Art Naked Brands
Art

Naked Brands

-
Fontastiko
Naked Brands-Il brand percepito dal consumatore

“Molta gente pensando alle corporation commette l’errore di pensarle come noi. Credono che abbiano sentimenti, orientamenti politici e principi, ma in realtà hanno una cosa sola, la bottom line: il fine ultimo; come aumentare i profitti a ogni bilancio trimestrale. Tutto qui.”

Suonavano così le parole di Michael Moore ai microfoni di Mark Achbar e Jennifer Abbott, registi canadesi autori di ‘The Corporation, il documentario uscito nel 2003 che analizzava ascesa ed effetti delle multinazionali sulle società. Un potere di fascinazione proprio della “Pubblicity”, l’era in cui la marca per essere più vicina ai propri consumer mira a incarnare un sentimento rivestendolo di tutti quei principi che successivamente rappresenteranno le basi sulle quali orientare tutte le future azioni di awareness.

Ma come percepiamo in realtà i marchi con cui ogni giorno abbiamo a che fare? Una divertente spiegazione ha provato a darcela myHotJuly, il graphic designer di Bucarest che con il suo ‘Naked Brands’, ci mostra il lato B di alcuni dei marchi più famosi al mondo. Una simpatica “indagine grafica” che spoglia i brand dalle loro etichette, lasciandone qualcuno addirittura in mutande.

Naked Brands-Il brand percepito dal consumatore
Naked Brands-Il brand percepito dal consumatore
Naked Brands-Il brand percepito dal consumatore

Naked Brands-Il brand percepito dal consumatore
Naked Brands-Il brand percepito dal consumatore
Naked Brands-Il brand percepito dal consumatore
Naked Brands-Il brand percepito dal consumatore
Naked Brands-Il brand percepito dal consumatore
Naked Brands-Il brand percepito dal consumatore
Naked Brands-Il brand percepito dal consumatore
Naked Brands-Il brand percepito dal consumatore
Naked Brands-Il brand percepito dal consumatore
Naked Brands-Il brand percepito dal consumatore

myHotJuly

Art
Scritto da Fontastiko
x
Ascolta su