Nike lancia la campagna Never Too Far Down

Nike lancia la campagna Never Too Far Down

Giulia Pacciardi · 1 mese fa · Art

Sudore, lacrime, gioie e dolori.
La vita degli atleti professionisti è costellata da alti e bassi, dal tifo più sfrenato, le prime pagine e i trofei, ma anche da quei momenti in cui un’errore, una sconfitta o un infortunio determinano, per gli altri, la fine un’intera carriera.

Ed è proprio a tutti gli atleti che, anche quando li davano per finiti, non hanno mai mollato che Nike ha deciso di ispirarsi per la nuova campagna Never Too Far Down, non si è mai troppo in basso per ritornare in vetta.

Una campagna raccontata da LeBron James con la partecipazione di sportivi di fama mondiale come Serena Williams, Tiger Woods, Cristiano Ronaldo, Rafael Nadal e molti altri.
Una clip dietro l’altra dei peggiori e migliori momenti delle loro carriere, in un crescendo di emozioni e brividi.

“È quando non ci è stata più data alcuna possibilità che in qualche modo abbiamo trovato quell’ultimo barlume di forza per continuare a lottare.
Poi abbiamo fatto quello che nessuno pensava di poter fare, nemmeno noi stessi. Siamo tornati dall’impossibile.”

Dice LeBron quando le immagini dei momenti più difficili, lasciano spazio ai ritorni in campo, alla forza d’animo e alla gioia di avercela fatta quando sembrava non fosse più possibile.

Una campagna lanciata da Nike in un momento in cui lo sport, e tutto ciò che lo riguarda, ha subito un brusco arresto.
Un momento in cui tutti gli stadi e campi del mondo si sono fermati, sono stati chiusi per evitare che diventassero motivo di contagio.

“In questo momento ci stiamo battendo per qualcosa di ben più grande di un trofeo o di un campionato. Ma se lo sport ci ha insegnato qualcosa è che non importa quanto possiamo cadere in basso. Non si è mai troppo in basso per ritornare in vetta.”

Nike lancia la campagna Never Too Far Down
Art
Nike lancia la campagna Never Too Far Down
Nike lancia la campagna Never Too Far Down
1 · 3
2 · 3
3 · 3
Looney Tunes Backgrounds

Looney Tunes Backgrounds

Giulia Guido · 1 mese fa · Art

Looney Tunes Backgrounds without Looney Tunes. Questa è la descrizione del profilo Instagram creato da Beñat Iturbe in cui immagina gli scenari e i paesaggi presenti nei cartoni animati, ma senza i nostri amati personaggi. 

È come se Bugs Bunny, Duffy Duck e i loro amici fossero in pausa caffè, abbiano abbandonato il set e la cinepresa fosse rimasta ferma a inquadrare la scenografia. Senza le peripezie dei personaggi più lunatici della televisione, Looney Tunes Backgrounds ci permette di apprezzare i disegni e le illustrazioni creati dai tecnici della Warner Bros e che hanno rivoluzionato il mondo dei cartoon. Poi, se siete dei veri fan, potete divertirvi a indovinare quali sono i personaggi mancanti, gli indizi non mancano!

Noi abbiamo selezionato solo alcuni degli sfondi, ma se volte scoprirli tutti andate sul profilo Instagram

Looney Tunes Backgrounds
Art
Looney Tunes Backgrounds
Looney Tunes Backgrounds
1 · 11
2 · 11
3 · 11
4 · 11
5 · 11
6 · 11
7 · 11
8 · 11
9 · 11
10 · 11
11 · 11
La National Gallery di Londra esporrà le sue opere per strada

La National Gallery di Londra esporrà le sue opere per strada

Emanuele D'Angelo · 1 mese fa · Art

A causa della chiusura e la quarantena imposta dal lockdown da Coronavirus, tutti i musei nel mondo sono stati costretti a chiudere le loro porte.

Sebbene molti le abbiano riaperte “virtualmente”, in Gran Bretagna, proprio in questi giorni, è stato messo in atto un progetto bellissimo. Sarà possibile godere dei capolavori custoditi alla National Gallery di Londra mentre si va al lavoro o mentre si va a fare la spesa.

The Nation’s Gallery is now on the nation’s streets è il nome dell’iniziativa della National Gallery realizzata grazie al supporto di Ocean Outdoor, azienda specializzata in schermi digitali per esterni.
Per due settimane nelle strade di Birmingham, Edimburgo, Glasgow, Leeds, Londra, Manchester, Newcastle, Nottingham e Southampton saranno “esposte”, si fa per dire, su grandi schermi le sette opere più viste del museo londinese.

