Aesthetic.al / Mira Nedyalkova – Translucent Apnea

Aesthetic.al / Mira Nedyalkova – Translucent Apnea

Collater.al Contributors · 5 anni fa · Photography

Siete mai stati in apnea sott’acqua? Il corpo inerme, gli occhi chiusi, così…a fluttuare nel nulla.
Ogni luce rarefatta, ogni suono ovattato, morbido, lontano. Quasi attirati verso il fondo, quando il tempo è assente e lo spazio diventa indefinito.

Dopo qualche minuto, l’istinto di sopravvivenza vi avrà sicuramente fatto tornare in superficie per tirare un profondo respiro, per lasciare quel nulla alla realtà. Siete tornati a galla nel mondo reale, scandito dai secondi, dai minuti, dai giorni, dalle persone, dai luoghi, dagli impegni. Ora, mi piacerebbe voi ripensaste a quei secondi, dove tutto questo ensemble di casini terreni si era trasformato in un nulla silenzioso e rarefatto… eppure così colmo, così pregno. L’acqua diventa inizio, fine e nuovamente inizio, in un ciclo continuo. L’acqua, l’elemento naturale celebrato innumerevoli volte dall’arte, dalla quale nacque Venere, nella quale morì Ofelia. E infine l’acqua, come vera e propria fonte… questa volta d’ispirazione.

Mira Nedyalkova, fotografa e pittrice bulgara, la utilizza da sempre come strumento e stimolo per il suo lavoro. Ho deciso di farci una chiacchierata, per scoprire cosa si nasconde nei suoi “abissi”.

Aesthetic.al - Intervista a Mira Nedyalkova fotografa e pittrice
Aesthetic.al - Intervista a Mira Nedyalkova fotografa e pittrice
Aesthetic.al - Intervista a Mira Nedyalkova fotografa e pittrice

Non posso non iniziare parlando dell’elemento caratteristico delle tue foto, utilizzato da sempre come vero e proprio simbolo della nascita e, se vogliamo, della rinascita. È questa la valenza che vuoi che abbia nelle tue opere?

Ho scelto l’acqua come elemento fondamentale nei miei scatti, perché l’ho sempre amata nella natura. È funzionale perché mi aiuta a rappresentare la vita reale in modo irreale, perché riesce a creare un’atmosfera diversa, inaspettata. Nella mia arte l’acqua non è l’obbiettivo, ma è lo strumento con cui riesco a creare l’atmosfera adatta a trasmettere in modo ancora più forte la mia idea. Culla per il piacere, la gioia, l’erotismo… assieme al dolore, la tristezza, la solitudine, la morte. Esatto. L’inizio e la fine. Tutti questi elementi esistono ed esisteranno sempre, fanno parte di noi e noi dobbiamo accettarli, nel bene e nel male. Questo è il mio modo per trovare pace ed equilibrio.

Velato erotismo, delicata innocenza. Innocenza che si tramuta in sensualità senza mai toccare il volgare. Il confine è affascinante, ma molto labile. Tu lo costeggi con maestria. Inoltre, ho notato che le tue protagoniste non guardano mai in camera, come se il contatto visivo assente accompagnasse la già eterea atmosfera, per accentuarla. Dimmi, in quale mondo si immergono?

Sì, nelle mie foto io punto molto sul velato erotismo. Ma l’erotismo nelle mie immagini è soprattutto mentale. Cerco di creare una bellezza dai tanti volti, che portano a diverse emozioni, mi piacerebbe provocare pensieri contraddittori. Nei miei lavori la protagonista ha quasi sempre gli occhi chiusi perché lei è evanescente, per questo la sua la nudità finisce per passare quasi inosservata. Qui, ancora una volta, il suo erotismo non vuole eccitare i sensi, ma entrare più a fondo, nell’anima.

Aesthetic.al - Intervista a Mira Nedyalkova fotografa e pittrice
Aesthetic.al - Intervista a Mira Nedyalkova fotografa e pittrice
Aesthetic.al - Intervista a Mira Nedyalkova fotografa e pittrice

Mondo onirico. Una volontà, questa volta personale, di stacco da quello terreno?

