“Mars vista”, l’installazione che porta Marte sulla Terra

“Mars vista”, l’installazione che porta Marte sulla Terra

Giulia Guido · 4 giorni fa · Design

Sempre più frequentemente, artisti e designer realizzano opere pensate per le nostre città, da collocare in luoghi affollati e spazi di passaggio. L’ultimo esempio di questa tendenza è “Mars vista”, l’installazione dello studio di design Jiri Prihoda che è riuscito nella missione di portare uno scorcio di Marte sulla Terra, precisamente a Praga. 

La costruzione può essere considerata l’upgrade di un’opera precedente dello studio, l’“mPOD” del 2015, una piccola cabina in legno che si ispirava alle Mars Pod e che si affacciava su uno schermo su cui venivano proiettate immagini del pianeta rosso. 

Per Mars vista la cabina in legno e lo schermo sono stati racchiusi all’interno di un guscio in acciaio inossidabile dalla forma a spirale. 

Da fuori sembra quasi un oggetto proveniente da un altro pianeta, dentro ricorda le costruzioni spaziali. Sia internamente che esternamente, Mars vista è dotato di uno schermo su cui vengono trasmesse delle riprese del paesaggio di Marte. 

L’effetto, sia su chi ci passa di fianco distrattamente, sia su chi decide di entrare e lasciarsi trasportare in questo viaggio spaziale, è di spaesamento, ritrovandosi improvvisamente ad ammirare il deserto di Marte, ma rimanendo circondato dai palazzi della città. 

Visitate il sito dello studio Jiri Prihoda per scoprire Mars vista nella sua interezza. 

“Mars vista”, l’installazione che porta Marte sulla Terra
Design
“Mars vista”, l’installazione che porta Marte sulla Terra
“Mars vista”, l’installazione che porta Marte sulla Terra
1 · 10
2 · 10
3 · 10
4 · 10
5 · 10
6 · 10
7 · 10
8 · 10
9 · 10
10 · 10
Tra arte contemporanea e graffiti, le tele di Marcus Jansen

Tra arte contemporanea e graffiti, le tele di Marcus Jansen

Emanuele D'Angelo · 2 giorni fa · Art

Nato a Manhattan nel 1968, ha vissuto nel South Bronx e nel Queens, prima di trasferirsi a Moenchengladbach in Germania, Marcus Jansen è un artista che riesce a mescolare arte contemporanea e graffiti.

I suoi lavori affrontano sempre tematiche importanti, esplora e documenta la condizione umana in modo critico, sociale e politico.
Le tele di Jansen sono senza dubbio influenzate dagli anni nei campi di battaglia che ha calcato come membro delle forze armate statunitensi durante i conflitti come l’Operazione Desert Shield e Desert Storm.

“Ho iniziato con la messa in discussione del nostro paesaggio socio-politico e geopolitico in una ricerca di chiarezza personale dopo la nostra invasione in Iraq nel 2003, quando le Torri Gemelle nella mia città natale, New York City, sono crollate”, spiega. “Per me è stato un modo di affrontare un secondo conflitto, avendo fatto parte io stesso della prima invasione dieci anni prima. Essere in forte opposizione ad essa era un modo per provare un certo senso di controllo su qualcosa che non potevo cambiare”.

Adesso le sue pennellate colorate ed espressive saranno in mostra dal 18 settembre al 3 gennaio 2021 al Cornell Fine Arts Museum, Rollins College, Orlando, Florida.

Con questa mostra Marcus Jansen si è posto un obiettivo essenziale, mettere in discussione il nostro mondo.
L’esposizione dell’artista si concentra su opere realizzate negli ultimi 15 anni e comprende sia dipinti su grande scala sia una selezione di opere su carta, tra cui alcuni esposti per la prima volta. “Molti dei dipinti di questa mostra sono stati realizzati più di dieci anni fa, ma oggi sembrano in qualche modo più trasparenti per un pubblico più ampio“.

Ecco una selezione dei suoi lavori più toccanti presenti nella sua prossima mostra.

