Art of a Champion, la collezione di Nike che ripercorre i migliori momenti dell’NBA

Giulia Pacciardi · 5 anni fa

Ogni sportivo ha un numero ed un numero che vuole conquistare.
Nel Basket quel numero è il 16, le 16 vittorie da guadagnare durante i playoff per raggiungere l’obiettivo finale, l’unico che conta.
Quello che regala ai tifosi momenti indimenticabili, quello che trasforma un giocatore nel campione, quello che regala la gloria e nessun rimpianto.

Per celebrare quei momenti, Nike Basketball ha deciso di dare vita al Champions Think 16 Pack, parte del più grande progetto di Nike, Jordan e Converse Art of a Champion, per cui altrettanti artisti hanno creato degli artwork a tema.
I momenti non appartengono tutti unicamente a grandi vittorie ma, in un modo o nell’altro, hanno consacrato alcuni dei più acclamati giocatori alla gloria.

Qui trovate tutte le sneakers, le loro storie, gli artwork e le release date, se invece volete partecipare all’evento di Sabato 14 Aprile dalle 18.30 PRESSO AIRNESS in Piazza Gae Aulenti a Milano e celebrare live Art of a Champion registratevi qui.

Kobe Bryant: Nike Kobe 1 Protro “Close Out” – 14 AprileArt of a Champion la collezione di Nike che ripercorre i migliori momenti NBA | Collater.al 1

Un anno dopo aver saltato i playoff per la prima volta in dieci anni, il peso del marchio Lakers era esclusivamente sulle spalle di Kobe. Nel 2006, nella Gara 4 contro i Suns, Kobe mandò la partita ai supplementari con un lay-up dell’ultimo secondo, ma lui e i Lakers si trovarono di nuovo sotto di un punto a soli 6,1 secondi dalla fine. Scattando verso il canestro e sovrastando due difensori, Kobe mise a segno il tiro della vittoria proprio allo scadere del tempo. Quella performance lo consacrò come la stella più luminosa nella città delle stelle, e Kobe continuò a sfornare una partita più indimenticabile dell’altra come colonna portante dei Lakers.

Art of a Champion la collezione di Nike che ripercorre i migliori momenti NBA | Collater.al 2

Julius Erving: Converse All-Star – 19 Aprile

Art of a Champion la collezione di Nike che ripercorre i migliori momenti NBA | Collater.al 23

Prima di entrare nell’NBA, il talento di Dr. J per la fisica era sconosciuto a tutti, tranne a chi frequentava i campi di Harlem. Nella Gara 4 delle Finals del 1980, Dr. J cambiò le carte in tavola con una mossa da maestro. A metà del 4° quarto, scattò verso la linea di fondo, sollevò la palla con una mano ingannando la difesa dei Lakers, e poi la riportò sotto il canestro e lo centrò con l’aiuto del tabellone di vetro. Anche se Dr. J e i Sixers non vinsero la serie, la sua giocata nelle Finals portò il talento e l’eleganza del basket di Harlem fino all’NBA.

Art of a Champion la collezione di Nike che ripercorre i migliori momenti NBA | Collater.al 24

Rasheed Wallace: Nike Air Force 1 High “Rude Awakening” – 26 Aprile

Art of a Champion la collezione di Nike che ripercorre i migliori momenti NBA | Collater.al 8

Nel 2004, deciso a far vincere ai Pistons il primo titolo dal 1990, Rasheed prese in mano le redini della situazione nella complicata Gara 4 delle Finals al Palace. Dopo aver ricevuto una brutta gomitata a metà del 3° quarto, reagì trasformando la sua passione e la sua rabbia in puro potere. La sua eccezionale performance aggressiva riportò finalmente un titolo alla “città dei motori”, consolidò AF1 in un nuovo capitolo della storia del basket e divenne sinonimo della spavalderia, della determinazione e del gioco sofisticato di Rasheed.