Cerco di rappresentare mondi che vanno oltre la pura esistenza, sì, forse per il mio bisogno di allontanarmi un po’ della vita quotidiana dando vita a una mia fantasia, a un sogno.

Nella nostra chiacchierata hai posto l’accento sul dolore, sulla malinconia. “La mia protagonista trasmette sì un lieve erotismo… ma il dolore è sempre con lei”. Nelle scene che crei, ciò che noto è una sorta di “purificazione” dal dolore di cui mi parli. Cosa ne pensi, sei d’accordo?

La consapevolezza del dolore si può accettare e trasformare. Nelle mie foto voglio comunicare la malinconia che accompagna tutta la nostra esistenza e che, molto spesso, è strettamente legata alla felicità. Il dolore, la tristezza, la solitudine, sono emozioni che dobbiamo in qualche modo imparare ad amare, conoscere. Con le mie foto voglio dare loro un senso.

Aesthetic.al - Intervista a Mira Nedyalkova fotografa e pittrice
Aesthetic.al - Intervista a Mira Nedyalkova fotografa e pittrice
Aesthetic.al - Intervista a Mira Nedyalkova fotografa e pittrice

Questa è una domanda che faccio di consueto, in particolar modo agli artisti che, come te, hanno lasciato in diverse occasioni la propria terra. Nonostante i numerosi viaggi, le tue origini hanno influenzato il tuo approccio all’arte? Se sì, in che modo?

Io sono bulgara ed ho sempre vissuto a Sofia, la capitale. In diversi momenti della mia vita, mi è capitato di vivere per brevi periodi in altri paesi. Ho vissuto a Cuba per un anno, qualche anno fa sono venuta Italia per un breve periodo e me ne sono completamente innamorata. Purtroppo per ora ci torno solo in vacanza o per impegni lavorativi. Non so spiegarti in che modo le mie origini hanno influenzato ciò che faccio, sicuramente è stata la mia famiglia ad avere un ruolo determinate. Ha saputo trasmettermi un grande amore verso quello che poi sarebbe diventato il mio mestiere. Come se, da grandi amanti dell’arte, mi avessero indicato la direzione dove guardare e crescere.

Ho letto che hai iniziato come pittrice, per poi passare alla fotografia. Il tuo, in ogni caso, non è stato un vero e proprio stacco. Lo si può dedurre anche solo guardando i tuoi scatti.

Dipingo sin da piccola. Ho studiato all’Accademia d’Arte di Sofia, per poi scoprire che la pittura, da sola, non mi dava le soddisfazioni di cui avevo bisogno. Così ho finito per dipingere di rado, non ero mai contenta dal risultato e preferivo sempre creare altre cose, con le mie mani. Ricordo le mille collane e braccialetti di farina e sale, le lenzuola bianche trasformate in vestiti, i collage fatti con i ritagli di Elle e Vogue…Alla fotografia mi sono avvicinata perché facevo la modella. In quel momento ho sentito per prima volta la necessità di stare dietro l’obiettivo, perché non ero mai contenta delle fotografie che mi facevano, sentivo che mancava qualcosa. Così è nata l’idea di collegare le due arti. Volevo creare un un mio modo di esprimermi, mettendo in pratica tutte le esperienze nella pittura e unendo ad esse un settore amato e da poco conosciuto…la fotografia.

Aesthetic.al - Intervista a Mira Nedyalkova fotografa e pittrice
Aesthetic.al - Intervista a Mira Nedyalkova fotografa e pittrice
Aesthetic.al - Intervista a Mira Nedyalkova fotografa e pittrice

Questa unione tra due arti, simili e diverse, come riesce a coesistere? Nel dipingere e nel fotografare, nei successivi risultati, ci sono degli elementi comuni?

