Liliana Segre e Salvini nel murales di TVBOY

Liliana Segre e Salvini nel murales di TVBOY

Giulia Guido · 1 mese fa · Art

Il nostro ex Ministro dell’Interno è ancora al centro dei murales dello street artist TVBOY. L’ultimo suo lavoro è apparso a Milano su uno dei ponti dei Navigli ed è, oltre a una chiara presa di posizione contro Salvini, un palese schieramento da parte di tutte le sardine d’Italia e soprattutto di Liliana Segre

Ebbene sì, in una sola piccola opera TVBOY è riuscito a condensare tutto ciò, diventando immediatamente virale. 

Il murales, realizzato sempre con una tecnica che prevede l’utilizzo di spray e acrilico su muro, mostra Liliana Segere con in mano un cartello con la scritta “Stop Hate” e, di fianco a lei, Matteo Salvini, anzi Matteo Sardina che mostra un altro cartello raffigurante una vera e propria sardina e il logo di Esselunga storpiato in “Lasa lunga”. 

Questo artwork è accompagnato da un altro murales, dall’altra parte del ponte, con lo stesso cartello con la sardina, ma questa volta il pesce venduto in tutti i supermercati ha proprio la faccia di Salvini. 

Come tutte le opere di TVBOY probabilmente anche “Matteo e Liliana Manifestanti” non aver lunga vita, ma anche se non durerà per sempre di sicuro ha ottenuto i risultati sperati. 

Non ci resta che dire una cosa, TVBOY continua così! 

tvboy | Collater.al
tvboy | Collater.al
tvboy | Collater.al
Liliana Segre e Salvini nel murales di TVBOY
Art
Liliana Segre e Salvini nel murales di TVBOY
Liliana Segre e Salvini nel murales di TVBOY
1 · 8
2 · 8
3 · 8
4 · 8
5 · 8
6 · 8
7 · 8
8 · 8
Museo del Prado: i quadri risentono del cambiamento climatico

Museo del Prado: i quadri risentono del cambiamento climatico

Claudia Fuggetti · 1 mese fa · Art

Il Museo del Prado ha recentemente collaborato ad un progetto con il World Wildlife Fund (WWF) in concomitanza con la Conferenza ONU sui cambiamenti climatici del 2019 di Madrid. La sensibilizzazione nei confronti di questa tematica si allarga anche all’interno del contesto museale, nel quale i dipinti della collezione dell’istituzione sono stati modificati digitalmente per riflettere un mondo distrutto dall’inazione.

Il progetto è stato battezzato “+ 1,5ºC Lo Cambia Todo”, ovvero “+ 1,5ºC cambia tutto”. I dipinti di tre artisti spagnoli (Francisco de Goya, Diego Velázquez e Joaquín Sorolla) e di un pittore fiammingo rinascimentale (Joachim Patinir) sono stati ritenuti i più pertinenti per il progetto da esperti d’arte. Per diffondere efficacemente il messaggio, le opere modificate sono state collocate sui cartelloni pubblicitari di Madrid e le trovate condivise online sotto l’hashtag #LoCambiaTodo.

Per il Museo, questo progetto rappresenta un’opportunità per continuare a mettere l’arte al servizio della società. Il valore simbolico dei capolavori e l’impressionante rielaborazione artistica che presentiamo con il WWF sono un ottimo modo per trasmettere a tutti, e soprattutto alle giovani generazioni, ciò che è realmente in gioco in questa lotta contro il cambiamento climatico.

Problemi impellenti come l’innalzamento del livello del mare, la desertificazione e la questione dei rifugiati trasformano le opere di grandi pittori europei in una campagna pubblicitaria per salvare l’ambiente.

Museo del Prado: i quadri risentono del cambiamento climatico | Collater.al
Museo del Prado: i quadri risentono del cambiamento climatico | Collater.al
Museo del Prado: i quadri risentono del cambiamento climatico | Collater.al
Museo del Prado: i quadri risentono del cambiamento climatico | Collater.al
Museo del Prado: i quadri risentono del cambiamento climatico | Collater.al
Museo del Prado: i quadri risentono del cambiamento climatico | Collater.al
Museo del Prado: i quadri risentono del cambiamento climatico
Art
Museo del Prado: i quadri risentono del cambiamento climatico
Museo del Prado: i quadri risentono del cambiamento climatico
1 · 10
2 · 10
3 · 10
4 · 10
5 · 10
6 · 10
7 · 10
8 · 10
9 · 10
10 · 10
Light Architecture, l’installazione luminosa a Budapest

Light Architecture, l’installazione luminosa a Budapest

Anna Cardaci · 1 mese fa · Art

A Budapest, presso l’Institution of the Hungarian Academy of Arts, è possibile visitare Light Architecture, un’installazione pensata e realizzata dagli architetti ungheresi Bálint Botzheim e Sándor Böröcz la quale è composta da una grande quantità di fasci di luce. Questi ultimi sono posti all’interno di un grande spazio nero che imita l’universo e lo illuminano seguendo una determinata sequenza. L’opera Light Architecture mette in movimento tutte le luci e delineano spazi astratti. Gli spettatori che visitano l’installazione non si limitano solo a seguire i fasci, ma possono camminarci dentro diventando loro stessi in prima persona parte integrante e attiva dell’opera. Gli artisti hanno animato l’effetto luce con l’obiettivo di creare geometrie architettoniche che definiscono in maniera realistica lo spazio fisico.

