I paesaggi riflessi di Victoria Siemer

I paesaggi riflessi di Victoria Siemer

Giulia Pacciardi · 7 anni fa · Design

Paesaggi nebbiosi, incerti, spaventosi ma romantici. Distese di acqua, bagnanti e surfisti. Briciole di stelle, luci e grattacieli.

Il mondo di Victoria Siemer, in arte Witchoria, è un mondo infinito. Racchiude ogni paesaggio, ogni emozione e non finisce mai. Il suo lavoro, iniziato fin dall’università, parte dall’idea della frammentazione del sé e di tutti i sentimenti che ruotano intorno a questa visione personale delle cose.

Di mondi onirici, dove i paesaggi continuano e fluttuano nel cielo, creano muri, diventano angoli e si capovolgono a testa in giù.

Come lenti d’ingrandimento su dettagli che si perdono, come delle fratture spazio temporali in cui il mondo si ripete senza virgole.

I paesaggi onirici riflessi della fotografa Victoria Siemer | Collater.al
I paesaggi riflessi della fotografa Victoria Siemer | Collater.al
I paesaggi riflessi della fotografa Victoria Siemer | Collater.al
I paesaggi onirici riflessi della fotografa Victoria Siemer | Collater.al
I paesaggi riflessi della fotografa Victoria Siemer | Collater.al
I paesaggi riflessi della fotografa Victoria Siemer | Collater.al
I paesaggi riflessi della fotografa Victoria Siemer | Collater.al
I paesaggi riflessi della fotografa Victoria Siemer | Collater.al
I paesaggi onirici riflessi della fotografa Victoria Siemer | Collater.al
I paesaggi onirici riflessi della fotografa Victoria Siemer | Collater.al
I paesaggi onirici riflessi della fotografa Victoria Siemer | Collater.al
I paesaggi onirici riflessi della fotografa Victoria Siemer | Collater.al
I paesaggi onirici riflessi della fotografa Victoria Siemer | Collater.al
I paesaggi onirici riflessi della fotografa Victoria Siemer | Collater.al
I paesaggi riflessi della fotografa Victoria Siemer | Collater.al
I paesaggi onirici riflessi della fotografa Victoria Siemer | Collater.al
I paesaggi onirici riflessi della fotografa Victoria Siemer | Collater.al
I paesaggi riflessi della fotografa Victoria Siemer | Collater.al

I paesaggi riflessi di Victoria Siemer
Design
I paesaggi riflessi di Victoria Siemer
I paesaggi riflessi di Victoria Siemer
1 · 18
2 · 18
3 · 18
4 · 18
5 · 18
6 · 18
7 · 18
8 · 18
9 · 18
10 · 18
11 · 18
12 · 18
13 · 18
14 · 18
15 · 18
16 · 18
17 · 18
18 · 18
Arrivederci Milano Design Week

Arrivederci Milano Design Week

Antonio Maria Privitera · 7 anni fa · Design

Cala il sipario della Milano Design Week 2017 e un punto ormai sembra chiaro: i canonici sei giorni della settimana del design – se ancora non si era capito – non bastano più; tra nuovi quartieri, eventi, conferenze, e chi più ne ha più ne metta, il tempo proprio non è sufficiente.

Tante le novità di quest’ultima edizione, dal Festival Ikea (sempre più vicina al design che conta) alla partecipazione di Airbnb, passando per i nuovi spazi di Ventura Centrale.

Partiamo proprio da qui per dirvi a cosa non abbiamo voluto rinunciare.

VENTURA CENTRALE è probabilmente la vera rivelazione; uno spazio unico (quello degli ex Magazzini Raccordati) che viene riconsegnato alla città ospitando istallazioni tra le più suggestive. Su tutte il lavoro di Luca Nichetto e Ben Gorham per Salviati. Qui forme e colori, stratificati e impilati in modo diverso, sono diventati elementi in vetro dalle innumerevoli possibilità e hanno fatto nascere i 53 totem di Pyrae e i 3 blocchi di Strata. Lee Broom ha celebrato dieci anni di attività e realizzato, invece, Time Machine, una giostra bianca e luminosa dall’atmosfera incantata che ha accolto alcuni pezzi della collezione e nascosto al primo sguardo la vera time machine, un orologio a pendolo in marmo di carrara (meno interessante della giostra) prodotto in serie limitata. Maarten Baas, con May I have your attention please?, ha consegnato a Lensvelt il secondo Milano Design Award consecutivo (Best Concept). Nella sua installazione teatrale decine di megafoni disperdevano suoni e circondavano alcune copie della 101 Chair; modello di sedia in serie, sempre uguale ma sempre diverso, dove gli schienali fanno la differenza.

INVISIBLE OUTLINES è stata un’immersione nel mondo creativo di Nendo, designer tra i più prolifici in circolazione che non delude mai. Nello showroom Jil Sander di Via Beltrami sedici collezioni si sono materializzate (o smaterializzate) fissando i contorni di ciò che percepiamo; dai border table che si dissolvono sui muri, ai jellyfish vase che ondeggiano sott’acqua, all’objectextile generato dalla proiezione di alcuni oggetti 3D, tutto riconduce al rapporto tra dentro e fuori e visibile e invisibile.