Art of a Champion la collezione di Nike che ripercorre i migliori momenti NBA | Collater.al 8

Kawhi Leonard: Air Jordan 1 High “Pass the Torch” – 28 Aprile

Art of a Champion la collezione di Nike che ripercorre i migliori momenti NBA | Collater.al 13

Le Finals del 2014 furono annunciate come uno scontro tra i veterani, gli Spurs, e le celebrità, gli Heat, ma fu il gioco eccezionale del giovane e sconosciuto Kawhi Leonard a dare a San Antonio la spinta verso il titolo. I suoi 29 punti nella Gara 3 aiutarono gli Spurs a ottenere un vantaggio che avrebbe permesso loro di vincere la serie. La sua performance gli valse il titolo di MVP delle Finals e rappresentò per gli Spurs il passaggio del testimone a una nuova generazione di talenti destinati a un brillante futuro.

Art of a Champion la collezione di Nike che ripercorre i migliori momenti NBA | Collater.al 14

Bill Russell: Converse Chuck Taylor Ox – 3 Maggio
Art of a Champion la collezione di Nike che ripercorre i migliori momenti NBA | Collater.al 9

Con i suoi 11 titoli NBA, la carriera di Bill Russell è una lunga storia di trionfi e di gloria, ma il suo momento più epico fu sicuramente quando, alle Finals del 1962, mise a segno i 30 punti e 40 rimbalzi che permisero ai Celtics di assicurarsi la vittoria ai supplementari della Gara 7. Boston vinse il quarto titolo di fila, inaugurando quello che sarebbe stato un predominio assoluto negli anni successivi. Fu Russell, il migliore in campo, a rendere Chuck Taylor una sneaker da basket senza pari, iconica e immortale.
Art of a Champion la collezione di Nike che ripercorre i migliori momenti NBA | Collater.al 10Scottie Pippen: Nike Air Maestro 2 “Trifecta” – 10 Maggio

Art of a Champion la collezione di Nike che ripercorre i migliori momenti NBA | Collater.al 5

Dopo aver inanellato un titolo NBA dopo l’altro, i Bulls si ritrovarono sul punto di mettere a segno un’illustre tripletta. Nel 1993, con la sua straordinaria performance nella Gara 2 delle Finals, Pippen divenne il dodicesimo cestista della storia a realizzare una tripla doppia in una partita delle Finals. Coronando la serata con la stoppata di un tiro da tre che avrebbe potuto significare un pareggio, consentì ai Bulls di passare 2-0 in una serie che avrebbero finito per vincere. Appena dopo il ritiro di Jordan alla fine della serie, la performance di Pippen nelle Finals mostrò a Chicago che quel cestista era capace di risplendere di luce propria e di guidare i Bulls senza l’aiuto di nessuno.

Art of a Champion la collezione di Nike che ripercorre i migliori momenti NBA | Collater.al 6

Ray Allen: Air Jordan 28 “Locked & Loaded” – 12 Maggio

Art of a Champion la collezione di Nike che ripercorre i migliori momenti NBA | Collater.al 27

Un tiro da tre di Ray Allen non ha niente a che fare con la parola “miracolo”. Sembrò a tutti una follia senza speranza scagliare la palla nell’angolo a una manciata di secondi dal fischio finale della Gara 6 delle Finals del 1993 ma Allen, da cestista consumato e tiratore implacabile, aveva passato tutta la vita a prepararsi per quel momento. Il suo tiro da tre portò al pareggio e ribaltò le sorti dell’intera serie, dando agli Heat la spinta verso un altro titolo consecutivo e facendo conquistare ad Allen il suo posto nella storia di Miami, come salvatore delle sorti della città.

