Meals on Reels, il legame tra cibo e cinema

Meals on Reels, il legame tra cibo e cinema

Collater.al Contributors · 2 settimane fa · Art

Il cibo è stato da sempre il protagonista del cinema, sia di quello italiano sia di quello internazionale creando un rapporto “insaziabile” tra i due.
Lo stretto legame che si è creato è testimoniato anche dai numerosi film in cui il cibo diventa il protagonista assoluto, quasi un personaggio vivo. Questi due mondi seppur molto distanti si intersecano e giocano un ruolo molto importante nella nostra vita in quanto entrambi rappresentano una sorta di desiderio: da un lato abbiamo il “sogno utopico” di vivere dentro la pellicola e dall’altro il desiderio di mangiare golosità.

Il cibo permette lo sviluppo sociale poiché fin dalla nascita è uno dei principali mediatori nelle relazioni col mondo. Il cinema, che mostra prevalentemente rapporti tra esseri umani, non poteva ignorare questo aspetto. Fin dalle prime pellicole il cibo diventa subito protagonista come ad esempio in Le rèpas de Bebè (1895) dei fratelli Lumière che present una scena di vita familiare durante la quale un bambino viene imboccato dai genitori.

Le pietanze nelle pellicole vengono utilizzate come un filo narrativo, come metafora, come nucleo centrale di un dialogo e soprattutto come elemento capace di caratterizzare i personaggi e le loro personalità.

La critica cinematografica Kristen Yoonsoo Kim ha creato nel 2017 su Instagram un account chiamato Meals on Reels. Il progetto racconta questo legame focalizzando l’attenzione sulle pellicole d’autore e indipendenti.
Durante un’intervista per AnOther Magazine, Kristen racconta come le è nata l’idea di creare una pagina in cui si potessero racchiudere tutti i frame più simbolici dei film in cui le persone mangiano.
Spiega che tutto è iniziato mentre stava vedendo una scena che le è rimasta impressa del film “Colpo da 500 milioni alla National Bank” , una commedia di Peter Hall degli anni Settanta, in cui Ursula Andress addenta un pezzo di pane.
Invece, l’ispirazione per il nome della pagina è arrivata mentre guardava Twin Peaks: Fire Walk With Me di David Lynch, in cui a un certo punto la protagonista Laura Palmer dice “can’t do Meals on Wheels that day“.
Da allora Kim, sul profilo Meals on Reels, posta diverse immagini circa due volte a settimana, accompagnando i fotogrammi con titolo del film, anno e regista.

Kristen Yoonsoo Kim | Collater.al 2
Kristen Yoonsoo Kim | Collater.al 2
Kristen Yoonsoo Kim | Collater.al 2
Kristen Yoonsoo Kim | Collater.al 2
Kristen Yoonsoo Kim | Collater.al 2
Kristen Yoonsoo Kim | Collater.al 2
Kristen Yoonsoo Kim | Collater.al 2
Kristen Yoonsoo Kim | Collater.al 2
Kristen Yoonsoo Kim | Collater.al 2
Kristen Yoonsoo Kim | Collater.al 2
Kristen Yoonsoo Kim | Collater.al 2

Testo di Anna Cardaci

Meals on Reels, il legame tra cibo e cinema
Art
Meals on Reels, il legame tra cibo e cinema
Meals on Reels, il legame tra cibo e cinema
1 · 12
2 · 12
3 · 12
4 · 12
5 · 12
6 · 12
7 · 12
8 · 12
9 · 12
10 · 12
11 · 12
12 · 12
Le illustrazioni beauty-pittoresche di Kathy Kim

Le illustrazioni beauty-pittoresche di Kathy Kim

Collater.al Contributors · 2 settimane fa · Art

Kathy Kim è una graphic designer newyorkese nonché appassionata di illustrazione. Ha lavorato con noti giornali, brand e agenzie pubblicitarie tra cui Conde Nast Traveler, l’agenzia di comunicazione DDB Worldwide, The Oprah Magazine e molti altri.
Attraverso i suoi lavori ritrae il mondo contemporaneo utilizzando uno stile tradizionale. Le illustrazioni – oltre a essere realizzate seguendo delle palette di colori definite e armoniche – per scelta stilistica rappresentano forme disegnate in maniera imprecisa e tendenzialmente tondeggiante. Inoltre, i tratti del viso di ogni soggetto, come gli occhi, la bocca e il naso, non vengono mai inclusi almeno che non siano estremamente necessari. Questo vale anche in generale per tutti i particolari che non vengono disegnati in maniera accurata almeno che non siano fondamentali per dare senso all’intera composizione.
Kathy ha realizzato una serie di illustrazioni che raccoglie e sintetizza in maniera molto suggestiva alcuni dei rituali di bellezza utilizzati dalle donne in tutto il mondo, sopratutto in Asia.