Quando fotografo, trovo emozionante il poter giocare con i colori, le forme, le luci, le ombre… esattamente come quando dipingo. È incredibile poter usare forme reali che aspettano solo la tua mano per trasformarsi in fantasia. In questo senso la fotografia non è più solo fotografia e basta, perché viene arricchita dall’immaginazione. L’idea, la composizione, hanno la stessa importanza sia nella fotografia che nella pittura. È vero, gli strumenti sono diversi, ma credo che il risultato finale sia capace di regalare sensazioni molto simili, esteticamente ed emotivamente.

Nella nostra chiacchierata prima dell’intervista, hai detto una cosa che mi ha colpita molto: non fai quasi mai progetti a lungo termine. Come se creassi la tua arte in primis per soddisfare il bisogno di esternare ciò che hai dentro in quel momento. Come se non trovassi pace finché non hai realizzato ciò che hai in mente, per conservarne al meglio neonata magia. Questa necessità fa parte del tuo presente…ma so che hai in mente qualcosa per il futuro, quello più prossimo. Vuoi parlarcene?

È vero, quando ho una idea chiara per una serie cerco di realizzarla senza troppe preparazioni, quasi per la paura di perderne il senso. Penso al presente, solitamente non faccio progetti troppo dilazionati nel tempo. Posso svelarti comunque qualcosa…mi hanno invitato a partecipare ad una mostra a Tokyo fra 7 mesi e mi sto preparando per realizzare un Libro Album con le mie foto, una raccolta dal 2012-2015. La mia futura fotografia spero possa migliorare tecnicamente, non si finisce mai di imparare, ma rappresenterà sempre il mio essere, il mio infinito bisogno di capire la vita e me stessa in questa esistenza.

Aesthetic.al - Intervista a Mira Nedyalkova fotografa e pittrice
Aesthetic.al - Intervista a Mira Nedyalkova fotografa e pittrice
Aesthetic.al - Intervista a Mira Nedyalkova fotografa e pittrice
Aesthetic.al - Intervista a Mira Nedyalkova fotografa e pittrice
Aesthetic.al - Intervista a Mira Nedyalkova fotografa e pittrice
Aesthetic.al - Intervista a Mira Nedyalkova fotografa e pittrice
Aesthetic.al - Intervista a Mira Nedyalkova fotografa e pittrice
Aesthetic.al - Intervista a Mira Nedyalkova fotografa e pittrice
Aesthetic.al - Intervista a Mira Nedyalkova fotografa e pittrice
Aesthetic.al - Intervista a Mira Nedyalkova fotografa e pittrice
Aesthetic.al - Intervista a Mira Nedyalkova fotografa e pittrice
Aesthetic.al - Intervista a Mira Nedyalkova fotografa e pittrice
Aesthetic.al - Intervista a Mira Nedyalkova fotografa e pittrice
Aesthetic.al - Intervista a Mira Nedyalkova fotografa e pittrice
Aesthetic.al - Intervista a Mira Nedyalkova fotografa e pittrice
Aesthetic.al - Intervista a Mira Nedyalkova fotografa e pittrice
Aesthetic.al - Intervista a Mira Nedyalkova fotografa e pittrice
Aesthetic.al - Intervista a Mira Nedyalkova fotografa e pittrice

Aesthetic.al / Mira Nedyalkova – Translucent Apnea
Photography
Aesthetic.al / Mira Nedyalkova – Translucent Apnea
Aesthetic.al / Mira Nedyalkova – Translucent Apnea
1 · 31
2 · 31
3 · 31
4 · 31
5 · 31
6 · 31
7 · 31
8 · 31
9 · 31
10 · 31
11 · 31
12 · 31
13 · 31
14 · 31
15 · 31
16 · 31
17 · 31
18 · 31
19 · 31
20 · 31
21 · 31
22 · 31
23 · 31
24 · 31
25 · 31
26 · 31
27 · 31
28 · 31
29 · 31
30 · 31
31 · 31
LEGO Art, ora potete costruire le vostre opere d’arte preferite

LEGO Art, ora potete costruire le vostre opere d’arte preferite

Emanuele D'Angelo · 2 giorni fa · Design

Per chi ama i kit LEGO impegnativi, non solo per divertirsi a costruire, ma anche per esporre il risultato finale con orgoglio la propria casa, preparatevi perché è arrivata una nuova sorpresa per voi. LEGO ha lanciato i suoi set murali che vi daranno la possibilità, ad esempio, di ricreare la famosa serigrafia di Marilyn Monroe di Andy Warhol del 1967.

