Caffè e sigaretta con Memento

Caffè e sigaretta con Memento

Emanuele D'Angelo · 7 mesi fa · Music

Qualche pomeriggio fa abbiamo fatto quattro chiacchiere con Andrea, in arte Memento, in occasione dell’uscita del suo primo EP “Memento Non Ha Paura Del Buio”.

Erano le 15 ed entrambi avevamo finito di pranzare da poco, così poco da non avere il tempo per godersi un caffè e una sigaretta in santa pace.

Ma poco importa, nonostante qualche problema audio di troppo, decidiamo di prenderlo insieme perché quando potrebbe ricapitare?!
Ma tocca fare presto perché il giovane artista di Asian Fake alle 16 ha le lezioni della patente, per cui dobbiamo darci una mossa.

Per chi non lo sapesse Memento è entrato a far parte del roster della casa discografica con “Hanami”, il nuovo progetto nato per dare visibilità a una nuova generazione di talenti della musica italiana. La parola è giapponese e indica la pratica di osservare la fioritura degli alberi in Primavera.
Già a quel tempo ci aveva dato una preview, per così dire, della sua magia con la sua “Non ti conosco”.

Sin dal primo ascolto della prima traccia siamo rimasti impressionati dal suo stile, dalle parole e dalla sua musica in generale.
In questo EP la musica traccia i confini di un mondo sognante, una via di fuga dall’oscurità della realtà dove la sensibilità fuori dal comune di Andrea trova il suo spazio e la sua massima espressione. Memento affronta con poesia le sue paure più nascoste ricercando la luce in ciò che lo circonda e nelle esperienze di vita che trasferisce all’interno dei suoi testi. Alle liriche del giovane artista si affianca un tappeto sonoro molto particolare che va dalla musica soul all’elettronica, e al lo-fi, creando un accostamento di suoni ricercato e diverso che sta alle fondamenta delle atmosfere del disco.
Un EP di sette tracce, 2 già conosciute che siamo sicuri vi conquisteranno già dal primo ascolto.

Come sempre, adesso lasciamo spazio alle sue parole, per farvi conoscere meglio questo talento classe 2002, dalle grandi aspettative.

Iniziamo dal principio, come mai hai scelto Memento come nome? É un nome che sentiamo spesso, sia per la famosa citazione latina, sia per quel colossale capolavoro di Nolan.

Memento è nato casualmente circa un anno e mezzo fa. Prima, in arte, mi chiamavo Young Swarthy, perché faccio di cognome Bruno e in inglese si dice swarthy. Era la sera del lancio del nuovo disco di Salmo che è stato fatto in Darsena e mi era venuto lo schizzo di voler cambiare nome. Ero lì con amici, ci siamo messi a buttare giù idee e Memento mi è piaciuto un sacco e alla fine ho deciso di chiamarmi così. 

Cosa significa per te questo primo EP e come mai hai scelto questo nome ovvero “Memento non ha paura del buio”?

Sono molto contento, è quasi una liberazione far uscire questo progetto, anche se non è tantissimo tempo che ci lavoro. È stato concepito tra quest’estate e questi giorni. Ovviamente sono felicissimo e, per quanto riguarda il titolo, nella realtà Memento ha paura del buio, in senso metaforico come un po’ tutti, penso. Ad esempio, questo periodo è abbastanza buio, io non posso lamentarmi perché fortunatamente questa pandemia non ha toccato né me né i miei amici, ma è stato per tutti un periodo buio. “Memento non ha paura del buio” è una sorta di convincimento, è come dirsi da solo che è buio ma che poi tutto passa ed è un titolo che è venuto un po’ da sé. 

Da ascoltatore e fan, mi sento di dire che Asian Fake riesce sempre a trovare una novità e a proporre cose inaspettate.
Che legame c’è tra te e Asian Fake e senti che quest’etichetta sia perfetta per te e per la tua musica? 

