Art Il più grande archivio di locandine di rave party
Artart

Il più grande archivio di locandine di rave party

-
Tommaso Berra
Rave | Collater.al

Prima delle storie Instagram che promuovevano party e DJ Set, l’unico modo per sapere dove passare le serate erano le locandine e i flyer. Per attirare l’attenzione, ai flyer era dedicata una grande ricerca grafica, che negli anni ha creato un filone di appassionati e collezionisti. Dave, all’epoca 13enne di Plymouth, nel sud ovest dell’Inghilterra, inizia così nel 1998 a conservare tutti i flyer di club e rave party della città, ora raccolti in Phatmedia: il più grande archivio online di locandine di rave party al mondo.
Oltre a raccogliere gli inviti alle feste dalle bacheche o dai marciapiedi della città, Dave per anni ha ricevuto flyer da sua cugina, nel giro delle discoteche di Londra. Phatmedia raccoglie ora 21000 immagini che ripercorrono la storia dell’underground degli ultimi vent’anni.
C’è un ritorno continuo di soggetti che rappresentano una cultura che esalta viaggi metafisici, droghe psichedeliche, arcobaleni lisergici, ma anche una grande attenzione alla parte grafica. Molti di questi flyer sono infatti punti di riferimento e ispirazione per i lettering pazzi e le tecniche di stampa utilizzate.
Gli artwork sono contemporanei nello stile, e diventano un modo per raccontare la libertà di espressione e l’evasione di intere generazioni, come dichiarato dallo stesso Dave a The Face:
“Quando mi è stato consegnato un flyer per la prima volta, non avevo mai visto niente di simile. Erano il nostro modo di entrare nella cultura underground, avevano l’aspetto e la sensazione di qualcosa che solo noi potevamo conoscere e capire. L’artwork di un flyer può promettere pura evasione anche solo guardando il suo design”.

L’intero archivio è disponibile insieme ad altri approfondimenti legati al mondo della cultura rave sul sito di Phatmedia.

Artart
Scritto da Tommaso Berra
x
Ascolta su