Art of a Champion la collezione di Nike che ripercorre i migliori momenti NBA | Collater.al 28

Kevin McHale: Converse Fast Break – 17 Maggio

Art of a Champion la collezione di Nike che ripercorre i migliori momenti NBA | Collater.al 3

In svantaggio di 2-1 contro i Lakers nelle Finals del 1984, ai Boston Celtics serviva ispirazione. Mentre Kurt Rambis di LA tentava una schiacciata in contropiede, Kevin McHale commise un pericoloso fallo che mandò a terra il Laker e fece sprizzare scintille tra le due squadre rivali. Ritenuto da diversi Lakers la ragione della loro sconfitta nella partita e in quella serie, il fallo di McHale trasformò la voglia di rivincita in un forte desiderio di rivalsa e la partita divenne uno scontro storico tra est e ovest. Con quel brutto fallo, McHale era stato chiaro: quando un titolo è in gioco, il gioco si fa duro.

Art of a Champion la collezione di Nike che ripercorre i migliori momenti NBA | Collater.al 4

Wes Unseld: Converse Star Player Ox “Intangibles” – 17 Maggio

Art of a Champion la collezione di Nike che ripercorre i migliori momenti NBA | Collater.al 15

Dopo le sconfitte nelle Finals NBA del 1971 e del 1975, Wes Unseld era deciso a cambiare il corso della storia contro i Seattle Supersonics nel 1978. Questa ardua ed estenuante serie arrivò alla Gara 7 a Seattle, l’incontro decisivo, e due tiri liberi di Unseld verso la fine della partita valsero la vittoria alla squadra e il primo titolo sportivo in assoluto alla città di Washington D.C. Nonostante una media di appena 9,0 punti e 11,7 rimbalzi, la grande esperienza e l’abilità di Unseld gli garantirono il titolo di MVP delle Finals, riconfermandolo tra i più grandi della storia.

Art of a Champion la collezione di Nike che ripercorre i migliori momenti NBA | Collater.al 16

Moses Malone: Nike Air Force 1 Low – 19 Maggio

Come vendetta dopo aver perso le Finals dell’82 contro i Lakers, i Sixers fecero furore aggiungendo la figura polarizzante e decisiva di Moses Malone alla loro rosa. Proprio all’inizio dei playoff, Malone sorprese tutti predicendo che il Philly avrebbe vinto il titolo nell’83, aggiudicandosi ogni serie. con il suo famoso “fo’, fo’, fo'” (“quattro, quattro, quattro”). Dopo aver battuto i Knicks in quattro e i Bucks in cinque, i 24 punti e 23 rimbalzi di Malone nella Gara 4 contro i Lakers valsero ai Sixers il terzo titolo NBA. Mentre Philly sollevava il trofeo, Malone, uno degli “original six” a indossare AF1 in campo, aggiornò la sua famosa previsione a “fo’, fi’, fo'” (“quattro, cinque, quattro”), una dichiarazione che avrebbe riecheggiato in città per molti anni a seguire.

Art of a Champion la collezione di Nike che ripercorre i migliori momenti NBA | Collater.al 18

Maya Moore: Air Jordan 11 Low – 24 Maggio

Art of a Champion la collezione di Nike che ripercorre i migliori momenti NBA | Collater.al 11

Soli sei mesi dopo essere stata la prima scelta nel Draft 2011, Maya Moore si ritrovò sul punto di vincere il suo primo titolo WNBA. Nella decisiva Gara 3 delle Finals del 2011, mise a segno un tiro da tre verso la fine della partita che valse alle Lynx il primo titolo di sempre. Quella performance rappresentò la sua stellare ascesa tra le migliori, e fu il primo dei suoi momenti da protagonista nella storia del basket.