Tra arte contemporanea e graffiti, le tele di Marcus Jansen
Art
Tra arte contemporanea e graffiti, le tele di Marcus Jansen
Tra arte contemporanea e graffiti, le tele di Marcus Jansen
1 · 561
2 · 561
3 · 561
4 · 561
5 · 561
6 · 561
7 · 561
8 · 561
9 · 561
10 · 561
11 · 561
12 · 561
13 · 561
14 · 561
15 · 561
16 · 561
17 · 561
18 · 561
19 · 561
20 · 561
21 · 561
22 · 561
23 · 561
24 · 561
25 · 561
26 · 561
27 · 561
28 · 561
29 · 561
30 · 561
31 · 561
32 · 561
33 · 561
34 · 561
35 · 561
36 · 561
37 · 561
38 · 561
39 · 561
40 · 561
41 · 561
42 · 561
43 · 561
44 · 561
45 · 561
46 · 561
47 · 561
48 · 561
49 · 561
50 · 561
51 · 561
52 · 561
53 · 561
54 · 561
55 · 561
56 · 561
57 · 561
58 · 561
59 · 561
60 · 561
61 · 561
62 · 561
63 · 561
64 · 561
65 · 561
66 · 561
67 · 561
68 · 561
69 · 561
70 · 561
71 · 561
72 · 561
73 · 561
74 · 561
75 · 561
76 · 561
77 · 561
78 · 561
79 · 561
80 · 561
81 · 561
82 · 561
83 · 561
84 · 561
85 · 561
86 · 561
87 · 561
88 · 561
89 · 561
90 · 561
91 · 561
92 · 561
93 · 561
94 · 561
95 · 561
96 · 561
97 · 561
98 · 561
99 · 561
100 · 561
101 · 561
102 · 561
103 · 561
104 · 561
105 · 561
106 · 561
107 · 561
108 · 561
109 · 561
110 · 561
111 · 561
112 · 561
113 · 561
114 · 561
115 · 561
116 · 561
117 · 561
118 · 561
119 · 561
120 · 561
121 · 561
122 · 561
123 · 561
124 · 561
125 · 561
126 · 561
127 · 561
128 · 561
129 · 561
130 · 561
131 · 561
132 · 561
133 · 561
134 · 561
135 · 561
136 · 561
137 · 561
138 · 561
139 · 561
140 · 561
141 · 561
142 · 561
143 · 561
144 · 561
145 · 561
146 · 561
147 · 561
148 · 561
149 · 561
150 · 561
151 · 561
152 · 561
153 · 561
154 · 561
155 · 561
156 · 561
157 · 561
158 · 561
159 · 561
160 · 561
161 · 561
162 · 561
163 · 561
164 · 561
165 · 561
166 · 561
167 · 561
168 · 561
169 · 561
170 · 561
171 · 561
172 · 561
173 · 561
174 · 561
175 · 561
176 · 561
177 · 561
178 · 561
179 · 561
180 · 561
181 · 561
182 · 561
183 · 561
184 · 561
185 · 561
186 · 561
187 · 561
188 · 561
189 · 561
190 · 561
191 · 561
192 · 561
193 · 561
194 · 561
195 · 561
196 · 561
197 · 561
198 · 561
199 · 561
200 · 561
201 · 561
202 · 561
203 · 561
204 · 561
205 · 561
206 · 561
207 · 561
208 · 561
209 · 561
210 · 561
211 · 561
212 · 561
213 · 561
214 · 561
215 · 561
216 · 561
217 · 561
218 · 561
219 · 561
220 · 561
221 · 561
222 · 561
223 · 561
224 · 561
225 · 561
226 · 561
227 · 561
228 · 561
229 · 561
230 · 561
231 · 561
232 · 561
233 · 561
234 · 561
235 · 561
236 · 561
237 · 561
238 · 561
239 · 561
240 · 561
241 · 561
242 · 561
243 · 561
244 · 561
245 · 561
246 · 561
247 · 561
248 · 561
249 · 561
250 · 561
251 · 561
252 · 561
253 · 561
254 · 561
255 · 561
256 · 561
257 · 561
258 · 561
259 · 561
260 · 561
261 · 561
262 · 561
263 · 561
264 · 561
265 · 561
266 · 561
267 · 561
268 · 561
269 · 561
270 · 561
271 · 561
272 · 561
273 · 561
274 · 561
275 · 561
276 · 561
277 · 561
278 · 561
279 · 561
