Re:Humanism, la mostra sul rapporto tra  arte contemporanea e Intelligenza Artificiale

Re:Humanism, la mostra sul rapporto tra arte contemporanea e Intelligenza Artificiale

Giulia Guido · 3 settimane fa · Art

Da mercoledì 5 a domenica 30 maggio, lo Spazio CORNER MAXXI del Museo nazionale delle Arti del XXI secolo, a Roma, aprirà le sue porte per ospitare la seconda edizione della mostra Re:Humanism – Re:define the Boundaries.

Dieci artisti indagheranno il rapporto tra Intelligenza Artificiale e arte contemporanea invitando a riflettere su un futuro sempre più legato alla tecnologia in ogni suo aspetto. Per questo motivo le opere toccheranno temi legati alla società, ma anche alla biodiversità, alla coscienza ecologica, all’identità di genere. 

COSA:
Re:Humanism – Re:define the Boundaries
QUANDO:
5 – 30 MAG
DOVE:
Spazio CORNER MAXXI del Museo nazionale delle Arti del XXI secolo (Roma)

Gli artisti in mostra saranno gli Entangled Others, Yuguang Zhang, Johanna Bruckner, Irene Fenara, il collettivo Umanesimo Artificiale, il duo formato da Elizabeth Christoforetti & Romy El Sayah, Mariagrazia Pontorno, Egor Kraft, Numero Cromatico e Carola Bonfili, e i loro progetti in mostra sono i vincitori di Re:Humanism Art Prize

Quello del rapporto tra l’arte contemporanea e l’Intelligenza Artificiale è un tema che non può essere ignorato e, oltre a farci scoprire mondi e tecnologie lontane dal nostro quotidiano, può far nascere un dibattito sano sul futuro dell’arte e non solo.
Noi di Collater.al abbiamo avuto la fortuna di poter fare qualche domanda a Daniela Cotimbo, curatrice e Presidente dell’associazione Re:Humanism, che ci ha raccontato cosa troveremo in mostra e il suo punto di vista sull’argomento. Non perdetevi l’intervista qui sotto e alcune immagini delle opere e per saperne di più visitate il sito ufficiale!

Prima di parlare della mostra parliamo un po’ di te. Da sempre la tua ricerca si concentra sull’analisi e l’indagine di problematiche legate al presente attraverso diversi e nuovi mezzi espressivi e attraverso le nuove tecnologie. Da dove nasce l’interesse per questa materia e queste tematiche? 

La fascinazione per il mondo delle tecnologie ha sempre fatto parte di me credo. Appartengo a quella generazione di persone che ha visto diffondersi internet e le successive tecnologie connesse tramite device quali smartphone, pc e altro. Dietro quelli che sembrano semplici strumenti leggo tutta la complessità del progresso umano e delle sue implicazioni sociali. Se l’arte mi ha accompagnato in tutta la carriera scolastica, la tecnologia è entrata in maniera importante nelle mie ricerche, a partire dal mio percorso di tesi triennale, dove esploravo i mondi dell’arte all’interno di Second Life. L’approccio all’intelligenza artificiale nasce invece dall’incontro con Alan Advantage, azienda promotrice del premio che fin dall’inizio mi ha stimolato con temi trasversali e con conoscenze tecniche più approfondite. Oggi credo sia davvero difficile tener fuori la tecnologia dai discorsi umanistici.

Dal 5 al 30 maggio aprirà le sue porte “Re:Humanism – Re:define the boundaries”, cosa troverà davanti a sé una persona che deciderà di visitare la mostra? 