Art of a Champion la collezione di Nike che ripercorre i migliori momenti NBA | Collater.al 12

LeBron James: Nike Zoom LeBron Soldier 1 – 31 Maggio

Art of a Champion la collezione di Nike che ripercorre i migliori momenti NBA | Collater.al 21

Nel 2007, a soli 6:05 minuti dalla fine della Gara 5 delle Eastern Conference Finals, LeBron sembrò accendere il motore e prese il controllo della partita in un modo mai visto prima. Mise a segno 29 degli ultimi 30 punti della squadra, compresi tutti e 18 i punti nei tempi supplementari, trascinando la sua squadra a vincere con due supplementari e garantendo a se stesso un posto nelle sue prime Finals NBA. Soldier 1 era progettata per affrontare dure sfide di playoff come quella, e la performance di LeBron di cui il mondo fu testimone fu solo la prima di una sfolgorante carriera piena di straordinari successi.

Art of a Champion la collezione di Nike che ripercorre i migliori momenti NBA | Collater.al 22

Kevin Durant: Nike KD 4 “Thunderstruck” – 7 Giugno

Art of a Champion la collezione di Nike che ripercorre i migliori momenti NBA | Collater.al 19

Nella Gara 6 delle Western Conference Finals, valida per la vittoria della serie, KD fu il migliore in campo con 34 punti e 14 rimbalzi; la sua performance azzerò i 18 punti di distacco e gli garantì la prima apparizione nelle Finals. Dopo aver spazzato via i Mavericks, i campioni in carica, e spodestato i Lakers di Kobe, KD e i Thunder rimontarono contro i veterani Spurs, aggiudicandosi una vittoria storica contro le uniche tre squadre che avevano rappresentato l’ovest nelle Finals dei 13 anni precedenti. Sarebbero stati LeBron e gli Heat a vincere il titolo, ma la performance di KD nei playoff lo consacrò tra i grandi, e gli diede l’esperienza che sarebbe stata fondamentale nelle Finals di cinque anni dopo.

Art of a Champion la collezione di Nike che ripercorre i migliori momenti NBA | Collater.al 20

Michael Jordan: Air Jordan 14 “Last Shot” – 14 Giugno

Art of a Champion la collezione di Nike che ripercorre i migliori momenti NBA | Collater.al 25

L’ultimo tiro di Jordan con la divisa dei Chicago Bull divenne anche uno dei più leggendari. Nel 1998, sotto di un punto a 10 secondi dal termine della Gara 6 delle Finals, MJ si liberò del difensore e saltò con un unico movimento, mettendo a segno il celebre tiro in sospensione da sei metri. AJ XIV divenne sinonimo di “ultimo tiro”, un canestro che garantì a MJ il sesto titolo NBA nonché il sesto titolo di MVP delle Finals; il perfetto canto del cigno per una carriera inimitabile.

Art of a Champion la collezione di Nike che ripercorre i migliori momenti NBA | Collater.al 26

Il modello che chiuderà il Pack sarà una speciale Air Force 270 chiamata “Gold Standard”, di lei però non si sa ancora la release.

Art of a Champion la collezione di Nike che ripercorre i migliori momenti NBA | Collater.al 29

Ci sono gli All Star, i MVP, i membri della Hall of Fame, e poi ci sono i Champions, quelli che si aggiudicano la corona del basket. Per un cestista, l’iconico trofeo placcato in oro 24k rappresenta un titolo speciale, diverso da tutti gli altri. “Gold standard” si ispira al Larry O’Brien Championship Trophy, per rendere omaggio allo stesso altissimo livello di eccellenza di ogni Champion NBA.

 

Art of a Champion, la collezione di Nike che ripercorre i migliori momenti dell’NBA
Style
Art of a Champion, la collezione di Nike che ripercorre i migliori momenti dell’NBA
Art of a Champion, la collezione di Nike che ripercorre i migliori momenti dell’NBA
1 · 30
2 · 30
3 · 30
4 · 30
5 · 30
6 · 30
7 · 30
8 · 30
9 · 30
10 · 30
11 · 30
12 · 30
13 · 30
14 · 30
15 · 30
16 · 30
17 · 30
18 · 30
19 · 30
20 · 30
21 · 30
22 · 30
23 · 30
24 · 30
25 · 30
26 · 30
27 · 30
28 · 30
29 · 30
30 · 30