Zhongshuge, la libreria più bella del mondo che sembra un quadro di Escher

Zhongshuge, la libreria più bella del mondo che sembra un quadro di Escher

Giulia Guido · 8 mesi fa · Design

In un periodo storico in cui sembra che il libro sia, quasi, passato di moda, forse lo studio di architettura X+Living ha trovato un modo geniale per rilanciarlo. Questa idea geniale risponde al nome di Zhongshuge ed è una libreria dall’aspetto surreale, quasi magico, che si trova nel distretto cinese di Binjiang. 

Oltre a essere un intricato labirinto di scale, stanze e corridoi, che già da soli creano un luogo tutto da scoprire, la caratteristica principale della Zhongshuge è l’uso smodato si specchi. Dimenticatevi, però, i classici specchi da appendere alle pareti, io sto parlando di interi soffitti, muri o pavimenti specchiati. Questa scelta estetica crea un’illusione ottica unica, moltiplicando infinite volte gli spazi. Andare a cercare un libro alla Zhongshuge diventa un’esperienza di vita, una specie di visita all’interno di un’installazione immersa, l’unica differenza è che rimane lì tutti i giorni, sempre a vostra disposizione.

Date un’occhiata alla nostra gallery.

Zhongshuge | Collater.al
Zhongshuge | Collater.al
Zhongshuge | Collater.al
Zhongshuge | Collater.al
Zhongshuge | Collater.al
Zhongshuge | Collater.al
Zhongshuge | Collater.al
Zhongshuge | Collater.al
Zhongshuge | Collater.al
Zhongshuge | Collater.al
Zhongshuge | Collater.al
Zhongshuge | Collater.al
Zhongshuge | Collater.al
Zhongshuge | Collater.al
Zhongshuge, la libreria più bella del mondo che sembra un quadro di Escher
Design
Zhongshuge, la libreria più bella del mondo che sembra un quadro di Escher
Zhongshuge, la libreria più bella del mondo che sembra un quadro di Escher
1 · 15
2 · 15
3 · 15
4 · 15
5 · 15
6 · 15
7 · 15
8 · 15
9 · 15
10 · 15
11 · 15
12 · 15
13 · 15
14 · 15
15 · 15
Extraweg e la sua arte tridimensionale, provocatoria e sovversiva

Extraweg e la sua arte tridimensionale, provocatoria e sovversiva

Giulia Guido · 8 mesi fa · Design

Sconcertanti e bellissimi, non convenzionali e rosa, sono i lavori firmati da Oliver Latta, conosciuto dai suoi 694 mila follower di Instagram come extraweg.  

Oliver è nato e cresciuto a Kotten, in Germania, e ha studiato Design all’Università Bauhaus di Dessau dove, oltre ad alimentare la sua passione per la fotografia e i video, ha scoperto l’immenso mondo dell’arte digitale, soprattutto quella 3D. Ha iniziato, così, a sperimentare, ma la vera svolta professionale l’ha avuta quando ha deciso di condividere i suoi lavori su Instagram. Dopo un po’ di tempo, qualche decine di migliaia di follower e aver ufficialmente adottato il nome d’arte extraweg, Oliver è passato da graphic designer ad art director del suo extraweg Creative Studio. 

A prima vista le sue grafiche 3D tutte rosa sembrano eteree, ma quella cromatica è solo una scelta estetica. Poi, una volta che il video parte perde tutta questa magia e ci trasporta in un immaginario inquietante, sconcertante e provocatorio, anche perché molte volte i suoi lavori sono legati a temi attuali. 

Questa volta la nostra gallery ti sconvolgerà un po’, ma ne vale sicuramente la pena. 

Extraweg e la sua arte tridimensionale, provocatoria e sovversiva
Design
Extraweg e la sua arte tridimensionale, provocatoria e sovversiva
Extraweg e la sua arte tridimensionale, provocatoria e sovversiva
1 · 1
Quadrant House, la casa che si sposta seguendo il movimento del sole

Quadrant House, la casa che si sposta seguendo il movimento del sole

Giulia Guido · 8 mesi fa · Design

Ormai, nel campo dell’architettura sembra che tutto sia possibile, ogni giorno viene realizzato un nuovo progetto che sfida le leggi della gravita o quelle climatiche, alcune sono interamente costruiti con materiali innovativi o semplicemente fuori dal comune. Nonostante ciò, tutti questi edifici sono statici, perché realizzarne uno che si muove è impossibile. O almeno lo era fino a pochi giorni fa. 

In un quartiere residenziale polacco, l’architetto Robert Konieczny ha realizzato la Quadrant House, un’abitazione formata da due moduli che si sovrappongono e si incrociano, dallo stile minimale ed essenziale. 

Sebbene il suo aspetto si differenzia palesemente dalle ville che la circondano, per ora non sembra esserci nulla di particolare. In effetti la Quadrant House, come tutte le altre case ha una zona giorno divisa dalla zona notte, una sala normale, una cucina normale e un cortile normale. Ma il bello arriva con quella che l’architetto chiama terrazza. 

Un terzo modulo più piccolo, posizionato tra gli altri due, utilizzabile come una dépendance, che si muove seguendo la posizione del sole, in modo tale da sfruttare la luce naturale nel migliore dei modi. Il suo sistema di movimento è stato ispirato dal dispositivo che utilizzano gli astronauti per tracciare la posizione delle stelle ed è progettato per fermarsi nel caso incontri un ostacolo sul suo percorso. 

Per capirne la bellezza e la straordinarietà guarda le nostra gallery e non perderti il video! 

