Louis Vuitton, la campagna Men’s SS 2019 è un inno all’inclusione sociale

Louis Vuitton, la campagna Men’s SS 2019 è un inno all’inclusione sociale

Giulia Guido · 12 mesi fa · Art

Nel giugno 2018 Virgil Abloh fece il suo debutto come direttore artistico di Louis Vuitton Uomo con la collezione Spring/Summer 2019 che, presentata su una lunghissima passerella arcobaleno, incarnava valori come la diversità e l’inclusione sociale.

Gli stessi ideali sono stati perfettamente rappresentati nella campagna pubblicitaria appena lanciata che si divide in tre capitoli.

Il primo, e finora l’unico pubblicato, si intitola Infancy, Childhood, and Adolescence e rappresenta queste tra fasi della vita ancora incontaminate, di purezza e ingenuità, ma allo stesso tempo di curiosità e scoperta. I volti di questo capitolo sono quelli di cinque bambini e pre adolescenti che, come tipico della loro generazione, sono pieni di sogni e desideri.

Il secondo capitolo ha il nome di The Painter’s Studio (L’atelier dell’artista), che si rifà direttamente al famoso dipinto di Gustave Courbet che rappresenta lo stesso autore circondato da persone di diversa provenienza.

Entrambi i capitoli sono stati realizzati dal duo di fotografi Inez & Vinoodh, mentre il terzo e ultimo capitolo, intitolato School teens, è stato realizzato da Raimond Wouda e ha come soggetto le interazioni sociali tra persone di diverse culture.

Sul sito di Louis Vuitton potete rivedere la sfilata dello scorso giugno e dare un’occhiata alla collezione, finalmente in vendita.

Louis Vuitton | Collater.al

Louis Vuitton | Collater.al

Louis Vuitton | Collater.al

Louis Vuitton | Collater.al

Louis Vuitton | Collater.al

Louis Vuitton | Collater.al

Louis Vuitton | Collater.al

Louis Vuitton | Collater.al

Louis Vuitton | Collater.al

Louis Vuitton | Collater.al

Louis Vuitton | Collater.al

Louis Vuitton | Collater.al

Louis Vuitton, la campagna Men’s SS 2019 è un inno all’inclusione sociale
Art
Louis Vuitton, la campagna Men’s SS 2019 è un inno all’inclusione sociale
Louis Vuitton, la campagna Men’s SS 2019 è un inno all’inclusione sociale
1 · 12
2 · 12
3 · 12
4 · 12
5 · 12
6 · 12
7 · 12
8 · 12
9 · 12
10 · 12
11 · 12
12 · 12
L’iperrealismo nella street art di Samuel Rodriguez

L’iperrealismo nella street art di Samuel Rodriguez

Claudia Fuggetti · 12 mesi fa · Art

Samuel Rodriguez è un artista di San Jose, in California che si occupa di una vasta gamma di attività creative tra cui la street art. Nel corso degli anni ha lavorato anche per brand come Puma, Under Armour, Linkedin, Google e Samsung. I colori sgargianti contraddistinguono le sue creazioni iperrealistiche e tendono a ricalcare fedelmente i lineamenti e i dettagli dei soggetti con estrema precisione, smorzata dalle enormi scritte sovrapposte sul volto dei personaggi.

I suoi murales si posizionano esattamente a metà strada tra realismo ed astrazione, catturando l’attenzione dello spettatore che istintivamente si sente attratto dalla varietà di colori e dalla potenza visiva della composizione. Come Dourone anche Samuel ha subito la contaminazione dell’universo pop, trasformando persone comuni in icone popolari.

Dai un’occhiata anche ai suoi quadri che trovi qui.