Asian Fake è una manna dal cielo. Mi ricordo che tempo fa, prima di conoscere tutti loro, e parlavo con i miei amici di Asian Fake e dicevo che sarebbe stato un sogno lavorare con loro e incredibilmente è successo. 
Io amo molto Asian Fake perché è un ambiente mega familiare, in cui tengono alla musica e a tutto ciò che ci sta intorno, i cambiamenti, un percorso discografico, un percorso di immagine e di visua
l. Si lavora davvero benissimo sotto tutti questi punti di vista.

Invece, tu sei entrato in Asian Fake mandando “Non ti conosco”. Quando l’hai realizzata pensavi che con questa canzone avresti potuto svoltare? Cosa pensavi quando hai prodotto questo pezzo?

Quando producevo “Non ti conosco” pensavo sostanzialmente a tutto quello a cui ho sempre pensato e che penso quando faccio musica.
Tra l’altro “Non ti conosco” l’ho concepita come qualsiasi altro pezzo che facevo in quel periodo. Poi ho deciso di partecipare ad “Hanami” e di inviare la fatidica mail, ed è incredibilmente successo.

La prima canzone che mi ha colpito leggendo i titoli delle tracce è stata “A volte mi perdo”. Hai una canzone, che è “Non ti conosco” il cui titolo è di fatto uguale a un pezzo di Venerus, poi c’è questa, ma anche la prima traccia. Anche a livello di sonorità e di sound. Però, se c’è un artista in futuro con cui collaborare, perché proprio Venerus? 

Sarà Venerus, spero, perché all’interno di Asian Fake è da sempre l’artista che mi ha ispirato di più. Fa parte del mio passato in qualche modo.

Nel tuo disco c’è questo luogo ricorrente, presente sia come traccia ma lo citi spesso in altre varie parti del testo di altre tracce.
Val di Sogno è stata un po’ la tua musa, e quanto è stata importante nella fase di scrittura?

I luoghi in cui si scrive sono sempre il tramite, ma il luogo è sicuramente una delle cose più importanti. Val di Sogno è il mio posto magico, è il posto in cui io sono tranquillo, mi sento bene e riesco a staccare e appunto si trova sul Lago di Garda, vicino casa mia.

In “Memento non ha paura del buio” nella prima traccia esordisci perdendoti, nell’ultima, invece, non hai paura del buio.
C’è una connessione profonda tra le tracce dell’EP? 

Come in tutte le cose, ho scoperto dopo di aver creato un viaggio. Nel senso che il viaggio l’ho vissuto in prima persona in questi mesi in cui ho scritto l’EP e poi ho scoperto di collegarsi concettualmente, anche se di base l’EP non è concept definito, l’idea era di concentrarsi sulla musica. Poi, ovviamente, scrivendo è venuto automatico che si delineasse questa sorta di percorso all’interno dell’EP. 

Com’è nata la collaborazione con Rodrigo degli Afterhours? Perché tu sei giovanissimo, e quindi sei un po’ distante da quel mondo lì. 

La collaborazione con Rodrigo è nata anche quella casualmente. Innanzi tutto, gli Afterhours fanno parte dei miei ascolti passivi, nel senso che fanno parte degli ascolti che ho “rubato” ai miei genitori perché li sentivano in macchina o a casa e solo ultimamente li ho ascoltati per scelta personale. Ovviamente sono stati una scoperta e il ft. con Rodrigo è nato grazie ad Orange che lo conosce e Rodrigo ha ascoltato il pezzo, gli è piaciuto molto è ha deciso di metterci il suo tocco magico. 

Per chiudere, il più grande obiettivo non di Memento ma di Andrea? 

Che Memento faccia sempre parte della sua vita, ossia che la musica faccia sempre parte della sua vita. 

Caffè e sigaretta con Memento
Music
Caffè e sigaretta con Memento
Caffè e sigaretta con Memento
1 · 3
2 · 3
3 · 3
Gli scatti surreali e bizzarri di Julia Buruleva

Gli scatti surreali e bizzarri di Julia Buruleva

Giulia Guido · 2 settimane fa · Photography

Atmosfere surreali e soggetti bizzarri, è questo che troviamo negli scatti di Julia Buruleva

Julia Buruleva è una fotografa russa che dopo essersi laureata in Belle Arti a San Pietroburgo e aver lavorato per anni come fotografa di moda si è trasferita a Barcellona, dove oggi vive e lavora, e ha completamente cambiato soggetti e stile.
A ispirare i suoi lavori sono due elementi in particolare: da un lato ciò che la circonda e che vede tutti i giorni, dall’altro la luce calda della città spagnola. 