I Girasoli e Campo di grano con cipressi di Vincent van GoghLo Stagno delle Ninfee di Claude MonetIl ritratto dei coniugi Arnolfini di Jan van EyckBagnanti ad Asnières di Georges SeuratAutoritratto con cappello di paglia di Élisabeth Vigée Le Brun e Sorpresa! di Henri Rousseau

Un modo per per dare alle persone ispirazione e conforto in questi tempi difficili. In attesa di poter tornare nei musei di persona possiamo goderci i capolavori dei più grandi pittori per le strade dell’Inghilterra.

La National Gallery di Londra esporrà le sue opere per strada
Art
La National Gallery di Londra esporrà le sue opere per strada
La National Gallery di Londra esporrà le sue opere per strada
1 · 4
2 · 4
3 · 4
4 · 4
Out, il primo corto Pixar sull’amore omosessuale

Out, il primo corto Pixar sull’amore omosessuale

Giulia Pacciardi · 1 mese fa · Art

Si chiama Out ed è il primo cortometraggio per bambini che racconta la storia di una coppia gay, quella formata da Greg, il protagonista, e Manuel.

Il corto, della durata di 9 minuti, è da poco atterrato su Disney+ e fa parte di una serie di prodotti animati firmati Pixar intitolata SparkShorts, in cui i disegnatori sperimentano nuove tecniche e approcciano tematiche diverse da quelle che hanno sempre affrontato.
Perché se è vero che più personaggi Disney si sono avvicinati al mondo LGBTQ+, Out, scritto e diretto da Steven Hunter, è il primo che lo fa apertamente e in maniera semplice e naturale.

La storia è quella di Greg, un giovane ragazzo che nonostante passi la vita con il compagno Manuel e il cane Jim, non ha mai avuto il coraggio di aprirsi con i genitori e fare coming out.
Sarà un trasloco in città e un’improvvisata della mamma e del papà a gettare Greg nel panico e a spingerlo a nascondere ogni prova del suo amore.

Un pizzico di magia, un cane e un gatto luccicanti, un arcobaleno e un cambio di prospettiva, aiuteranno Greg a vedere le cose in modo diverso e a superare un ostacolo che pensava essere enorme.

Una storia come tante, che conosciamo bene, ma che per la prima volta viene raccontata ai bambini nello stesso linguaggio con cui gli vengono raccontate tante altre storie normali.

Out, il primo corto Pixar sull’amore omosessuale
Art
Out, il primo corto Pixar sull’amore omosessuale
Out, il primo corto Pixar sull’amore omosessuale
1 · 5
2 · 5
3 · 5
4 · 5
5 · 5
Floor Plan Croissant, le case dei film

Floor Plan Croissant, le case dei film

Giulia Guido · 1 mese fa · Art

A volte, di un film ci rimane impressa la performance di un attore, una frase o un finale inaspettato, altre volte invece ci ricordiamo solo dei luoghi in cui la storia è ambientata, le case e le camere in cui entriamo per un paio d’ore. La passione di Boryana Ilieva, artista e architetto bulgara, sono proprio gli interni e gli edifici presenti nei film, tanto che qualche anno fa, quasi per caso, ha dato vita al progetto Floor Plan Croissant

Boryana Ilieva guarda e riguarda i film, studiando attentamente gli spazi, la disposizione delle camere, il mobilio, per poi ricrearlo in vere e proprie planimetrie. Nel primo step lavora su carta millimetrata, cercando di ricreare in modo perfetto le proporzioni e le distanze. Solo una volta soddisfatta dello schizzo iniziale, abbandona la matita per passare ai colori, che siano matite o acquerelli, cercando di riprodurre le texture dei vari materiali, dal legno del parquet alle stoffe dei divani. 

L’idea di iniziare ad analizzare in questa maniera l’architettura cinematografica le venne dopo aver partecipato a una conferenza dell’architetto finlandese Juhani Pallasmaa che esplorava gli spazi di film di Hitchcock, Tarkovsky, Antonioni e Kubrick. Da allora, Boryana Ilieva non ha mai smesso di disegnare e Floor Plan Croissant conta ogni giorno più fan e ammiratori. 

Qui sotto trovate una selezione dei suoi lavori, ma per scoprirne di più e per comprarne uno visitate il sito di Floor Plan Croissant e il suo profilo Instagram

Floor Plan Croissant, le case dei film
Art
Floor Plan Croissant, le case dei film
Floor Plan Croissant, le case dei film
1 · 16
2 · 16
3 · 16
4 · 16
5 · 16
6 · 16
7 · 16
8 · 16
9 · 16
10 · 16
11 · 16
12 · 16
13 · 16
14 · 16
15 · 16
16 · 16