Quadrant House | Collater.al
Quadrant House | Collater.al
Quadrant House | Collater.al
Quadrant House | Collater.al
Quadrant House | Collater.al
Quadrant House | Collater.al
Quadrant House | Collater.al
Quadrant House | Collater.al
Quadrant House | Collater.al
Quadrant House | Collater.al
Quadrant House | Collater.al
Quadrant House, la casa che si sposta seguendo il movimento del sole
Design
Quadrant House, la casa che si sposta seguendo il movimento del sole
Quadrant House, la casa che si sposta seguendo il movimento del sole
1 · 14
2 · 14
3 · 14
4 · 14
5 · 14
6 · 14
7 · 14
8 · 14
9 · 14
10 · 14
11 · 14
12 · 14
13 · 14
14 · 14
I 5 migliori caffè letterari di Milano

I 5 migliori caffè letterari di Milano

Collater.al Contributors · 8 mesi fa · Design

Verso

Nuovo caffè letterario in città e probabilmente uno tra i più famosi. Aperto nel 2015, Verso è già diventato un importante punto di riferimento per la città anche perché situato nella, super cool, zona Ticinese. Ha due piani e un bar al piano terra perfetto per una pausa caffè ma anche per un bicchiere di vino. Al secondo piano vendono libri e organizzano anche presentazioni con gli autori. 

Dove: Corso di Porta Ticinese, 40, Milano

Libreria del Mondo Offeso

La Libreria del Mondo Offeso è una libreria indipendente con bar situata a Brera, il più prestigioso quartiere milanese, precisamente nella magica Piazza San Simpliciano. Questo nome è tratto dal libro “Conversazione in Sicilia” di Elio Vittorini. Lo staff è super gentile e vi propone una pausa lenta, di relax, nella caotica vita milanese.

Dove: Piazza San Simpliciano, 7, Milano

Gogol & Company

Inaugurato nel 2010, Gogol & Company è un’oasi felice alla fine di via Savona. È un luogo di cultura indipendente, un presidio sociale, un posto dove restare. La libreria, la caffetteria e lo spazio espositivo sono le nostre tre anime e si muovono in parallelo per raccontare ciò che vogliono essere.

Dove: Via Savona, 101, Milano

Lapsus

Anche Lapsus è una realtà molto giovane in città. Inaugurata nel 2016, è una biblioteca indipendente specializzata nell’editoria per l’infanzia. La cosa migliore di Lapsus è che si tratta di un’attività familiare! Al Lapsus puoi mangiare super healthy food e centrifughe fresche. 

Dove: Via Giuseppe Meda, 38, Milano

Colibrì

Colibrì è proprio vicino al Duomo di Milano ed è un posto fantastico con un piccolo giardino. Qui presentazioni di libri, concerti dal vivo, conferenze… Una programmazione incredibile e sempre rinnovata che potete trovare sul loro sito web. 

Dove: Via Laghetto, 9/11, Milano

Testo di: Bianca Felicori

I 5 migliori caffè letterari di Milano
Design
I 5 migliori caffè letterari di Milano
I 5 migliori caffè letterari di Milano
1 · 12
2 · 12
3 · 12
4 · 12
5 · 12
6 · 12
7 · 12
8 · 12
9 · 12
10 · 12
11 · 12
12 · 12
Bob Bob Cité, il ristorante in cui sembra di mangiare in viaggio

Bob Bob Cité, il ristorante in cui sembra di mangiare in viaggio

Giulia Guido · 8 mesi fa · Design

Era il 2008, quando, a Londra, Leonid Shutov inaugurò il ristorante di lusso Bob Bob Richard con uno stile ispirato agli interni dell’Orient Express. Oggi, a più di dieci anni di distanza, ha dato vita a un altro luogo straordinario, il Bob Bob Cité, non un semplice ristorante, ma un’esperienza in cui la gastronomia si fonde con il lusso sfrenato e con la passione sfrenata per il viaggio che da sempre accompagna le decisioni del proprietario. 

Per la realizzazione degli interni, Leonid si è affidato al team d’eccellenza del BradyWilliams Studio che hanno preso ispirazione dai mezzi di trasporto del XIX secolo, dalle auto da corsa agli yacht privati, dalle carrozze di prima classe ai dirigibili Zeppelin.  

Il Bob Bob Cité offre grandi sale con lunghe tavolate, ma anche intime salette private, in ciascun caso ogni piccolo dettaglio è stato studiato attentamente e con precisione. Si parte con la scelta dei materiali, dai pannelli in palissandro intagliato con finiture in acciaio alla carta da parati in stile giapponese, dai 24 lampadari realizzati appositamente per questo luogo alle luci al neon che accompagnano il cliente tra i vari spazi. 

Uno degli elementi caratteristici del Bob Bob Cité, come nel Bob Bob Richard, è il campanello per richiedere altro champagne. Cin Cin! 

Bob Bob Cite | Collater.al
Bob Bob Cite | Collater.al
Bob Bob Cite | Collater.al
Bob Bob Cite | Collater.al
Bob Bob Cite | Collater.al
Bob Bob Cite | Collater.al
Bob Bob Cite | Collater.al
Bob Bob Cite | Collater.al
Bob Bob Cite | Collater.al
Bob Bob Cite | Collater.al
Bob Bob Cite | Collater.al
Bob Bob Cite | Collater.al
Bob Bob Cite | Collater.al
Bob Bob Cite | Collater.al
Bob Bob Cite | Collater.al
Bob Bob Cité, il ristorante in cui sembra di mangiare in viaggio
Design
Bob Bob Cité, il ristorante in cui sembra di mangiare in viaggio
Bob Bob Cité, il ristorante in cui sembra di mangiare in viaggio
1 · 17
2 · 17
3 · 17
4 · 17
5 · 17
6 · 17
7 · 17
8 · 17
9 · 17
10 · 17
11 · 17
12 · 17
13 · 17
14 · 17
15 · 17
16 · 17
17 · 17