Netflix: gli imperdibili di agosto 2019

Netflix: gli imperdibili di agosto 2019

Giulia Guido · 6 mesi fa · Art

Lo so, questo luglio è stato molto impegnativo, iniziato con Stranger Things e terminato con La Casa di Carta, però non si può mollare ora. Per questo sono qui per consigliarvi alcune novità in uscita su Netflix ad agosto da vedere sotto l’ombrellone o in aereo. Iniziamo! 

La vita dopo i figli: Per quanto riguarda i film, per il mese d’agosto Netflix punta sulla simpatia e sulla risata con un film che vede Patricia Arquette affiancata da Angela Bassett e Felicity Huffman, nel ruolo di tre madri che vivono quella fase della vita in cui i figli hanno, ormai, le loro vite e non hanno più spazio e tempo per le loro mamme. 

Le tre protagoniste decideranno di fare una visita a sorpresa ai loro figli, tornando a gamba tesa nelle loro vite. 

Una commedia spensierata, ottima per le sere estive, che però offre anche spunti di riflessione sul rapporto madre-figlio e sul tempo che passa, cambiando le relazioni. 

La vita dopo i figli sarà disponibile da venerdì 2 agosto

Glow 3: La serie originale Netflix debuttata nel giugno del 2017 è pronta per sorprenderci con la terza stagione. Vedremo le ragazze di GLOW si spostano a Las Vegas, città che dietro la sua patina perfetta svelerà tutte le sue difficoltà. Se tra il palco e la vita personale delle ragazze c’è sempre stata una divisione, sembra che questo agosto il confine si dissolverà, creando non pochi problemi. 

Ovviamente ritroveremo Alison Brie nei panni di Ruth e Betty Gilpin in quelli di Debbie. Grande new entry è invece il premio Oscar Geena Davis che interpreterà un’ex soubrette, ora direttrice del Fan-Tan Hotel and Casino. 

Glow 3 sarà disponibile a partire da venerdì 9 agosto

Mindhunter 2: Non esiste ancora un trailer ufficiale, ma la conferma dell’uscita della seconda stagione di Mindhunter viene direttamente dal suo produttore esecutivo e regista di alcuni episodi, David Fincher, quindi non possiamo dubitarne. Nella prima stagione, uscita nel 2017, ci siamo appassionati alle vicende dei due agenti dell’FBI, Holden Ford e Bill Tench e delle loro indagini e studi sui killer seriali. Oltre a non avere un trailer, non abbiamo neanche una trama ufficiale, ma grazie allo stesso Fincher sappiamo che gli episodi si baseranno sulla serie di omicidi avvenuti ad Atlanta tra la fine degli anni ’70 e l’inizio degli anni ’80. 

La seconda stagione di Mindhunter sarà composta da 8 episodi e sarà interamente disponibile da venerdì 16 agosto.   

Tredici – 13 Reason Why 3: Noi ve la segnaliamo, ma sappiate che l’ultima conferma ufficiale da parte di Netflix non è ancora avvenuta. La terza stagione di una delle serie Netflix che ha diviso il pubblico e la critica sta per tornare. Non ci sono ancora notizie ufficiali su quale sarà la trama, ma molto probabilmente, legandosi al finale della seconda stagione, sarà incentrata su Tyler, che era pronto a fare una strage a scuola. 

L’unica certezza è che Hannah Baker non ci sarà. 

La terza stagione di Tredici – 13 Reason Why dovrebbe uscire venerdì 23 agosto

Dark Crystal – La resistenza: Il mese finisce col botto con una nuova serie, Dark Crystal – La resistenza. La serie si ispira al film Dark Crystal del 1982 e gli eventi raccontati si svolgono molti anni prima di quelli visti sul grande schermo. La breve sinossi che è stata rilasciata promette azione ed avventura: “Quando tre Gelfling scoprono l’orribile segreto dietro il potere dei Skeksis, intraprendono un viaggio epico per accendere il fuoco della ribellione e salvare il loro mondo.” 

La serie composta da 10 episodi sarà disponibile da venerdì 30 agosto.

Netflix: gli imperdibili di agosto 2019
Art
Netflix: gli imperdibili di agosto 2019
Netflix: gli imperdibili di agosto 2019
1 · 2
2 · 2
Regards Coupables e le sue illustrazioni NSFW

Regards Coupables e le sue illustrazioni NSFW

Giulia Guido · 6 mesi fa · Art

Ultimamente stanno il web e i social spopolano di artisti che dedicano la loro arte alla rappresentazione dell’eros e della passionalità. Tra questi non possiamo non citare Regards Coupables, che tradotto significa “sguardi colpevoli”, un artista francese specializzato nell’illustrazione erotica. 