Bella domanda, sicuramente non una mostra canonica, nel senso che se ci si aspetta di essere circondati da robot, cavi e computer (sebbene io ami l’estetica della tecnologia) si potrebbe rimanere delusi. In realtà questo premio testimonia come i linguaggi tecnologici come quello dell’IA stiano pian piano penetrando sempre di più nel tessuto dell’arte contemporanea. Gli artisti li utilizzano sia in maniera fine a sé stessa, per capirne meglio la natura e le implicazioni, sia come strumento a supporto delle loro idee o immaginando nuove tipologie di interfacce. Così potrà capitare di vedere in mostra un arazzo che ci fa riflettere sul concetto di estinzione delle tigri (Irene Fenara), un acquario popolato da una barriera corallina generata da algoritmi (Entangled Others), un letto animato da una gestualità non umana (Yuguang Zhang) o il richiamo sonoro di un DNA modificato (Umanesimo Artificiale). Al contrario ci sono altre opere che raccontano come l’intelligenza artificiale ci aiuti a rivisitare linguaggi antichissimi come quello della pittura cinese (Egor Kraft), l’intraducibile manoscritto Voynich (Mariagrazia Pontorno) o i versi poetici contenuti negli epitaffi (Numero Cromatico). Infine, ci sono opere che sfruttano il linguaggio e la cultura che ruotano intorno all’IA per immaginare nuove forme di relazione tra specie (Johanna Bruckner), tra corpo e spazio (Elizabeth Christoforetti & Romy El Sayah) e di esistenza all’interno del digitale (Carola Bonfili). 

re:humanism
Molecular Sex, Johanna Bruckner

Quando si cerca di mettere in relazione discipline distanti e separate, come l’arte e le nuove tecnologie, spesso nasce qualcosa di straordinario, ma che non tutti riescono a capire subito. Come spiegheresti a queste persone la necessità di creare nuovi modi di produzione artistica? 

Su questo occorre fare una premessa, l’arte è sempre andata di pari passo con quella che prima chiamavamo tecnica e che oggi per mezzo dell’avanzamento tecnologico è diventato un vero e proprio linguaggio. Quando ad esempio è nata la pittura rupestre, qualcuno ha capito che poteva usare degli strumenti o il suo stesso corpo per comunicare con l’altro in un linguaggio simbolico. Se pensiamo questo in relazione alle tecnologie, ci rendiamo conto che quello a cui stiamo assistendo altro non è che un naturale processo di evoluzione dell’arte come espressione della realtà che ci circonda. Sicuramente la tecnologia oggi corre più veloce che mai e non è sempre facile stare al passo con le nuove scoperte e i più recenti sviluppi. Tuttavia, è uno sforzo che occorre fare perché le implicazioni, e qui mi riferisco soprattutto all’IA, sono tantissime e ci riguardano ormai molto da vicino. Forse è vero il contrario, ossia che è l’arte che, sovvertendo le regole del gioco, ci aiuta a comprendere meglio la tecnologia.

Tra le opere che saranno in mostra quella che ha attirato maggiormente la mia attenzione è “Epitaphs for the human artist” di Numero Cromatico. Si tratta di una sorta di epitaffio che decreta definitivamente la morte dell’artista umano. Pensi che questa figura in futuro scomparirà completamente o credi che l’artista umano resisterà nel tempo ma dovrà dividere il ruolo di creatore con apparati tecnologici, intelligenza artificiale e algoritmi? 

L’opera dei Numero Cromatico agisce su più livelli semantici. Sicuramente ci aiuta a riflettere su come forme poetiche che si sono tramandate spontaneamente, come possono essere i versi normalmente contenuti negli epitaffi, in un futuro molto vicino saranno totalmente appannaggio degli algoritmi. Il punto, ancora una volta, non è se sarà l’artista umano a scomparire ma come si riverseranno su di noi queste forme di espressione. Siamo disposti ad affidare una memoria intima come quella che accompagna il nostro vissuto ad una IA? E in tal caso come ne faremo esperienza? Per rispondere ancor meglio alla tua domanda, gli algoritmi di IA hanno già un potenziale “creativo” molto sviluppato, la così detta Black Box, uno spazio semantico latente che non ci è ancora ben chiaro come sia in grado di elaborare i dati che gli forniamo. Tutto questo è molto affascinante ma la vera domanda che dovremmo porci è: a cosa “serve” l’arte e perché un’IA dovrebbe sostituirsi a un artista in questo senso? La risposta che so darmi oggi è che l’IA potenzia le possibilità creative di un artista in tanti modi che sono molto curiosa di esplorare.

