Milk Train, la gelateria che sembra una stazione in stile Art Deco

avatar
18 Luglio 2019

Grazie allo studio di design londinese FormRoom il nuovo store della catena di gelaterie Milk Train è il luogo più Instagrammabile di sempre.

Nell’era di Instagram anche – o soprattutto – l’occhio vuole la sua parte. Per questo motivo i proprietari della catena di gelaterie inglesi Milk Train hanno pensato di rivolgersi allo studio di design FormRoom per la realizzazione del nuovo store a Covent Garden. 

Per questo nuovo store i designer hanno optato per uno stile che ricorda quello delle vecchie stazioni in stile Art Deco che accompagna il cliente in un viaggio tra i sapori e i colori dei magnifici gelati che ha reso Milk Train famoso. 

Ogni dettaglio è stato pensato per offrire un’esperienza immersiva. Per gli interni è stata scelta una palette che presenta come colore predominante il bianco, mentre per le rifiniture e i dettagli troviamo il nero. Per quanto riguarda l’arredamento possiamo notare delle sedute simili alle panchine delle stazioni, dei lampioni a globo e, ultima ma non per importanza, la riproduzione di una nuvola, mancando ancora più profondamente il collegamento con il vapore che fuoriusciva dalle vecchie locomotive. 

“Il gelato racchiude un lato ludico e surreale, e FormRoom ha voluto trasferire questa magia nell’ambiente del negozio.” – Emily Foenander, FormRoom Project Manager

Anche le scritte ricordano quelle della metropolitana, con le piastrelle nere lucide che formano le parole. L’unico tocco di modernità è dato da alcune luci al neon, perfette per finire nella nostra gallery di Instagram. 

Non stiamo neanche a dirlo, se passate da Convent Garden fateci un salto, ne varrà la pena! 

Milk Train | Collater.al
Milk Train | Collater.al
Milk Train | Collater.al
Milk Train | Collater.al
Milk Train | Collater.al
Milk Train | Collater.al
Milk Train | Collater.al
Milk Train | Collater.al
Milk Train | Collater.al

Newsletter

Keep up to date!
Receive the latest news about art, music, design, creativity and street culture.
Share