FOUNDATION ha portato l’eleganza dentro lo Spazio Krizia. Grandi protagonisti di questa design week, i Formafantasma hanno presentato la loro ricerca sul mondo della luce, osservata come materia piuttosto che come realtà intangibile, studiandone i principi base tra ombre, riflessi, gradazioni e proiezioni. Oltre a una selezione della collezione Delta per la Galleria Giustini Stagetti e a una serie di esperimenti sviluppati con Peep-hole, è stato possibile ammirare un’anteprima della collaborazione con il Textiel Museum di Tilburg.

S.F _ SENSES OF THE FUTURE ha vinto il Milano Design Award 2017 e, ovviamente, è stata una delle installazioni di cui si è parlato di più. Al centro della scena la tecnologia LG e i suoi schermi OLED interpretati da Tokujin Yoshioka e assemblati per restituire, da un lato S.F chair, un insieme di sedute animate dalla luce, dall’altro Wall of the Sun, una grande parete composta da 30.000 luci sovrapposte su quattro livelli con altrettante intensità. Il risultato è stato uno spazio in penombra investito a tratti da un grande bagliore come presenza simbolica sul nostro futuro.

NEW SPRING ha fatto sorridere tutti. Dopo Sou Fujimoto, quest’anno COS si è affidata a Studio Swine e l’esito è stato un’installazione interattiva esteticamente perfetta e in linea con il brand di H&M. Una scultura, un albero che fiorisce e lascia precipitare sfere dense, cariche di fumo, pronte a dissolversi tra le mani dei visitatori incantati; l’incessante scorrere della natura condensato in un momento di contemplazione e di condivisione collettiva. Uno di quei momenti in cui il Salone, per fortuna, ci fa tornare bambini con la voglia di scoprire.

Arrivederci Milano Design Week | Collater.al

Arrivederci Milano Design Week | Collater.al

Arrivederci Milano Design Week | Collater.al

Arrivederci Milano Design Week | Collater.al

Arrivederci Milano Design Week | Collater.al

Arrivederci Milano Design Week | Collater.al

Arrivederci Milano Design Week | Collater.al

Arrivederci Milano Design Week | Collater.al

Arrivederci Milano Design Week | Collater.al

Arrivederci Milano Design Week | Collater.al

Arrivederci Milano Design Week | Collater.al

Arrivederci Milano Design Week | Collater.al

Arrivederci Milano Design Week | Collater.al

Arrivederci Milano Design Week | Collater.al

Arrivederci Milano Design Week | Collater.al

Arrivederci Milano Design Week | Collater.al

Arrivederci Milano Design Week
Design
Arrivederci Milano Design Week
Arrivederci Milano Design Week
1 · 16
2 · 16
3 · 16
4 · 16
5 · 16
6 · 16
7 · 16
8 · 16
9 · 16
10 · 16
11 · 16
12 · 16
13 · 16
14 · 16
15 · 16
16 · 16
DotPigeon, hip hop e glitch art

DotPigeon, hip hop e glitch art

Giulia Pacciardi · 7 anni fa · Design

Un file corrotto, venti anni fa, era sinonimo di problema, oggi, invece, è diventato un motivo estetico molto accattivante.
Uno di quelli in cui numerosi artisti si stanno cimentando creando risultati diversi frutto di ricerca e, ovviamente, gusto personale.

Stefano Fraone, cresciuto negli anni ’90, e che di quegli anni sente anche grande nostalgia, è uno di loro.

Incappato per caso nei lavori di Giacomo Carmagnola ne è rimasto talmente affascinato da decidere di provare lui stesso la glitch art, più precisamente il pixel sorting.

Il suo progetto DotPigeon, però, è fortemente orientato su quelli che sono i trend del momento.
Personaggi pop della musica internazionale il cui viso è completamente corrotto ma che rimangono riconoscibili grazie all’attitudine e a tutti gli elementi che, per il pubblico, li caratterizzano.
I suoi lavori mixano perfettamente, in un vedo non vedo esplosivo, moda, rap, pop culture e ovviamente il trend grafico del momento, la glitch art.

Se volete vedere tutti i suoi lavori potete farlo qui.

DotPigeon, hip hop e glitch art nei lavori di Stefano Fraone | Collater.al
DotPigeon, hip hop e glitch art nei lavori di Stefano Fraone | Collater.al
DotPigeon, hip hop e glitch art nei lavori di Stefano Fraone | Collater.al
DotPigeon, hip hop e glitch art nei lavori di Stefano Fraone | Collater.al
DotPigeon, hip hop e glitch art nei lavori di Stefano Fraone | Collater.al
DotPigeon, hip hop e glitch art nei lavori di Stefano Fraone | Collater.al
DotPigeon, hip hop e glitch art nei lavori di Stefano Fraone | Collater.al
DotPigeon, hip hop e glitch art nei lavori di Stefano Fraone | Collater.al
DotPigeon, hip hop e glitch art nei lavori di Stefano Fraone | Collater.al
DotPigeon, hip hop e glitch art nei lavori di Stefano Fraone | Collater.al
DotPigeon, hip hop e glitch art nei lavori di Stefano Fraone | Collater.al
DotPigeon, hip hop e glitch art nei lavori di Stefano Fraone | Collater.al

