VOTE, il nuovo lavoro di OBEY in copertina sul TIME

VOTE, il nuovo lavoro di OBEY in copertina sul TIME

Federica Cimorelli · 3 anni fa · Art

Per la prima volta in quasi cento anni di storia, il settimanale americano TIME ha sostituito il suo logo dalla copertina per fare spazio a un messaggio più forte e consistente: VOTE.
Questo avvenimento senza precedenti è legato alle elezioni presidenziali statunitensi che avranno inizio martedì 3 novembre 2020 e che vedono il repubblicano Donald Trump contro Joe Biden, sua controparte democratica.

vote-nuovo-lavoro-obey-copertina-time-collateral

Il voto è un diritto fondamentale e per legge è un dovere civico, ma gli Stati Uniti sono uno dei paesi democratici con il più basso tasso di affluenza elettorale al mondo.
Nelle ultime settimane sono state numerosissime le campagne realizzate per incentivare gli elettori a votare e in questo quadro anche il TIME ha voluto dare il suo contributo. Pochi eventi infatti plasmeranno il mondo più del risultato delle prossime elezioni presidenziali americane, per questo motivo è essenziale che tutti esprimano la propria preferenza politica.

Per realizzare la copertina della pubblicazione in vendita dal 2 al 9 novembre 2020 è stato chiamato uno dei più famosi poster artist d’America: Shepard Fairey, in arte OBEY.
Su Collater.al ne avevamo parlato alcuni anni fa in occasione dell’uscita del suo documentario (qui), ma se non ve ne ricordate vi rinfresco un po’ la memoria.

Nato come illustratore, graphic designer e urban artist, OBEY è uno tra i maggiori creativi della scena artistica internazionale. Al suo inconfondibile stile, misto tra la pop art e il writing, si somma un approccio attivista e rivoluzionario che accresce il significato delle sue opere e le lega a ideali di dissenso e denuncia.

Il suo lavoro più famoso è quello realizzato nel 2008 in occasione delle presidenziali che vedevano scontrare Barack Obama e John McCain.
Il poster con il viso di Obama nasce come messaggio di propaganda indipendente, ma diventa così iconico che in poco tempo viene inserito ufficialmente nella campagna presidenziale.

obama-vote-nuovo-lavoro-obey-copertina-time-collateral

Per un’occasione simile, a distanza di poco più di dieci anni, Shepard Fairey viene nuovamente coinvolto.
L’immagine creata per la copertina del TIME riprende una fotografia scattata per la campagna “Artist Band Together”, un’iniziativa a sostegno dei programmi di educazione, registrazione e mobilitazione degli elettori, che vuole incentivare tutti i cittadini americani ad aumentare l’affluenza alle urne.

L’artwork realizzato per l’occasione da OBEY, utilizza i due colori iconici del partito repubblicano e di quello democratico: il rosso e il blu.
L’immagine vede una ragazza indossare la bandana su naso e bocca e celebra l’insieme di voci che compongono gli elettori americani. L’intreccio del disegno dimostra come tutto sia collegato: il voto, la democrazia, l’ambiente e il nostro futuro.

La bandana originale, intitolata “Our Hands – Our Future, 2020”, è in vendita su eBay fino al 1° novembre 2020. Il suo acquisto supporterà una raccolta fondi per Mijente, Rise e Woke Vote, tre enti di beneficenza che lavorano per orientare i giovani, gli elettori inesperti e le comunità di colore storicamente prive di diritti di voto.

Articolo di: Federica Cimorelli

VOTE, il nuovo lavoro di OBEY in copertina sul TIME
Art
VOTE, il nuovo lavoro di OBEY in copertina sul TIME
VOTE, il nuovo lavoro di OBEY in copertina sul TIME
1 · 9
2 · 9
3 · 9
4 · 9
5 · 9
6 · 9
7 · 9
8 · 9
9 · 9
Il mondo mondano di Nicolò Rinaldi

Il mondo mondano di Nicolò Rinaldi

Collater.al Contributors · 5 giorni fa · Photography

Il fotografo italiano di street e lifestyle Nicolò Rinaldi compie una vera e propria esplorazione del mondo quotidiano in chiave fotografica. Dopo aver iniziato con la fotografia di paesaggi e esterni, Rinaldi si specializza nel campo della fotografia documentaristica e street, identificando cliché e abbracciando l’ordinario in situazioni affollate. Nella serie Mondo Mondano, Rinaldi si addentra nel cuore della movida sociale. Il vivace tessuto delle feste e dei festival vibra nei suoi scatti e riflette l’eccentricità del contemporaneo. Glitter, drink, luci stroboscopiche, occhiali da sole, si mescolano a tatuaggi, baci, grida e cappelli stravaganti in un’affascinante indagine sociale. Tutto è realizzato in analogico, trascendendo il tempo e scegliendo una narrativa più autentica.