A tutto ciò, poi, Julia aggiunge un pizzico di assurdità ed è così che nascono fotografie surreali che spiazzano e affascinano lo spettatore. In effetti è proprio questo che vuole ottenere con i suoi lavori, ovvero affascinare chi li guarda senza porre troppe domande. 

Uno dei progetti che rappresenta meglio questo mix di elementi è sicuramente quello dal titolo Beach is a new theatre in cui vediamo delle modelle nude sdraiate su delle sedie rosse posizionate sulla spiaggia. Qui l’ispirazione è arrivata quando ha visto per la prima volta le sedute rosse dell’Opera di Barcellona e lavorando di fantasia le ha visualizzate lontane dal loro contesto, creando immagini al limite dell’assurdo che non riusciamo a smettere di guardare. 

Un altro, importante elemento ricorrente nella sua produzione artistica è il nudo: il corpo umano non è assolutamente sessualizzato e non viene utilizzato per provocare, ma è concepito come un elemento che sembra spesso fondersi con il paesaggio, diventandone parte integrante. 

Noi abbiamo selezionato solo alcuni scatti di Julia Buruleva, ma per scoprirne di più visitate il suo sito e seguitela su Instagram

Julia Buruleva
Julia Buruleva
Julia Buruleva
Julia Buruleva
Julia Buruleva
Gli scatti surreali e bizzarri di Julia Buruleva
Photography
Gli scatti surreali e bizzarri di Julia Buruleva
Gli scatti surreali e bizzarri di Julia Buruleva
1 · 11
2 · 11
3 · 11
4 · 11
5 · 11
6 · 11
7 · 11
8 · 11
9 · 11
10 · 11
11 · 11
La fotografia sensuale e analogica di Chantal Convertini

La fotografia sensuale e analogica di Chantal Convertini

Giulia Guido · 1 settimana fa · Photography

Siamo stati immediatamente catturati dalla bellezza degli scatti di Chantal Convertini aka Paeulini. Sensuali, delicati e intimi. 

Chantal Convertini è una ragazza di 28 anni che si è avvicinata alla fotografia quasi per caso e solo successivamente ha deciso di trasformare questa grande passione in un lavoro. Come molti suoi coetanei il primo approccio che ha avuto con la fotografia è stato attraverso il digitale. Poi, in un secondo momento, quattro anni fa si è avvicinata anche al mondo dell’analogico. Questo ha portato Chantal Convertini a sapersi destreggiare benissimo tra le due tecniche, prediligendo l’analogico per i suoi progetti personali. 

I protagonisti dei suoi scatti sono due, la luce e i corpi di giovani donne. 

La luce è quasi sempre quella naturale, che rischiara leggermente interni di case e camere da letto. A volte le sue fotografie sono illuminate giusto da qualche raggio di sole che penetra tra le fessure di tapparelle e persiane chiuse. 

Questi fasci si posano sui corpi nudi e sui volti dei suoi soggetti, spesso femminili, come nella serie A feminine view on femininity, in cui Chantal Convertini dà una sua personale visione dell’universo femminile. 

Spesso però, davanti all’obiettivo ci si mette lei stessa, creando dei fantastici autoritratti, intimi e personali. 

La fotografia sensuale e analogica di Chantal Convertini | Collater.al

Qui sotto trovate una selezione dei suoi scatti, per scoprirne di più andate sul suo sito, sul suo profilo Instagram e sul suo profilo Patreon, dove potrete sostenerla anche finanziariamente.  