DotPigeon, hip hop e glitch art
Design
DotPigeon, hip hop e glitch art
DotPigeon, hip hop e glitch art
1 · 12
2 · 12
3 · 12
4 · 12
5 · 12
6 · 12
7 · 12
8 · 12
9 · 12
10 · 12
11 · 12
12 · 12
Red series, la sedia fatta di sangue di Hyun-Gi Kim

Red series, la sedia fatta di sangue di Hyun-Gi Kim

Giulia Pacciardi · 7 anni fa · Design

Litri e litri di sangue.
Sangue che fa paura, crea disgusto, avversione e affascina.
Viene ammirato per il suo potere di dare la vita ma anche di toglierla.

Hyun-Gi Kim, designer giapponese, è partito dalla sua esperienza personale e ha creato Red Series, un particolare oggetto di design, simile a una panca, che ricorda il sistema circolatorio.

Il suo fine è quello di far sperimentare il senso della vita, il momento in cui nasce.
La sedia, infatti, comincia a comportarsi come il nostro sistema circolatorio nel momento in cui ci si siede su di essa, pompando sangue e mettendolo in circolazione attraverso i tubi di cui è fatta.

Un’inquietante, e un po’ splatter, metafora atta a sottolineare quanto sangue ci vuole per dare la vita e quanto per toglierla.

Red series, la sedia fatta di sangue di Hyun-Gi Kim | Collater.al
Red series, la sedia fatta di sangue di Hyun-Gi Kim | Collater.al
Red series, la sedia fatta di sangue di Hyun-Gi Kim | Collater.al
Red series, la sedia fatta di sangue di Hyun-Gi Kim | Collater.al
Red series, la sedia fatta di sangue di Hyun-Gi Kim | Collater.al

Red series, la sedia fatta di sangue di Hyun-Gi Kim
Design
Red series, la sedia fatta di sangue di Hyun-Gi Kim
Red series, la sedia fatta di sangue di Hyun-Gi Kim
1 · 5
2 · 5
3 · 5
4 · 5
5 · 5
Le sorprendenti fotomanipolazioni di Tomasz Zaczeniuk

Le sorprendenti fotomanipolazioni di Tomasz Zaczeniuk

Buddy · 7 anni fa · Design

Le immagini del designer polacco Tomasz Zaczeniuk raccontano storie condensate che sembrano uscite da un’idea di George Miller.

Si tratta spesso di ambientazioni post apocalittiche, luoghi abbandonati, grandi architetture disabitate che dominano paesaggi desertici, visitate da figure che sembrano ancora più piccole, ancora più sperdute. Altre volte impressionanti sfide tra uomo e natura, che sottolineano e giocano sempre coi conflitti tra enorme e piccolissimo.

Tomasz Zaczeniuk costruisce le sue illustrazioni e  fotomanipolazioni montando assieme immagini che creano contrasti estremi e atmosfere irreali. Ombre, luci livide e strati di nebbia.

Visitate il suo sito per scoprire altri lavori.

Le sorprendenti fotomanipolazioni di Tomasz Zaczeniuk | Collater.al

Le sorprendenti fotomanipolazioni di Tomasz Zaczeniuk | Collater.al

Le sorprendenti fotomanipolazioni di Tomasz Zaczeniuk | Collater.al

Le sorprendenti fotomanipolazioni di Tomasz Zaczeniuk | Collater.al

Le sorprendenti fotomanipolazioni di Tomasz Zaczeniuk | Collater.al

Le sorprendenti fotomanipolazioni di Tomasz Zaczeniuk | Collater.al

Le sorprendenti fotomanipolazioni di Tomasz Zaczeniuk | Collater.al

Le sorprendenti fotomanipolazioni di Tomasz Zaczeniuk | Collater.al

Le sorprendenti fotomanipolazioni di Tomasz Zaczeniuk | Collater.al

Le sorprendenti fotomanipolazioni di Tomasz Zaczeniuk | Collater.al

Le sorprendenti fotomanipolazioni di Tomasz Zaczeniuk | Collater.al

Le sorprendenti fotomanipolazioni di Tomasz Zaczeniuk | Collater.al

Le sorprendenti fotomanipolazioni di Tomasz Zaczeniuk | Collater.al

Le sorprendenti fotomanipolazioni di Tomasz Zaczeniuk | Collater.al

Le sorprendenti fotomanipolazioni di Tomasz Zaczeniuk
Design
Le sorprendenti fotomanipolazioni di Tomasz Zaczeniuk
Le sorprendenti fotomanipolazioni di Tomasz Zaczeniuk
1 · 14
2 · 14
3 · 14
4 · 14
5 · 14
6 · 14
7 · 14
8 · 14
9 · 14
10 · 14
11 · 14
12 · 14
13 · 14
14 · 14
Altri articoli che consigliamo