280 · 561
281 · 561
282 · 561
283 · 561
284 · 561
285 · 561
286 · 561
287 · 561
288 · 561
289 · 561
290 · 561
291 · 561
292 · 561
293 · 561
294 · 561
295 · 561
296 · 561
297 · 561
298 · 561
299 · 561
300 · 561
301 · 561
302 · 561
303 · 561
304 · 561
305 · 561
306 · 561
307 · 561
308 · 561
309 · 561
310 · 561
311 · 561
312 · 561
313 · 561
314 · 561
315 · 561
316 · 561
317 · 561
318 · 561
319 · 561
320 · 561
321 · 561
322 · 561
323 · 561
324 · 561
325 · 561
326 · 561
327 · 561
328 · 561
329 · 561
330 · 561
331 · 561
332 · 561
333 · 561
334 · 561
335 · 561
336 · 561
337 · 561
338 · 561
339 · 561
340 · 561
341 · 561
342 · 561
343 · 561
344 · 561
345 · 561
346 · 561
347 · 561
348 · 561
349 · 561
350 · 561
351 · 561
352 · 561
353 · 561
354 · 561
355 · 561
356 · 561
357 · 561
358 · 561
359 · 561
360 · 561
361 · 561
362 · 561
363 · 561
364 · 561
365 · 561
366 · 561
367 · 561
368 · 561
369 · 561
370 · 561
371 · 561
372 · 561
373 · 561
374 · 561
375 · 561
376 · 561
377 · 561
378 · 561
379 · 561
380 · 561
381 · 561
382 · 561
383 · 561
384 · 561
385 · 561
386 · 561
387 · 561
388 · 561
389 · 561
390 · 561
391 · 561
392 · 561
393 · 561
394 · 561
395 · 561
396 · 561
397 · 561
398 · 561
399 · 561
400 · 561
401 · 561
402 · 561
403 · 561
404 · 561
405 · 561
406 · 561
407 · 561
408 · 561
409 · 561
410 · 561
411 · 561
412 · 561
413 · 561
414 · 561
415 · 561
416 · 561
417 · 561
418 · 561
419 · 561
420 · 561
421 · 561
422 · 561
423 · 561
424 · 561
425 · 561
426 · 561
427 · 561
428 · 561
429 · 561
430 · 561
431 · 561
432 · 561
433 · 561
434 · 561
435 · 561
436 · 561
437 · 561
438 · 561
439 · 561
440 · 561
441 · 561
442 · 561
443 · 561
444 · 561
445 · 561
446 · 561
447 · 561
448 · 561
449 · 561
450 · 561
451 · 561
452 · 561
453 · 561
454 · 561
455 · 561
456 · 561
457 · 561
458 · 561
459 · 561
460 · 561
461 · 561
462 · 561
463 · 561
464 · 561
465 · 561
466 · 561
467 · 561
468 · 561
469 · 561
470 · 561
471 · 561
472 · 561
473 · 561
474 · 561
475 · 561
476 · 561
477 · 561
478 · 561
479 · 561
480 · 561
481 · 561
482 · 561
483 · 561
484 · 561
485 · 561
486 · 561
487 · 561
488 · 561
489 · 561
490 · 561
491 · 561
492 · 561
493 · 561
494 · 561
495 · 561
496 · 561
497 · 561
498 · 561
499 · 561
500 · 561
501 · 561
502 · 561
503 · 561
504 · 561
505 · 561
506 · 561
507 · 561
508 · 561
509 · 561
510 · 561
511 · 561
512 · 561
513 · 561
514 · 561
515 · 561
516 · 561
517 · 561
518 · 561
519 · 561
520 · 561
521 · 561
522 · 561
523 · 561
524 · 561
525 · 561
526 · 561
527 · 561
528 · 561
529 · 561
530 · 561
531 · 561
532 · 561
533 · 561
534 · 561
535 · 561
536 · 561
537 · 561
538 · 561
539 · 561
540 · 561
541 · 561
542 · 561
543 · 561
544 · 561
545 · 561
546 · 561
547 · 561
548 · 561
549 · 561
550 · 561
551 · 561
552 · 561
553 · 561
554 · 561
555 · 561
556 · 561
557 · 561
558 · 561
559 · 561
560 · 561
561 · 561
Spidertag e il nuovo murale di neon in Svezia