La fotografia sensuale e analogica di Chantal Convertini | Collater.al
La fotografia sensuale e analogica di Chantal Convertini | Collater.al
La fotografia sensuale e analogica di Chantal Convertini
Photography
La fotografia sensuale e analogica di Chantal Convertini
La fotografia sensuale e analogica di Chantal Convertini
1 · 22
2 · 22
3 · 22
4 · 22
5 · 22
6 · 22
7 · 22
8 · 22
9 · 22
10 · 22
11 · 22
12 · 22
13 · 22
14 · 22
15 · 22
16 · 22
17 · 22
18 · 22
19 · 22
20 · 22
21 · 22
22 · 22
La fotografia contemporanea arriva a Bologna con PhMuseum Days

La fotografia contemporanea arriva a Bologna con PhMuseum Days

Giulia Guido · 1 settimana fa · Photography

PhMuseum nasce nel 2012 come primo museo online dedicato alla fotografia contemporanea con l’obiettivo di offrire uno spazio accessibile a tutti da ovunque che promuovesse la cultura visiva.
Negli anni PhMuseum ha organizzato diverse attività e iniziative, dai corsi fotografici a programmi di formazione, fino a masterclass di alto livello. Quest’anno ha voluto fare le cose ancora più in grande, abbandonando per un po’ la sua forma digitale e diventando un evento fisico. 

Dal 23 al 26 settembre, infatti, il Binario Centrale del DumBo di Bologna ospiterà la prima edizione del festival internazionale di fotografia PhMuseum Days.

Il tema scelto per questa prima edizione è A New Beginning / Un nuovo inizio e si adatta perfettamente sia al momento storico che stiamo vivendo e al nuovo decennio appena cominciato sia perché l’evento rappresenta una nuova avventura per PhMuseum.

Il fitto programma dei 4 giorni prevede mostre individuali, un’installazione collettiva, workshop, revisioni di portfolio, proiezioni, performance e uno spazio dedicato all’editoria indipendente. 

Tra gli ospiti spiccano il fotografo argentino Alejandro Chaskielberg che con Natur-e riflette sul rapporto fra uomo, natura e tecnologia e la fotografa brasiliana Angelica Dass che esporrà Humanae, un progetto che cerca di dimostrare che ciò che definisce l’essere umano è la sua ineluttabile unicità.

Ci saranno anche il progetto Encounter dell’italiana Silvia Rosi che parte dal suo album di famiglia per raccontare storie di migrazione e diaspora attraverso autoritratti e performance e Afterlife del fotografo francese Vasantha Yogananthan che racconta l’eterna sfida fra il bene e il male reinterpretando un passo del poema epico indiano il Ramayana. 

Inoltre, verranno esposti tre lavori scelti fra gli oltre 700 progetti che si sono candidati tramite l’open call del festival: Human dell’ecuadoriana Fabiola Cedillo, incentrato sul bisogno dell’essere umano di riprodursi, naturalmente e attraverso la tecnologia, Fading Senses della polacca Ligia Poplawska, sulle implicazioni della perdita degli ecosistemi sulla nostra salute mentale ed emotiva e, infine, C-R92/BY dell’inglese Samuel Fordham, un progetto che si focalizza su migliaia di famiglie britanniche separate a seguito delle politiche dal Ministero degli Interni. 

Visitate il sito di PhMuseum e seguite il profilo Instagram per non perdere tutti gli aggiornamenti. 

Fading Senses, Ligia Popławska
C-R92_BY, Samuel Fordham
La fotografia contemporanea arriva a Bologna con PhMuseum Days
Photography
La fotografia contemporanea arriva a Bologna con PhMuseum Days
La fotografia contemporanea arriva a Bologna con PhMuseum Days
1 · 13
2 · 13
3 · 13
4 · 13
5 · 13
6 · 13
7 · 13
8 · 13
9 · 13
10 · 13
11 · 13
12 · 13
13 · 13
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram

InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram

Giulia Guido · 7 giorni fa · Photography

Ogni giorno, sul nostro profilo Instagram, vi chiediamo di condividere con noi le vostre immagini e fotografie più belle.
Per la raccolta InstHunt di questa settimana abbiamo selezionato le vostre 10 migliori proposte: @lured_ph, @sara.carraretto, @alko_imagine, @cristian.perra, @giorgia_congia, @photostrekoza, @_barbarac__, @valerycia, @caterina_cantu, @ale_galimberti.

Tagga @collateral.photo per essere selezionato e pubblicato nel prossimo numero di InstHunt.

InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
Photography
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
1 · 1