Foto di manifesti erotici nella Napoli degli anni ’70

Foto di manifesti erotici nella Napoli degli anni ’70

Tommaso Berra · 1 mese fa · Photography

Conosco alla perfezione la città in cui sono nato e in cui vivo da sempre, potrei andare ovunque seguendo il percorso più veloce, potrebbero persino bendarmi, lasciarmi in qualsiasi angolo del reticolo di vie romane e riconoscerei immediatamente il posto in cui sono. C’è solo una via in cui non sono mai passato, vicino alla stazione, in cui un’insegna bianca e rossa anticipa la presenza di un cinema porno.
In tutti gli anni in cui sono transitato per l’incrocio dal quale è visibile l’insegna, ho sempre avuto una specie di timore nel voltare lo sguardo, non tanto per vergogna, più per paura di vedere qualcosa che non avrei dovuto vedere. Come se mi aspettassi di trovare un set cinematografico lungo il marciapiede, oppure una locandina che non lasciasse molto spazio all’immaginazione.

Rosalba Russo | Collater.al

Racconti di generazioni passate parlano di quel cinema come un rito di passaggio dei 18 anni (o prima se eri fortunato), in una stagione di conquista della libertà sessuale – generalmente maschile – e di apertura a un repertorio di immagini che, giudicate con il termometro del tempo, definiremmo oscene. In questo stesso clima, in un periodo breve che va dalla fine degli anni ’70 all’inizio degli anni ’80, inizia il lavoro fotografico a Napoli di Marialba Russo.
Le strade in quegli anni iniziavano a riempirsi di locandine e poster di film erotici, ed è proprio il fascino attrattivo di quelle opere che porta Marialba Russo a fotografarle di nascosto, da lontano, di sfuggita o sporgendosi dal tettuccio del suo Due Cavalli.

Rosalba Russo | Collater.al
Rosalba Russo | Collater.al

Le illustrazioni di quei flani, raccolte in un bellissimo libro edito da NERO Editions dal titolo Public Sex (2020), viste oggi sono pornografia pudica, ma ai tempi erano il segno della spaccatura in una morale cattolica e patriarcale. Russo documenta questo strappo attraverso la raccolta di illustrazioni di sogni adolescenziali e non, che pochi anni dopo verranno eliminate e poi sorpassate da una pornografia all you can eat.
La raccolta è un lavoro di difficile catalogazione, se non fosse perché il genere pornografico in quegli anni iniziò a insinuarsi – pur alleggerito – in altri generi come la commedia, grazie al divismo di attrici rimaste anch’esse nei racconti di quei diciottenni dei quali si parlava qualche riga più su. 

Guardo il lavoro di Marialba Russo e ripenso al tic che mi porta, a quasi 30 anni, a schivare ancora l’insegna del cinema Roma, come fosse quella scena soft-porno del film che passava in TV mentre ero sul divano insieme ai miei genitori. È l’importanza documentaristica di queste fotografie a determinarne il valore, il fatto di provenire da anni nei quali serviva molta fantasia per immaginare il piacere, oppure bastava solamente non voltare lo sguardo per strada.

Rosalba Russo | Collater.al
Foto di manifesti erotici nella Napoli degli anni ’70
Photography
Foto di manifesti erotici nella Napoli degli anni ’70
Foto di manifesti erotici nella Napoli degli anni ’70
1 · 9
2 · 9
3 · 9
4 · 9
5 · 9
6 · 9
7 · 9
8 · 9
9 · 9
Le migliori foto naturalistiche del 2021

Le migliori foto naturalistiche del 2021

Tommaso Berra · 4 giorni fa · Photography

Dopo la classifica delle migliori fotografie astronomiche e di quelle al microscopio del 2021, in questi giorni sono state premiate anche le migliori foto naturalistiche dell’ultimo anno. Il Wildlife Photographer of the Year è un concorso organizzato dal Natural History Museum di Londra, arrivato alla 57esima edizione.
Ci sono molti aspetti che rendono straordinarie le 100 foto in gara, scattate da fotografi professionisti o amatori e selezionate tra 50mila proposte. Da un lato la tecnica utilizzata e la pazienza nell’aspettare di realizzare lo scatto perfetto, irripetibile in molti casi. Dall’altro il punto di vista insolito, che avvicina gli spettatori ad eventi naturali insoliti o ad animali difficilmente avvicinabili, come lo scatto del ragno grosso come una mano umana o del “selfie” scattato da un orso grizzly, davanti alla carcassa di un cervo negli Stati Uniti.

