Vi presentiamo Girls Dolomites Basecamp, il primo retreat tutto al femminile

avatar
25 settembre 2018

Girls Dolomites Basecamp, un’esperienza per sole donne che offre attività uniche per il benessere del corpo e della mente.

Lo scorso 7 settembre si è svolta la prima edizione del Girls Dolomites Basecamp durata tre giorni.

Si tratta di un’esperienza tutta al femminile, un fine settimana interamente dedicato al benessere del corpo e della mente da trascorrere tra gli infiniti paesaggi offerti dalle Dolomiti. L’iniziativa è nata dall’idea di Alia, Ilaria e Irene ispirate dalla bellezza e dalla ricchezza di questi luoghi e supportata da diversi sponsor che rendono possibili esperienze e attività indoor e outdoor uniche.

A disposizione delle partecipanti viene messa l’attrezzatura da campeggio e una giacca firmata Salewa, t-shirt, occhiali da sole e casco per l’e-bike firmati, invece, da Women2Women di Tecnica Group e Smith Optics. Dell’aspetto alimentare se ne occupa Pedon e le esperienze di wine tasting sono curate da Ferro13. Infine, Reyna cosmetici coccola le iscritte con un’ampia gamma di prodotti per la cura della pelle.

Un’esperienza rivolta a chi sente la necessità di staccare dai ritmi cittadini e trascorrere del tempo tra i panorami mozzafiato del Sass Dlacia, partecipando ad attività sportive e riposarsi con appuntamenti enogastronomici esclusivi.

Se siete amanti della montagna e avete voglia di provare un’esperienza diversa dal solito Girls Dolomites Basecamp fa al caso vostro e, fortunatamente, non dovrete attendere molto, l’edizione invernale del 25,26,27 gennaio 2019 vi aspetta!
Per rimanere aggiornate visitate il sito girlsdolomitesbasecamp.com o il loro profilo Istagram.

Girls Dolomites Basecamp | Collater.al Girls Dolomites Basecamp | Collater.al Girls Dolomites Basecamp | Collater.al Girls Dolomites Basecamp | Collater.al Girls Dolomites Basecamp | Collater.al Girls Dolomites Basecamp | Collater.al

Newsletter

Keep up to date!
Receive the latest news about art, music, design, creativity and street culture.
Share