Re:Humanism
Epitaphs For The Human Artist, Numero Cromatico

Negli ultimi anni, e soprattutto negli ultimi mesi, stiamo notando come non solo la produzione artistica si stia legando sempre di più al mondo tecnologico, ma anche la vendita e la fruizione dell’arte si stiano digitalizzando.
Credi che in questo modo, a lungo andare, l’arte sarà più alla portata di tutti o al contrario diventerà più esclusiva? 

Immagino che tu ti riferisca in particolare all’ascesa degli NFT (Non-fungible token) che in questo momento rappresentano un fenomeno molto interessante all’interno del mondo dell’arte e non solo. Personalmente non amo le settorializzazioni, credo che la tecnologia faccia ormai parte degli strumenti a disposizione degli artisti ma sicuramente, non essendo strumenti neutri, ogni volta che ne introduciamo uno dobbiamo ampliare lo sguardo al contesto di produzione. Cito gli NFT perché in effetti rappresentano un bel cambio di paradigma, ci spingono a concepire l’arte non più come un oggetto, qualcosa da possedere necessariamente in maniera fisica, nella maggior parte dei casi parliamo di formati digitali che possono essere presentati su schermi ma anche semplicemente essere conservati in una cartella sul nostro pc. Sicuramente una tecnologia di questo tipo sta rivoluzionando anche il modo di approcciarsi all’arte, favorendo l’ascesa di nuove tipologie di collezionisti e appassionati. Occorre però specificare che questi fenomeni collettivi potrebbero essere temporanei e dovuti all’entusiasmo iniziale, quello che facilmente potrebbe accadere è che tutto ritorni nei canoni del mercato dell’arte tradizionale. Dunque, per risponderti, devo dire che la complessità dell’arte contemporanea non è qualcosa a cui possiamo rinunciare e non è detto che le tecnologie facilitino l’accesso ai contenuti complessi, tuttavia credo in un più grande bisogno da parte degli artisti di misurarsi con i temi del nostro tempo e questo, probabilmente può davvero facilitare questo incontro con il pubblico.

Re:Humanism
(Non-)Human: The Moving Bedsheet, Yuguang Zhang
re:humanism
Body As Building, Elizabeth Bowie Christoforetti & Romy El Sayah
Re:Humanism, la mostra sul rapporto tra arte contemporanea e Intelligenza Artificiale
Art
Re:Humanism, la mostra sul rapporto tra arte contemporanea e Intelligenza Artificiale
Re:Humanism, la mostra sul rapporto tra arte contemporanea e Intelligenza Artificiale
1 · 19
2 · 19
3 · 19
4 · 19
5 · 19
6 · 19
7 · 19
8 · 19
9 · 19
10 · 19
11 · 19
12 · 19
13 · 19
14 · 19
15 · 19
16 · 19
17 · 19
18 · 19
19 · 19
La fotografia sensuale ed energica di Therese Öhrvall

La fotografia sensuale ed energica di Therese Öhrvall

Federica Cimorelli · 9 ore fa · Photography

Therese Öhrvall è una fotografa svedese che vive a New York City, una professionista che lavora nella moda e che realizza scatti curatissimi. Le sue fotografie sono immagini equilibrate tra estetica e racconto ricche di molteplici riferimenti artistici

Nel suo percorso, Therese Öhrvall segue le orme della madre, anch’essa fotografa, studia fotografia alla Parsons di Parigi e poi si sposta a New York per concludere gli studi. Nella sua vita ha vissuto in Colombia, Spagna e Svezia e probabilmente questi luoghi hanno ispirato la sua attuale visione del mondo

Leggi anche: La fotografia semplice e familiare di Lauren Bamford

Nelle sue immagini mescola diversi riferimenti estetici, culturali e artistici, combina il kitsch, la cinematografia svedese e la cultura pop americana. Con luci lievi e tinte decise, le sue fotografie sono composizioni sensuali, poetiche ed energiche.

Guarda qui una selezione dei suoi scatti, seguila su Instagram e visita il suo sito personale

La fotografia sensuale ed energica di Therese Öhrvall
Photography
La fotografia sensuale ed energica di Therese Öhrvall
La fotografia sensuale ed energica di Therese Öhrvall
1 · 14
2 · 14
3 · 14
4 · 14
5 · 14
6 · 14
7 · 14
8 · 14
9 · 14
10 · 14
11 · 14
12 · 14
13 · 14
14 · 14
Le donne nelle fotografie di Kim Akrich

Le donne nelle fotografie di Kim Akrich

Giulia Guido · 4 giorni fa · Photography

Poche cose ci fanno sentire liberi come il mare che bagna la pelle e la sabbia che accarezza il corpo e Kim Akrich lo sa bene. 

