The Ostrich politic, far finta di niente non è mai la scelta giusta

Torniamo a parlare della scuola di animazione francese Gobelins con un cortometraggio animato che serve a farci riflettere. Si intitola The Ostrich politic (La politica dello struzzo) ed è firmato dal regista libanese Mohammad Houhou e non  niente più della stroria di tutti noi, ma non solo, è una rappresentazione limpida e traumatica di come vanno le cose. 

Degli struzzi continuano le loro attività quotidiane seppellendo la testa, non solo sotto la sabbia come siamo abituati a vedere, ma ovunque, credendo che sia un comportamento istintivo. Tuttavia, un giorno una ricerca del filogenetista Dr. Kays dimostra il contrario. 

Ora, paragonando la loro esistenza a una situazione di schiavitù, potremmo pensare che una volta liberati da questa costrizione sociale, gli struzi inizino a vivere le vite che vogliono, che vogliono davvero. Invece, l’unica cosa che cercano di fare per salvarsi da questo strano senso di libertà, legato inevitabilmente al doversi prendere la resonsabilità delle proprie scelte,  è trovare un nuovo posto dove infilare la testa, in modo tale da tornare a far finta di niente.

 

Share