Sunamushi Onse

In questa illustrazione viene utilizzata sullo sfondo una scala di grigi che mettono in risalto la figura stesa di una donna che esegue una procedura chiamata Suna-mushi, che apporta effetti positivi alla disidratazione.

Huǒ Liáo

Qui viene messo in risalto, grazie all’utilizzo di colori essenzialmente neutri, il fuoco utilizzato nel trattamento Huǒ Liáo, un rimedio cinese contro la pelle spenta e la cellulite.

Ohaguro

Tramite delle forme che sembrano disegnate a mano, l’illustratrice rappresenta l’Ohaguro, una tecnica di annerimento dei denti considerata come un segno di bellezza in Giappone.

Seawood Spas

Nel disegno, l’occhio cade subito su quelle forme di tonalità diverse di verde che rappresentano la Seawood Spas, un trattamento per la purificazione della pelle.

Cryotherapy Facials

Qui, grazie all’utilizzo di colori che seguono una sala di blu/azzurri, viene rappresentata la figura di un corpo maschile mentre sta effettuando la Cryotherapy Facials, una tecnica recente che apporta benefici alla pelle tramite aria ghiaccia e temperature freddissime.

Testo di Anna Cardaci

Le illustrazioni beauty-pittoresche di Kathy Kim
Art
Le illustrazioni beauty-pittoresche di Kathy Kim
Le illustrazioni beauty-pittoresche di Kathy Kim
1 · 6
2 · 6
3 · 6
4 · 6
5 · 6
6 · 6
Primavera Insurrecta, il murale sociale di Inti Castro

Primavera Insurrecta, il murale sociale di Inti Castro

Collater.al Contributors · 2 settimane fa · Art

Il celebre muralista cileno Inti Castro, nonché ambasciatore della street art sudamericana, ha realizzato Primavera Insurrecta, un murales sulla facciata di uno degli edifici dell’Università di Santiago. L’artista ha molto a cuore il tema dell’identità culturale e sociale del suo paese, sopratutto in questo periodo in cui in Cile si sono svolte una serie di manifestazioni dove i cittadini hanno rivendicato un miglioramento della qualità della vita, più dignità, rispetto e giustizia da parte di chi governa. 

Primavera Insurrecta nasce in collaborazione con l’Università di Santiago e con la Galería Lira – un ente che cerca di promuovere l’arte urbana in tutto il Sud America – prima che il corteo di ottobre si scatenasse. Inizialmente il progetto era nato per rappresentare il declino della società che è molto soggetta al consumismo e, soprattutto in Cile, grandemente influenzata da ciò che viene detto in televisione. Successivamente agli ultimi eventi, l’opera ha assunto un altro significato diventando parte integrante e un simbolo importante della protesta. Grande 150 metri quadrati, il murale rappresenta una donna cilena che ha gli occhi coperti da dei fiori, porta una chitarra sulle spalle, un martello e un pentolino sulla cinta e in mano una pala. Tutti questi sono elementi della lotta ma anche della cultura cilena.

Castro ha voluto rappresentare il sentimento di scontentezza generico del popolo e l’importanza sopratutto della donna nelle lotte sociali e all’interno dello sviluppo di ogni paese.

Inti Castro | Collater.al 1
Inti Castro | Collater.al 3
Inti Castro | Collater.al 2
Inti Castro | Collater.al 3

Testo di Anna Cardaci

Primavera Insurrecta, il murale sociale di Inti Castro
Art
Primavera Insurrecta, il murale sociale di Inti Castro
Primavera Insurrecta, il murale sociale di Inti Castro
1 · 4
2 · 4
3 · 4
4 · 4
The Boy Who Could Not Wait, il libro eco-friendly vietnamita

The Boy Who Could Not Wait, il libro eco-friendly vietnamita

Collater.al Contributors · 1 settimana fa · Art

The Boy Who Could Not Wait è un libro per bambini promosso dal concept store Green Around The Corner situato nella città vietnamita di Ho Chi Minh. Il libro è stato progettato e interamente realizzato dall’azienda di comunicazione indipendente Ki come mezzo per insegnare ai bambini “la gioia della pazienza e la bellezza della crescita“. 

