Art

L’arte immortale di Tetsuya Ishida

avatar
14 Maggio 2019

L’artista giapponese Tetsuya Ishida è morto nel 2005, ma i suoi valori continuano a resistere alla prova del tempo all’interno dei suoi quadri.

Trattando di arte contemporanea, raramente capita di parlare di artisti che non ci sono più, ma per una volta facciamo uno strappo alla regola. 

Tetsuya Ishida è stato un artista giapponese, morto prematuramente nel 2005, che nelle sue opere è riuscito a catturare l’atmosfera di uno dei momenti storici più cupi del Giappone, il decennio perduto, ovvero quel periodo degli anni ‘90 in cui il paese nipponico visse una grave crisi, partendo dal mercato azionario e dal settore immobiliare, si espanse all’intera economia del paese. 

Nei suoi quadri, Tetsuya restituisce la disperazione, l’ansia, la solitudine, la paura di una società senza prospettive e senza futuro. Guardando le sue opere sembra impossibile pensare che quella era la situazione del Giappone meno di venti anni fa, che la generazione che visse quel periodo è la stessa che ora ha in mano le redini del paese. 

Ciò che sorprende maggiormente è che, sebbene la tecnica e lo stile dei suoi dipinti si rifaccia vagamente al Realismo, i suoi soggetti oscillano tra il surreale e l’onirico, ma riescono in ogni caso a ricreare la situazione che visse anche lui in prima persona. 

Alcune delle più importanti opere di Tetsuya Ishida saranno in mostra al Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofia di Madrid fino all’8 settembre, poi l’esposizione verrà spostata, dal 3 ottobre al 14 dicembre a Chicago.

Tetsuya Ishida | Collater.al
Tetsuya Ishida | Collater.al
Tetsuya Ishida | Collater.al
Tetsuya Ishida | Collater.al
Tetsuya Ishida | Collater.al
Tetsuya Ishida | Collater.al
Tetsuya Ishida | Collater.al
Tetsuya Ishida | Collater.al
Tetsuya Ishida | Collater.al

Newsletter

Keep up to date!
Receive the latest news about art, music, design, creativity and street culture.
Share