There’s No Place Like Sports, lo spot di ESPN che va oltre la vittoria

There’s No Place Like Sports, lo spot di ESPN che va oltre la vittoria

Giulia Guido · 5 mesi fa · Art

Avete presente quelle situazioni in cui una persona dice “Non si gioca per vincere ma per partecipare”, ma tutti pensano il contrario? Lo spot di ESPNThere’s No Place Like Sports” potrebbe farvi cambiare idea. 

Realizzato dall’agenzia Arts & Letters Creative Co., il video dalla durata di un minuto mostra una carrellata di azioni sportive, trovata pubblicitaria molto diffusa e già vista. La forza dello spot sta nella selezione delle immagini, come la vittoria della quindicenne Coco Gauff contro Venus Williams o la squadra femminile di calcio degli Stati Uniti che vince il quarto mondiale, ma anche gli infortuni, i momenti di solidarietà e quelli più difficili, come la morte di un compagno di squadra. 

There’s No Place Like Sports racconta un mondo che non è di vittorie, ma di storie che vale la pena raccontare. 

There’s No Place Like Sports, lo spot di ESPN che va oltre la vittoria
Art
There’s No Place Like Sports, lo spot di ESPN che va oltre la vittoria
There’s No Place Like Sports, lo spot di ESPN che va oltre la vittoria
1 · 1
LEGO celebra Star Wars con la riproduzione dell’Imperial Star Destroyer

LEGO celebra Star Wars con la riproduzione dell’Imperial Star Destroyer

Giulia Guido · 5 mesi fa · Art

Se il caccia “X Wing” in scala 1:1 realizzato a luglio vi ha fatto venire voglia di avere un vostro personale modellino di LEGO di una dette tante navi spaziali di Star Wars ottobre potrebbe essere il vostro mese fortunato. 

Infatti, dal primo giorno del mese prossimo – in prevendita dal 22 settembre per i membri VIP – sarà possibile acquistare la riproduzione in LEGO della famosa Imperial Star Destroyer

Il set, che esce in occasione del ventesimo anniversario della collaborazione tra LEGO e Star Wars, sarà composto da 4784 pezzi che andranno a costruire un modellino lungo 110 cm, largo 67 cm e alto 44 cm. 

L’Imperial Star Destroyer non avrà nulla da invidiare a quello originale, non mancherà nessun dettaglio, dai cannonieri girevoli agli enormi scarichi, finendo con un Imperial Officer e un membro dell’equipaggio. 

Scopri tutti i dettagli di questo pezzo unico nella nostra gallery! 

LEGO celebra Star Wars con la riproduzione dell Imperial Star Destroyer | Collater.al
LEGO celebra Star Wars con la riproduzione dell Imperial Star Destroyer | Collater.al
LEGO celebra Star Wars con la riproduzione dell Imperial Star Destroyer | Collater.al
LEGO celebra Star Wars con la riproduzione dell Imperial Star Destroyer | Collater.al
LEGO celebra Star Wars con la riproduzione dell Imperial Star Destroyer | Collater.al
LEGO celebra Star Wars con la riproduzione dell Imperial Star Destroyer | Collater.al
LEGO celebra Star Wars con la riproduzione dell Imperial Star Destroyer | Collater.al
LEGO celebra Star Wars con la riproduzione dell Imperial Star Destroyer | Collater.al
LEGO celebra Star Wars con la riproduzione dell Imperial Star Destroyer | Collater.al
LEGO celebra Star Wars con la riproduzione dell Imperial Star Destroyer | Collater.al
LEGO celebra Star Wars con la riproduzione dell’Imperial Star Destroyer
Art
LEGO celebra Star Wars con la riproduzione dell’Imperial Star Destroyer
LEGO celebra Star Wars con la riproduzione dell’Imperial Star Destroyer
1 · 15
2 · 15
3 · 15
4 · 15
5 · 15
6 · 15
7 · 15
8 · 15
9 · 15
10 · 15
11 · 15
12 · 15
13 · 15
14 · 15
15 · 15
Leabidu, tra cieli stellati e donne aliene

Leabidu, tra cieli stellati e donne aliene

Claudia Fuggetti · 5 mesi fa · Art

Immanuel Kant concluse la Critica della ragion pratica con una frase che poi è diventata celebre, purtroppo, anche grazie ai Baci Perugina:

Due cose riempiono l’animo di ammirazione e venerazione sempre nuova e crescente, quanto piú spesso e piú a lungo la riflessione si occupa di esse: il cielo stellato sopra di me, e la legge morale in me”.

Possiamo descrivere il lavoro di Leabidu la traduzione visiva fresca, disimpegnata e pop della citazione di Kant, perché proprio guardando le immagini dell’artista ci si rende conto che la fusione tra il nostro mondo interiore e l’immensità dell’universo è possibile. L’arte riesce a compiere magie incredibili, supera i limiti della ragione e rende reale ciò che sarebbe impossibile.

Le donne singolari di Leabidu sono personaggi apparentemente algidi, con la pelle blu, che ricordano molto Meeme, l’aliena che troviamo al fianco di Capitan Harlock.

La dimensione del sogno viene accentuata dal richiamo di atmosfere romantiche, introspettive ed eteree. Se ancora non segui quest’artista, è proprio arrivato il momento di farlo, qui trovi il suo profilo Instagram.