Courtesy Nicolò Rinaldi

Il mondo mondano di Nicolò Rinaldi
Photography
Il mondo mondano di Nicolò Rinaldi
Il mondo mondano di Nicolò Rinaldi
1 · 12
2 · 12
3 · 12
4 · 12
5 · 12
6 · 12
7 · 12
8 · 12
9 · 12
10 · 12
11 · 12
12 · 12
Strano è bello, gli scatti NSFW di Fish Zhang

Strano è bello, gli scatti NSFW di Fish Zhang

Claudia Fuggetti · 6 giorni fa · Photography

Fish Zhang, conosciuta su Instagram con l’account fiiiiiish, è una giovane fotografa di Tokyo che racconta il mondo che le gravita intorno. Il suo sguardo è molto particolare e spesso le immagini che propone al pubblico generano un sentimento di incertezza e destabilizzazione, che in inglese si riassumono benissmo con il termine “weird”. Le pose vengono smorzate da un mood narrativo che tende più a cogliere l’attimo che a illustrare ogni singolo momento di una storia. La sessualità trova ampio spazio nella sua produzione fotografica, che ci ricorda in parte lo stile di Ren Hang, del quale abbiamo precedentemente parlato qui. La donna è rappresentata senza artifici, ma con semplicità e realismo, nonostante negli scatti ci sia un grande senso compositivo.

Visita il sito di Fish e dai un’occhiata ai suoi lavori nella gallery.

Strano è bello, gli scatti NSFW di Fish Zhang | Collater.al Strano è bello, gli scatti NSFW di Fish Zhang | Collater.al Strano è bello, gli scatti NSFW di Fish Zhang | Collater.al Strano è bello, gli scatti NSFW di Fish Zhang | Collater.al Strano è bello, gli scatti NSFW di Fish Zhang | Collater.al Strano è bello, gli scatti NSFW di Fish Zhang | Collater.al Strano è bello, gli scatti NSFW di Fish Zhang | Collater.al Strano è bello, gli scatti NSFW di Fish Zhang | Collater.al Strano è bello, gli scatti NSFW di Fish Zhang | Collater.al Strano è bello, gli scatti NSFW di Fish Zhang | Collater.al Strano è bello, gli scatti NSFW di Fish Zhang | Collater.al Strano è bello, gli scatti NSFW di Fish Zhang | Collater.al Strano è bello, gli scatti NSFW di Fish Zhang | Collater.al Strano è bello, gli scatti NSFW di Fish Zhang | Collater.al Strano è bello, gli scatti NSFW di Fish Zhang | Collater.al  Strano è bello, gli scatti NSFW di Fish Zhang | Collater.al Strano è bello, gli scatti NSFW di Fish Zhang | Collater.al Strano è bello, gli scatti NSFW di Fish Zhang | Collater.al Strano è bello, gli scatti NSFW di Fish Zhang | Collater.al Strano è bello, gli scatti NSFW di Fish Zhang | Collater.al Strano è bello, gli scatti NSFW di Fish Zhang | Collater.al

Courtesy Fish Zhang

Strano è bello, gli scatti NSFW di Fish Zhang
Photography
Strano è bello, gli scatti NSFW di Fish Zhang
Strano è bello, gli scatti NSFW di Fish Zhang
1 · 21
2 · 21
3 · 21
4 · 21
5 · 21
6 · 21
7 · 21
8 · 21
9 · 21
10 · 21
11 · 21
12 · 21
13 · 21
14 · 21
15 · 21
16 · 21
17 · 21
18 · 21
19 · 21
20 · 21
21 · 21
Lo stile cinematografico e NSFW degli scatti di Lou Escobar

Lo stile cinematografico e NSFW degli scatti di Lou Escobar

Claudia Fuggetti · 7 giorni fa · Photography

Lou Escobar è una fotografa e film-maker francese con base in California che realizza splendide immagini caratterizzate da uno stile fortemente cinematografico. Le atmosfere glam e patinate sono la sua passione e tutti i suoi scatti, anche quelli NSFW, sembrano estrapolati dalle scene di un film hollywoodiano. Le donne immortalate da Lou Escobar sono a loro agio con il proprio corpo e diventano icone di un tipo di sessualità audace, che trasmettono libertà e sensualità, anche solo attraverso lo sguardo.

Tra le sue pubblicazioni non mancano nomi di magazine di moda come Schon e Cake Magazine, mentre il Marsatac festival lo ha scelto per l’adv dell’edizione 2018. I suoi racconti visivi sono ipnotici e non ci si stanca mai di guardarli; se vuoi conoscere altri lavori puoi dare un’occhiata al suo profilo Instagram che trovi qui.

