Netflix: gli imperdibili di marzo 2019

avatar
1 Marzo 2019

Ecco qui una piccola selezione delle cinque più interessanti che usciranno si Netflix durante il mese di marzo. Ce n'è per tutti i gusti.

Eccoci qui, che come ogni mese, torniamo con la selezione delle cinque chicchette imperdibili che usciranno su Netflix durante il mese di marzo.

Triple Frontier: Film perfetto per gli amanti delle pellicole adrenaliniche ma non solo, dato il cast formato quasi esclusivamente da star. Un manipolo di soldati delle forze speciali hanno la brillante idea di compiere una rapina ai danni di un pezzo grosso del cartello locale. I cinque militari si troveranno quindi a subire le ire di uno dei malavitosi più potenti del Sud America. Il film è diretto da J.C. Chandor, noto al grande pubblico per pellicole come Margin Call o 1981: Indagine a New York (traduzione di A Most Violent Year), mentre c’è Mark Boal, affiancato dallo stesso regista, alla sceneggiatura. Come appena anticipato, Triple Forntier ha un cast d’eccezzione, che nonostante nei lunghi anni di preproduzione, sia stato più volte modificato, il quintetto finale è formato da Ben Affleck, Charlie Hunnman, Pedro Pascal, Oscar Isaac e Garrett Hedlund. Il film sarà disponibile sulla piattaforma mercoledì 13 marzo.

Love, Death and Robots: Siamo dinnanzi ad uno dei prodotti, forse e ripeto forse, tra i più interessanti dell’anno. Love, Death and Robots è una serie antologica, realizzata in mixed media, prodotta niente meno che da David Fincher. Ma perché questo piccolo prodotto Netflix risulta così interessante? Beh, lo si evince molto semplicemente dal trailer. Dal 15 marzo avremo a disposizione 18 piccole pilloline animate (e animato con stili e lavorazioni sempre differenti) che parleranno appunto di amore, morte e robot, il tutto avvolto da un nebbia sinistra ed horrorifica, che talvolta però sfocia nella commedia. Questa varietà tematica colloca questo show, sicuramente nella dimensione dell’animazione per adulti, di cui Netflix è ormai da anni un fiero portabandiera. 

Osmosis: Dopo l’uscita e il successo planetario di Black Mirror, siamo giunti ad un punto in cui l’umanità è sempre più affamata di prodotti cinematografici o seriali , che raccontino una possibile distopia tecnologica. Sarà perché questa distopia non è poi così tanto distopica, ma pare che l’uomo contemporaneo non ne possa fare a meno. Ne sono l’esempio lavori come Her di Spike Jonze, il sovra citato Black Mirror o la più recente Maniac. Questo mese farà l’ingresso nel catalogo Netflix Osmosis, serie francese che racconta di un app che riesce, tramite algoritmi fantascientifici, a trovare la propria anima gemella. Ovviamente non tutto scorrerà liscio come l’olio. Basta infatti guardare le prime immagini della serie, per capire che non si parla tanto di una storia d’amore, quanto più di un thriller. La prima stagione di Osmosis uscirà venerdì 29 marzo.

Highwayman: la vera storia, mai raccontata, dei due ranger che hanno ucciso la leggendaria coppia di criminali attiva negli anni trenta Bonny e Clyde. Questo film oltre ad avere un cast non da poco, i due agenti sono infatti interpretata da Woody Harlston (True Detective, Hunger Games, Natural Born Killers e tanto altro) e da Kevin Costner, è anche scritta e diretta da un importante nome del cinema americano: John Lee Hancock (noto per film come The Founder, Saving Mr Banks e Alamo, gli ultimi eroi). Il film seppur racconta una storia trita e ritrita riesce ad essere una novità interessante proprio per il radicale cambio di prospettiva. Questa volta non sono più i criminali tanto affascinanti e folcloristici ad essere al centro dell’indagine registica. Il film uscirà sul piccolo schermo il 29 marzo e noi non vediamo l’ora.

After life: Serie ideata, scritta e interpretata nientemeno che dal genio della commedia Ricky Gervais, personaggio noto per i suoi spettacoli di stand up, per la creazione di serie come The Office e per le sue molteplici apparizione come presentatore dei Golden Globe. Questa volta però, il suo ritorno televisivo sarà leggermente diverso dai precedenti. After Life non è una serie televisiva demenziale ne tanto meno è una serie frivola fatta per occupare il tempo. Gervais, ci farà riflettere sulla vita e soprattutto sulla morte, ma sempre accompagnandoci con il suo famigerato umorismo cinico. La storia infatti parla di un giornalista, interpretato dal medesimo regista, che cerca di reagire alla vita dopo la dolorosa perdita della moglie. After Life parla di vita, parla di amore e parla di dolore ma, in un modo che solo uno dei più grandi comici esistenti sa parlare. La serie sarà disponibile sulla piattaforma venerdì 8 marzo.

Newsletter

Keep up to date!
Receive the latest news about art, music, design, creativity and street culture.
Share