Lanciata oggi, LEGO Art permette di trasformare una tela bianca utilizzando i celebri mattoncini per creare un pezzo che rende omaggio a Warhol ma anche ai Beatles e ai personaggi iconici del Marvel Universe e di Star Wars.

“Sappiamo che gli adulti cercano sempre di fare il destino dopo una giornata di lavoro, e abbiamo pensato: quale modo migliore per aiutarli a spegnersi se non incoraggiarli a esplorare la loro passione preferita in un modo nuovo e creativo?”, dice Louise Elizabeth Bontoft, senior design director di LEGO Group. “Con questi progetti di più ampio respiro, crediamo di poter ispirare gli appassionati di cinema, gli amanti della musica e gli appassionati di arte e design a immergersi in un mondo di arte e creatività legato ai loro idoli”.

Questo è il secondo concetto di piastrelle 2D introdotto da LEGO quest’anno, dopo il lancio di LEGO DOTS con Camille Walala a gennaio. Questo era soprattutto per i bambini, ora Art sets spera di offrire agli adulti la possibilità di diventare creativi, ma anche di aiutarli a rilassarsi e a ricaricarsi.

Ogni set inoltre può essere rivisitato se si desidera un totale cambiamento. Tutti e quattro i set sono provvisti di una piastrella caratteristica unica del set che è “degna di ogni vera opera d’arte”, e di un nuovo elemento per renderli facili da appendere e da spostare.

LEGO Art, ora potete costruire le vostre opere d’arte preferite
Design
LEGO Art, ora potete costruire le vostre opere d’arte preferite
LEGO Art, ora potete costruire le vostre opere d’arte preferite
1 · 7
2 · 7
3 · 7
4 · 7
5 · 7
6 · 7
7 · 7
Il Rehabilitation Center di Shenzhen di Stefano Boeri

Il Rehabilitation Center di Shenzhen di Stefano Boeri

Emanuele D'Angelo · 18 ore fa · Design

L’architetto italiano Stefano Boeri è tornato a stupirci con un nuovo sorprendete progetto a Shenzhen in Cina.
Lo studio di architettura di Boeri ha vinto un concorso internazionale per la costruzione di un centro di riabilitazione per persone con disabilità. Situato nel quartiere Longhua di Shenzhen, il progetto prende la forma di un edificio completamente accessibile con terrazze verdi integrate e giardini dedicati alla riabilitazione.

Il Rehabilitation Center di Shenzhen – interamente dedicato alle persone con disabilità dai 16 ai 60 anni – sarà un progetto pilota che svilupperà un approccio pionieristico d’inclusione sociale e coesione sul tema della disabilità. L’edificio comprende molteplici funzioni tra cui riabilitazione, formazione, attività ludiche ed artistiche, alloggi, spazi museali, di istruzione e di lavoro.
Vi è anche un centro sportivo per le gare, la formazione individuale e di squadra, e numerose strutture e corsi dedicati alle diverse tipologie di disabilità.

«Pur se ispirati dalla dinamicità e dal clima di Shenzhen, l’intenzione di Stefano Boeri è stata quella di offrire un’architettura capace di proporre la forza e la stabilità del design classico. Il nostro centro di riabilitazione saprà infatti fondere natura e paesaggio alla ricerca del carattere maturo, sicuro e accogliente della città»

L’edificio si compone di un insieme di terrazze verdi e volumi sovrapposti, in un sistema sostenibile di natura, architettura e biodiversità che include al suo interno diversi giardini pensili e terapeutici dedicati alla riabilitazione.

