Casa Pedregal, la residenza progettata da Luis Barragàn.

avatar
11 Luglio 2019

Costruita tra il 1947 e il 1950, Casa Pedregal è stata progettata da Luis Barragàn ed è costruita su un ex sito vulcanico a Città del Messico.

La residenza è situata in un campo di lava nel sud di Città del Messico. Casa Pedregal è la più grande residenza privata progettata da Luis Barragán, l’architetto più famoso del paese. Costruita tra il 1947 e il 1950, la casa è stata oggetto di campagne pubblicitarie per lo sviluppo urbano dell’area El Pedregal della città. Una soluzione di stampo utopico, iniziata dall’architetto per alleviare la domanda di abitazioni in una delle città in più rapida crescita al mondo.

La casa apparteneva alla famiglia Prieto fino a quando il collezionista d’arte e fondatore di una catena di ristoranti César Cervantes l’ha acquistata quattro anni fa ed ha fatto una profonda ricerca per cercare di far tornare la residenza allo stato primitivo ispirato a El Pedregal. 

Cervantes si è fatto un nome come importante collezionista d’arte contemporanea, prima di decidere di vendere tutte le opere. Spiega che verso la fine della carriera professionale di Barragán, l’architetto costruiva in media una residenza privata ogni dieci anni, per dedicargli la maggior attenzione possibile e in effetti i risultati si vedono.

La disposizione su diversi livelli divide le stanze pubbliche e private, e l’uso sapiente della luce, sia naturale che artificiale, garantisce l’armonia tra gli ambienti. La casa è caratterizzata da colori pastello, le facciate sono in rosa e gli interni si alternano tra beige, azzurro e mattonelle rosa. I pavimenti interni sono in parquet, mentre gli esterni in finto mattonellato lavico grezzo. Dalla casa si può accedere anche a una piscina all’aperto e un ristorante molto carino con libreria annessa.

Testo di Elisa Scotti

Newsletter

Keep up to date!
Receive the latest news about art, music, design, creativity and street culture.
Share