Il concorso Wildlife Photographer of the Year è diviso in 19 categorie, dalle quali sono stati annunciati i due vincitori. Laurent Ballesta, specializzato in fotografia acquatica, ha vinto l’Adult Grand Title Winner con un’immagine che immortala alcune cernie mimetiche della Polinesia francese che escono da una nuvola di uova e sperma. Il fotografo francese ha impiegato cinque anni di immersioni notturne per cogliere questo momento, che si ripete solo nel periodo della luna piena di luglio.
L’altro vincitore del concorso di foto naturalistiche è stato Vidyun R. Hebbar, di soli dieci anni, premiato con il Young Wildlife Photographer of the Year per l’immagine di un ragno avvolto dalla sua tela, scattata a Bangalore (India).

foto naturalistiche | Collater.al
Le migliori foto naturalistiche del 2021
Photography
Le migliori foto naturalistiche del 2021
Le migliori foto naturalistiche del 2021
1 · 11
2 · 11
3 · 11
4 · 11
5 · 11
6 · 11
7 · 11
8 · 11
9 · 11
10 · 11
11 · 11
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram

InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram

Giulia Guido · 3 giorni fa · Photography

Ogni giorno, sul nostro profilo Instagram, vi chiediamo di condividere con noi le vostre immagini e fotografie più belle.
Per la raccolta InstHunt di questa settimana abbiamo selezionato le vostre 10 migliori proposte: @_barbarac__, @alanyssalas_ph, @saracamporesi.it, @salvo_95126, @labianca_paola_photo, @reportageofmylife, @monica_milescow, @mariyaleksa_ph, @_eleonoram_, @cynthia_foto.

Tagga @collateral.photo per essere selezionato e pubblicato nel prossimo numero di InstHunt.

InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
Photography
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
1 · 1
Julien Lallouette e le persone raccontate con gli scatti

Julien Lallouette e le persone raccontate con gli scatti

Giulia Guido · 3 giorni fa · Photography

In che modo raccontereste i vostri amici? O meglio. Quale mezzo scegliereste di utilizzare per valorizzare loro? Julien Lallouette ha scelto la fotografia. 

Classe 1991, Julien Lallouette è un’art director e fotografa francese, nata a Le Havre, e con base a Londra. Oltre a lavori commerciali, Julien realizza progetti personali in cui si focalizza su una persona alla volta. Visitando il suo sito si possono trovare diverse serie di scatti, ciascuna dedicata a una persona diversa e intitolata con il nome della protagonista. Amiche, conoscenti, ma anche modelle vengono ritratte in ambienti domestici e intimi dove hanno la libertà di mostrarsi come sono davvero.

La luce è quella naturale che entra senza ostacoli da finestre spalancate, che viene filtrata da tende, o che penetra con fatica da imposte chiuse. Lo stile retrò e vintage è il risultato dato dalla pellicola, infatti Julien Lallouette fotografa in analogico, attirata dalla grana spessa, dagli effetti, ma anche dall’attesa e dall’attenzione che precedono e seguono il momento dello scatto. 

Così, sulle punte dei piedi, entriamo nel bagno di Lily mentre si fa un bagno o nella veranda di Lucy quando è appena sveglia. Noi abbiamo selezionato solo alcuni dei suoi scatti, ma seguite Julien Lallouette su Instagram e visitate il suo sito per vederne di più. 

Julien Lallouette
Julien Lallouette
Julien Lallouette
Julien Lallouette
Julien Lallouette
Julien Lallouette e le persone raccontate con gli scatti
Photography
Julien Lallouette e le persone raccontate con gli scatti
Julien Lallouette e le persone raccontate con gli scatti
1 · 11
2 · 11
3 · 11
4 · 11
5 · 11
6 · 11
7 · 11
8 · 11
9 · 11
10 · 11
11 · 11
Le migliori fotografie aeree del 2021

Le migliori fotografie aeree del 2021

Tommaso Berra · 3 secondi fa · Photography

Con i droni si possono fare cose straordinarie, sia che questi vengano utilizzati come strumenti al servizio di performance artistiche, sia per fotografare paesaggi da un punto di vista insolito. Le fotografie aeree sono misteriose, se non altro perché si coglie subito che l’occhio con il quale si guardano i paesaggi è più impersonale. Lo sguardo aereo sembra quello di un narratore onnisciente dei romanzi. Le angolazioni dalla quale si guarda in basso sono irripetibili, se non a bordo di un mezzo volante, favorendo il fascino dietro all’avventura fotografica.

Per celebrare questa tecnica fotografica a Siena si sono svolte le premiazioni del Drone Photo Awards, importante concorso fotografico internazionale. Fotografi professionisti, dilettanti e amatori, durante il concorso possono presentare immagini realizzate da droni, velivoli ad ala fissa, elicotteri, veicoli aerei senza pilota, mongolfiere, dirigibili, aquiloni e paracadute. Il Drone Photo Awards fa parte del Siena Award Festival e terminerà con la mostra “Above Us Only Sky”, allestita dal 23 ottobre al 5 dicembre nel Museo di Storia Naturale di Siena.

L’immagine vincitrice del 2021 è quella del fotografo Terje Kolaas, il quale ha partecipato al volo di oche zampa rosa nei cieli della Norvegia. A Siena saranno esposte anche tutte le altre fotografie aeree vincitrici nelle nove categorie, divise in base ai soggetti raffigurati: sport, wedding, nature, urban, people, animals, abstract, series, videos.

Le migliori fotografie aeree del 2021
Photography
Le migliori fotografie aeree del 2021
Le migliori fotografie aeree del 2021
1 · 23
2 · 23
3 · 23
4 · 23
5 · 23
6 · 23
7 · 23
8 · 23
9 · 23
10 · 23
11 · 23
12 · 23
13 · 23
14 · 23
15 · 23
16 · 23
17 · 23
18 · 23
19 · 23
20 · 23
21 · 23
22 · 23
23 · 23
Altri articoli che consigliamo