Il Rehabilitation Center di Shenzhen di Stefano Boeri
Design
Il Rehabilitation Center di Shenzhen di Stefano Boeri
Il Rehabilitation Center di Shenzhen di Stefano Boeri
1 · 5
2 · 5
3 · 5
4 · 5
5 · 5
Il nuovo Providence Pedestrian Bridge

Il nuovo Providence Pedestrian Bridge

Giulia Guido · 3 giorni fa · Design

Un ponte non è più solo un elemento che collega le sponde di un fiume e che ne facilita l’attraversamento. Ultimamente, con progetti come il The Babylon Bridge e il The 11th Street Bridge Park, abbiamo notato la nascita di una nuova tendenza, ovvero quella di trasformare i ponti in zone verdi, dove è possibile trascorrere intere giornate senza farsi mancare niente. A quelli appena menzionati si aggiunge anche il Providence Pedestrian Bridge, progettato dallo studio INFORM e dall’architetto e ingegnere Buro Happold. 

Il Providence Pedestrian Bridge è stato realizzato nella capitale dello Stato del Rhode Island e oltre a collegare le due sponde del fiume, connette ben cinque quartieri della città. 

Il ponte sorge sulle vecchie fondamenta dell’autostrada I-195, ma il design e la forma ne sono stati completamente stravolti. Per prima cosa, lo studio INFORM ha pensato di alzare il ponte di ben 1 metro e mezzo, prevedendo un’innalzamento del livello del mare nei prossimi decenni. 

È stato mantenuto il telaio originale in acciaio, ma la superficie in cemento è stata sostituita con una più elegante il legno, che si fonde meglio con il paesaggio. Il Providence Pedestrian Bridge non è stato immaginato solo come via di passaggio, infatti è composto da due livelli distinti, uno destinato a corridori, ciclisti e passanti, l’altro è formato da giardini terrazzati, dove poter sostare a rilassarsi e a godersi la vista della città e dello skyline. 

Providence Pedestrian Bridge è l’esempio di come una struttura già esistente e abbandonata possa essere trasformata in un luogo al passo coi tempi.  

Il nuovo Providence Pedestrian Bridge
Design
Il nuovo Providence Pedestrian Bridge
Il nuovo Providence Pedestrian Bridge
1 · 9
2 · 9
3 · 9
4 · 9
5 · 9
6 · 9
7 · 9
8 · 9
9 · 9
“Rancho San Simón” l’ultimo progetto dello studio Weber

“Rancho San Simón” l’ultimo progetto dello studio Weber

Emanuele D'Angelo · 3 giorni fa · Design

Situato all’interno di una foresta a circa 20 minuti dal lago nella Valle de Bravo in Messico lo studio di architettura Weber ha progettato “Rancho San Simón”.

Il progetto si compone di cinque diverse abitazioni che si distribuiscono su un’area di 5.000 m2 di terreno, immerse nella natura incontaminata messicana e offrendo allo stesso tempo una vista incredibile sul bosco.
Ogni abitazione del Rancho ha il proprio terrazzo, e tutti i bagni hanno un patio interno con vegetazione.
I bagni sono differenziati volumetricamente dalle altre stanze, con un’altezza inferiore e strutture a traliccio in legno che filtrano la luce e offrono privacy.

I materiali predominanti sono la pietra vulcanica che riveste le pareti, in contrasto con la doga e le travi di pino locale che formano la struttura e rifiniscono i coperchi. I mobili e tutti gli elementi decorativi sono stati scelti e progettati tenendo conto del suggestivo ambiente circostante.
Lo studio ha voluto dare un aspetto molto naturale attraverso il legno di quercia bianca che è stato scelto per accompagnare le altre finiture.
La tavolozza dei colori scelta è molto sobria e dinamica: il grigio è stato utilizzato su tutte le facciate e le pareti interne.

Rancho San Simón” è un vero e proprio luogo da sogno, dove trascorrere le proprie vacanze isolati da tutto il resto, immersi nei boschi del Messico.

“Rancho San Simón” l’ultimo progetto dello studio Weber
Design
“Rancho San Simón” l’ultimo progetto dello studio Weber
“Rancho San Simón” l’ultimo progetto dello studio Weber
1 · 13
2 · 13
3 · 13
4 · 13
5 · 13
6 · 13
7 · 13
8 · 13
9 · 13
10 · 13
11 · 13
12 · 13
13 · 13