L’opera è stata pensata per far interagire i bambini con essa ed è realizzata con carta riciclata al 100% per mantenersi in linea con l’etica eco-friendly del concept store. La particolarità di questo progetto è la presenza di una sezione speciale – verso la fine del volume – in cui tra le pagine vi sono dei semi che se innaffiati con cura permettono la crescita di un piccolo giardino.

All’interno è raccontata la storia di un ragazzo a cui viene insegnata, step by step, la pazienza nell’aspettare il corso della natura, il concetto di costanza, di perseveranza e di non avere fretta. Il ragazzo, pagina dopo pagina, si spinge sempre più lontano nel suo viaggio, dove viene guidato a mettere tutto ciò che ha raccolto in un secchio fino ad arrivare ad innaffiare una delle pagine finali. Nel corso del tempo, il libro germoglierà piante vere, permettendo ai bambini di godersi il proprio giardino in miniatura. Inoltre sono presenti su ogni foglio delle illustrazioni riguardanti le piante.

Oltre alla carta riciclata, le pagine di The Boy Who Could Not Wait sono realizzate parzialmente in serigrafia – è una tecnica di stampa digitale nel quale l’inchiostratura viene eseguita attraverso la trama di un tessuto – e cucite a mano per una migliore qualità e sensibilità. Ha un prezzo di 650 VND ovvero circa meno di 50 centesimi ed è possibile acquistarlo durante il periodo di Natale preordinandolo online contattando la mail del negozio hi@greenaroundthecorner.com .

The Boy Who Could Not Wait | Collater.al 1
The Boy Who Could Not Wait | Collater.al 1
The Boy Who Could Not Wait | Collater.al 1
The Boy Who Could Not Wait | Collater.al 1

Testo di Anna Cardaci

The Boy Who Could Not Wait, il libro eco-friendly vietnamita
Art
The Boy Who Could Not Wait, il libro eco-friendly vietnamita
The Boy Who Could Not Wait, il libro eco-friendly vietnamita
1 · 5
2 · 5
3 · 5
4 · 5
5 · 5
Bassins des Lumières, la mostra d’arte digitale a Bordeaux

Bassins des Lumières, la mostra d’arte digitale a Bordeaux

Collater.al Contributors · 1 settimana fa · Art

Nella città di Bordeaux, in Francia, una base sottomarina della Seconda Guerra Mondiale è stata trasformata nel museo d’arte digitale Bassins des Lumières.
Realizzato per opera di Culturespaces, uno studio privato che gestisce mostre ed esposizioni in Francia, il museo ospiterà un’esperienza immersiva che si concentrerà su nomi come Van Gogh, Paul Klee e Gustav Klimt, lasciando spazio all’arte contemporanea e ad artisti emergenti. Come nei musei già esistenti promossi da Culturespaces quali Carrières de Lumières, in Provenza, e l’Atelier des Lumières a Parigi, il visitatore avrà la possibilità di immergersi attivamente nel cuore delle opere.
Organizzata in undici spazi separati da spesse pareti di cemento, la base sottomarina ospita già regolarmente mostre temporanee, concerti, spettacoli in un ambiente underground.
Questa ha una superficie di oltre 40.000 metri quadrati e ciò conferisce all’esposizione il titolo di più grande installazione nonché museo multimediale del mondo.

Bassins des Lumières ospiterà più di novanta opere e offrirà ai visitatori la possibilità di passeggiare per il sito e fare esperienze audiovisive e interattive. La mostra sarà composta da quattro grandi e profonde vasche per le installazioni principali e da altre sei aree che comprendono in particolare le Celle, in cui ci saranno proiezioni continue che alternano un lungo programma dedicato ai grandi personaggi della storia dell’arte e Cube dove troverà spazio l’arte contemporanea. Tramite dei corridoi sarà possibile passare da una sala espositiva all’altra fino ad arrivare a Les Grands Nenuphars dove le proiezioni sulle pareti si specchieranno nell’acqua. Infine, ci sarà anche uno spazio dedicato a tutta la storia della base sottomarina.

Bassins des Lunimères | Collater.al 1
Bassins des Lunimères | Collater.al 4
Bassins des Lunimères | Collater.al 3
Bassins des Lunimères | Collater.al 1

Testo di Anna Cardaci

Bassins des Lumières, la mostra d’arte digitale a Bordeaux
Art
Bassins des Lumières, la mostra d’arte digitale a Bordeaux
Bassins des Lumières, la mostra d’arte digitale a Bordeaux
1 · 4
2 · 4
3 · 4
4 · 4