La nostra playlist per prepararsi al ROBOT 11

Save the date

Ascolta la nostra playlist per prepararti al ROBOT 11, uno degli eventi più interessanti d’Italia dedicato alla musica elettronica.

QUANDO: 25 OTT - 26 OTT
avatar
16 Ottobre 2019

Torna il ROBOT Festival di Bologna, evento di musica elettronica ed arte digitale che non può mancare nella tua lista di eventi. Arrivato ormai alla sua undicesima edizione, ROBOT 11 si svolgerà il 25 ottobre negli spazi della Sala Maggiore della Ex GAM, location che si riafferma come quartier generale del festival e si concluderà la notte del 26 ottobre, con un party finale a DumBO, nuovo spazio di espressione culturale della città. Mentre lo slogan dell’anno scorso si riassumeva in “While You Were Sleeping“, per l’attuale edizione il concetto proposto è #BlackBox, denominazione presa in prestito dalla cibernetica, che simboleggia una scatola nera composta da meccanismi oscuri che meritano di essere esplorati e approfonditi, per comprendere il nostro rapporto con la tecnologia. Durante i giorni del festival sarà possibile partecipare ad un programma di incontri e conferenze a tema, organizzato in collaborazione con RiFestival.

Il primo giorno di ROBOT 11 sarà presente uno degli ospiti più attesi, il produttore di Barcellona John Talabot, insieme al britannico Leon Vynehall, noto per la sua impronta narrativa. Aprirà la prima serata Corgiat, vincitore della terza edizione dello Jäger Music lab, seguito da Filibalou. Nella Sala Opium, dedicata all’ambient music, troviamo una selezione curata da Quarto Mondo, per offrire al pubblico una piccola oasi di relax. La line-up continua con nomi altrettanto interessanti come quelli di: Red Axes, duo israeliano elettro-rock, Moxie, Badsista e Tolouse Low Trax, fondatore e resident del Salon Des Amateurs, celebre club di Düsseldorf.

L’opening del secondo giorno di ROBOT 11 sarà invece affidato ad Alessandro Cortini, membro dei Nine Inch Nails che presenta a Bologna il suo nuovo lavoro da solista “Volume Massimo”. Con sonorità post-punk e new wave troviamo Curses, poi, a seguire, il ritorno di Andrew Weatherall con al suo fianco l’eclettico Interstellar Funk, Afrodeutsche, produttrice britannica, e Batu. Per quanto riguarda gli spettacoli A/V ci saranno Lei, (No) Innocence e la performance Queering the Digital Space di Guenter Råler

A coronare il closing party da DumBO la notte del 26 ottobre, evento di inaugurazione dello spazio, troviamo Dj Rou, i pionieri della scena acid house 808 State, gli interessantissimi The Comet Is Coming, caratterizzati da un sound collocabile tra cosmic jazz ed elettronica. A concludere il party in bellezza ci penserà il dj e produttore romano Donato Dozzy, con la sua selezione ipnotica che spazia dalla dub alla techno più acida.

Ma adesso basta parlare, ascolta la nostra playlist qui sotto per prepararti all’evento:

Newsletter

Keep up to date!
Receive the latest news about art, music, design, creativity and street culture.
Share