Spidertag e il nuovo murale di neon in Svezia

Giulia Guido · 1 giorno fa · Art

In questi ultimi mesi diverse categorie di lavoratori si sono ritrovati obbligati a fermarsi e tra loro sicuramente spiccano gli artisti che per un lungo periodo hanno dovuto imporre un freno alla propria creatività, alla voglia di realizzare qualcosa. 
Ora, molto lentamente, la situazione sembra riprendere il suo normale corso e i creativi di tutto il mondo possono tornare a fare arte. Tra loro c’è sicuramente Spidertag, che dopo uno stop di 9 mesi, è tornato a illuminare le strade con i suoi murales fatti di neon partendo dalla Svezia. 

Nei giorni scorsi, nella cittadina di Söderhamn si è svolto il festival di arte urbana “Take Tomorrow Back” e, tra gli artisti coinvolti, Spidertag ha fatto molto parlare di sé con il suo Interactive Neon Mural #9

Ormai dal 2015, lo street artist spagnolo si è fatto strada nel panorama artistico internazionale grazie alla scoperta di un materiale che lo ha distinto da tutti gli altri: i cavi al neon alimentati a batteria.
Spidertag modella a piacimento i cavi, posizionandoli su intere facciate di edifici spesso abbandonati e poi, di notte, quando ciascuno di essi si illumina di un colore diverso la magia ha inizio. 

Per non perderti le prossime opere di Spidertag seguilo su Instagram

Spidertag e il nuovo murale di neon in Svezia
Art
Spidertag e il nuovo murale di neon in Svezia
Spidertag e il nuovo murale di neon in Svezia
1 · 7
2 · 7
3 · 7
4 · 7
5 · 7
6 · 7
7 · 7
Il trailer di “I Am Greta”, il documentario su Greta Thunberg

Il trailer di “I Am Greta”, il documentario su Greta Thunberg

Emanuele D'Angelo · 1 giorno fa · Art

Il tanto atteso documentario dedicato a Greta Thunberg, diretto dallo svedese Nathan Grossman, è quasi pronto a fare il suo debutto in anteprima su Hulu il prossimo 13 novembre.

Il documentario proporrà un ritratto intimo di una teenager che è riuscita a scuotere le coscienze di tutti, da comuni cittadini ai potenti.
Icona della lotta al cambiamento climatico, impossibile dimenticare il discorso tenuto alla Conferenza delle Nazioni Unite nel 2018.

Un filmato che ha fatto il giro del mondo e che ha consacrato l’attivista, tanto da convincere Hulu a investire nella realizzazione di “I Am Greta”.

Ancora non si sa molto sul documentario, ma in teoria dovrebbe mostrarci il lato più intimo della vita della giovane, evidenziando come sia realmente dedita ai suoi ideali.

In attesa dell’uscita, ecco qui sotto il trailer.

Il trailer di “I Am Greta”, il documentario su Greta Thunberg
Art
Il trailer di “I Am Greta”, il documentario su Greta Thunberg
Il trailer di “I Am Greta”, il documentario su Greta Thunberg
1 · 1
Lito Leaf, da una foglia ad un’opera d’arte

Lito Leaf, da una foglia ad un’opera d’arte

Emanuele D'Angelo · 3 giorni fa · Art

Basta una foglia e la creatività dell’artista Lito Leaf prende vita e crea qualcosa di straordinario semplicemente dal nulla.

Faccio un uso positivo della mia concentrazione nonostante un problema di deficit (ADHD), cerco di impegnarmi solo sulle mie opere e nel ritaglio

Non c’è un modo giusto o sbagliato di fare arte. Chiunque può creare tutto ciò che vuole utilizzando qualsiasi forma, mezzo, materia o tela che vuole.
Da sub che si immergono negli abissi incontrando squali fino a supereroi, l’artista giapponese Lito Leaf scolpisce gli scenari più divertenti e insoliti sulle sue foglie.

L’artista utilizza una tecnica di ritaglio molto precisa, un esame più attento di ogni pezzo rivela dettagli sorprendenti che creano narrazioni oniriche e fuori dal comune.

Da una semplice e comune foglia viene fuori qualcosa di meraviglioso, ecco qui sotto una nostra selezione delle sue opere più belle.

Lito Leaf, da una foglia ad un’opera d’arte
Art
Lito Leaf, da una foglia ad un’opera d’arte
Lito Leaf, da una foglia ad un’opera d’arte
1 · 8
2 · 8
3 · 8
4 · 8
5 · 8
6 · 8
7 · 8
8 · 8