Kim Akrich è una fotografa francese con base a Parigi, ma che ha vissuto per alcuni anni viaggiando in luoghi esotici e vivendo in luoghi come Tahiti e Bora Bora. È proprio da questi luoghi e dalla loro atmosfera che si lasciata ispirare per realizzare alcuni dei suoi scatti più iconici. 

Le spiagge bianche e il turchese del mare fanno da sfondo e da cornice a corpi di giovani ragazze libere di mostrarsi come sono, senza veli e senza filtri. Kim gioca con la semplicità tanto che a volte non le serve altro che la luce calda del sole per creare lo scatto perfetto. Altre volte, invece, inserisce elementi che sottolineano la bellezza delle forme, come fiori appoggiati sulla pelle o brillantini.

Sono quasi dieci anni che Kim affascina il suo pubblico con stupende foto di donne nella loro forma più naturale e facendone risaltare il lato più femminile. 

Ogni giorno Kim Akrich condivide i suoi scatti, che profumano di libertà ed estate, con oltre 129 mila follower su Instagram, ma per godere a pieno le sue foto vi consigliamo di vederle sul suo sito – dove potrete anche acquistarle – e dove sono libere da ogni tipo di censura. 

Le donne nelle fotografie di Kim Akrich
Photography
Le donne nelle fotografie di Kim Akrich
Le donne nelle fotografie di Kim Akrich
1 · 15
2 · 15
3 · 15
4 · 15
5 · 15
6 · 15
7 · 15
8 · 15
9 · 15
10 · 15
11 · 15
12 · 15
13 · 15
14 · 15
15 · 15
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram

InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram

Giulia Guido · 4 giorni fa · Photography

Ogni giorno, sul nostro profilo Instagram, vi chiediamo di condividere con noi le vostre immagini e fotografie più belle.
Per la raccolta InstHunt di questa settimana abbiamo selezionato le vostre 10 migliori proposte: @missgherard, @palacheva_photo, @nihites, @saracamporesi.it, @noveprimavere__, @julietberdo, @alanys.salas, @andrea_paterno_images, @giorgioscapy, @sonoingenuo.

Tagga @collateral.photo per essere selezionato e pubblicato nel prossimo numero di InstHunt.

InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
Photography
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
1 · 1
La fotografia semplice e familiare di Lauren Bamford

La fotografia semplice e familiare di Lauren Bamford

Federica Cimorelli · 5 giorni fa · Photography

Lauren Bamford è una fotografa freelance con base a Melbourne, in Australia, specializzata in fotografia still life, di viaggio e documentaristica – in campo editoriale e commerciale. I suoi scatti combinano soggetti semplici e familiari a tavolozze colori accattivanti e sono il risultato di un lavoro attento alle atmosfere e alle composizioni. 

Il suo stile personale, discreto e umile, mescola istinto e ragione. Lauren Bamford infatti dà molto importanza alla luce naturale, ma quando non ha la possibilità di sfruttarla per l’immagine, la ricostruisce e imita artificialmente il più possibile.
Oggetti di design, cibo, persone, dettagli e particolari sono i protagonisti delle sue fotografie, sono collezioni di cose interessanti messe insieme con armonia ed equilibrio.

– Leggi anche: Gli autoritratti introspettivi di Handra Rocha

Guarda qui una selezione dei suoi scatti, seguila su Instagram e visita il suo sito personale.

La fotografia semplice e familiare di Lauren Bamford
Photography
La fotografia semplice e familiare di Lauren Bamford
La fotografia semplice e familiare di Lauren Bamford
1 · 15
2 · 15
3 · 15
4 · 15
5 · 15
6 · 15
7 · 15
8 · 15
9 · 15
10 · 15
11 · 15
12 · 15
13 · 15
14 · 15
15 · 15