!

View this post on Instagram

gentedimare

A post shared by Alessia Sardiello (@la.sardi) on

View this post on Instagram

🏖👩‍👦🚜

A post shared by 최원민 WonMin Choi (@wonmin.9) on

View this post on Instagram

Intrecciarsi

A post shared by Francesco Ormando (@francescoormando) on

View this post on Instagram

Bea @divainfame

A post shared by Beatrice Santangelo (@___beauty_hunter___) on

Restate connessi e continuate a seguire la nostra pagina Instagram @collateral.photo per scoprire il tema del prossimo numero InstHunt Special Edition. 

Be creative Be part of @collater.al

InstHunt Special Edition – Summer
Photography
InstHunt Special Edition – Summer
InstHunt Special Edition – Summer
1 · 1
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram

InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram

Giulia Guido · 1 settimana fa · Photography

Ogni giorno, sul nostro profilo Instagram, vi chiediamo di condividere con noi le vostre immagini e fotografie più belle. 
Per la raccolta InstHunt di questa settimana abbiamo selezionato le vostre 10 migliori proposte: @francescoormando, @misterdrinkwine_portraits, @_slightlyoutoffocus_, @holybipolar, @bred_lee_cooper, @erre62, @doart, @giorgia_congia, @antonio.clementza.ph, @carla_sutera_sardo.

Tagga @collateral.photo per essere selezionato e pubblicato nel prossimo numero di InstHunt.

View this post on Instagram

The white fox and her lover

A post shared by Francesco Ormando (@francescoormando) on

View this post on Instagram

Через рік буде краще. ⠀ Ці слова для мене не про те, що "зараз якось не так", а про те, що зараз ітак дуже добре, але за рік буде ще краще. ⠀ Я буду якісніше робити свою роботу, виконувати більше обов'язків. ⠀ Знатиму більше, вмітиму краще. ⠀ Я точно знаю, що через рік мені не буде соромно за свої слова та за свій результат, який я показую сьогодні, я не стану архівувати знімки, які вже не буду вважати "гідними" чи "достатньо якісними". Не стану стирати написані слова, які Насті-2021 будуть здаватись недолугими і дитячими ⠀ Я приймаю той факт, що сьогодні моя версія мене і мої роботи поступаються тим, які ми побачимо за рік. ⠀ Я навіть сподіваюся на це❤️ ⠀ Як же буде приємно за п'ять років репостнули в сторі якісь свої знімки з 2020го, згадати, якою я була, чим горіла, і що з того виходило ☺️ ⠀ У мене навіть з'явилась думка надрукувати власний зін фоторобіт 2019-2020 для своєї полиці з вибраними знімками року, які мені наймиліше, щоби спостерігати за своїм ростом ⠀ Така от рефлексія вилазить у вересні. ⠀ А що ви? Уже малювали собі картинку себе влітку 2021? Які ви там? 🧡🧡🧡 На фото у студії @skylight.studio прекрасна й тендітна @evavinni 🧡🧡 ⠀ #photographerkiev #photoshoot #фотографкиев #съемка #портрет #portrait #negromagazine #negromag #ourmag #magazine35mm #pulsefilm #taintedmag #rebelmag #apricotmagazine #insomniamag #realismag #magicofselfportraiture #melonmag #Toxickidsmag #photomoodmag #indieframe #headspacemag #adegomagazine #hypnomag #glogmag

A post shared by Фотограф Киев (@bred_lee_cooper) on

InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
Photography
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
1 · 1
“Bodies, landscapes and desire”, la fotografia di Emma Hartvig

“Bodies, landscapes and desire”, la fotografia di Emma Hartvig

Giulia Guido · 2 settimane fa · Photography

Un corpo non è solamente un corpo, è una forma perfetta, è una scultura in grado di muoversi e mutare e questo la fotografa svedese Emma Hartvig lo sa bene. Nei suoi lavori l’elemento umano non manca mai, ma ciò che la differenzia da molti altri colleghi è il suo approccio al soggetto. I corpi nudi sono trattati come vere opere d’arte, catturati in posizioni che permettono di apprezzarne le forme e le linee, come se fossero dei paesaggi. 

Questi ultimi rappresentano un altro soggetto ricorrente nella fotografia di Emma Hartvig, l’elemento naturale è spesso affiancato da quello umano, come nella serie fotografica “Bodies, landscapes and desire”.

Emma Hartvig ci propone una serie di scatti delicati e intimi che riescono a creare una relazione tra i luoghi, dalle foreste alle scogliere concentrandosi sulle forme degli alberi, delle rocce, del paesaggio, e i corpi. 

Si tratta di scatti tranquilli, in cui domina la quiete e nei quali ci immergiamo silenziosamente. 

Per scoprire gli altri lavori di Emma Hartvig visita il suo sito e il suo profilo Instagram

“Bodies, landscapes and desire”, la fotografia di Emma Hartvig
Photography
“Bodies, landscapes and desire”, la fotografia di Emma Hartvig
“Bodies, landscapes and desire”, la fotografia di Emma Hartvig
1 · 13
2 · 13
3 · 13
4 · 13
5 · 13
6 · 13
7 · 13
8 · 13
9 · 13
10 · 13
11 · 13
12 · 13
13 · 13