Sebbene noi ci riferiamo a lui al maschile, nessuno sa chi si cela dietro al nome Regards Coupables, potrebbe essere un uomo come una donna, ma non possiamo escludere che si tratti anche di un collettivo. In ogni caso, il proprietario del profilo ha deciso di non rivelare la sua identità in modo tale che l’attenzione dello spettatore fosse esclusivamente per le sue opere. 

Si tratta di illustrazioni che, nonostante il loro stile minimale, quasi abbozzato, riescono ad essere estremamente esplicite, tanto da provocare la chiusura del profilo Instagram un paio di anni fa. Però la bellezza dell’arte vince sempre, infatti da allora, Regards Coupables ha raccolto sempre più consensi, arrivando ad avere oltre 700 mila follower. 

Scopri nella nostra gallery alcuni dei suoi lavori. 

regards coupables | Collater.al
regards coupables | Collater.al
regards coupables | Collater.al
regards coupables | Collater.al
regards coupables | Collater.al
regards coupables | Collater.al
regards coupables | Collater.al
regards coupables | Collater.al
regards coupables | Collater.al
Regards Coupables e le sue illustrazioni NSFW
Art
Regards Coupables e le sue illustrazioni NSFW
Regards Coupables e le sue illustrazioni NSFW
1 · 10
2 · 10
3 · 10
4 · 10
5 · 10
6 · 10
7 · 10
8 · 10
9 · 10
10 · 10
PRESENCE, la mostra interattiva che mostra l’impatto dell’uomo sulla Terra

PRESENCE, la mostra interattiva che mostra l’impatto dell’uomo sulla Terra

Giulia Guido · 6 mesi fa · Art

L’artista olandese Daan Roosegaarde, in collaborazione con il Groninger Museum, ha progettato e realizzato PRESENCE, una mostra che si sviluppa in tante installazioni interattive il cui obiettivo è far capire allo spettatore quale sia davvero la portata e l’impatto della presenza dell’uomo sulla Terra. 

Da un punto di vista pratico, PRESENCE si compone di stanze in cui le luci al neon cambiano in base a quante persone presenti ci sono, pavimenti coperti di sfere luminose tra cui camminare, su cui sdraiarsi e lasciare la propria impronta. L’opera di Roosegaarde oltre a rendere più concreto e palpabile un tema diventato negli ultimi anni sempre più problematico e caldo, riesce a ribaltare il concetto di galleria d’arte. 

Di solito quando entriamo in un museo la prima regola è quella di non toccare le opere, di non avvicinarsi troppo, invece qui siamo chiamati ad entrarci in contatto, facendo diventare il nostro gesto un’opera d’arte (distruttiva). Il rapporto che si instaura tra spettatore e opera è unico, una relazione che stimola una crescita reciproca: mentre l’uomo crea l’opera, l’opera crea l’uomo, o almeno aumenta la sua consapevolezza. 

PRESENCE sarà visitabile fino al 12 gennaio 2020. 

PRESENCE Daan Roosegaarde | Collater.al
PRESENCE Daan Roosegaarde | Collater.al
PRESENCE Daan Roosegaarde | Collater.al
PRESENCE Daan Roosegaarde | Collater.al
PRESENCE Daan Roosegaarde | Collater.al
PRESENCE Daan Roosegaarde | Collater.al
PRESENCE, la mostra interattiva che mostra l’impatto dell’uomo sulla Terra
Art
PRESENCE, la mostra interattiva che mostra l’impatto dell’uomo sulla Terra
PRESENCE, la mostra interattiva che mostra l’impatto dell’uomo sulla Terra
1 · 6
2 · 6
3 · 6
4 · 6
5 · 6
6 · 6
Al via la quarta edizione del FAT FAT FAT Festival

Al via la quarta edizione del FAT FAT FAT Festival

Giulia Guido · 6 mesi fa · Art

You can’t download the experience. È questo lo slogan, ma anche il punto di partenza del FAT FAT FAT Festival, un evento che per due giorni, dal 2 al 4 agosto, richiamerà alcuni dei nomi più conosciuti legati alla Black Music

Parliamo di personalità come il dj e producer Moodyman e Shigeto, esponente del nuovo Hip-Hop americano. Tra i live più attesi segnaliamo il “sound artist” e compositore strumentale Hieroglyphic Being. Sono tanti i nomi in cartellone e ognuno di loro sarà chiamato a dar vita a un’esperienza unica, che può essere vissuta veramente solo dal vivo, con il telefonino spento e i sensi ben aperti, seguendo al massimo il claim “You can’t download the experience” 

fat fat fat festival | Collater.al
fat fat fat festival | Collater.al

É proprio da questo concetto che ha preso vita la campagna di comunicazione di quest’anno, curata dal Mine Studio di Roma. L’obiettivo della campagna è quello di raccontare attraverso una serie di immagini i luoghi che ospitano il FAT FAT FAT Festival, ovvero le località della Grancia e di Morrovalle, e di mettere l’accento sulla storia di questi posti e sulle loro tradizioni gastronomiche. 