L'iperrealismo nella street art di Samuel Rodriguez | Collater.al 3 L'iperrealismo nella street art di Samuel Rodriguez | Collater.al 3 L'iperrealismo nella street art di Samuel Rodriguez | Collater.al 3 L'iperrealismo nella street art di Samuel Rodriguez | Collater.al L'iperrealismo nella street art di Samuel Rodriguez | Collater.al L'iperrealismo nella street art di Samuel Rodriguez | Collater.al L'iperrealismo nella street art di Samuel Rodriguez | Collater.al L'iperrealismo nella street art di Samuel Rodriguez | Collater.al L'iperrealismo nella street art di Samuel Rodriguez | Collater.al L'iperrealismo nella street art di Samuel Rodriguez | Collater.al L'iperrealismo nella street art di Samuel Rodriguez | Collater.al L'iperrealismo nella street art di Samuel Rodriguez | Collater.al

L’iperrealismo nella street art di Samuel Rodriguez
Art
L’iperrealismo nella street art di Samuel Rodriguez
L’iperrealismo nella street art di Samuel Rodriguez
1 · 12
2 · 12
3 · 12
4 · 12
5 · 12
6 · 12
7 · 12
8 · 12
9 · 12
10 · 12
11 · 12
12 · 12
Super Bowl 2019, Cardi B protagonista del nuovo spot Pepsi

Super Bowl 2019, Cardi B protagonista del nuovo spot Pepsi

Claudia Fuggetti · 12 mesi fa · Art

Anche quest’anno come da tradizione, in occasione del Super Bowl 2019, la multinazionale main sponsor dell’evento Pepsi ha optato per la scelta di una delle personalità più cool del momento per la sua nuova pubblicità che debutterà il 3 febbraio: ovviamente stiamo parlando di Cardi B. La rapper è nota al pubblico non solo per i suoi successi musicali come I like it e Money, ma anche per via del suo carisma travolgente e della sua grande ironia: qualità capaci di sucitare simpatia agli occhi del pubblico americano.

Cardi B ha infatti condiviso sui suoi canali social un teaser dello spot che la vedrà protagonista, nel video troviamo la cantante vestita con i colori del brand (rosso, blu e bianco) che giocherella con una lattina di Pepsi interamente ricoperta di strass. Ricordiamo, inoltre, che la rapper ha rifiutato di essere presente al Super Bowl 2019 insieme ai Maroon 5 per cantare “Girls Like You”,  schierandosi a favore del giocatore Colin Kaepernick, estromesso dalla National Football League per una protesta antirazzista: al suo posto troveremo sul palco Travis Scott e Big Boi degli Outkast. Il solenne momento dell’intonazione dell’inno nazionale sarà compito di Gladys Knight, mentre il duo Chloe X Halle canterà il brano America, The Beautiful.

Il Super Bowl 2019 si terrà nella notte fra il 3 e il 4 febbraio prossimo in diretta dal Mercedes-Benz Stadium di Atlanta in Georgia.

Qui sotto trovi i due video pubblicati da Pepsi:

Super Bowl 2019, Cardi B protagonista del nuovo spot Pepsi | Collater.al

Super Bowl 2019, Cardi B protagonista del nuovo spot Pepsi
Art
Super Bowl 2019, Cardi B protagonista del nuovo spot Pepsi
Super Bowl 2019, Cardi B protagonista del nuovo spot Pepsi
1 · 1
L’armonia delle forme nelle illustrazioni di Quentin Monge

L’armonia delle forme nelle illustrazioni di Quentin Monge

Claudia Fuggetti · 12 mesi fa · Art

Quentin Monge è un illustratore cresciuto nel sud della Francia, dove l’estate si divertiva a disegnare semplici sagome nella sabbia. Oggi vive e lavora a Parigi, ma la sua infanzia ha influenzato molto la produzione artistica, contribuendo all’identificazione di uno stile ben definito dove l’estate sembra continuare ad essere la protagonista indiscussa.
Attraverso uno schema armonioso di forme e colori sgargianti, Quentin cattura un mondo fatto di donne in bikini che cavalcano coccodrilli, surfisti che giocano con gli squali e momenti di relax sotto il tra sole e mare.