Lo stile cinematografico e NSFW degli scatti di Lou Escobar
Photography
Lo stile cinematografico e NSFW degli scatti di Lou Escobar
Lo stile cinematografico e NSFW degli scatti di Lou Escobar
1 · 21
2 · 21
3 · 21
4 · 21
5 · 21
6 · 21
7 · 21
8 · 21
9 · 21
10 · 21
11 · 21
12 · 21
13 · 21
14 · 21
15 · 21
16 · 21
17 · 21
18 · 21
19 · 21
20 · 21
21 · 21
Cosa succede quando la galleria del telefono diventa un progetto fotografico?

Cosa succede quando la galleria del telefono diventa un progetto fotografico?

Giorgia Massari · 1 settimana fa · Photography

«Un progetto rischioso, un po’ come il writing», ci spiega il fotografo catanese Salvo Sibilla parlandoci del suo progetto di street photography dal titolo Sani e Salvi. Si tratta di un progetto che non nasce per essere tale. Una raccolta di scatti amatoriali privati, fatti con l’iPhone, che acquistano una dimensione pubblica. Tutto ha inizio nel 2020 quando Salvo inizia a scattare in strada, un po’ per cercare compagnia in una nuova città – che nel caso di Milano è capace di farti sentire molto solo -, un po’ per catturare la stravaganza intorno a lui, alla quale non era abituato. Nell’estate del 2022 decide di renderlo pubblico e di condividere una parte della galleria del suo smartphone. Salvo racchiude in un unico progetto i suoi scatti amatoriali “pieni di luci, di volti e di vite”, come afferma il suo collaboratore e amico Loris Di Bella. Snaturate della loro dimensione intima, le fotografie “anti-etiche” – usando le parole di Salvo – prendono vita dialogando tra loro e accorgendosi della presenza di un grande comune denominatore: l’immediatezza stratificata alla stravaganza.

Ma Sani e Salvi non rimane solo a Milano. Viaggia per diverse strade e per diverse città, da Milano ad Amsterdam, da Rotterdam a Sestri Levante, da Finale Ligure a Pedara e, infine, da Bologna a Catania, città natale di Salvo Sibilla. I soggetti preferiti di Salvo sono le persone anziane, lui stesso ci racconta il motivo di questa scelta. «Il primo motivo, quello più umano, è perché mi ricordano i miei nonni, le persone che mi mancano di più da quando mi sono trasferito a Milano. Sono una persona molto romantica e per questo cerco questo aspetto anche nei miei scatti. Nelle persone anziane ritrovo lo stesso animo puro e gentile dei miei nonni».

Questo progetto diventa per Salvo Sibilla una sorta di terapia di adattamento in una nuova città. Provenendo da Catania e approdando a Milano, le differenze culturali sono molte. «Mi piaceva camminare in strada e osservare tutto quello che stava intorno a me. Venendo da una piccola città come Catania, purtroppo nasci con degli stereotipi e dei limiti mentali. Quando sono arrivato a Milano, questi limiti visivi sono iniziati a cadere, tutti quegli aspetti che all’inizio giudicavo come stravaganze sono diventate oggi normalità». Le fotografie diventano quindi un modo di relazionarsi alla nuova quotidianità e, allo stesso tempo, di scoprire una nuova città. In questo senso, è interessante sottolineare l’approccio fotografico di Salvo Sibilla, che lui stesso descrive come “un po’ anti-etico“. «La mia tecnica è quella di agire come un turista. Mi fermo facendo finta di cercare una via e scatto la fotografia alla persona, molto da vicino», ci spiega «Molto spesso le persone anziane non se ne accorgono, così come i miei nonni anche se loro, con il tempo, hanno imparato a riconoscere la mia metodologia e ora sono molto contenti quando li scatto, si sentono un po’ i protagonisti».

«Sani e Salvi può dirsi che è nato da poco e ha ancora tutto da scoprire e che è arrivato alla fine, guadagnando di saggezza», si legge sempre nel testo di Loris Di Bella. Il progetto quindi non finisce qui anzi, diventa per Salvo Sibilla un punto di partenza che gli ha insegnato «a non mollare mai», come ci confessa Salvo, che chiude l’intervista citando la frase di un suo amico: “continua a fare quello che fai a prescindere da tutto e tutti”.

Courtesy Salvo Sibilla

Cosa succede quando la galleria del telefono diventa un progetto fotografico?
Photography
Cosa succede quando la galleria del telefono diventa un progetto fotografico?
Cosa succede quando la galleria del telefono diventa un progetto fotografico?
1 · 16
2 · 16
3 · 16
4 · 16
5 · 16
6 · 16
7 · 16
8 · 16
9 · 16
10 · 16
11 · 16
12 · 16
13 · 16
14 · 16
15 · 16
16 · 16