Per rendere ancora più completa l’opera, Péter Mátrai, il quale ha contribuito alla realizzazione della parte sonora dell’opera, ha composto un brano musicale per l’installazione che va a ritmo dei lampeggi. Questi si diffondono espandendosi verso l’esterno, mentre al centro si crea uno spazio scuro. Successivamente la forma si restringe diventando una sottile linea nera che poi scompare.

L’installazione luminosa è composta da una matrice di 16x16x10 pixel RGB, al centro della quale si trova un corridoio alto cinque di forma irregolare e comprende circa 2.500 pixel divisi su 16 universi artnet. 

Con questa mostra, il salone di architettura commemora alcuni artisti nati in Ungheria, in particolare László Moholy-Nagy, István Sebők e Andor Weininger nel centenario della fondazione della Bauhaus

Light Architecture, l’installazione luminosa a Budapest
Art
Light Architecture, l’installazione luminosa a Budapest
Light Architecture, l’installazione luminosa a Budapest
1 · 6
2 · 6
3 · 6
4 · 6
5 · 6
6 · 6
Unite Through Culture, la mostra di Isimeme Otabor

Unite Through Culture, la mostra di Isimeme Otabor

Anna Cardaci · 1 mese fa · Art

Il fondatore di Infinite Archives, Isimeme “Easy” Otabor, ha aperto recentemente la sua galleria d’arte contemporanea Anthony Gallery nel centro di Chicago.
La mostra di inaugurazione, intitolata “Unite Through Culture”, è incentrata su una partnership con il famosissimo brand di calzature e abbigliamento sportivo Jordan, con uno sguardo alla Retro Air Jordan 11 “Bred” la cui data ufficiale di uscita della release è il prossimo 14 dicembre. All’interno della mostra sono esposti numerosi quadri raffiguranti sia Michael Jordan, sia le scarpe. Ciascun quadro presente a Unite Through Culture è stato realizzato da artisti diversi come Kosuke Kawamura, Corey Black, Matt McCormick, George Bayliss, ADE Makinde, Wu Yue e Jacob Rochester. Le loro opere onorano e interpretano minuziosamente la carriera atletica di His Airness in particolare dell’anno 1996 e del periodo in cui ha giocato con la sneaker originale Air Jordan 11 “Breds”. Quest’ultima è presente in molteplici paia in un’installazione in cui tutte le Air Jordan sono collegate al soffitto tramite dei lacci.

Durante l’evento di apertura della galleria, è stato inserito un corner dove era possibile acquistare l’official merchandising il cui ricavato è stato devoluto ad un programma di arte e atletica presso la scuola superiore di Otabor, la Hillcrest High School.

Anthony Gallery aprirà ufficialmente su prenotazione a partire dal 9 dicembre. Per maggiori informazioni, visita la pagina Instagram della galleria!

Unite Through Culture, la mostra di Isimeme Otabor
Art
Unite Through Culture, la mostra di Isimeme Otabor
Unite Through Culture, la mostra di Isimeme Otabor
1 · 6
2 · 6
3 · 6
4 · 6
5 · 6
6 · 6
Atomic, l’installazione colorata di Hou De Sousa

Atomic, l’installazione colorata di Hou De Sousa

Anna Cardaci · 1 mese fa · Art

Lo scorso 5 dicembre, a Washington D.C – negli Stati Uniti -, è stata inaugurata una nuova installazione iridescente chiamata Atomic realizzata da Hou De Sousa, uno studio newyorkese d’architettura, arte e design che promuove soluzioni innovative culturalmente avanzate e rispettose dell’ambiente.
Atomic è composta da tanti coloratissimi hula hoop prodotti in tessuto e in rete. Questa installazione è stata pensata e realizzata per celebrare le particelle che modellano il nostro universo e che riempiono un vuoto infinito di energia e luce.

Atomic | Collater.al 1

L’opera è in mostra fino al 5 gennaio 2020 e fa parte di Georgetown Glow, un festival annuale di light art. Lo studio Hou de Sousa ha precedentemente esposto una sua creazione durante la stagione 2018-19 intitolata “Prismatic“. 

Data la vicinanza di Atomic alla Grace Church, le sfaccettature multicolore dell’installazione sono state progettate in maniera tale da stabilire un collegamento contestuale con le vetrate dell’edificio adiacente.

Inoltre, Hou De Sousa ha creato un risultato “atomico” in riferimento all’effetto bokeh – un fenomeno che si verifica quando i punti di luce vengono fotografati fuori fuoco. Fissato ad una rete di nylon personalizzata, lo spettro di cerchi colorati sembra fluttuare a mezz’aria, dando vita ad un’opera accattivante che illumina l’area durante i mesi invernali bui.

Atomic, l’installazione colorata di Hou De Sousa
Art
Atomic, l’installazione colorata di Hou De Sousa
Atomic, l’installazione colorata di Hou De Sousa
1 · 5
2 · 5
3 · 5
4 · 5
5 · 5