L’artista ha realizzato anche diversi editoriali per magazine come Glamour e Time Out NY, questo perché la semplicità e l’efficacia del suo stile minimal fanno di Quentin un artista contemporaneo vivace e solare, capace di trasmettere il buonumore anche nei giorni più grigi.

Ti consigliamo di dare un’occhiata al suo profilo Instagram dove troverai anche la sua produzione pittorica.

L'armonia delle forme nelle illustrazioni di Quentin Monge | Collater.al L'armonia delle forme nelle illustrazioni di Quentin Monge | Collater.al L'armonia delle forme nelle illustrazioni di Quentin Monge | Collater.al L'armonia delle forme nelle illustrazioni di Quentin Monge | Collater.al L'armonia delle forme nelle illustrazioni di Quentin Monge | Collater.al L'armonia delle forme nelle illustrazioni di Quentin Monge | Collater.al L'armonia delle forme nelle illustrazioni di Quentin Monge | Collater.al L'armonia delle forme nelle illustrazioni di Quentin Monge | Collater.al  L'armonia delle forme nelle illustrazioni di Quentin Monge | Collater.al L'armonia delle forme nelle illustrazioni di Quentin Monge | Collater.al L'armonia delle forme nelle illustrazioni di Quentin Monge | Collater.alL'armonia delle forme nelle illustrazioni di Quentin Monge | Collater.al  L'armonia delle forme nelle illustrazioni di Quentin Monge | Collater.alL'armonia delle forme nelle illustrazioni di Quentin Monge | Collater.al L'armonia delle forme nelle illustrazioni di Quentin Monge | Collater.al L'armonia delle forme nelle illustrazioni di Quentin Monge | Collater.al

L’armonia delle forme nelle illustrazioni di Quentin Monge
Art
L’armonia delle forme nelle illustrazioni di Quentin Monge
L’armonia delle forme nelle illustrazioni di Quentin Monge
1 · 16
2 · 16
3 · 16
4 · 16
5 · 16
6 · 16
7 · 16
8 · 16
9 · 16
10 · 16
11 · 16
12 · 16
13 · 16
14 · 16
15 · 16
16 · 16
L’arte performativa di Jan Hakon Erichsen aka balloon destroyer

L’arte performativa di Jan Hakon Erichsen aka balloon destroyer

Giulia Guido · 12 mesi fa · Art

Dopo aver parlato di David Henry Nobody Jr abbiamo scoperto un suo collega, un altro artista che utilizza il suo corpo per creare delle affascinanti e divertenti performance artistiche, Jan Hakon Erichsen.

Jan è originario della Norvegia, dove ha studiato all’Accademia Nazionale delle Arti di Oslo. Inizialmente attratto dal video making, si è poi dedicato anima e corpo (letteralmente) alla creazione di installazioni cinetiche utilizzando qualsiasi tipo di oggetto gli capitasse a tiro, tazze, coltelli, spaghetti. Elemento quasi sempre presente nelle sue performance sono i palloncini, arrivando ad auto definirsi “balloon destroyer”.

Il suo pubblico, quello di Instagram, ha amato fin da subito i video che lo vedono rompere gli oggetti in modi macchinosi e con marchingegni realizzati assemblando parti in legno e metallo.
L’arte di Jan rappresenta nel migliore dei modi quella corrente di pensiero artistica secondo cui l’atto di distruzione è esso stesso atto di creazione.

Scopri tutte le performance di Jan Hakon Erichsen sul suo profilo Instagram e sul suo canale YouTube.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Jan Hakon Erichsen (@janerichsen) in data:

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Jan Hakon Erichsen (@janerichsen) in data:

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Jan Hakon Erichsen (@janerichsen) in data:

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Jan Hakon Erichsen (@janerichsen) in data:

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Jan Hakon Erichsen (@janerichsen) in data:

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Jan Hakon Erichsen (@janerichsen) in data:

L’arte performativa di Jan Hakon Erichsen aka balloon destroyer
Art
L’arte performativa di Jan Hakon Erichsen aka balloon destroyer
L’arte performativa di Jan Hakon Erichsen aka balloon destroyer
1 · 1