Non perderti la nostra gallery.

Leabidu, tra cieli stellati e donne aliene | Collater.al
Leabidu, tra cieli stellati e donne aliene | Collater.al
Leabidu, tra cieli stellati e donne aliene | Collater.al
Leabidu, tra cieli stellati e donne aliene | Collater.al
Leabidu, tra cieli stellati e donne aliene | Collater.al
Leabidu, tra cieli stellati e donne aliene | Collater.al
Leabidu, tra cieli stellati e donne aliene | Collater.al
Leabidu, tra cieli stellati e donne aliene | Collater.al
Leabidu, tra cieli stellati e donne aliene | Collater.al
Leabidu, tra cieli stellati e donne aliene
Art
Leabidu, tra cieli stellati e donne aliene
Leabidu, tra cieli stellati e donne aliene
1 · 14
2 · 14
3 · 14
4 · 14
5 · 14
6 · 14
7 · 14
8 · 14
9 · 14
10 · 14
11 · 14
12 · 14
13 · 14
14 · 14
Universe of Words, ogni parola è un desiderio

Universe of Words, ogni parola è un desiderio

Claudia Fuggetti · 5 mesi fa · Art

Universe of Words è un’installazione incredibile composta da 140.000 pezzi di carta ed è stata realizzata dall’architetto e designer francese di Tokyo Emmanuelle Moureaux, nota al pubblico già da tempo per via dell’uso originale del colore all’interno delle sue creazioni.

L’opera è stata ideata per celebrare il centenario di un’azienda giapponese di bibite analcoliche: ogni pezzo di carta viene tagliato sotto forma di un simbolo del sistema di scrittura giapponese hiragana. Universe of Words è stata inaugurata quest’estate durante il Festival Tanabata e si ispira alla tradizione giapponese di scrivere i desideri sulla carta e appenderli ai rami di bambù.

“L’universo creato da queste hiraganas fluttuanti evoca una forte emozione attraverso la sua quiete e la sua infinità”.

L’installazione presenta 46 caratteri hiragana che sono stati allineati per colore in griglie tridimensionali. Le sezioni dell’installazione sono state rimosse in modo che i visitatori potessero entrare in contatto con una realtà immersiva e totalizzante.

Universe of Words fa parte della serie 100 Colors di Emmanuelle Moureaux, se vuoi saperne di più, visita il sito dell’artista qui.

Universe of Words, ogni parola è un desiderio | Collater.al
Universe of Words, ogni parola è un desiderio | Collater.al
Universe of Words, ogni parola è un desiderio | Collater.al
Universe of Words, ogni parola è un desiderio | Collater.al
Universe of Words, ogni parola è un desiderio | Collater.al
Universe of Words, ogni parola è un desiderio | Collater.al
Universe of Words, ogni parola è un desiderio
Art
Universe of Words, ogni parola è un desiderio
Universe of Words, ogni parola è un desiderio
1 · 11
2 · 11
3 · 11
4 · 11
5 · 11
6 · 11
7 · 11
8 · 11
9 · 11
10 · 11
11 · 11
Body positive: le illustrazioni NSFW di Anya-Lee Temple

Body positive: le illustrazioni NSFW di Anya-Lee Temple

Claudia Fuggetti · 5 mesi fa · Art

Le illustrazioni NSFW di Anya-Lee Temple sono ammiccanti e civettuole come la loro creatrice. L’account Instagram @anyaleeart si presenta al pubblico come una sorta di diario dove l’artista alterna le sue opere a dei provocanti autoscatti che hanno quasi sempre come soggetto il suo corpo.

Proprio su Instagram troviamo quello che è lo slogan dell’artista “body positive | self positive”, il messaggio è abbastanza chiaro: non c’è eros senza amore verso se stessi. Bisogna vedere sempre il lato positivo.

La sensualità delle immagini è sdrammatizzata dalla costante dello sfondo tinta unita millennial pink. Le forme sinuose e vezzose ricordano molto un tipo di erotismo riconducibile ad una sorta di moderna Lolita, citando il capolavoro di Nabokov:

“Lolita, luce della mia vita, fuoco dei miei lombi. Mio peccato, anima mia. Lo-li-ta: la punta della lingua compie un breve viaggio di tre passi sul palato per andare a bussare, al terzo, contro i denti. Lo-li-ta”. 

Dai un’occhiata allo shop di Anya-Lee Temple qui.

Body positive: le illustrazioni NSFW di Anya-Lee Temple | Collater.al
Body positive: le illustrazioni NSFW di Anya-Lee Temple | Collater.al
Body positive: le illustrazioni NSFW di Anya-Lee Temple | Collater.al
Body positive: le illustrazioni NSFW di Anya-Lee Temple | Collater.al
Body positive: le illustrazioni NSFW di Anya-Lee Temple | Collater.al
Body positive: le illustrazioni NSFW di Anya-Lee Temple
Art
Body positive: le illustrazioni NSFW di Anya-Lee Temple
Body positive: le illustrazioni NSFW di Anya-Lee Temple
1 · 12
2 · 12
3 · 12
4 · 12
5 · 12
6 · 12
7 · 12
8 · 12
9 · 12
10 · 12
11 · 12
12 · 12