Il risultato finale è composto da una serie di fotografie di questi paesaggi che al centro presentano un rettangolo o un quadrato colorato. 

“La forma geometrica quadrilatera, simbolo di stabilità, stasi, definizione, è stata scelta per contrasto a tutto quello che è il festival, un evento fluido, in movimento, energico.”

Ovviamente, la presenza di questo elemento ostacola la nostra visuale, non riusciamo a vedere interamente il paesaggio della fotografia, questo proprio perché il FAT FAT FAT Festival può essere vissuto solo dal vivo. 

“Nella campagna fotografica l’elemento geometrico monocolore è stato fotografato in paesaggi caratterizzanti della geografia del luogo: montagne, boschi, colline, distese di grano o spiagge, e l’elemento, sempre posizionato centralmente, costituisce una barriera per il godimento del paesaggio intralciandone la visione; questa scelta è scaturita da un’esasperazione del claim del festival “you can’t download the experience”, invitando l’utente a vivere di persona il contesto non limitandosi ad usufruirne esclusivamente attraverso i media.”

fat fat fat festival | Collater.al
fat fat fat festival | Collater.al
fat fat fat festival | Collater.al
fat fat fat festival | Collater.al
fat fat fat festival | Collater.al
fat fat fat festival | Collater.al
fat fat fat festival | Collater.al
fat fat fat festival | Collater.al
fat fat fat festival | Collater.al
fat fat fat festival | Collater.al
fat fat fat festival | Collater.al
fat fat fat festival | Collater.al
fat fat fat festival | Collater.al
fat fat fat festival | Collater.al
fat fat fat festival | Collater.al
Al via la quarta edizione del FAT FAT FAT Festival
Art
Al via la quarta edizione del FAT FAT FAT Festival
Al via la quarta edizione del FAT FAT FAT Festival
1 · 17
2 · 17
3 · 17
4 · 17
5 · 17
6 · 17
7 · 17
8 · 17
9 · 17
10 · 17
11 · 17
12 · 17
13 · 17
14 · 17
15 · 17
16 · 17
17 · 17
Digital Supernova 2019, l’installazione di Miguel Chevalier unisce scienza e arte

Digital Supernova 2019, l’installazione di Miguel Chevalier unisce scienza e arte

Giulia Guido · 6 mesi fa · Art

Nella cattedrale di Notre-Dame de Rodez, un paesino a due ore di macchina a nord est di Tolosa, l’artista Miguel Chevalier è riuscito a ricreare la complessità del cosmo con l’installazione Digital Supernova 2019

Tra le volte gotiche della cattedrale, appena sotto il soffitto, 30 diverse griglie di luci colorate ricreano una piccola sezione dell’universo, con esplosioni e resti di supernove, e che cambiano ogni due minuti. 

La realizzazione di Digital Supernova 2019 è stata possibile grazie a Miguel, ma anche a Fabio Acero, astrofisico specializzato nei resti di supernova e nebulose, con il quale l’artista ha lavorato a braccetto. L’installazione è il risultato tra le capacità tecniche e artistiche di Chevalier e alcuni documenti inediti forniti da Acero, ma anche tra il dialogo unico che si crea tra tecnologia e architettura. 

Digital Supernova 2019 rimarrà visibile al pubblico dall’8 al 18 agosto in cui per metà dei giorni sarà accompagnata dalle musiche di Jacopo Bobini Schilingi e per il resto dei giorni sarà accompagnata dalle performance musicali dei due organisti Frédéric Deschamps e Adam Bernadac. 

Digital Supernova 2019 | Collater.al
Digital Supernova 2019 | Collater.al
Digital Supernova 2019 | Collater.al
Digital Supernova 2019 | Collater.al
Digital Supernova 2019 | Collater.al
Digital Supernova 2019 | Collater.al
Digital Supernova 2019 | Collater.al
Digital Supernova 2019 | Collater.al
Digital Supernova 2019 | Collater.al
Digital Supernova 2019 | Collater.al
Digital Supernova 2019, l’installazione di Miguel Chevalier unisce scienza e arte
Art
Digital Supernova 2019, l’installazione di Miguel Chevalier unisce scienza e arte
Digital Supernova 2019, l’installazione di Miguel Chevalier unisce scienza e arte
1 · 10
2 · 10
3 · 10
4 · 10
5 · 10
6 · 10
7 · 10
8 · 10
9 · 10
10 · 10