Louis Vuitton, la campagna Men’s SS 2019 è un inno all’inclusione sociale

avatar
23 Gennaio 2019

La campagna pensata da Virgil Abloh per la collezione Men's SS 2019 di Louis Vuitton è un omaggio all’inclusione sociale e alla diversità.

Nel giugno 2018 Virgil Abloh fece il suo debutto come direttore artistico di Louis Vuitton Uomo con la collezione Spring/Summer 2019 che, presentata su una lunghissima passerella arcobaleno, incarnava valori come la diversità e l’inclusione sociale.

Gli stessi ideali sono stati perfettamente rappresentati nella campagna pubblicitaria appena lanciata che si divide in tre capitoli.

Il primo, e finora l’unico pubblicato, si intitola Infancy, Childhood, and Adolescence e rappresenta queste tra fasi della vita ancora incontaminate, di purezza e ingenuità, ma allo stesso tempo di curiosità e scoperta. I volti di questo capitolo sono quelli di cinque bambini e pre adolescenti che, come tipico della loro generazione, sono pieni di sogni e desideri.

Il secondo capitolo ha il nome di The Painter’s Studio (L’atelier dell’artista), che si rifà direttamente al famoso dipinto di Gustave Courbet che rappresenta lo stesso autore circondato da persone di diversa provenienza.

Entrambi i capitoli sono stati realizzati dal duo di fotografi Inez & Vinoodh, mentre il terzo e ultimo capitolo, intitolato School teens, è stato realizzato da Raimond Wouda e ha come soggetto le interazioni sociali tra persone di diverse culture.

Sul sito di Louis Vuitton potete rivedere la sfilata dello scorso giugno e dare un’occhiata alla collezione, finalmente in vendita.

Louis Vuitton | Collater.al

Louis Vuitton | Collater.al

Louis Vuitton | Collater.al

Louis Vuitton | Collater.al

Louis Vuitton | Collater.al

Louis Vuitton | Collater.al

Louis Vuitton | Collater.al

Louis Vuitton | Collater.al

Louis Vuitton | Collater.al

Louis Vuitton | Collater.al

Louis Vuitton | Collater.al

Louis Vuitton | Collater.al

Newsletter

Keep up to date!
Receive the latest news about art, music, design, creativity and street culture.
Share